Il cambiamento di una madre 2

Scritto da , il 2020-10-04, genere incesti


Avevo fatto dieci giorni di vacanza, mi era sembrato di stare via una vita intera, avevo l'angoscia al mio ritorno i primi giorni furono difficili, stare via mi aveva fatto più bene del previsto mi aveva fatto capire tante cose, forse più cose in dieci giorni che in tutta la mia vita, non era il tempo che ero stata via, ma la lontananza da tutto, la prima volta che andavo via senza famiglia, ti rendi conto di un sacco di cose anche se non le ho volute sapere volontariamente, ma le avevo capite spontaneamente.
I giorni poi cominciavano a passare anche se quella vacanza mi aveva lasciato dentro qualcosa, ma dovevo fare i conti con quella che era la mia realtà, casa, un lavoretto part time, famiglia, mio marito, e Luca.
Già luca, perché chiaramente la questione non era finita anzi, tutt'altro, le cose incominciarono a prendere una via dalla quale era impossibile tornare indietro ed io ne ero complice involontaria.
Ma andiamo con ordine.
Dopo circa un mese che eravamo tornati mia sorella mi diede un CD con le foto della nostra vacanza,insomma c'era un vero o proprio set fotografico, dal viaggio, alle foto nel villaggio, in spiaggia, la sera, una raccolta completa di quei 10 giorni in Egitto.
Sapevo chiaramente delle foto che c'erano per il momento avevo deciso di non rivederle e il mio pensiero anche se ripeto non c'erano foto compromettenti la prima cosa che mi venne in mente era che se Luca avesse visto tutte quelle foto si insomma detto francamente mi avrebbe dedicato un sacco di seghe e solo che quell'idea non solo non mi lasciava in quei giorni ma piano piano non provavo più quel senso di ribrezzo, e più i giorni passavano e più addirittura ci speravo.
Era da folle lo so ne ero consapevole ed era questo che pensavo pure io, per questo ero sempre in uno stato di agitazione, sapevo che nei momenti di lucidità se una persona ci pensa sembrano pensieri del tutto innaturali, ma il mio problema era proprio che io avevo perso ormai lucidità e non riuscivo a controllarmi, più non potevo fare certi pensieri e più mi piaceva più mi sentivo completamente immersa e avvolta da quella follia. (discorso difficile da far capire lo so).
Già una follia che però mi fece fare degli errori, forse perché non ero abituata a vivere nell'ombra ma sempre con naturalezza e trasparenza, così lasciai il CD in modo che Luca lo vedesse, con tanto di scritta "vacanza in Egitto", volevo farglielo trovare, ma sempre in modo "casuale" quasi a lasciare lui nel peccato e non io,ma la sera prima di dormire il mio pensiero era se Luca aveva visto il CD, se aveva visto le mie foto, se le aveva apprezzate, insomma davo occasione a mio figlio di fantasticare su di me, lui non poteva nemmeno lontanamente immaginare che io non solo lo sapevo, ma addirittura gli davo occasione di accentuare questa sua voglia, mi sentivo "sporca" ma viva, mi sentivo donna, con tutte le sue debolezze, ma inspiegabilmente apprezzata, desiderarata, anche se in maniera eccessiva, me lo immaginavo in tutta la sua trasgressione davanti al suo PC, con le mie foto, completamente eccitato mentre sognava le cose più perverse, mentre apprezzava le mie tettone (come le chiamava lui), il mio culo.. Io iniziavo senza nemmeno accorgermene a pensare come lui, me lo immaginavo che si faceva le seghe, me lo immaginavo che si eccitava a mostrare sua mamma, si eccitava se mi davano della troia, e io glielo facevo fare, forse perché sotto sotto anche se ancora non lo sapevo un po' forse lo ero davvero.
