La Casa in Festa - Capitolo 1 - Una notte da non dimenticare

Scritto da , il 2021-01-13, genere orge

Attenzione: mi sono appena accorto di aver sbagliato il titolo, infatti sarebbe dovuto essere “Chi ben inizia è a metà dell’opera” ma sono stupido e ho sbagliato, chiedo venia, spero possiate godere comunque del racconto.



Federico aveva appena finito di disfare le valige in camera sua che era già ora di pranzo, dato il suo straordinario disordine gli era stato lungo e difficile mettere tutto in ordine. Per fortuna le ragazze si erano già date da fare e stavano preparando un pranzetto con i fiocchi. Aurora infatti era una chef nata, per hobby cucinava e quindi si era assunta il ruolo di non far morire nessuno di fame in quelle settimane.

“Senti Irene, gira un po’ la pasta, non deve attaccarsi in fondo” disse Aurora gestendo la cucina.
“Agli ordini capo” rise Irene facendo il saluto militare.
Nel frattempo Emma non sapeva nemmeno cosa stava facendo li e si era limitata a preparare la tavola.
“Oh, ecco arrivato il principino” sogghignò Emma vedendo arrivare finalmente Federico “pensavamo ti fossi perso nell’armadio”
“Grazie per la preoccupazione, ho solo fatto del mio meglio...” rispose limitandosi a sorridere Federico.
“È pronto!” Esclamò Aurora mettendo quella che era effettivamente una pentola di pasta sufficientemente piena da sfamare un reggimento al centro della tavola.
“Alle nostra vacanza!” disse alzando il bicchiere Federico.
“Cin cin” dissero tutti all’unisono seguendo l’esempio del ragazzo.
‘Però, che fortunato, cinque giorni beato fra le donne... speriamo che succeda qualcosa di interessante’ penso Federico saettando lo sguardo tra le varie scollature delle amiche.
Mangiarono bene, ma soprattutto tanto e alla fine erano assonnati dal cibo e rimbambiti dal vino che era fluito in abbondanza. I quattro sparecchiarono la tavola e in men che non si dica non avevano più nulla da fare.
“E se andassimo in spiaggia?” propose Irene giocando con un boccolo di capelli azzurri che le scivolava sopra al seno.
“Ci può stare, andiamo?” chiese Federico guardando tutto tranne la ciocca di capelli, l’alcool faceva i suoi effetti.
“Si, andiamo a spogliarci” confermò Emma alzandosi dal divano, i suoi capelli così lunghi da arrivarle al culo crearono un onda quasi ipnotica.
“Bene, ah, Emma puoi venire con me un attimo in camera? Così mi aiuti a scegliere il costume e con la disposizione delle valigie” chiese Federico.
“Ahh... ci consociamo da quando siamo bambini e ancora non sai mettere le cose bene in ordine...”
“Potresti stupirti questa volta...”
“Va bene, andiamo”
“Ok, noi andiamo a prepararci allora” disse Irene prendendo sotto braccio Aurora che salirono subito le scale.

