Al mare in Salento

Scritto da , il 2020-11-17, genere tradimenti

Mi chiamo Luca, 55 anni ben portati, sposato da oltre 30 anni con Cecilia, 51, gran paio di tette e tutto sommato ancora un bel culo. Giugno 2020, finalmente si parte per le vacanze, destinazione Salento, in un agriturismo che già conosciamo, dove la discrezione è veramente di casa. La prima settimana a causa del Covid siamo gli unici clienti. I giorni trascorrono con spensierata allegria e abbondanti mangiate di pesce. La settimana successiva arrivano altri clienti, tra cui una coppia emiliana con una bimba. Facciamo subito amicizia, lui Omar 49 anni, un filo sovrappeso, molto simpatico ed infaticabile chiacchierone, Veronica, una splendida bimba di 7 anni, e lei Monica, stessa età del marito, capelli lunghi e castani, con due occhi azzurri che sembrano pietre preziose. Un fisico asciutto, seno piccolo ma intrigante e un paio di gambe affusolate ed eleganti. Nasce da subito una certa simpatia tra Monica e me, che si traduce in battutine e scherzi. Alla seconda sera siamo già sullo stesso tavolo. Durante la cena proseguono i giochi di sguardi. Dopo diversi bicchieri di buon vino, i freni inibitori sono praticamente azzerati, e con il piede inizio ad avvicinarmi alle gambe di Monica, cercando di non destare sospetti negli altri tre commensali. Inizio ad accarezzare il suo piede cercando di saggiarne la reazione. Lei mi fissa, io sorrido e proseguo con il movimento del piede. Non essendoci reazioni negative prendo coraggio e inizio a salire verso il polpaccio. Ha una gamba bellissima. Liscia e morbida, affusolata come quella di una gazzella. Salgo fino al ginocchio e a quel punto vedo che Monica mette il braccio sotto la tavola. Temo mi sposti la gamba, ma invece inizia ad accarezzarmi il piede, e contemporaneamente parla come niente fosse. Il mio cazzo inizia a gonfiarsi, l'eccitazione mi sale. Ma viene in un attimo azzerata da Veronica, che stufa di stare seduta a tavola, chiede a mamma di accompagnarla a giocare nel parchetto. Ci alziamo tutti, io un po' a fatica per via della superba erezione, ma riesco comunque a nasconderla.

Il giorno dopo si parte insieme per una giornata al mare. Destinazione uno stabilimento inserito in una splendida scogliera a protezione di una piscina naturale, raggiungibile attraverso una scalinata scolpita nella pietra. Posto da cartolina. La mattinata trascorre piacevolmente tra lunghe nuotate ed innumerevoli foto ricordo. Io ho modo di apprezzare Monica in costume. Il piccolo seno, orgoglioso e birichino, punge il costume attraverso i suoi capezzoli, che dalla sagoma sembrano essere tutt'altro che tranquilli. Il fondoschiena avvolto in un perizoma giallo canarino risalta alla luce del sole. Ad ogni suo passo, i glutei si muovono creando disegni nella mia fantasia. Monica è davvero una bellissima donna, e ogni suo sguardo sembra essere un invito. Siamo tutti distesi sui lettini quando Cecilia decide di andare in acqua, Veronica che non aspettava altro inizia a pregare il suo papà, che rassegnato segue la piccola sulla lunga scalinata che porta alla piscina. Io e Monica restiamo sdraiati sui lettini. Il mio cuore inizia ad aumentare i battiti, mi siedo sul lettino, siamo in una posizione protetta rispetto al mare. Mi faccio coraggio e allungo una mano sulla gamba di Monica che finge di prendere il sole. Inizio a carezzarle una coscia, lei si gira e mi guarda e sorride. Io sono in estasi, quegli occhi mi stregano. Mi siedo accanto a lei e mi avvicino al suo viso. Con una mano le accarezzo una guancia e intanto mi avvicino con le labbra, la bacio sulla guancia e lentamente scendo verso le sue labbra. Quando le raggiungo, lei inizia a rispondere ai miei baci, io le forzo le labbra con la lingua e guadagno l'interno della sua bocca. Iniziamo a limonare come non ci fosse un domani. Ha una lingua dolce e vivace. Con le mani inizio ad esplorare le sue curve, infilo la mano sotto il perizoma, ispeziono la fessura tra le sue chiappe, e scendo fino a trovare il solco delle sue labbra. E' completamente depilata, sento i suoi umori che mi inumidiscono le dita, la sento ansimare sotto il mio tocco. La mia erezione sfigura il costume, che prende una piega innaturale e quasi comica. Siamo entrambi eccitati, ma con la paura che improvvisamente possano tornare e trovarci in quella situazione. Lei con la mano scende a cercare il mio uccello. Lo accarezza sopra il costume, la infila sotto e lo impugna, lo scappella e inizia a segarmi. Improvvisamente sentiamo la voce di Veronica che ci riporta alla realtà. Ci ricomponiamo in fretta ed ecco Veronica che saltellando ci raggiunge. Io sono ancora in erezione e prima che arrivi mia moglie mi distendo sul lettino a pancia in giù, e con la mente mi ritrovo a ripercorrere quanto appena accaduto. Ma per fortuna la vacanza non è ancora terminata. CONTINUA.........

Questo racconto di è stato letto 1 1 1 0 7 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.