La Maschera di ferro - Capitolo 0

Scritto da , il 2020-10-12, genere bondage

AVVERTENZE!
Chi è qui credendo che farò una versione porno de “Il visconte di Bragellone” di Dumas (che per chi non lo sa è da qui che nasce la storia del personaggio chiamato Maschera di ferro) parte male. Per vari motivi (tra il quale non ho voglia di leggerlo, già perché mi manca “Vent’anni dopo” e poi il libro citato) la storia sarà a se stante su tutto, l’unica cosa “rimasta” sono: la maschera, l’anno e il paese solo per “citazione/omaggio” all'opera di partenza… anche se io ODIO la Francia. Per il resto cercherò di essere più storicamente accurato, fino ad un certo punto…
Spero vi piaccia...

“ehi coso! Ecco il pranzo!” urlò una guardia che dopo aver aperto un pesante portone di una cella grande come uno stanzino buttò un pezzo di pane stantio, correndo a quattro zampe una figura lo afferra per poi mangiarlo avidamente. La figura altri non è che una ragazza dalla pelle scura completamente nuda se non fosse per un sacco di liuta che porta come indumento e tenuto fermo da una corda, oltre quello però… aveva addosso una maschera di ferro che gli copriva completamente la testa lasciandole scoperta bocca, occhi e naso.
Dopo aver finito il magro pasto sempre a quattro zampe la ragazza torna a coricarsi in un giaciglio di paglia lì vicino, avendo freddo a causa del sacco a maniche corte e anche al fatto che le arrivava alla pancia lasciandoli completamente scoperta il culo, la vagina e le gambe prese una tavola e un bastoncino e sfregandoli un po’ di volte riuscì ad accendere un fuocherello per poi alimentarlo con della paglia. Scaldandosi mani e piedi la ragazza poi prese dei pezzi di stracci che legati insieme formavano una figura quasi umana, tipo una bambola, “vieni a scaldarti anche tu amica mia” le disse facendola muovere “forse oggi non verrà, forse oggi ci lascerà stare” pregava intensamente abbracciandola.
“che noia!” rispose una lanciando un cuscino, non siamo più in una lurida cella, ma nella sala di un elegante villa, a parlare era stata una ragazza bionda che dalla carnagione chiara e l’abito elegantemente blu si capiva fosse una nobile, “signorina Alexis se posso intromettermi” disse una signora giovane che altri non era che una cameriera “ho ricevuto una lettera da vostra padre che v’informa che arriverà oggi verso il tardi”, “sai che novità!? Papà è sempre via per questioni politiche, può anche rimanere per sempre a Parigi se vuole!” rispose lanciando un altro cuscino. Guardando fuori dalla finestra vide il lussuoso giardino della residenza di famiglia, in lontananza notò un gruppo di uomini che cercavano di domare un cavallo e per farlo usarono il frustino, Alexis sorrise… aveva avuto un’idea. “se si annoia così tanto posso consigliarle qualche gioco?” chiese la dama, “tranquilla Colette, ho già deciso cosa fare, chiama una guardia e fammela portare”, Colette alzò la testa per la prima volta “ma signorina! Vostro padre ha chiesto esplicitamente…”, “me ne frego di cos’ha detto mio padre! Tanto lui non c’è mai! Portami subito quell’animale che voglio divertirmi!” urlò Alexis e anche se in disaccordo la donna chiamò una guardia.
Intanto nella piccola e buia cella la ragazza andò verso un secchio dove fece i suoi bisogni. Improvvisamente si aprì la porta e quando vide la guardia corse in un angolo “muoviti bastarda che non o tempo da perdere!” disse l’uomo prendendola per un braccio, “vi prego non voglio! Vi prego!” urlava la poveretta mentre veniva portata via. Uscita dalle prigioni la ragazza chiuse e si coprì gli occhi, abituata com’era al buio tutta quella luce le faceva male. Dopo vari giri e salite venne buttata in una stanza e anche se non sapeva dov’era sapeva bene chi c’era dentro.
“ciao animale” disse Alexis, la ragazza cominciò a tremare, “è così che saluti animale? Non ti ricordi le buone maniere che ti ho insegnato!?” tuonò, seguendo la voce e rimanendo a quattro zampe la poveretta si avvicinò alla nobildonna e alzandole la gonna cominciò a baciarli le scarpe. “bene, e ora allontanati!” le rispose Alexis dandole un calcio “dio puzzi da far schifo! Proprio come un animale” le disse tappandosi il naso “e ora che ci penso gli animali non portano i vestiti, togliti quelli stracci!”, tutta tremante, sia per la paura che per il freddo, la ragazza seguì l’ordine. Rimasta completamente nuda si strinse, “che fai lì nascondi, mostra quei miseri seni!” così dicendo Alexis afferrò un frustino per cavalli (preso nel mentre) e cominciò a colpirla. Arresa la ragazza abbassò le mani lasciando vedere i seni, Alexis dopo aver messo dei guanti afferrò la poppa di destra stritolandola “ma guarda guarda, hai i capezzoli duri, te la stai godendo non è vero animale?” le chiese ridendo. “vi prego… vi supplico padrona non mi picchi!” le disse la ragazza piangendo… per poi ricevere un calcio, “chi ti credi di essere animale!? Da quando decidi tu!” così dicendo cominciò a prenderla a calci“qui sono io a decidere, e se ti voglio picchiare ti picchio anche tutto il giorno!”.
“mi sono stancata” rispose dopo che smise di pestarla, la poveretta intanto era sul pavimento tutta dolorante, “sono così stanca che adesso mi porterai tu dove voglio” così dicendo prese una cintura e la legò al collo della ragazza. Dopo averla fatta alzare a quattro zampe si sedette sopra la sua schiena “e adesso muoviti!” le disse sculacciandola col frustino.
