Week end a Roma 3 fine

Scritto da , il 2021-01-23, genere tradimenti

“Guarda Max, davvero non so come dirtelo e mi dispiace ma Monica è veramente una grandissima zoccola, una mangiatrice di uomini”.

Non so come sia successo, ma il mio ex fidanzato aveva rintracciato Amelia e l’aveva anche invitata ad uscire una sera. Stà stronza, gattamorta, non vedeva l’ora di sparlare di me e raccontargli tutto quello che era successo, fin nei minimi particolari.
Erano in un bar del centro, dove una scala a chiocciola portava ad una saletta superiore deserta, buia e dove non saliva quasi mai nessuno.

“Mi ha presa alla sprovvista mi ha infilato le mani tra le cosce e si è messa addirittura a leccarmi la figa.” Raccontava sottovoce la ragazza e per non rischiare che qualcuno la sentisse, aveva avvicinato il più possibile la sua seggiola a quella del ragazzo.
Poi proseguiva, entrando nei dettagli più scabrosi, descrivendo come Monica senza alcun ritegno aveva chiavato e spompinato i due romani davanti a lei.
Come i due l’avessero poi aggredita e uno gli avesse sborrato in bocca mentre l’altro gli aveva addirittura rotto il culetto ancora vergine.
Max a sentire queste cose era diventato tutto rosso in faccia e sembrava furibondo, ma in realtà era arrapatissimo. Il suo uccello tirava a più non posso.
Intanto, la gattamorta vicinissima gli miagolava nell’orecchio tutta la vicenda, ma a furia di descrivere i dettagli dell’ orgia a cui era stata sottoposta, aveva finito per eccitarsi anche lei e rabbrividiva quasi rivivendone la libidine.

Max l’attirò verso di sé, la baciò sulla bocca slinguandola appassionatamente e infilandogli una mano fra le tette, che anche se non erano abbondanti come quelle di Monica erano più che discrete, i capezzoli si erano già induriti, così come il cazzo di Max che saltò fuori come una molla e Amelia senza che nessuno la forzasse si chinò prendendolo in bocca per ciucciarlo, o come dicono a Bologna per fargli uno splendido “sissignore”. Evidentemente la trasgressione vissuta a Roma aveva rotto i suoi freni inibitori e succhiare un uccello in un bar, mentre qualche metro sotto decine di persone bevevano l’aperitivo non gli sembrava più una cosa così tremenda, anche lei era diventata una “zoccola mangiatrice di uomini” e la cosa non le dispiaceva affatto.
Max che era in arretrato di orgasmi già da un po’ finalmente le scaricò tre fiotti di sborra in bocca, tenendole ferma la testa con una mano, obbligandola così a mandare giù tutto fino all’ultima goccia. La gattamorta, con tre dita in figa si sciolse in un tremendo orgasmo e con la bocca ancora piena di sperma disse:
” Max portami a casa tua”.
FINE

Questo racconto di è stato letto 1 6 6 1 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.