Fabio!! - sempre più vogliosa...

Scritto da , il 2020-12-04, genere etero

Uscimmo dalla doccia e mi misi solo i pantaloni e la maglietta e andai a chiudere a chiave la palestra e tornai nello spogliatoio dal mio amante. Fui contenta di constatare che quando entrai ce l’aveva di nuovo in tiro, era ovviamente eccitato quanto me e quell’assaggio del mio corpo sotto alla doccia non gli era bastato.

“Fabio…amore ti voglio ancora…fammi tutto quello che hai sempre desiderato” e mi inginocchio davanti al suo palo. Anche se mi sarebbe bastato piegarmi leggermente per eseguire la mia pratica successiva vista la nostra differenza di altezza (il suo cazzo mi arrivava alle tette quando ero in piedi). Lo presi in bocca, sapeva ancora un po’ da sperma della scopata di qualche minuto fa, e apprezzai la cosa. Era bello grosso quindi cominciai a succhiarglielo lentamente con dei movimenti profondi. Poi mi metto a leccargli solo la sua cappella enorme come se fosse un calippo: quanto mi piaceva quel cazzo! Passo ai suoi coglioni e mi metto a succhiargli le palle come mi aveva detto più di una volta piaceva a lui.

“Adesso vuoi giocare un po’ con le mie mozzarelline?”
Mi alzo in piedi e le mie tette arrivavano giuste al suo cazzo, lui me le schiaffeggia con la sua asta: “Fammi vedere cosa sai fare” Inserisco il suo cazzo tra le mie tette e comincio a fargli una bella spagnola muovendole per bene su e giù.

Stendo un tappettino da palestra sul pavimento e faccio sdraiare il mio amante, e io ricomincio a fargli un bel bocchino da sdraiati. Gli avrò lavorato il suo cazzo con la bocca per almeno dieci minuti, anche se lo desideravo un sacco, non avevo fretta volevo gustarmelo per bene. Fabio mi prese e mi fece sedere sulla sua faccia così da potermi letteralmente mangiare la mia figa che sgrondava di umori. Cominciai ad urlare, non potevo trattenere la goduria di quel momento e veramente in poco tempo venni.

Contento del risultato mi fece sdraiare sul tappettino. Comincia a toccarmi il capezzolo destro. Era già bello duro e lo schiaccia con la giusta forza per farmi provare piacere. Fa lo stesso con l’altro. Poi succiarmi le tette, non riusciva a prendersele tutte in bocca così succiava solo una parte e la restante ci passava la lingua, finiva sempre dandomi qualche leccata intorno ai capezzoli. Mi stava piacendo un sacco ed ero umidissima. Ci sapeva veramente fare, ero in estasi e non aveva ancora cominciato a giocare con la mia figa. Mi fa scendere una mano tra le cosce per cominciare a giocare anche lì sotto. Scende. Con la lingua comincia a leccarmela tutta, poi con due dita mi allarga un po’ la sommità per mettere in mostra il mio clito e lo stuzzica con la lingua. Il mio clito è grosso e morbido come un cazzetto e Fabio si divertiva a giocarci facendomi urlare. Con una mano lo spingo la sua testa tra le mie gambe, non avrei mai voluto che finisse. Passa poi ad usare le dita. Mi mette dentro l’indice destro fino a sfiorare il mio punto G e lì comincia a fare dei movimenti rotatori. Stavo godendo come una porcellina e mi mordevo il labbro per trattenere un po’ le grida con scarsi risultati. Raramente godevo così (ho avuto molti fidanzati, ma mai nessuno così bravo). Mi sentivo una troietta in calore tutta calda e bagnata. Stavo per venire, lui se ne accorge e si ferma. Mi lascia calmarmi un po’ e ricomincia con adesso due dita dentro di me, sempre a stimolare il mio punto G. Dopo poco vengo.

Mi allarga le gambe e si posiziona tra di esse. Glielo prendo e lo indirizzo tra le mie gambe. Metto la sua cappella tra le mie grandi labbra. L’eccitazione sale. Ero esaltata all’idea di scopare con lui, questa sarebbe stata la vera scopata con lui, quella di prima, non contava. “Ti prego amore, prendimi” Non se lo fece ripetere e con un colpo di bacino è tutto dentro di me, lascio partire un urlo di piacere. Lui mi scopa con energia e mi mette le sue mani sulle mie tette e me le palpa. Io per aumentare ancora di più il mio piacere mi stimolavo il clitoride con una mano finché mi sbatteva. Un’eccitazione del genere non l’avevo mai provata, probabilmente era frutto di un desiderio covato per tantissimo tempo. Mi sentivo caldissima e poi lo sento…scendere giù dalla mia pancia…avrei squirtato. “Fabiuccio sto per squirtare” dissi tra un gemito e l’altro. Lui uscì da dentro di me e cominciò a leccarmi la fregna. Venni a spruzzo. Lui aprì la bocca e bevve il mio squirt.

Raramente mi capitava di squirtare, ma l’eccitazione del momento aveva favorito. Fabio era contentissimo, mi mise a pecorina e ricominciò a stantuffarmi, poi smorza candele e di nuovo a pecorina finché non raggiunse il limite. Mi inginocchiai davanti a lui con la bocca aperta e lui fece centro. Assaggiai il suo nettare aveva un buon gusto dolce con un retrogusto amaro, era denso e caldo. Lo ingoiai felicemente e poi ripulii la sua asta per non perdermene nemmeno una goccia.

Ci eravamo sfogati e saziati di sesso, per ora.

Questo racconto di è stato letto 2 5 0 9 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.