“muoviti animale! muoviti!” ringhiava Alexis spronando la ragazza a camminare stringendole il collo, la servitù era senza parole per la scena a qui stavano assistendo, sapevo che il conte e la sua famiglia erano particolari… ma la cosa più sconvolgente è che la signorina si divertiva a tormentare il prossimo!
Tastando il pavimento sentì un vuoto, la ragazza si fermò perchè si era accorta di essere vicina alle scale, “ti ho detto di fermarti animale!?” rispose Alexis “scendi le scale! E guai a te se cadi” le urlò cominciando a sculacciarla.
“Signorina Alexis basta così!” tuonò Colette che per precauzione la teneva d’occhio, “che c’è Colette? Qualcosa non va?” chiese la ragazza facendo una finta faccia perplessa, “signorina non crede di stare esagerando!?” le disse la dama, “esagerando? Su cosa, voglio solo scendere, non è colpa mia se questo animale non si muove” dicendo ciò le stritolò una natica. La dama stava per rispondere “se hai qualcosa da lamentarti dillo a mio padre, di solito tu e lui passate molto tempo insieme” le rispose guardandola male, la donna non disse niente “dico solo che se si fa male cadendo dalle scale oltre che per me sarebbe sconsigliabile anche per lei” le disse semplicemente “si hai ragione… sentito animale! Torniamo indietro” dicendo ciò la poveretta fece dietro front. “maledetta puttana, è proprio come suo padre” disse tra sé la dama.
Tornati nella stanza di Alexis la poveretta rimase ferma in mobile, aveva troppa paura per muoversi, nel mentre la bionda si spogliò rimanendo con l’intimo. “vieni qui animale, dopo il trotto avrai sete” così dicendo divaricò le gambe, strisciando la ragazza si avvicinò a lei e cominciò a leccarli la vagina. “continua animale continua!” le diceva Alexis rilasciando qualche urletto di goduria, ad un certo punto rilasciò della pipi bagnando la faccia della ragazza, “guarda che mi hai fatto fare animale! lecca tutto!” le rispose, senza battere ciglio la poveretta obbedì leccando il pavimento. “però non basta! Dovrò punirti per questo” dicendo ciò da un cassetto prese un pezzo di legno intagliato che ricordava un cazzo, dopo averlo leccato lo infilò dentro il culo della ragazza che urlò dal dolore. “non sei contenta animale! adesso sei tu a godere!” le urlò Alexis che con la mano sinistra le infilava il cazzo di legno mentre con la destra teneva la cintura che aveva al collo costringendola a farla stare eretta. “godi animale! godi! Che se non fosse per me marciresti in quella lurida cella! In fondo sono una brava padrona a far godere un animale come te!” le rispose ridendo mentre la poveretta urlava e piangeva dal dolore... la cosa triste è che aveva ragione.
“Alexis!” tuonò un uomo appena entrato, che altri non era che… “papà!” rispose Alexis che riconoscendolo lasciò la ragazza, “che diavolo ci fai lei qui!” continuò il nobile, la figlia stava per risponderli quando ricevette uno schiaffo “quante volte ti ho detto che non ti voglio vedere insieme a questa bastarda!” dicendo ciò diede un calcio anche alla povera nera. “Colette!” “eccomi signore in cos…” non finì la frase che ricevette uno schiaffo anche lei “con te faccio i conti dopo, chiama una guardia e scorta questo rifiuto nella sua cella! E che ci rimanga!”. Trattenendo le lacrime la donna eseguì gli ordini e poco dopo arrivò una guardia che prese per un braccio la nera, che nel mentre aveva raccolto il suo “vestito”, per poi scortarla nella sua cella.
“stupida puttana! Non ti posso lasciar sola che combini cazzate!” rispose il nobile che cominciò a picchiare sua figlia, “ti odio! Ti odio!” le rispose Alexis piangendo… nel mentre succedeva questo Colette guardava la scena pietrificata, sapeva che dopo sarebbe toccata a lei.
“e restaci animale, capito!” rispose la guardia gettando a terra la poveretta. Dopo aver chiuso il portone la ragazza tutta dolorante si rimise il suo “vestito” e strisciando andò verso il suo giaciglio e prese la sua “bambola”, “amica mia, che cosa ho fatto per meritarmi questo!? Che cosa ho fatto!?” le disse piangendo. Dopo un po’ smise e non avendo niente da fare fece l’unico “piacere” riservatole… cominciò a masturbarsi. Tastandosi vagina e seni immaginava che un giorno il suo principe azzurro l’avrebbe salvata… e l’avrebbe fatta pagare ad Alexis per tutti quegli anni di tortura ripagandola con la sua stessa medicina!
Per quanto triste possa sembrare quello di oggi per lei era una giornata come tante, da quando aveva memoria viveva in quella cella e portava quella maschera che, parole di Alexis, nascondeva la sua “brutta faccia da lurido animale”.
Sarebbe rimasto tutto così fino alla fine dei suoi giorni, ma qualcuno aveva piani diversi…

CONTINUA…

Ed ecco, questo è il “Capitolo 0”, si chiama così perché per regola non è il vero inizio, l’ho creato perché so sicuramente che il prossimo certi di voi lo troveranno “noioso”, perciò ho voluto dare un assaggio di sottomissione… ma con questo non dico che non ci sarà nei prossimi, solo che non credo (devo ancora scriverlo) ci sarà tutto questo “sadismo” nel Capitolo 1.

Questo racconto di è stato letto 1 3 6 5 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.