Fisting e bottiglie di vino 1/2

Scritto da , il 2020-11-21, genere fisting

Sono Elena, questo è quello che ha scritto un mio scopamico e si riferisce al racconto di un nostro recente incontro estremo.


Ho iniziato di recente per la prima volta a fistare una donna, un’amica.

Elena mi ha contattato tramite un amico comune, parlando del suo desiderio di essere presa a pugni in ambedue i buchi.

Abbiamo parlato delle nostre fantasie ed esperienze. Voleva davvero avere la sua figa fistata con il pugno fino al mio polso. Anche il gioco anale era qualcosa che voleva provare.

Bene, questa ragazza è una meraviglia per il fisting.

Ho iniziato con attenzione, molto lubrificante, molto orale, aggiungendo un dito alla volta.

Molto presto sono arrivato a penetrarla con quattro dita nella sua figa mentra il mio pollice massaggiava il suo clitoride.

Dopo un attento lavoro ai capezzoli, era pronta per essere fistata in vagina.
Già dopo pochi minuti ho potuto infilare il pollice nella figa e ho spinto.

La mano scivolò facilmente nella sua figa e il mio pugno entrò dentro di lei. Sono sicuro che ha sentito un'enorme ondata di gioia quando le ho detto che le avevo infilato un pugno nella sua apertura!

Ho iniziato a fistarla lentamente e delicatamente, c'era così tanto spazio lì dentro.
Ho poi continuato a pompare il mio pugno in lei più vigorosamente. Avanti e indietro, torcendo la mia mano, tirando indietro la parte più ampia della mia mano allungando le labbra della sua figa, poi spingendo indietro più in profondità che potevo.

Ho sentito il mio pugno chiuso sbattere la sua cervice. Ho sentito le labbra della sua figa scivolare su e giù per il mio polso, avvolgendolo completamente.

Più forte l'ho presa a pugni, più lei è diventata calda, bagnata. La sua figa grondava umori.

Mi ha detto che da lì a poco avrebbe eiaculato. Ho quindi aumentato il ritmo e la forza della penetrazione.

Poi ho osato andare oltre, … ho spinto due dita nel suo culo, per vedere se questo l'avrebbe eccitata ulteriormente.

Ha così iniziato a respirare affannosamente, la sua figa si è ulteriormente bagnata e i suoi succhi hanno iniziato a colare.

Gemendo Elena ha iniziato a massaggiarsi il clitoride con una mano e tirarsi un capezzolo con l'altra mano.

Poco a poco ho avvertito che c'era più spazio nella sua figa.

Ho smesso di prenderla a pugni e ho lasciato la mia mano dentro di lei fino al polso.

Mi ha guardato leggermente confusa.

Ho semplicemente alzato l'altra mano davanti al suo viso e lei ha annuito con un sorriso ironico.

Ho così iniziato a spingere le mie dita dall'altra mano nella sua fessura, accanto all’altra mano.

Piano piano ho spinto … ero così vicino al doppio fisting in figa … ma non del tutto, però certamente vicino al suo limite attuale.

Mi trovavo a spingere un pugno e quattro dita nella sua figa.

Lentamente ho estratto le quattro dita dalla sua vagina, lasciando il mio pugno in lei.

Approfittando del fatto che la mano appena estratta era grondante di umori, ho iniziato a penetrarla in culo con le dita.

Incredibile, anche il culo non faceva molta resistenza.

In breve ero riuscito a penetrarla con tre dita che pompavo dentro e fuori dal suo culo.

Oh mio dio, …. D’un tratto mi sono trovato inondato della sua sborra, quando mi ha spruzzato addosso i suoi umori quando è venuta!

Ho così tirato fuori le dita dal culo e il pugno della figa e l'ho vista crollare, con il respiro affannoso.

Quando ha ripreso fiato, mi è venuta un’idea …

Ho preso la bottiglia di vino vuota (l'aveva bevuta tutta prima che iniziassimo a fare il fisting) e l'ho cosparsa di lubrificante.

Mi ha guardato mentre lo facevo di fronte a lei.

Quando ha ripreso fiato, le ho chiesto di allargare le gambe e aprire le labbra della fica il più possibile.

Ho tenuto la base della bottiglia di vino contro la sua figa e ho iniziato a spingere e torcere.

Essendo appena stata penetrata, la bottiglia è entrata nella sua figa senza troppi problemi.

La sensazione di essere allargata da qualcosa di grande, duro e profondo, l’ha riportata rapidamente ai livelli dell'orgasmo antecedenti.

L’ho scopata con la bottiglia tenendole il collo, mentre la scopavo energicamente con la bottiglia.

Ho inserito due dita di nuovo nel culo. Poi un terzo. Poi un quarto.

O mio dio, ero vicino a realizzare il mio sogno di fare il fisting anale completo ad una donna.

Ho estratto la bottiglia di vino dalla sua figa, ho spinto il pollice nel suo culo e l'ho spinto verso l’interno.

Ho avvertito una resistenza. Il suo culo aveva bisogno di un allenamento per il fisting anale, ma quattro dita erano comunque passate.

Sono tornato ad avere due dita nel suo culo e ho spinto di nuovo la bottiglia di vino nella sua figa.

Questo è ciò che amava. Avere la figa dilatata al massimo ed essere scopata duramente.

Ho iniziato quindi a manovrare con la bottiglia in figa, forte e veloce, spingendo quella bottiglia di vino più in profondità nella sua figa.

Non volevo fermarmi finché non fosse venuta nuovamente.

Non mi dispiace dirlo ... ero distrutto, avevo le braccia dolenti e non ce la facevo più.

Abbiamo fatto una pausa e poi le ho chiesto di occuparsi di me.

Questo racconto di è stato letto 1 7 6 4 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.