"Confessioni di un vecchio frocio"... (2)

Scritto da , il 2021-01-14, genere gay


Da bambino e da adolescente amavo essere considerato "femmina" e le mie sorelle si divertivano di questo, la maggiore poi, dopo che ero tornato dal viaggio nel nord Europa con i camionisti, una volta rientrato mi chiamò e mi disse di spogliarmi, mi fece girare dicendomi di mettere le mani sul letto e di aprire le gambe. Mi osservò l'ano, poi infilò un dito che ovviamente entrò senza resistenza alcuna. Infilò il secondo dito e poi il terzo. "Certo che hai il culo rotto, eh?" Mi disse., e proseguì chiedendo: "hai scopato molto in questi giorni di vacanza?". Io, con un po' di vergogna risposi: "eh, sì... ero con loro per questo!". Poi chiese ancora: "Ti piace proprio essere scopato?". Ormai non mi vergognavo più e risposi, con enfasi un: "tantissimo!".

Avendo studiato giapponese, riuscii ad impiegarmi in una ditta che mi trasferì, a tempo indeterminato, in Giappone. Se è vero che, in seguito alla malattia e le cure, ero diventato un "bel maschio" con tanto di baffi, ¡r altrettanto vero che la voglia di cazzo permaneva intatta perché la sensazione di sentirmi una femmina posseduta, una troia ubbidiente mi piaceva sempre. A Tokyo, dove c'era la sede della ditta, trovai un appartamentino conveniente in un quartiere popolare e calmo. E da lì, nei momenti liberi esploravo la città. Shinjuku Nichome è conosciuto in tutto il mondo come quartiere ritrovo di gay. Inutile dire che fu uno dei primi posti dove andai. Un po' per penuria di soldi, un po' perché il chiasso mi infastidisce, andai poche volte nei pub, ma lì incontrai un americano che mi fece una corte spietata e riuscì a portarmi in albergo dove mi scopò... a Nichiome tornai molte volte e cominciai a frequentare le saune, dove in effetti ebbi l'occasione di farmi scopare. Ma anche Nichome cominciava a trasformarsi per diventare un luogo di svago, non solo una zona di ritrovo come era. Però la sauna era il luogo dove meglio mi trovavo e allora cominciai a battere la zona di Ueno dove ci sono molte saune gay. All'epoca non tutte le saune erano aperte agli stranieri ma alcune erano di vedute aperte. Ne frequentavo una proprio vicino alla stazione dove feci delle belle esperienze. Nel frattempo compravo riviste gay, come Barazono o anche Bady, e scrivevo per fare amicizia. Una volta misi anche un annuncio presentandomi come "Neko" (passivo) e riscossi un discreto successo. Ricevetti lettere da altri gay "tachi" (attivi) ma anche da etero, "nonke" come si chiamano in gergo qui, alcuni per scoparmi ma la maggior parte richiedendomi pompini perché, mi spiegarono, le donne giapponesi normalmente non ingoiano e non piace loro praticare la sodomia soprattutto se si tratta di cazzi di un certo diametro.

In sauna, mentre io ero seduto in poltrona, si avvicinavano e scoprivano il cazzo che io prendevo in bocca a succhiavo. Ancora non saprei spiegare il perché, ma fare pompini mi veniva spontaneo e credo di aver sempre saputo cosa fare fin dal primo pompino fatto a Carlo, il mio compagno di scuola con il quale si facevano i compiti. Molti giapponesi si dedicano l'arte del pompino (e ce ne sono di bravissimi) ma spesso non ingoiano e quando videro che io invece lo facevo automaticamente, si avvicinavano e quando andavo in sauna come minimo quattro o cinque pompini li facevo. I giapponesi, in genere, hanno lo sperma buono, gustoso ed è un piacere ingoiarlo. Venivo anche scopato e ricordo ancora quando, mentre facevo un sessantanove, uno addietro mi inculò senza dire una parola; sentendomi il cazzo dentro, anche io me ne venni nella bocca del mio partner e lui se ne venne nella mia!

