La colf

Scritto da , il 2020-06-14, genere tradimenti

Mariana è una sessantenne rumena che da qualche anno viene a fare i lavori nel mio studio di massaggi. Un metro e sessanta di altezza, rotondetta, culo e seno abbondanti che hanno sempre attirato la mia attenzione. Un giorno arriva zoppicando vistosamente. Mi dice che è scivolata sul pavimento bagnato e che ha male ad una caviglia e alla gamba. Avendo finito gli appuntamenti le chiedo se vuole farsi dare un’occhiata per valutare la situazione, esita un attimo ma alla fine accetta. Si toglie le scarpe e i pantaloni e l’aiuto a salire sul lettino. E’ la prima volta che ho un contatto così ravvicinato con lei. Ho un fremito di piacere che cerco di nascondere. Prendo la gamba e controllo che la caviglia sia a posto. Fortunatamente non è rotta o slogata le dico di non preoccuparsi che in pochi giorni sarebbe passato tutto. Il fremito di prima ritorna. Noto le sue cosce e non solo. Dagli slip si intravvede un po’ di peluria della figa e questo mi causa un’erezione. Le dico allora che le voglio fare un massaggio per alleviare un po’ il dolore. La faccio girare a pancia sotto e inizio il massaggio. Parto dalla caviglia che le fa male cercando di essere il più delicato possibile e piano piano inizio a salire lungo le gambe. Inizialmente si lamenta per il dolore ma poco alla volta i lamenti vengono sostituiti da mugolii come di piacere. Le divarico un po’ le gambe per poterla massaggiare meglio, il suo culo, seppur coperto dalle mutande si può vedere in tutta la sua maestosità, è davvero grosso. Dalle mutande noto qualche pelo ma soprattutto vedo delle macchie che non possono che essere macchie di umori vaginali. Si sta forse eccitando? Le chiedo di togliersi anche la maglia in modo da poter massaggiare anche la schiena. Non indossa la canottiera e se prima i miei occhi sono caduti sulle sue cosce ora cadono sul suo enorme davanzale che il reggiseno fatica a contenere tanto che i capezzoli sono parzialmente visibili. Riprendo il massaggio risalendo dolcemente verso le sue chiappe avendo cura di tenere le dita belle larghe così da potermi avvicinare lentamente alla sua vagina. Lei riprende a mugolare come prima, si vede che la cosa le piace e infatti allarga sempre più le sue cosce allora spingo le mie mani sempre più vicino alla sua vagina che adesso inumidisce di più gli slip. Mariana si muove sempre di più presa dall’eccitazione adesso non si sta più trattenendo. La mia eccitazione riparte e quindi provo ad osare di più. Risalgo con le mani verso il reggiseno e lo slaccio, le dico di girarsi ma non vuole. Non demordo e con le mani torno verso il suo culo, inizio a massaggiarlo avendo cura di spingere le mani come prima verso la sua figa. Di scatto si gira verso di me, mi guarda e si toglie il reggiseno. Mi prende le mani e mi attira verso di se. Il seno è enorme con due capezzoli scuri grossi come piselli avvicino la mia bocca e inizio a succhiarli. Mi svesto e salgo sul lettino, le appoggio il mio cazzo sulla bocca e lentamente scendo verso il suo sesso, le sfilo gli slip, che orami sono fradici, e comincio a leccare la figa. Lei prende il mio cazzo e con grande sorpresa inizia a farmi un pompino da urlo. Vado alla ricerca del clitoride, lo trovo e inizio a succhiarlo con avidità. E’ grosso, bello duro, sento la sua eccitazione aumentare fino a quando vengo letteralmente innaffiato dai suoi umori, il suo corpo sobbalza e si contorce urla tutto il suo piacere e nello stesso momento anch’io mi libero del mio contenuto ricoprendo tutta la sua faccia. Mi giro, la guardo, ha gli occhi chiusi sembra esausta ma io non ho finito, allargo le sue gambe e la penetro con dolcezza. Apre gli occhi e mi guarda sorpresa ma non oppone resistenza, inizio a muovermi lentamente, è sorpresa per quello che sta provando. Lentamente comincia a muoversi assecondando i miei movimenti, la sua faccia è una maschera di eccitazione, gli occhi sono spalancati mugola sempre più forte, dice delle parole nella sua lingua che non capisco, vorrei continuare a pomparla ma mi accorgo che lei è in dirittura di arrivo appoggio le sue gambe sulle spalle e aumento i miei affondi le mie palle sbattono contro il suo culone, aumento ulteriormente il ritmo e appena sento che inizia a fremere, vengo dentro di lei inondando la sua vagina di sperma. Rimaniamo stesi sul lettino per qualche minuto senza parlare, ci rivestiamo e ci diamo appuntamento al giorno dopo magari per un secondo massaggio.

Questo racconto di è stato letto 6 1 0 4 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.