Noi,coppia aperta.

Scritto da , il 2021-01-28, genere trio

Sono il lui di coppia, sposati da sei anni:Riccardo 45,Elisabetta 43.In questo tempo di "ozio forzato",mi sono ,piu' volte soffermato a leggere i racconti dei lettori e mi e'venuto il desiderio di raccontare uno spaccato della mia/nostra vita matrimoniale.Io e Elisabetta ci siamo sposati nel gennaio del 2014,dopo un periodo di fidanzamento non troppo lungo,ma che ci ha dato modo d'instaurare ,oltre al sentimento,una fortissima intesa sessuale. Eravamo giovani,un lavoro sicuro e pieni di vita.Quanto vado a scrivere riguarda un momento della nostra vita segreta e piu' intima.Sposati a gennaio avevamo fatto una brevissima "luna di miele",per cui, arrivata l'estate, decidemmo di fare quindici giorni in qualche localita' marina.Decidemmo,dopo mille videate in internet,di recarci in Croazia. Prendemmo accordi con agenzie del posto e, a luglio, partimmo.Il luogo scelto era un paesino della Croazia,situato in una isoletta,in cui, praticamente, si girava solo a piedi.Avevamo scelto un mini per non avere vincoli di sorta.Rimanemmo entusiasti della scelta fatta ,pur "a scatola chiusa". Posto tranquillo,non molta gente e mare stupendo.Arrivammo di sabato ,sistemammo le nostre cose e nel pomeriggio ci avviammo a "prendere contatto" con la spiaggia,col mare.Era poco lontano, spiaggia libera,poche persone, tanto spazio. Decidemmo di sistemarci quasi vicino alla battigia,poco lontano da un altro bagnante.Con Elisabetta si faceva considerazioni positive sulla scelta fatta e un po' euforici andammo a fare il nostro primo bagno." Betty" indossava un bikini che mi faceva arrapare: in pratica un perizoma e un copriseno, micro, di colore giallo,non lo avevo mai visto e lo vidi solo quando si tolse il pareo. Mi eccitai e lei ,ridendo corse in acqua.Giocammo un bel po' in acqua e cercavo in tutti i modi di toccarla e farle sentire la mia eccitazione.Tornammo a riva dopo un bel po,vederla gocciolante ,col corpo lucido di crema solare e le gocce che le scendevano mi mandava in estasi ancor piu'.Nel frattempo la spiaggetta si era un po popolata e, con sorpresa,vi erano diversi nudisti. Al nostro posto, ci stendemmo al sole ed ebbi modo di guardarmi un po' attorno. Il nostro vicino, era seduto a gambe incrociate e leggeva,aveva capelli lunghi raccolti in alto,dai tratti del viso mi diede un impressione di effeminato e lo dissi a Betty,lei si giro' a guardarlo e confermo'la mia impressione,aggiungendo che era un gran bel ragazzo.Fu un attimo,la frase mi fece provare gelosia e al tempostesso,aggiunse eccitazione ulteriore.Mai Betty si era lasciata andare a commenti...Mi sentivo in uno stato di eccitazione mai vissuto.Mi avvicinai a Betty e mi misi ad accarezzarla, ma non riuscivo a staccare l'occhio da quel vicino che,ora,dopo la frase di Betty,mi incuriosiva. Ad un tratto si alzo': era alto come me fisico asciutto,non muscoloso,senza peli,indossava un costume fino al ginocchio. Si sciolse i capelli ,gli arrivavano sulle spalle,si avvio' in acqua.Lo seguii con lo sguardo per tutto il tempo e,dovetti in cuor mio ,dare ragione al commento di Betty, che nel frattempo si era messa seduta accanto a me a guardarlo.Aggiunse:" peccato per quei mutandoni che indossa",mettendosi a ridere,"starebbe bene con slip come i tuoi",aggiunse.Fu un altro "colpo" alla mia gelosia-eccitazione...per tutto il tempo, non riuscivo a non