La Casa in Festa - Capitolo 0 - Introduzione

Scritto da , il 2021-01-13, genere orge

INTRODUZIONE
Questo capitolo 0 serve ad introdurre la storia che verrà sviluppata nei prossimi capitoli.




Durante una estate di quelle veramente noiose in cui il caldo sembra intorpidire qualunque evento, alcuni ragazzi decisero di affittare per due settimane una villa al mare per stemperarsi con l'acqua.
I ragazzi avendo diversi impegni si erano accordati per raggiungere la casa in due momenti diversi.
Emma, una ragazza pallida come la neve, alta quasi 1,75 con dei favolosi capelli corvini e lisci che erano così lunghi da raggiungerle il culetto perfetto e sodo che si accoppiava perfettamente con la sua vita stretta e delle tette di media grandezza, veniva considerata da molti la più "zoccola" del gruppo poiché estremamente sfacciata e con l'abitudine di vestirti in modo da lasciare sempre meno all'immaginazione.
Aurora invece un pò più bassa di Emma era il suo contrario, capelli biondi e ondulati, due tette enormi ma sfortunatamente sempre molto coperte da abiti larghi e dalle curve morbide date la sua timidezza naturale.
Irene era la via di mezzo in circa tutto, tranne sul fattore stravaganza, sempre abbronzata anche d'inverno era sicuramente la più simpatica delle tre. Ogni volta che la si vedeva i suoi capelli erano tinti in modo sempre differente, la sua caratteristica più prominente era il suo culo enorme che molti ragazzi ambivano avidamente.
Federico invece era l'ultimo della combriccola che sarebbe partita per prima. Infatti ne era anche l'autista, ricco e di buona famiglia si veste sempre elegante, stonando sempre tra i suoi amici anche se questo look lo aiutava notevolmente con le donne che tra l'altro non gli mancavano mai. E' muscoloso ma non eccessivamente grosso, biondo era sempre al centro delle sue compagnie di amici e famoso tra le ragazze per essere ben dotato.
Gli altri tre ragazzi invece sarebbero arrivati dopo cinque giorni con mezzi propri.

“Hey Emma, senti guarda se questa è la via giusta” disse Federico al volante imboccando una stradina in mezzo a una pineta marittima.
“Ma che cazzo ne so io!” rispose sollevando gli occhi dal cellulare constantemente aperto su qualche social.
“Guarda sul telefono scema” rispose alzando gli occhi al cielo.
“Dai Emma usa quel telefono per qualcosa di utile ogni tanto...” la richiamò Aurora.
“Allora, mhhh, si qui a sinistra... ok, ancora un po’ dritti... accosta qui eee, ARRIVATI” finì la frase con tanta enfasi da quasi perforare i timpani di chiunque all'interno della macchina.
“Si ma non urlare, piuttosto metti via il telefono e aiuta Fede con le valige” rise Irene dal sedile dietro.
“Va bene...” borbottò Emma triste per dover mettere via il telefono.
In realtà oltre le valige si erano portati casse per la musica, alcool a fiumi e probabilmente molto altro...

Recuperato tutte le valigie entrarono nella villa. Era incredibile, aveva due piani più la cantina, sette camere da letto matrimoniali, quattro bagni, una piscina nell'enorme giardino e una vista sul mare mozzafiato. La villa inoltre era abbastanza lontana dalle altre case che avrebbero potuto farla diventare una discoteca e nessuno si sarebbe mai lamentato.
Subito le tre ragazze corsero in camera a disfare le veglie. Scelsero tre camere diverse ma una attaccata all'altra al secondo piano, invece Federico scelse l'unica camera al primo piano. Lui anziché disfare le valigie come prima cosa scelse piuttosto di andare a godersi la vista da uno dei balconi tenendo in manno un cocktail fatto al volo.
Sarebbero state due settimane da urlo.







Grazie per aver letto l'introduzione, ci sentiamo al capitolo 1...

Questo racconto di è stato letto 9 0 9 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.