Emma e Federico entrarono nella stanza e subito il ragazzo si fece cadere sul letto. Invece Emma aprì il suo armadio facendo qualche commento sulla disposizione ma alla fine complimentandosi per i miglioramenti fatti negli anni.
“Allora, per quanto riguarda i costumi invece, che ne dici di questo?” Chiese Emma estraendone uno dal cassetto.
“Troppo giallo”
“Guarda che va di moda ultimamente”
“Si vabbè, un altro?”
“Questo?”
“Mhhh”
“Dai provalo, non fare storie” rise Emma lanciandoli in faccia un costume verde con la mimetica militare.
“Okok” disse Federico prendendolo e mettendosi a sedere.
Si guardarono in faccia per qualche secondo.
“Beh?” chiese sorridendo Emma.
“Beh esci da qui no?” disse serio lui.
“Dai non abbiamo tanto tempo e poi ti ho visto nudo cento volte quando eravamo piccoli, forza muoviti, guarda mi giro per di qua”
“Va bene, grazie” disse Federico spogliandosi “comunque potrai avermi visto nudo da piccoli, ma ora sono cambiato...”
Emma si giro all’istante, proprio nel momento in cui Federico era rimasto senza nulla addosso.
“Non poi così tanto” lo stuzzicò mentre lo osservava attentamente con aria studiosa.
Il membro di Federico stava cominciando a gonfiarsi lentamente, facendolo raggiungere delle dimensioni più che modeste. Lui si coprì all’istante. Emma rise
“Dai su, stava per diventare interessante la cosa... sai sono sempre stata curiosa” sussurrò Emma avvicinandosi piano “con tutte le ragazze che hai avuto, avventure, morose, amiche... quante fiche a penetrato quel arnese? Dieci? Cento? Bah non importa, dai fammelo vedere anche a me, una in più non cambia...”
Complice l’alcool Federico fece scivolare via le mani.
“E bravo il mio Fede” disse Emma prendendolo in mano, ormai era duro come il marmo. Con l’altra mano accarezzava gli addominali scolpiti. “Mhh, ho sognato spesso questo momento sai? Però adesso non abbiamo poi così tanto tempo, non è vero?” chiese indicando il piano di sopra.
“Direi di no” disse Federico baciando Emma passionalmente, mettendo tutta la sua enfasi nel gioco di lingua. Emma si staccò dal bacio senza mai mollare la presa sul cazzo di lui. Lentamente cominciò ad inginocchiarsi leccando i pettorali e addominali nel suo passaggio arrivò fino al suo obbiettivo. Federico sospirò, gli erano venuti i brividi, non ci poteva credere, stava per avere un pompino da una sua amica di infanzia, per di più Emma la più gnocca e troia di tutte.
Emma leccò piano la punta per poi prenderlo lentamente dentro la bocca. Il suo buco caldo e accogliente stavano facendo godere Federico come un matto. Emma arrivò a prenderlo fino alle palle, aveva ingoiato il cazzo fino a dentro la gola. Comincio a tornare indietro e poi tornare avanti, e nel mentre faceva roteare la lingua sulla cappella del ragazzo. Federico stava godendo come non mai, era il
miglior pompino che avesse mai avuto.
“Oh mio Dio...” ansimò “sei bravissima”
Lei sorrise e gli occhi verdi le scintillarono. Non si fermò per un istante, anzi accelerò il ritmo.
Federico afferro bruscamente la testa della ragazza, obbligandola a seguire il suo ritmo, meni armonico e più violento, per tutta risposta lei aveva iniziato a giocare con le sue palle.
“Posso venirti in gola?” Chiese Federico ben consapevole che non a tutte le ragazze faceva piacere.
Lei fece una smorfia come a dire ‘e me lo chiedi anche?’.
Avuta quella tacita conferma lui accelerò ancora di più il ritmo, fottendole la gola come non mai.
“Oh si cazzo, prendi tutta la mia sborra troia”
Si fermò nel punto più profondo, e le scaricò quella che sembro una tonnellata di sperma dentro alla bocca che venì prontamente ingoiata.
“Wow” ansimò Federico mettendosi a sedere.
“Mhh, mi piace il tuo sapore” rise Emma alzandosi in piedi soddisfatta “comunque mi dispiace, ma mi sa che per adesso dobbiamo chiudere qui, le altre ci staranno aspettando”
“No aspetta, possono aspettare...” disse Federico avvicinandosi a lei.
“Forse si, ma è più divertente se tu sei un pò sulle spine” rise Emma “però visto che sei stato così bravo ti do un premio”
La ragazza si sbottonò gli shorts abbassandoli e si mise a novanta, mostrando il suo culo perfetto e sodo e delle mutandine in pizzo rosse grondanti in prossimità della figa.
“Qualcuno è bagnato qui” rise Federico palpandole il sedere.
“Si, spero che tu saprai rimediare dopo...” sorrise Emma rimettendosi i pantaloni “ora vado a mettermi il costume” disse Emma prima di baciare con la lingua il ragazzo lasciandolo solo in mezzo alla stanza.







Spero vi sia piaciuto il primo capitolo, al prossimo!

Questo racconto di è stato letto 3 3 0 3 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.