staccare gki occhi da quel "vicino" che sembrava avere l'attenzione della mia Betty. Rientrammo e....facemmo subito sesso. Io ero eccitatissimo e...pure Betty.L'indomani mi alzai un po' prima di Betty e uscii per comperare due cose e feci pure una sortita in spiaggia. E,con sorpresa,vidi il ragazzo gia' sistemato nel solito posto.Non so cosa mi prese, mi incamminai verso l'acqua passandogli vicino, gli diedi il "buongiorno" e lui rispose, "grazie anche a lei". Mi sentii turbato e confuso. Proseguii fino all'acqua e ritornai sui miei passi,passandogli vicino ed accennando un sorriso. Non so cosa mi prendesse,ma il cuore mi batteva a mille.La testa mi galoppava in fantasie erotiche inaspettate: immaginavo che quel tipo fosse a letto con me e Betty. Camminai verso casa velocemente in preda ad eccitazione. TrovaiBetty ancora a letto,mi spogliai e la presi,cosi di brutto,ma fui subito corrisposto e scopammo di brutto.Ci preparammo per andare in spiaggia,e facendo l'indifferente le dissi "chissa' se il nostro vicino di ieri ci sara'". Betty accenno' un sorriso. Arrivammo,la spiaggia era deserta, forse l'ora di mezzogiorno... ci sistemammo nello stesso posto,spalmai la crema su Betty e... mi stesi accanto a lei.Non potei trattenermi dal dirle.."lo sai cosa mi e' passato per la mente?" Di rimando lei michiese "cosa?" "Mi sono sorpreso a fantasticare che il nostro vicino facesse sesso con noi". Betty,si tolse gli occhiali e si giro' verso di me, "ma dici sul serio?" fu la sua risposta, ero in tumulto di sensi e mente, e risposi con voce quasi soffocata, " mi sembra di capire che ti piace come tipo e a me l'idea non dispiacerebbe". Betty non rispose. Andammo a fare il bagno e tornando a riva le tolsi il micro reggiseno,vederla cosi' mi fece eccitare e fantasticare ancor piu'.Il perizoma e il micro reggiseno avevano gia' lasciato il segno del sole e il triangolino bianco sui seni ed il segno del peri sul solco delle natiche era stupendo disegno sul corpo di mia moglie.Ero eccitato e si vedeva bene dal gonfio dello slip. Invitai Betty a togliersi il peri e stare nuda, visto che non c'era nessuno. Lei si guardo' attorno,poi fece scivolare quella strisciolina di tessuto e lo butto' sull'asciugamano. Era uno splendore.Camminammo un po',e io la toccavo e la baciavo.Non avevo piu' lucidita'. Non so da quanto tempo fosse li.. il nostro vicino era seduto al suo solito posto e guardava verso di noi. Betty fece per coprirsi...ma ci avviammo al nostro posto notando che il nostro vicino non staccava gli occhi da Betty. Prima che arrivassimo al nostro posto Lui si alzo' in piedi prese un asciugamano e ci venne incontro,lo allungo' a mia moglie accennando un sorriso. Betty prese l'asciugamano e si copri.Lo ringraziai e lui schernendosi disse "ho visto la signora un po' imbarazzata,volevo rasserenarla." e aggiunse "non deve esserlo, e' bellissima,se posso". Gli strinsi la mano presentandomi: Riccardo,lui Roberto,e aggiunsi, Elisabetta.Tornai da Betty emozionato ,le dissi il suo nome e la invitai a riportargli l'asciugamano. Betty mi guardo' poi si avvio'. Li vidi parlare,poi Lei si sedette a chiacchierare. Ero curioso ed eccitato e, a un certo punto, mi avvicinai a mia volta,nel frattempo avevo notato che Roberto non aveva piu' i "mutandoni" del giorno prima,bensi' un minislip rosso che evidenziava un gonfiore notevole. Mi sedetti vicino a Betty,cingendola alla vita, ascoltando