Ma come dicevo prima ho fatto degli errori, un giorno rientro in casa e come sempre vado in camera mia, il tempo di togliermi la giacca, guardo nella camera di Luca che era attaccata alla mia, e vedo il PC in stand by, muovo il mause e c'è la finestra aperta sulla conversazione su Skype, di Luca e pino, non ci penso un attimo mi siedo e mentre cercavo di capire da quanto tempo stavano parlando e sopratutto se avessero visto le mie foto, immaginando di essere a casa da sola mentre scorro velocemente per andare all inizio della loro conversazione vedo che le foto ci sono tutte, ma volevo godermi la loro chiacchierata, scorro lo schermo velocemente, ma ad un certo punto sulla porta c'è Luca, con la faccia spaventata di chi era stato scoperto in pieno dal grande peccato della sua vita, si era accorto che la schermata era quella della loro conversazione, penso che è difficile spiegare i toni della mia reazione, come se mi fossi dimenticata di tutte quelle sensazioni che avevo avuto in quei giorni, ero tornata in un attimo alla mamma piena di valori, anche lì tutto spontaneamente, incazzata, delusa, gli ho dato del malato, che doveva andare via di casa, a dire il vero non ricordo nemmeno tutto quello che gli avevo detto, evitavo di urlare per non farmi sentire di vicini, ma era un mio monologo lui non disse mezza parola.
È inutile dire che quell'episodio in qualche modo mi aveva fatto tornare in me, i giorni che seguirono furono di una tensione indescrivibile, dovevo fare la mia parte, anche se piano un pochino dentro me mi sentivo in colpa anch'io, insomma non avevo fatto nulla per evitare quello che aveva fatto, almeno non parlo dell'inizio ma dopo ci avevo messo del mio, ma questo non potevo di certo dirglielo a lui, quindi con lui la mia posizione non cambiava di una virgola, solo che c'era in casa mio marito, che naturalmente non potevo assolutamente dirgli nulla quindi quando eravamo tutti e tre cercavo di non far trapelare quella tensione, e sia io che Luca evitavamo di trovarci soli, ma questo non sempre poteva capitare, e infatti una sera la discussione si riaccese,lo rimproveri ancora anche se con toni più delusi che arrabbiati..
"davvero luca non so cosa ti sia saltato in mente, non ho parole davvero, vedi di cancellare subito quello che ho visto e pensa a quante Cazzate hai scritto"
Mi aspettavo ancora il suo silenzio che non avrebbe battuto ciglio e invece da quel preciso momento che cambiò davvero la mia vita non solo nei miei pensieri ma la mia realtà..
"parli sempre delle mie Cazzate e delle tue invece? “
Mi arrabiai subito..
" ah delle mie Cazzate, ma che cazzo stai dicendo ma ti rendi conto almeno di quello che stai dicendo? "
Solo che ora lui rispondeva a tono e la nostra fu una vera e propria discussione..
"si si delle tue Cazzate, ma quelle non contano vero? Contano solo le mie?"
“piantala che mi stai facendo innervosire vedi di sparire "
" si si va bene sparisco ma tu salutami Saad"
Quella risposta fu peggio du una pugnalata e il mio silenzio di qualche secondo in quel momento per me fu una condanna..
"chi? E chi diavolo è? “
" perché non me lo dici tu chi è "
" non so di che persona stai parlando "
" ah no è? Allora facciamo così io cancello la mie Cazzate, tu cancella i tuoi messaggi, ma non venirmi a fare la morale per favore "
Se ne andò, non avevo il coraggio di guardalo in faccia, mi sentivo morire, ma come faceva a sapere, una volta avevo sbagliato nella vita e lui lo sapeva ma come era possibile.
Luca era uscito quella stessa sera, così andai a vedere il suo PC, e nelle foto del mare ce ne erano alcune con me e mia sorella con 2 ragazzi dello staff del villaggio ma comunque nulla di grave fino a qui, non poteva alludere a nulla una cosa del genere, ma la conversazione con pino, che gli aveva messo la pulce nell'orecchio
"Luca ma non è che tua mamma si è divertita al mare? “
l'aveva incuriosito e Luca non so come era riuscito a sbloccare il mio telefono, aveva letto i miei messaggi, che purtroppo per me per mia ingenuità non lasciavano nessun dubbio, si mi ero lasciata andare, al mare per la prima volta nella mia vita aveva lasciato a casa tutti i miei valori, la mia etica, quello che mi era capitato prima della vacanza aveva influito, e trovarmi a migliaia di chilometri da casa aveva fatto emergere le mie debolezze di donna, ma anche le mie voglie represse, e quando al mare ho trovato questo ragazzo egiziano, bello, giovane e soprattutto che in quel momento ha colpito nella mia debolezza, io non sono riuscita a resistere, ho tradito mio marito, e la cosa pazzesca che mi era piaciuto da morire, una cosa che non avrei mai immaginato nella vita, anzi ho sempre giudicato chi lo faceva, mi ero ritrovata dall altre parte, mi era piaciuto e soprattutto non mi ero pentitia per nulla, ma non ero abituata a quelle cose e la mia ingenuità l ho pagata.
