Scuola inglese 1

Scritto da , il 2021-01-18, genere prime esperienze

Mi presento sono Jan donna di 40 anni ancora assolutamente piacente sposata con un figlio e amo il sesso al massimo livello.
Uomini,donne incesti e tutto quello che si può fare per me sono desiderati e fatti in pieno godimento,mi chiederete se sono una squallida troia o altro,devo confessare che sono stata spinta a essere quello che sono dalla mia famiglia in gioventù,adesso che i miei genitori sono passati a miglior vita sono sola e esageratamente ricca e pertanto posso levarmi tutte le voglie che desidero.
Pensate che il marito l’ho scelto con una gara di cazzi più grossi,tutti in fila a menarsi i cazzi e ho scelto quello più grosso e con due coglioni che sembrano due palle da tennis,mi ha fatto felice chiavandomi e inculandomi a ogni mia richiesta e alla fine mi ha dato anche un figlio che ha preso tutto dal padre,infatti ha sotto un cazzo da fare invidia a un cavallo.
I primi anni quando lo lavavo mi piaceva vederlo e accarezzarlo ma oggi mi faccio sbattere sia dal padre che dal figlio con godimento esagerato.
Per farvi capire vi dico che la mia prima esperienza di sesso,e non con un uomo,ma con una donna l’ho avuta a circa 16-18 anni con una cameriera vi chiedere come mai??
Mio padre era preside di una scuola per ragazze di buona famiglia e io ovviamente frequentavo quella scuola,le regole erano ferree e specialmente per me,se parlavo con le mie amiche c’era subito una maestra che sentiva i nostri discorsi,se andavo al cesso dovevo lasciare la porta aperta e una inserviente mi controllava,oggi mi paiono cosa assurde ma allora le accettavo tranquillamente.
Il sabato a casa era prassi il bagno che mi faceva mia madre,in bagno si metteva un grembiulone per non bagnarsi e mi faceva spogliare ma le mutande le dovevo tenere così mi lavava con le mutande.
Crescendo mi spuntavano le tette prima piccoline e poi abbastanza pronunciate e allora oltre alle mutande mi lavava con il reggiseno.
Non ci davo peso ma un sabato mia madre casca a terra e si sloga un piede ovviamente non può farmi il bagno e così mio padre chiama una cameriera per farmi lavare.
Andiamo in bagno e inizio a spogliarmi e vado nella vasca con mutande e reggiseno
“Ma signorina cosa fa perché non si leva tutto??”
“A dire il vero mia madre mi lava così non va bene??”
“Vuole un consiglio? Si levi tutto vedrà che la laverò meglio aspetti che le levo tutto io”
E così per la prima volta mi vedo nuda davanti a una donna
“Uhhh che corpicino è da baciare tutto aspetti che la lavo”
Senza guanto inizia a passarmi le tette e mi accarezza i capezzoli e lentamente scende verso la figa che non era mai stata toccata da nessuno,mi sento sconvolta per la carezza sulle tette ma quando arriva alla figa istintivamente apro le gambe e subito un dito si infila nelle grandi labbra ricevo quasi un pugno nello stomaco tanto è il piacere
“Ti piace vero cara??lo sento che ti scaldi ma scusa non ti sei mai toccata dove adesso ti accarezzo??”
“Non credo proprio comunque è molto bello pensi che posso farlo anch’io??”
“Ma certo io lo faccio tute le sere o me lo fa il mio amico adesso ti insegno dove mettere il dito ecco qui lo senti che ti accarezza ti piace??”
“Uhhhhh che bello è piacevolissimo ahhhh ma noooo credo di farmi la pipì addosso cosa devo fare???”
“Ma non cara non ti sei pisciata addosso hai goduto dammi la mano che te la lecco uhhh che buon sapore hai proprio da verginella prova senti il sapore,ti piace siiii lo potrai fare sempre quando vorrai e se mi chiami te lo faccio io adesso basta alzati e asciugati”
Da quella prima esperienza quasi ogni sera prima di addormentarmi mi massaggiavo la figa godevo in mano e assaporavo il mio sapore leccandola e qualche volta mentre lecco con l’altra mano mi accarezzo le tette.
Passate le secondarie vado alla scuola primaria in un altro istituto,i miei cercano ma per loro sfortuna non ci sono istituti solo per donne e allora sono costretti a mettermi in uno con maschi e femmine.
Prima di andare mia madre mi accompagna da un dottore con la scusa della ricetta di buona salute,adesso so che era un ginecologo.
Nell’ambulatorio prima entra lei che parla con il dottore e poi mi chiama
“Cara il dottore ti vuole vedere tutta così ti devi spogliare”
