Due mesi

Scritto da , il 2020-10-27, genere esibizionismo

Stavamo insieme da due mesi e qualche giorno.
E. già mi aveva proposto di fare delle foto sexy dove mi chiedeva di mostrare le gambe, seduta sul divano: poi mi aveva fatto mettere con le gambe piegate perché si vedessero le gambe e un po’ il bianco dello slippino.
Un’altra volta mi aveva fatto le foto mentre facevo la doccia.
Mi diceva che ero molto carina e davvero sexy: dopo le foto voleva fare sempre l’amore e mi prendeva dappertutto e io ricambiavo con tantissimo entusiasmo.
Ricordo che eravamo a pranzo martedi, festivo, quando mi ha chiesto se avevo voglia di andare ai girdinetti di….., per fare qualche foto, anche sexy se non ci fosse stata troppa gente curiosa: mi chiede di indossare quella mio tubino bianco elasticizzato, che era anche un po’ corto.
-non ti sembra troppo corta?-
-Ma no, dai, sei molto carina e poi per le mie foto osè, è l’ideale! Metti le scarpette da tennis bianche così sei tutta in tinta!-
E andiamo. Al chioschetto prendiamo un caffe e ce ne andiamo gironzolando per i vialetti.
In effetti era abbastanza presto e non c’era molta gente.
E. mi chiede di sedere in quella panchina di legno; mi chiede di mettermi in posa, bracccia appoggiate allo schienale. E scatta. Mi chiede di scostare leggermente le gambe.
-Regolati, ti prego non esagerare, dimmi se si vede troppo!-
-No guarda, a mala pena si intravede il bianco dello slip!-
Mi fa ancora due o tre foto, poi mi chiede di sedermi di fianco, con i piede sulla panchina abbracciando le ginocchia.
Viene verso di me e mi tira in alto il vestitino, scoprendomi parecchio la natica destra.
-Non si vede troppo?-
-Ma scherzi, si intravede appena un po’ di gamba! Anzi scosta un po’ il piede destro, così vediamo se si vedono un po’ di slip!-
Mi guardavo a destra e sinistra, non sia mai che venisse qualcuno!
E. scatta ancora diverse foto da varie angolazioni, commentando ogni volta con tanti complimenti per me.
-sei adorabile e davvero sexy, con quell’espressione un po’ contrariata, ma civettuola-
E. in più occasioni mi aveva descritto questo mio modo di rivolgermi a lui: curiosa e intrigante e molto ma molto vogliosa, così diceva Eugenio.
Andiamo più in là e camminando E. mi abbraccia in vita e tira in su il vestito.
-Dai sta fermo che si vede il sedere-
-Dai, fammi vedere, vai avanti e gira la testa verso di me, che ti faccio una foto!-
Ero sicura che si vedessero del tutto le mutandine, per forza!
Faccio qualche passo e mi risistemo il vestito.
-Carine, ne ho fatte due e si vedeva il culetto! Peccato che avevi gli slip-
Abbiamo fatto altre foto, ancora sulla panchina, alla fontanella, fingendo di bere e raccogliendo due margheritine.
E. mi aveva detto che non si vedeva molto: nei giorni successivi ne abbiamo fatte altre, abbastanza normali, tranne una, diceva E, quando riposavo di pomeriggio, solo con la camiciotta da casa e senza intimo.
Le portava a sviluppare non so in quale negozio, lontano da casa, diceva, lasciando un cognome fasullo.
Quando le ha ritirate, mi ha chiesto se volevo vederle.
-certo che si!-
In molte, mi sembrava, fossi venuta bene!
Poi, con voce trionfante mi ha detto:- ora arrivavano quelle osè!-
Quelle al parco, dove, ricorderete anche voi, mi aveva detto che non si vedeva molto!
Invece, gambe in mostra e slippino sempre in vista!
Che dire poi di quelle, quando dormivo. Erano tante e prese da diverse angolazioni, camicia che scopriva il sesso e il culo, in bella mostra, in tutte!
-Ma sei matto! Queste?-
Ho finto un broncio ed E. mi voleva per forza consolare, a modo suo, dicendomi un sacco di carinerie: ed infine aveva aggiunto che era eccitatissimo al pensiero che quello o quelli che stampavano m’avevano vista nuda.
Ero un po’ scocciata perché ne aveva fatte senza avvertirmi, dato che dormivo, ma l’avevo perdonato immediatamente, frastornata dalla sua eccitazione prorompente.
Lo scoprirmi nuda anche per altri, mi aveva fatto uno strano effetto e tutt’ora, ogni volta, è ancora così: come dire, attesa per scoprimi alla mercè di un altro e poi ritrosia e spudorata sfacciataggine, sempre con una fortissima complicità e sintonia con il mio uomo.
Sapere che si eccitava, mostrandomi agli altri, mi eccitava moltissimo e a volto al solo pensiero mi sentivo subito bagnata, con uno strano brusio alle orecchie.

Ma, sapete, che, col tempo, questo mio esibirmi, diventerà irrefrenabile eccitazione, quando E., inventando trame e storie erotiche, sempre molto spinte, con dovizia di particolari e terminologia, mi raccontava all’orecchio tutta la sceneggiatura: io ero sempre la sua protagonista principale, circondata e sedotta da decine di maschi.
Poi in vero abbiamo fatto anche di più, ne abbiamo realizzate alcune!
(se volete, altre su "riflessi erotici"
https://myvalex.blogspot.com/)



Questo racconto di è stato letto 4 1 6 3 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.