Il problema che Luca ora l'aveva scoperto e io mi sentivo in trappola e lui l'aveva capito, si sentiva sicuro di sé stesso, lo notavo negli atteggiamenti dei giorni a seguire, e io vivevo costantemente con la paura che lui potesse raccontare tutto a mio marito, anche se lui aveva fatto qualcosa di sbagliato io in primis non avevo il coraggio di dirlo a nessuno, ma poi se lui l'avesse raccontato io dovevo fare i conti con mio marito, la mia famiglia, in paese sarebbe saltato fuori insomma era una catostrofe, quello èra ciò che pensavo, e luca sembrava accorgessene, c'erano periodi che infatti cercava sempre con più insistenza e sicurezza il contatto con me, trovavo le mie mutandine sempre più spesso sporche, era diverso dall inzio, perché se prima faceva di tutto per far sembrare cose accidentali ora lo faceva con l'intenzione di farsi vedere, e il mio stato aiutava rafforzava sempre più lui è indeboliva sempre di più me. Solo che le cose erano sempre più frequenti, anche le sue domande inizavano a farsi sempre più insistite, voleva sapere chi era, se lo sentivo ancora, come ha fatto a conquistarmi.. Ecc ecc..
Io sdeviavo a tutte quelle domande ma avevo sempre paura ché lui alla fine quasi mi ricatasse, cosa Che non è mai successa, ma io pensavo di tutto. Quello fu un periodo lungo e difficile e alla fine quando vedevo che la sua intenzione non era quella di raccontare tutto io iniziai a rilassarmi molto, e cercavo di essere più leggera anche con lui, anzi pensavo se ero piu elastica potevo portarlo dalla mia parte, allora se mi voleva guardare perché evitarlo tanto lo faceva comunque, mi sentivo un po' in imbarazzo quando cercava il contatto con me, ma cercavo di non farci caso, a volte usavo pure la malizia, tutto quello che in passato mi sembrava essere provocante per lui, sempre se in maniera "sbadata" iniziava a non essere più, e se mi dovevo piegare per prendere qualcosa lo facevo, se dovevo mangiare un gelato lo facevo con malizia, ma anche una semplice frase ad esempio "lo sai che di frutta a me piace solo la banana".
Questa maniera di vedere le cose aveva piano piano rafforzato il nostro rapporto, ognuno sapeva il segreto dell'altro, e quando lui andava esplicitamente su quel discorso non c'era più la freddezza di prima, da parte mia, anzi addirittura ogni tanto sempre con i dovuti limiti ci scherzavamo su, anche se non mi lasciavo andare e non gli raccontavo nulla,ma lui prendeva sempre più coraggio in tutto,ormai non c'era più nulla da nascondere, io sapevo che lui era attratto da me, e probabilmente non solo attrazione, ma cose addirittura più spinte, e lui sapeva che io avevo tradito mio marito, ma grazie a dio non sapeva quelli che erano stati i miei pensieri a volte Che lo avevo in qualche modo provocato perché se no non oso immaginare.
Devo anche essere sincera, quella nostra piccola complicita mi piaceva, e il mio silenzio su i suoi atteggiamenti gli davano coraggio ad osare sempre qualcosa, inevitabile che ogni tanto ci ritrovavamo soli e lui non si faceva scappare mai un occasione..
Un giorno mi fece un regalo, così senza nessun motivo mi disse..
"aprilo quando sei sola"
Così feci, con il cuore in gola, apri il pacchettino Dove c'era dentro un completo intimo, era molto sexy, sapeva che amavo l'intimo in Pizzo, e quello era molto trasparente, un rosso fuoco non riuscivo a non sorridere, e un bigliettino con su scritto..
"mi piacerebbe vederti come ti sta".
Pensavo che era un pazzo e che non avevo la minima intenzione di farlo contento, non ci sarei mai riuscita, ma lo provai, bhe lo ammetto aveva gusto il ragazzo, con tutto l intimo che mi aveva preso sapeva benissimo la taglia, mi piaceva anche come mi stava indosso, e quando ci fu l occasione mi disse..