“Ma mamma mi devo levare tutto??” rispondo da ignorante completa
“Purtroppo sì cara ma ci sono qua io non avere paura”
Così per la prima volta un uomo mi vede nuda,il dottore non fa una piega e mi fa sedere sul lettino e mette le gambe sugli appoggi,ho la figa in vista.
Inizia a sentirmi il cuore e poi mi palpa le tette,anche con i guanti sento piacere,poi scende sullo stomaco e arriva dove non volevo,alla figa.
Delicatamente infila un dito e inizia a esplorare la cavità io sento ondate di piacere e credo di essere venuta in mano al dottore,non dice niente e la visita finisce dicendo a mia madre che sono perfetta e a posto.
I miei sono contenti e così posso andare all’istituto.
Arrivo e mi danno una camera con un'altra studentessa che è sdraiata sul letto a leggere
“Ciao sei nuova? Certo si vede sei impacciata mi chiamo Lucy e sono al secondo anno vedrai che ci divertiremo mi sentivo sola in questa camera”
Iniziamo a parlare delle nostre vite e arriva l’ora di andare a dormire Lucy si toglie la divisa e la vedo con una mini mutandina e senza reggiseno
“Ma scusa vai in giro senza reggiseno??”
“certo cara e molto spesso anche senza mutandine voglio sentire l’aria nella figa e poi sono sempre pronta con il mio amico”
Non capisco bene quello che mi ha detto ma anch’io mi spoglio
“Mamma mia Jan ma cosa hai sotto uno scafandro?? Ma come fai con quei mutandoni e quel reggi tette enorme ma dai liberati goditi il tuo corpo aspetta ti aiuto”
Mi slaccia il reggiseno e ho le tette libere poi inizia a levarmi le mutande
“Dai non diventare rossa siamo tra donne ecco via tutto,ma scusa cosa hai la foresta tropicale??ma non ti sei mai pelata la figa dobbiamo sistemarti non puoi andare in giro così”
“scusa Lucy ma quella che dici figa è la mia fessura e le tette sarebbero il seno?? Sai queste parole non le ho mai sentite”
“Ma da dove arrivi sembri una bambina di 5 anni invece hai un bel corpo e non mi dire che non hai mai baciato un ragazzo”
“Ma scherzi!!!mio padre e mia madre mi avrebbero fatta a pezzi”
“sei talmente strana che adesso mi racconti come vivevi in famiglia e poi vorrei sapere se la sera ti tocchi la figa e godi e non mi dire bugie dai inizia”
Le racconto la mia vita in casa e Lucy mentre parlo inizia a accarezzarmi le tette e a baciarmi sul collo,la cosa mi piace e lascio fare e senza accorgermi ha la mano dentro la figa e mi lecca il collo e la faccia
“E’ ovvio cara la visita dal dottore era per controllare se sei vergine o no hai capito? Di sicuro ti vorranno ancora sana e allora l’unico per farti diventare donna sarà il tuo culetto ma non avere paura sistemeremo tutto adesso un ultima carezza e poi a letto”
E’ esperta e in breve tempo mi sento tutta bagnata,si stacca e mi infila la lingua in bocca e così ricevo il primo bacio.
“Ma cosa fai???ti metti questa vestagliona per andare a letto!!!! Sei nuda e bella infilati sotto come sei vedrai che ti piacerà,come vedi anch’io sono nuda e vado a letto da sempre così”
Insomma quelle poche ore passate con la mia compagna di stanza iniziavano a farmi capire che non sapevo assolutamente niente di sesso e incominciai a pensare di lasciarmi andare e così fù.
La sera dopo mi fa spogliare e in bagno mi mette la crema depilatoria e mentre me la spalma sui peli provo a metterle una mano nella figa tentando di infilare un dito
“Aspetta che apro le gambe dai adesso infila tutte le dita che vuoi lasciami leccare le tette mentre la pomata fa effetto”
Infilare due dita dentro mi dà una sensazione bellissima e poi la leccata di tette mi fa subito venire,nel mentre mi leva la pomata e per la prima volta vedo la mia figa al naturale mi piace e l’accarezzo e infilo un dito dentro.
“Aspetta Jan girati dopo la tua fighetta dobbiamo pulire anche il culo devi arrivare a essere liscia come il culetto di un bambino”
Anche il sedere è reso liscio e tutte queste palpate e carezze mi hanno scaldato e per ringraziarla abbraccio la mia nuova amica che subito mi infila la lingua in bocca e mi impasta le tette.
“Adesso basta andiamo a dormire ma domani inizieremo il corso di sesso vedrai che godrai come non hai mai goduto”


Questo racconto di è stato letto 7 3 6 0 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.