Mille parole belle

Scritto da , il 2020-11-21, genere comici

Yoko ha poco più di vent’anni e studia all’università.
Non è nata in Italia ma vive in Italia, si sente italiana e forse lo è.
La piccola Yoko è nata in Giappone circa quarant’anni fa, in un paesino piccolino proprio lì vicino Pechino.
La dolce giapponese vive una vita davvero incredibile, sta per conseguire la sua quarta laurea e nel tempo libero ama scrivere e guardarsi i capezzoli.
La ragazza nipponica è bella.

La giapponese come, detto ha vissuto tante esperienze nella sua figa e il ventaglio dei ricordi cancella il dolce suono delle cose accadute nelle sere in cui poi si ritrova sola e pensa quante cose le sono successe nella sua vita, volevo, dire vita!
Ad esempio nel 1969 quando il capo della fiat la chiamò chiedendole “dottoressa Bortolotti abbiamo bisogno di lei per il lancio del Apollo undici per mandare finalmente un uomo americano statunitense sulla luna.
Lei fece spallucce e si abbassò i calzoni.
Il grande capo a quel punto si arrabbia ma che dice cosa fa forse mi ha frainteso portatela via portatela via.
Così l’asiatica si ritrovò a vico speranzella vicino al vomero!
Erano i giorni della peste bubbonica e la giapponese amava bere il tè delle cinque ai tavolini dei caffè di Parigi; c’era, là belle époque e sul tamigi pablo Picasso le chiedeva Yoko, ho voglia di dipingere il tuo volto orientale.
La ragazza orientale fece spallucce, e, si abbassò i pantaloni.
Fu il periodo più blu per il grande artista cileno, lo rividero anni dopo sulle nevi di aspen a fare scialpinismo e tant’è.

Può una sola vita raccogliere e raccontare tutte le innumerevoli emozioni languide che.

Erano i tempi in cui la giapponese amava raccontare le sue storie davanti al camino!
Suo nipote Girolamo, detto ninni, era curioso “nonna, raccontami, delle cose della vita?”.
La giapponese aveva all’epoca gli anni nel fiore e amava rispondergli ogni giorno alle undici in punto facendo, spallucce, e tirandosi giù i calzoni.
ninnì la scopò.
Ma non fatevi strane idee, Girolamo, aveva all’epoca 58 anni, la montò durante lo smonto notte e i destini del mondo gli brillarono negli occhi.

Ahhh!

Come diceva il poeta, appunto?

Quante storie da scrivere.
Quanti capezzoli da guardare.
Scuri piccoli e scuri.
Così andavano le cose, nel futuro inzuppato di amore.

La giapponese aveva anche un’amica che siccome le stava terribilmente sulle palle chiamava sempre la fricana, però, ogni tanto gliela leccava pure, inzuppandosi di amore.

Il padre di Yoko, quante già, quante!
Faceva immersioni senza i calzoni e la scopò; pur se cieco e invalido di guerra ( quella del 29 mica cazzi ) quella notte la sorprese in camera ma non si accorse fino al momento in cui le toccò i capezzoli e si mise a urlare di brutto.

Il corpo bianco delicato la piccola figa sempre bagnata dai ricordi.
Rinchiusa in quel monastero povera piccola senza istruzione e senza virtù si abbassò i calzoni anche se non c’era nessuno e una voce dall’alto rimbombò sulle nevi di aspen
“Sei bellissima Yoko, io ,sento di amarti?”
L’asiatica di questa cosa ne fu davvero felice, in tre giorni ci scrisse sopra duecentoventitre racconti erotici tutti, di grande successo.

poi arrivò il giorno.
La nipponica è in macchina diretta a marina dei capezzoli una località davvero bella.
Accanto a lei al volante il suo fidanzato olandese volante detto l’europeo.
Lui le dice Yoko?
Lei dice eh?
Lui le fa a che pensi?
Lei disse bo!
Lui restò zitto.
Lei fa spallucce e dice “ho proprio voglia di un bel calzone!”
Lui capisce male e ride nel cielo rosso del sol levante.
Ma quanto è bello l’amore, no?

Sembrava come!
Suo fratello piccolo ad esempio non conosceva le cose della vita c’era stata quella storia del Nobel ma poi?
Erano davvero queste le cose importanti?
Eppure fecero l’incesto e fu un grande successo letterario, no, proprio no, non c’è che dire?

Un giorno la ragazza orientale si innamorò era, un suo compagno di università si chiama Gualtiero detto Gualtiero perché a certe cose ci teneva; le disse “Yoko sei bella”.
Lei sbiancò e fece il giro della terra immersa in un mare di malinconia.




Yoko ha poco più di vent’anni studia all’università e nel tempo libero fa il primario al policlinico umberto detto Primo.
Quel giorno aveva voglia e con un sorriso bello sulle labbra si diresse all’obitorio.
Quanti ricordi quanta vita quanta morte quanta bellezza quanti capezzoli sparsi qua e là.
Quanta bellezza eh?
Ma non voleva starci se ne andò?
Poi fece la doccia senza ovviamente i calzoni e una goccia d’acqua che in giapponese si dice Chikubi hodo no chīsana suiteki to yoba reru suiteki le scese sul corpo e la scopò.
In modo molto drammatico però.
Il cielo era.
L’asiatica disse moriremo tutti?
La fricana le rispose bo?
E il suo cuore iniziò a battere così forte che proprio non si può capire una cosa che si può dire solo bella.
La goccia disse si moriremo “tutti”!
L’orientale rispose tu “come lo” sai?
La fricana non disse niente perché era odiosa e fu la prima a morire.
Piansero tutti.
Gocce di lacrime che puoi davvero dire belle.
E malinconiche ovvio.
Per fortuna c’era il sesso e volentieri che quando si voltò riconobbe quel grande pianeta azzurro che tutti vorremmo vedere almeno una volta una sola prima del grande sacrificio che nessuno capirà perché la sofferenza è tale solo se non ce l’hai addosso.
Tu mi vuoi? Disse una voce nello spazio.
E scoparono.
Non prima di aver percorso righe e righe di vero pathos: languido e innumerevole come, no, non come le volte del destino ma come altre cose piene di vita di sacrificio di cose che non vanno bene come la morte.
La morte che.......
Puoi solo dire che è bella.

Il grande mago si girò, non, riusciva più a trovare i suoi calzoni.
Ma i suoi occhi.

E scoparono.
Già

Le leccò i capezzoli in un modo così bello.
La giapponese disse t’amo.
E morirono.





















Questo racconto di è stato letto 3 6 8 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.