"allora mamma non mi hai detto niente del regalo"
Quasi rassegnata gli dissi..
"si Luca è bello grazie"
"e del biglietto?"
"che te lo scordi"
"perché scusa non ci vedo nulla di male"
"ma Luca secondo te posso mettermi in intimo e farmi vedere da te?"
"bhe non mi sembra di non averti mai visto in costume"
"non mi sembra assolutamente la stessa cosa"
"perché no che cambia?"
“cambia che in costume è una cosa casuale in intimo dovrei farlo apposta e non mi sembra proprio il caso "
" dai ti prego é un nostro segreto"
"ma Luca ti rendi conto, pensa se tuo padre sapesse cosa mi stai chiedendo, va che ti ricordo che sono tua mamma"
"e tu pensa cosa direbbe papà sa sapesse cosa hai fatto al mare"
Quella frase mi spaventò anche se non c'era cattiveria nel suo tono..
"mi sembra che tutti e due abbiamo dei segreti quindi..,poi nessuno dei due a più le prove"
"é vero ma la foto con lui, con le tette in vista c'è ancora"
"ti avevo detto di cancellarle però"
"e mamma è più forte di me non ci riesco"
"visto che stiamo parlando, posso sapere cos'è che è più forte di te?"
"io te lo dico ma promettimi che non fai storie"
"dai muoviti parla non ti dico nulla.. Ormai"
"mi piaci, io non posso farci nulla, sei più forte di me, sogno di tutto..."
"va bene va bene fermati non voglio sapere altro ho capito, ma tu capisci che non è normale quello che pensi"
"tu sei la mia debolezza, non posso fare a meno di guardarti e pensarti, sei una donna meravigliosa"
"vabbè tanto penso sia inutile dirti di non farlo tanto ho capito che non mi ascolterai mai"
"posso abbracciarti? “
Era sincero, dolce non potevo dirgli di no..
" ma certo che puoi "
Si avvicinò, mi strinse, era dolcissimo, ma poi mi guardò gli occhi e quella dolcezza svanì, lasciando posto ad altre sensazioni, tenevo la testa a distanza avevo paura provasse a baciarmi e non volevo deluderlo, così glielo avevo fatto capire con quel gesto, Luca mi accarezzò il collo delicatamente, mi venne un brivido..
"sai mamma che ti penso sempre con quel ragazzo al mare?"
In quei momenti mi facevo guidare dall istinto e invece di allontanarmi gli risposi..
"e cosa pensi luca?"
"la fortuna che ha avuto, se sapessi cosa ha fatto per conquistarti lo farei anch'io"
Mi limitai a dirgli
"oh Luca"
Lo abbracciai forte, sentivo la sua eccitazione, ma non mi staccavo, le sue mani su i miei fianchi, che a un certo punto scivolarono sul mio culo..
"Luca che fai?"
Il suo tono di voce cambio', l atmosfera che c'era cambiò..
"dai mamma non sta facendo nulla di male"
"Luca dai fai il bravo, togliele"
"shhh dai mamma pensa che sono Saad gliele faresti togliere?"
Non so se gli era venuta spontanea o se le era preparata ma mi mise in uno stato di imbarazzo e eccitazione allo stesso tempo mai provato..
"Luca ma che dici?"
Si fece sempre più deciso lui e sempre più debole io,con voce bassa ma eccitata..
"zitta e rispondimi"
Io non riuscivo a dargli una risposta, ma non riuscivo nemmeno a staccarmi..
Lui continuava...insisteva quasi con leggera prepotenza..
"dai a me può dirmelo.. Tanto già lo so"
Io continuavo a non rispondere completamente incapace di dire qualcosa e tanto meno di fare qualcosa.. Lui invece completamente preso dalla situazione e con una spavalderia che non mi aspettavo ma sicuramente guidata dall eccitazione..
"non capisco perché solo lui può avere avuto la fortuna di toccarti il culo.."
Luca aveva messo tutte e due le mani dentro i leggings, mi stava toccando il culo ed io non riuscivo a fare nulla e lui ne approfittava..
"allora mi rispondi o no?, lo sai che quando vi penso insieme mi eccito, che bel culo che hai.. Mmmm.... Dai fammelo vedere, girati.."
