Sogno...

Scritto da , il 2020-11-21, genere etero

Ecco che arriva puntualissimo, salgo in macchina un po' imbarazzata e via verso casa sua. Io, signora matura pco più 60n, magra, capelli brizzolati corti, poco seno, aspetto giovanile...ancora vogliosa di esperienze. Lui, signore distinto, elegante, raffinato, coetaneo, mi ha invitato per un caffè. Ci siamo conosciuti al circolo dove faccio volontariato e da subito mi ha fatto una corte soft ed io, donna, l'ho assecondato. Arrivati mi ha fatto accomodare in salotto e mi ha offerto dei cioccolatini mentre preparava i caffè. Abbiamo parlato del più e del meno ma con imbarazzo fino a che lui non ha preso l'iniziativa, mi si è avvicinato ed abbracciandomi e sossurrando un apprezzamento mi ha dato un bacio appassionato poi mi ha trascinato in camera. Ci siamo spogliati entrambi e ci siamo sdraiati uno accanto l'altro. La mia prima curiosità è stata quella di vedere i suoi attributi e, sinceramente non sono rimasta contenta, in piccolo bottoncino tutto cappella. Pazienza, non interessandomi super dotazioni, ho pensato di adeguarmi al caso. Lui ha preso a carezzarmi prima i seni poi giù fino alll'inguine e poi tra le gambe fino a carezzare il clitoride e farmi emettere i primi mugolii di piacere. A quel punto anche io ho allungato la mano alla ricerca di lui, non era più piccolo come prima così l'ho preso in bocca per sentirlo crescere. Lo sentivo come gonfiare ed il risultato è ustato sorprendente, quel piccolo bottone che avevo visto si era trasformato in un rispettabile attributo lungo una 20 di cm anche se non tanto largo, 2/2,5 cm di diametro, ideale per ciò che mi venne subito in mente, ed infine una bella cappella messa in risalto dalla circoncisione. Raggiunta la completa erezione mi ha messo di traverso al letto, sul bordo, un cuscino sotto i glutei ed ha cominciato a leccarmi mandandomi in estasi poi ha cominciato a massaggiare, con la cappella ben umida, il clitoride, andava su e giù piano piano soffermandosi sul buco, ogni passata un mugolio fino ad avere subito un primi orgasmo ma lui ha continuato ancora un bel po' fino a che, sentendo che stavo per averne un altro, gli ho cinto le gambe intorno alla vita e l'ho spinto tutto dentro ed esplodendo in un orgasmo intenso. Sapevo che ora avrei dovuto accontentare anche lui e gli ho chiesto come preferiva. Lui ha fatto per girarmi ma gli ho risposto che non volevo a pecorina perché mi da noia al che mi ha detto che gli sarebbe piaciuto metterlo nel culo. Ho tergiversato un po', anche se in realtà era ciò che volevo. Gli ho detto del l'unica volta che l'ho fatto con un minidotato e non ho provato niente se non fastidio, lui mi ha tranquillizzato dicendomi che, avendo altre esperienze, mi avrebbe ben preparato e che se avessi avuto dolore o noie avrebbe smesso. Da parte mia gli chiesi di essere presa dal davanti. Così rimasi nella posizione in cui ero e lui comincio' a leccare il buco lubrificando bene con la saliva e con i miei umori introducendo un dito lentamente, poi due fino a che ha avvicinato la punta ed ha cominciato ad entrare molto lentamente. Inizialmente ho provato dolore ma lieve, unica noia era di sentirmi allargare. Nel frattempo era entrata tutta la cappella senza difficoltà, forse il più difficile, lo sentivo bene e la cosa mi eccitava. È continuato ad entrare fino in fondo, si è soffermato un po' per farmi adattare, mi sentivo riempita, poi ha cominciato ad andare avanti/indietro prima piano poi più forte mentre con la mano mi carezzava il clitoride. Il dolore e la noia iniziale era scomparsa lasciando posto ad un godimento. La penetrazione anale dava anche sensazioni sul davanti e sentivo di essere vicina ad un nuovo orgasmo arrivato dopo poco quando lui è esploso riempiendomi del suo caldo seme, un orgasmo diverso, molto più intenso. A questo punto mi sveglio, è stato un sogno, si un sogno che faccio molto spesso ma che una volta era realtà fino a che lui è stato trasferito nel profondo sud e non possiamo più vederci. Ho grande nostalgia di tutto questo ma nonostante ne faccia ricerca non riesco a trovare un coetaneo vicino a me che lo possa sostituire. Peccato

Questo racconto di è stato letto 1 2 8 8 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.