Roberto che raccontava di se': in vacanza da solo,appena laureato, senza ragazza.... tutta una serie di cose che ascoltavo ma non mi interessavano.Betty sembrava molto attenta e io osservavo ogni movimento,espressione di entrambi.Era chiaro che c'era intesa,complicita'. La mia fantasia di un rapporto in tre si era fissata nella mia mente. Venne l'ora di rientrare. Ci salutammo,ma d'impeto dissi a Roberto, "perche' non vieni a cena da noi? due spaghetti..." Lui guardo'Betty, poi accetto'. Appuntamento per le venti da noi.Presi Betty per le spalle e ci avviammo a casa.Le chiesi le sue impressioni e....la sua risposta, per poco non mi fece fare un colpo." Sei ancora dell'idea di fare sesso a tre con lui?" risposi molto timoroso " se l'dea va' bene a te"; "mi va' bene" la sua risposta. "se non sarai geloso" aggiunse. La abbracciai eccitato. Arrivammo a casa,preparammo la cena in fretta e alle 20,puntuale Roberto arrivo'. Aveva una bottiglia di vino ed una rosa. Betty lo ringrazio' baciandolo sulle guance ,quel contatto quasi mi fece provare un orgasmo...Roberto non aveva occhi che per lei e lei per lui.Capivo che ero di troppo. Presi coraggio e ... dissi" roberto, inutile perdere tempo, ti abbiamo invitato perche' ci piaci come persona e,dopo averne parlato tra me e Betty, se tu sei d'accordo, vorremmo fare sesso con te,o meglio, che tu lo faccia con lei,io posso anche non partecipare". Fu un momento di silenzio,poi Roberto si avvicino' a mia moglie,l'abbraccio' e la bacio' a lungo e lei abbandonata a lui rispondeva.In un attimo le tolse la vestaglietta ,sotto era nuda,la prese in braccio e si avvio' in camera invitandomi a seguirli. Stese Betty sul letto le apri' le gambe e mi invito' a leccarla per prepararla. mi gettai sulla figa di Betty gia' umida di eccitazione,iniziai a leccarla con avidita' facendola gemere,poi sentii Roberto che mi invitava a spostarmi,mi alzai e... quello che vidi per poco non svenni: Roberto era in erezione,un cazzo tremendo,lungo e dalla cappella grossissima ,lucida e gonfia. Betty era ad occhi chiusi e a ganbe spalancate.Lui le alzo' le gambe lattiro' a se' e le entro' nella figa con un colpo secco. Betty emise un urlo tremendo. Volevo fermarlo,ma rimasi immobile ed eccitato nel vedere mia moglie presa cosi,con violenza. Lui inizio' a montarla incurante del dolore che lei stava provando.Vedevo quel sui cazzo lungo come un avambraccio che entrava ed usciva dalla sua figa accompagnato da un rivolo di sangue misto ad umori vagnali.Aveva preso un ritmo regolare entrava e usciva per quasi tutta la lunghezza del cazzo e ed ogni movimento Betty singhiozzava e gemeva. Ero impietrito. Poi ad un certo punto ,Betty inizio' ad innarcare la schiena e ad andare incontro col bacino a quel cazzo,inizio' a invitarlo a non fermarsi e che era stupendo quello che provava. Il tempo sembrava essersi fermato. Roberto continuava a momtarla e le faceva cambiare posizione, rigirandola come una bambola. Betty gemeva forte e lo invitava a continuare.Non so quanto duro', ma Roberto, ci saluto' che albeggiava,prima di uscire orese la rosa che aveva portato e l'appoggio' sul ventre di Betty, dicendole "domani lo facciamo ancora". Un menage che duro' 10 giorni e che ricordo in maniera viva. Mia moglie non vuole parlarne,ma so che ogni tanto si telefonano.

Questo racconto di è stato letto 3 8 5 6 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.