Mi girò con convinzione e forza , avevo ormai i pantaloni abbassati sulle cosce, si mise a toccarmelo di nuovo, poi si avvicinò, non me ne ero nemmeno accorta ma anche lui si era abbassato I pantaloni, aveva su i boxer e si strusciava su di me..
" anche lui ce l'aveva così duro mamma?"
Mi sentivo eccitata e imbarazzata allo stesso tempo difficile da spiegare.. Ma con la testa feci segno di sì per lui fu un ulteriore scossa di eccitazione, la cosa che mi sorprendeva era la sua decisione..dentro di me speravo si fermasse perché anche se io volevo farlo non avevo la forza ero esausta..
Affondava con decisione tutto il mio culo con le sue mani coperto dalle Mie mutandine, sentivo il suo cazzo affondare nelle mie morbidezze, non avevo mai visto in vita mia un ragazzo così eccitato e non avrei nemmeno dovuto vederlo, io non pensavo potesse succedere un episodio simile, non ero assolutamente preparata ad una cosa del genere,Luca mi diceva di fidarmi di lui, ma quella era una cosa che non si poteva fare e che io non volevo fare ma non riuscivo a fermarlo..
Squillo 'il telefono all' improvviso, fu come uno spavento, mi ricomposi in un attimo, anche lui, al telefono era mia sorella, ma non riuscivo nemmeno a seguire ciò che mi diceva da tanto ero scossa, ma fu come uscire da un ipnosi profonda, da un incantesimo come se non ero io a fare tutto ciò.
Solo che quell episodio dava a lui ancora più sicurezza mentre io ero a dir poco preoccupata se potesse ricapitare qualcosa di simile, non lo potevo permettere era qualcosa che mi angosciava parecchio.
Ma lui prese coraggio sempre più, addirittura mi mandava messaggini dicendomi che mi pensava, che ripensava a ciò che era accaduto, facendo apprezzamenti sul mio culo, io mi limitavo a dirgli di non esagerare, di piantarla, o di non fare lo stupido e soprattutto di non dire a nessuno ciò che era successo, controllavo il suo PC per capire se manteneva la parola e non trovavo nulla, ma avevo paura che trovava un altro modo per parlare con qualcuno, si parlo di pino, ma avevo paura in generale.
Avevo capito che si era andato decisamente oltre, e che indietro non si poteva tornare, avevo anche paura di quello che potesse pensare luca di me che mi potesse giudicare in qualche modo.
Ma lui comunque mi rispettava, quando gli dicevo quelle cose non insisteva più di tanto,per quello che io piano piano mi fidavo sempre più di lui.
Quella fiducia, quei segreti che avevamo, aveva fatto crescere in noi un rapporto diverso, ma parlo anche nella vita normale, si stava creando un legame di complicità, che mi faceva sentire sicura, protetta, quasi ammiravo luca perché ero arrivata a sentirmi una donna diversa, mi piacevo di più, vedevo la vita in un altra maniera, non solo fatta di sacrifici, casa, famiglia, ma anche di divertimento e qualche trasgressione che fino a pochi anni prima non sapeva nemmeno cosa voleva dire, era incredibile ma mi sentivo attratta da lui, come persona proprio non intendo a livello sessuale, non ero ancora arrivata a quello, ma appena sentivo un po' la sua lontananza anche se per brevi periodi e se per diversi motivi quella la sentivo, la sentivo maledettamente, e ogni volta c'era di mezzo una ragazza, solo che me ne accorsi subito, e io mi sentivo messa in disparte, per il bene di Luca, preferivo sentirmi così e non fare nulla chiaramente, volevo che si sistemase e che quello che era successo rimaneva solo un ricordo.
Ma non fu così, tra di noi c'era un qualcosa che non si vedeva ma si percepiva, un qualcosa che anche se vuoi non puoi scappare non puoi evitare c'è é lì e prima o poi sarebbe successo che mi sarei ancora scontrata con quello che era già scritto.
Sapevo che tra di loro le cose Nell ultimo periodo non andavano più bene, so che è una cosa pure brutta da dire, ma ne ero quasi contenta.
È sapete perché? Perché mi erano tornate a mancare le sue attenzioni.
Pensavo che avevo già superato i cinquant'anni, e che tra qualche anno probabilmente Luca si sarebbe sistemato e probabilmente anche le attrazioni verso il mio corpo si sarebbero sciolte piano piano, era inevitabile, ma solo il pensiero mi metteva nostalgia.