Si dice che i giapponesi abbiano il cazzo piccolo, beh, anche io ho sempre avuto il cazzo piccolo, ma devo dire che la media non è poi così piccola, anche se ci sono molti come me ma alcuni sono decisamente ben dotati. I giapponesi ti scopano bene, a lungo senza venirsene subito per farti godere, sono gentili sempre (salvo eccezioni) e spesso, dopo la scopata soddisfacente ti danno un bacetto dicendoti "grazie!". La sauna dove andavo sempre evidentemente non ce la fece e dovette chiudere ed io mi misi alla ricerca di un'altra. Ne trovai una non molto lontana che era, ed è, molto vecchia. Ci andai e lì trovai il primo con un cazzo decisamente grosso. Lungo sì, ma soprattutto grosso. Lo leccai con dedizione fino a farlo diventare duro come una pietra, poi mi misi a pecora pronto per assaporarlo. Era talmente grosso che non entrava, non ostante il fatti che di cazzi, io, ne avevo ricevuti ormai parecchi. Ricordo che fu una inculata dolorosa, piansi e lui mi disse che avrebbe smesso se lo vessi voluto. Figuriamoci! Un cazzo simile non me lo sarei fatto sfuggire anche a costo di dover andare al pronto soccorso. Ma con pazienza, dolore e buona volontà l'ano si dilatò tanto da riceverlo. Inutile dire che preferii soffrire per ricevere quel paletto che mi sconquassò le budella per una buona quarantina di minuti e forse più perché quando stava per venirsene si fermava per ritardare prima di venirsene dentro. Era un'epoca in cui era normale venir riempiti. I giapponesi peraltro sono puliti e le malattie sessuali sono veramente poche.

Questa sauna è piccola e, come scoprii in seguito, ci si dà appuntamento prima di andare. Cercai e trovi un'altra sauna che ha tre stabilimenti a Tokyo: uno a Uno, uno a Shinjuku ed il terzo, il più antico, ad Asakusa. Cominciai con quello di Shinjuku che trovai troppo anonimo e con relativamente poca gente, ma forse andai in un giorno di poca a affluenza. Mi trovai meglio in quello di Ueno dove ricordo di aver fatto delle bellissime e memorabili esperienze. Una volta, come al solito, mi stesi prono con il culo scoperto in attesa di essere scopato. socchiusi gli occhi e mi rilassai, ma non passò molto quando sentii una mano che mi accarezzava delicatamente le chiappe. La mia disponibilità a riceverlo fu evidente perché cominciò con i preliminari. Il culo mi tirava da impazzire e lo pregai di scopai; egli, ben fornito, cominciò a mettermelo dentro facendomi provare delle sensazioni bellissimi. Mi scopava lentamente con movimenti lunghi e decisi facendomi mugolare come una troia. Altri, sentendo si avvicinarono per godersi la scena. Il mio partner se ne venne con un lungo e sonoro sospiro di soddisfazione poi si alzò mentre io ancora muovevo il culo per la foia. Un altro prese il posto del primo che, dopo essersene venuto dentro, lasciò il posto ad un terzo... questa catena continuò e tutti godevano come me nell'essere scopato, al dodicesimo cazzo urlai letteralmente di piacere mentre me ne venivo pisciandomi addosso ero una troia ed il culo era spalancato. Dopo essermene venuto ancora due uomini mi scoparono. Alla fine barcollavo e le gambe stentavano a reggermi. Quando mi sedetti sul water per scaricarmi mi sembrava di essere avvolto in una luce gialla mentre sentivo i suoni ovattati. Fu memorabile!
Continua...
Se qualcuno vuole visitare con me le saune di Tokyo può scrivermi a: bj.tokyo23@gmail.com

Questo racconto di è stato letto 1 9 9 1 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.