Messaggi inattesi 3

Scritto da , il 2021-01-24, genere etero

Dopo quella fantastica serata Martina fece perdere completamente le sue tracce: non si fece più viva, al telefonino non rispondeva più, non si vedeva più in giro, in poche parole scomparve dagli schermi di ogni radar. Inizialmente provai a cercarla, ma dopo un po’ tempo e diversi tentativi persi ogni speranza. Riflettei su quella ragazza venuta dal passato, che lasciò un dolce gusto in una sera d’inverno e una scia di luce che subito dopo svanì, un po’ come la fiamma di un fiammifero: che si incendia con facilità, ma si esaurisce con altrettanta velocità.
Quella sera ebbi modo di apprezzare: la sua fluente e brillante chiacchierata, la sua eleganza, il suo essere decisamente sexy nei modi e nelle movenze, la sua pelle liscia e profumata, la cura del corpo che ci metteva, la naturalezza che la rendeva decisamente piacevole, il profumo dei suoi abbondanti umori, i numerosi orgasmi che raggiunse grazie a me, l’eleganza nei modi in cui li raggiunse, la maestria con la quale li gestì, eccetera… Che dite la sto idealizzando un po’…?! Forse, ma trascorsi proprio delle ore piacevoli in sua compagnia…
Poi un giorno di tarda primavera di punto in bianco, quando cioè ci avevo perso ogni speranza ricevetti una foto su whatsapp con una didascalia…Indovinate da chi!? Esatto, proprio da Martina. La foto dei suoi slip in primo piano grigio perla con una bella zona più scura, cioè una zona non piccola di tessuto zuppo di quelli che immaginai essere i suoi umori. La didascalia poi suonava, più o meno, così: “Scusami tanto se sono sparita, ma ho avuto decisamente paura che potessi affezionarmi troppo a te, dopo quella sera stupenda trascorsa in tua compagnia…Ma ora sono stufa di dovermi cambiare gli slip tutte le volte che ti penso….” e io “quest’effetto non è classico di una che si è presa bene, ma una troietta!”. Fu così che quella gran troia seppe nuovamente stupirmi “ti va di tornare là, aprire il finestrino e vedere cosa succede…?”. A quel punto non seppi cosa rispondere, ma il gioco m’intrigava troppo, così alla sera feci una foto della mia erezione e sotto le scrissi “…il gioco potrebbe intrigarmi, ma devi essere tu a farmelo diventare così!”. Intendevo dire che ci stavo, ma non avrei voluto assolutamente farmi toccare da altri uomini, ma capì benissimo anche senza spiegazione! E rispose con una foto della sua patata tenuta aperta con due dita e con didascalia che recitava così “…perché preferisci ancora lei?”. Su quella visione paradisiaca mi addormentai. Solo al mattino appena svegliato, le scrissi “ci andiamo questa sera?”, tempo 5 minuti mi rispose con una foto di lei messa a pecora vestita solo di autoreggenti e una didascalia “passa a prendermi alle 22.00 e mi faccio trovare così…
Alle dieci ero sotto casa sua, messaggio e ulteriore attesa di 15 minuti. A prima vista indossava un paio di calze nere che sbucavano da un trench nero anch’esso legato in vita. Salì in macchina e senza che dicesse una parola le misi la lingua in bocca e una mano fra le gambe, quello che scoprii mi fece fare un sobbalzo e guardandola negli occhi la salutai così “ciao troia” lei in tutta risposta mi sorrise solamente e partimmo io sapevo per dove.
Arrivati lassù parcheggiai distante da altre macchine, aprii la portiera liberai l’uccello già durissimo e le feci cenno di salire, non dissi neanche una parola. Lei si tolse la leggera giacca, sotto la quale era completamente nuda, tolte le calze e montò sul mio cazzo durissimo. Ebbi però modo di notare che questa volta se la era depilata interamente, che la faceva apparire ancora più troia e si impalò con facilità, tanto era bagnata. Si mosse su e giù sul mio uccello che pareva quasi in trans, al punto che nemmeno si accorse della coppia di 40enni che si avvicinarono. Gli feci cenno di avvicinarsi. Lui lo aveva già duro e se lo menava, lei aveva un soprabito e una mano infilata sotto. Quando furono ad un passo dalla mia macchina lui chiese con un cenno se poteva toccarle il culo e quando gli feci si con la testa, allungò la mano sul culo di Martina. Nel frattempo si vedeva che la lei della coppia si stava inequivocabilmente masturbando sotto il cappottino. Martina non si accorse di nulla pensando che la mano sul culo fosse la mia. Invece spalancò gli occhi facendo un sobbalzo quando sentì un dito fare forza ed entrare nel suo buchino, mi disse poi….
Subito sembrava sconvolta, ma poi s’abitò all’idea e alla sensazione di quel dito, come s’abituò anche quando lui gli strofinò la cappella gonfia sul suo culo. Martina venne più volte e in modo ancora più violento rispetto alla volta in cui era sola con me, poi venni anche io dentro di lei, tanto pensai che troia com’era prendeva di certo la pillola. Tutto quell’incanto si dissolse come tutto si era creato.
Gli spettatori, che nel frattempo erano andati aumentando, tornarono tutti alle loro macchine e dopo esserci sistemati riportai Martina a casa. Quella sera si era sentita troia come non mai, ma al tempo stesso sicura come non mai fra le mie braccia.
La serata si concluse con un suo messaggio al quale io non risposi “grazie per la serata, mi sa che mi sto innamorando di te!”.
Continua…


Questo racconto di è stato letto 1 4 2 2 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.