Un giorno dovevo andare come pubblico ad una trasmissione televisiva, queste sono sempre idee di una delle mie sorelle, così mi misi un po' elegante, come mi capitava solo un poche occasioni, gonna nera con stivaletti, un maglioncino bianco leggero a v e mentre aspettavo mia sorella che mi venisse a prendere andai da Luca.
"dimmi un po' come sto? “
“mamma non ti ho mai visto così"
"ma non dire cavolate.. Dai come sto?"
"sei un pezzo di figa"
Avrei voluto dirgli di non dire cavolate, ma in realtà mi aveva fatto piacere semtirmelo dire..ma facevo un po' l'ingenua..
"dai dici sul serio? Guardami bene “
Sapevo il rischio che correvo a dirgli così, ma volevo accendere qualcosa in lui, in me, in noi..
" allora aspetta che ti guardo bene "
Si alzò dalla sedia della sua camera, mi si avvicinò, io ferma immobile, un sasso..
Lui cercava il mio sguardo con fermezza..
Io tutta quella decisione non riuscivo ad averla, il suo viso era davvero compiaciuto si capiva che gli piacevo davvero..
" si confermo sei proprio figa.. Ma fammi vedere hai messo l'intimo che ti ho regalato io? “
Era a pochi centimetri da me e con un dito ha allargato il maglioncino sulla scollatura verso di lui per guardare cosa indossavo...
" luca dai.. "
" perché non l'hai messo mamma?"
Ma non staccava il suo sguardo dalle mie tette..
"l ho messo bianco perché rosso si vedeva troppo sotto questo maglioncino"
"appunto per quello dovevi metterlo"
Cercavo forza per rispondere..
"in che senso luca"
"nel senso che se lo mettevi rosso l'occhio cadeva ancora di più"
"ma l'occhio di chi scusa"
Aveva un sorriso malefico, eccitato, superiore e il suo sguardo era sempre lì incollato
"di tutti gli uomini che incontrerai oggi"
"e secondo te dovrei metterlo per farmi guardare? “
“vedi che piano piano ci arrivi.."
"e tu? “
“io cosa mamma?"
“cosa ci guadagni "
" lo vuoi sapere davvero "
" si "
Aveva stampato sul viso quel sorriso perverso..
" che mentre sarai via io ti penserò, penserò che gli uomini ti guardano le tette, e con tutta probabilità sarò su questo letto completamente nudo, il resto lo puòi immaginare "
" e io cosa dovrei pensare adesso? “
“adesso non lo so mamma, ma dopo puoi pensarmi mentre mi faccio una sega e immagino queste cose.. "
Sospirai quasi rassegnata ma dentro di me sapevo che stavo mentendo.. Sapevo che sarebbe finita così..
" Luca ma sono tua mamma "
" non posso farci nulla e non voglio, poi non mi sembra che sto facendo nulla di male, se non quello di essere sincero con te"
"si ma togli quel dito se no me lo allarghi tutto il maglioncino"
Ora ci guardavamo negli occhi..
"vabbè tanto prima o poi ti passerà questa tua passione"
"può darsi, ma sicuramente non oggi.."
"ma poi scusami anche se mi imbarazza posso farti una domanda?"
"non ti devi imbarazzare con me... Dimmi"
"così non mi si vedono?"
“mmm Mamma e certo che ti si vedono, sono così grosse e piene che ti si vedono sempre, ma più le fai notare e più sono contento "
" io non so veramente cosa dirti luca, cosa dovrei pensare secondo te? “
Dentro me sapevo che ero falsa, volevo mostrami ai suo occhi che quello che pensava e diceva era sbagliato, ma in realtà quelle situazioni mi stavano iniziando a piacere, poi anch'io sapevo che erano sbagliate ma mi piacevano, mi stavano mostrando un lato di me che nemmeno sapevo di avere ma a lui non potevo certo dirglielo..
"niente, voglio solo che ti fidi di me, che se ci capita di parlare di queste cose lo possiamo fare sinceramente, senza fare le cose di nascosto, io ti dico le mie sensazioni e tu le tue"
"ma io non so che dirti, se non che quello che pensi non è normale “
“chi lo dice?, secondo tanti allora anche ciò che hai fatto tu al mare non è normale"
"ma infatti lo dico anch'io che ho sbagliato"
"va bene mamma mi dici che hai sbagliato ma non dirmi che non ti è piaciuto perché non ti credo"
"si ma Luca non puoi nemmeno paragonare le due cose"
"ma io non voglio paragonare nulla, ma tu vivi il tuo piacere come vuoi, e io faccio lo stesso"
Allargai le braccia come segno di resa, quasi a terminare la conversazione ma lui era di tutt'altra idea..e con aria convinta, decisa, quasi a dominarmi...
"dimmi la verità mamma, non ti piace essere guardata.. Apprezzata.. Desiderata.."
Nel frattempo con il dito era tornato a giocare con la mia scollatura, in un attimo sentivo il mio cuore andare a mille, e quella sensazione di bloccarmi senza forze che mi era già capitata era tornata, non avevo nemmeno la forza di rispondere, forse perché non ero capace a dire bugie e il mio silenzio per lui fu la risposta migliore che potessi dargli.. Mi si avvicinava all'orecchio..
"dai secondo me ti piace ma non lo vuoi ammettere, secondo me i miei sguardi ti piacciono, e anche i miei pensieri verso di te.."
Non so come spiegare ma quella sua maniera di dominarmi mi faceva sentire sicura, appoggiai la mia testa sulla sua spalla senza dire una parola ma lui continuava..
" mi fai eccitare... "
Iniziavo a trovare coraggio e forza per parlare..
" cosa ti fa eccitare Luca?"
"non passa giorno che non penso che ti sei fatta scopare.."
Non lo potevo vedere, ma sentivo che si stava abbassando il bordo dei pantaloni della tuta, stava iniziando a toccarsi ma non toccava me sentivo il suo respiro pieno di godimento e me lo faceva sentire tutto sul collo,si stava facendo una sega abbracciato a me..
"dai mamma dimmi ti è piaciuto mmmmm ohhh"
Con la testa facevo segno di sì..
"ti piacerebbe rivederlo?"
Mi limitavo con la testa ad annuire..
"ohh sii mmm.."
Sentirlo così eccitato mi dava un adrenalina allucinante.. Inspiegabile..
"gli hai fatto un pompino?"
Non avevo praticamente mai usato quella parola in vita mia.. Ma volevo mandarlo in ecstasi..
"si Luca gli ho fatto anche un pompino.. E non solo uno.."
"mmmmmm ohhh siii e tipiaceva?"
Stavo per rispondere quando arrivo mia sorella Che suonò il citofono, ma questa volta riamsi calma, mi staccai lentamente da lui, volevo vederlo negli occhi, poi abbassai lo sguardo, mamma mia quanto era eccitato, era lì con il cazzo di fuori davanti a me, sembrava quasi lui che ora era senza forze..mi disse
"grazie.. Vedi che non è così difficile come sembra aspetta che guardo se sei sporca"
Mi guardò sulla parte laterale della coscia poi mi diede quasi una sculacciata..
"sono stato attento"
"Luca vado.. Mi raccomando".
Me ne andai, e durante il viaggio in macchina e durante quel giorno le sensazioni che sentivo erano per me nuove.
Si mi sentivo gasata, questa era la sensazione, come quando da ragazzina fai colpo sul più Figo della classe, mi sentivo sicura di me, anche nei giorni seguenti la sensazione che avevo era la stessa,ovviamente pensavo a quello che era successo, alle conseguenze ma oramai i miei pensieri erano cambiati, vedevo in luca come una opportunità diversa della mia vita, provo a spiegarmi.
Avevo una curiosità di scoprire qualcosa che fino a quel momento non faceva parte della mia persona, un mondo nuovo, sensazioni nuove, sapevo che di Luca potevo fidarmi mi voleva bene, quel lato che aveva così perverso era solo il suo modo di vivere il sesso, ma era una persona d'oro, tutto normale se non fosse mio figlio, e invece quella era la cosa che in realtà mi dava più eccitazione, probabilmente se fosse stato un altro era solo un tradimento, era solo sesso, invece con lui non era così, era qualcosa che andava oltre, era sesso, amore, perversione, gioco, tutte cose messe insieme.. Una vera e propria eroina.






Questo racconto di è stato letto 1 7 0 5 8 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.