Carta bruciata- 4 Pelle

Scritto da , il 2020-09-22, genere etero

Se chiudo gli occhi e  ripenso a Luca, al Luca conosciuto nella sua interezza, mi ritorna in mente la nostra prima volta, a casa sua. Come se fosse stata di nuovo la prima volta per me.
Me lo ricordo bene, quel giorno.
Metà dicembre, una giornata fredda ma limpida e soleggiata. Un'estate di San Martino a fine dell'anno. Gli ho portato il ginseng e il cornetto, non ha mai provato il ginseng, bisognava porre rimedio il prima possibile. Rido sotto i baffi mentre lo beve. Sento tirare la zip dei miei stivaletti, sono i suoi gattini. Un maschio e una femmina. Il maschio mi salta in braccio.
"Carino, vero?"
"Sì... Anche il padrone non è male"
Si avvicina. Gli lecco i via i baffi al ginseng che gli sono rimasti. Le nostre labbra si incontrano.
Siamo in piedi. Abbracciati. Sotto il mio orecchio sento quel tum tum che da mesi è il mio pezzo preferito. Gli accarezzo la schiena ampia. Poi il petto. Sento i suoi capezzoli al di sotto della maglietta. La nuca sta formicolando nel punto dove le sue dita sottili mi stanno accarezzando.
Mi afferra per i glutei e mi prende in braccio. Fingo di volermi svincolare. Chiude la porta, così i gattoni non ci disturbano.
Il materasso cigola sotto il nostro peso. Ridiamo come due scemi. Mi schiaccio su di lui. Nonostante i vestiti, avverto nitidamente una presenza importante sul mio osso pelvico.
Non servono parole, solo gesti. Naturali come respirare. Mi accarezza da sotto il maglioncino e tra un respiro spezzato e l'altro dice che ama toccarmi la pelle. Che mi ama. È la prima volta che me lo dice.
"Non te ne andare, resta qui con me". Via il maglioncino, via la sua maglietta. E via libera sul suo torso. Somiglia al David di Michelangelo, ma è decisamente più attraente.  Via anche i pantaloni di entrambi. Mi fa sedere in braccio. La sua grossa erezione ormai è palese e mi ci struscio sopra.
Pelle.
Pelle nuda contro altra pelle nuda.
Il tatuaggio di Corto Maltese sul fianco sinistro. Con l'indice ne percorro i bordi, come a volerlo imprimere nella mia memoria tattile. Mi slaccia il reggiseno e mi copro istintivamente con le mani.
Lui me le sposta e affonda il viso al centro del mio petto. Gli accarezzo la testa, stringendogli i ricci. Comincia a baciarmi i seni, piano, le sue labbra si chiudono attorno a un capezzolo e sento il chiaro suono del risucchio. Ci affonda le mani sopra, stringe e rilascia. Gli piace il mio seno, dice che sembra fatto apposta per lui, per stare nel suo palmo. Mi bacia il collo, le spalle, i capezzoli, mentre le sue mani si infilano nelle mie mutandine. Me le tira giù. Si ferma un attimo, in attesa. Sto tremando come una foglia. Gli tasto timidamente i boxer, e glieli sfilo.
Ora siamo pelle contro pelle. È caldo. Tanto caldo. Mi piace. Tremare di eccitazione.
Lo bacio ancora e ancora. Mi porta sopra di lui, e lo sento premere. Piano. Vertigine. Paura e desiderio. Non dice niente, aumenta la pressione sul mio intimo. Scuoto la testa.Rimaniamo a stuzzicarci per non so quanto tempo. Umido contro duro. Schiudo per la prima volta le labbra attorno alla sua virilità, una rapida leccata. Lo voglio e non lo voglio. Non per paura del dolore fisico. È la paura di diventare parte di un altro essere, che da quel momento in poi potrà fare di te ciò che vuole. Alla fine mi sposto e mi sdraio a pancia in sotto. Fa freddo. Luca si stende sopra di me. Lo sento sistemarsi. "Sei bellissima" rantola, la sua voce è carica di desiderio. Mi entra dentro. È dolce ma deciso. Annaspo, le mie mani si aggrappano al cuscino . È grosso, grosso come il mio polso. Fa un po' male. Ho gli occhi umidi. Resta fermo, per farmi abituare alle sue dimensioni. È dentro di me solo da pochi minuti e già so che non ne potrò più fare a meno. Si muove, piano. Ruoto la testa per guardarlo e mi bacia con più foga. E affonda completamente. Sono sua. E lui è mio. Mi afferra per il busto e mi sbatte a pancia in su. Rientra. 
Voglio solo che tutto questo non finisca mai.
Non ci credo che stia succedendo per davvero. Il dolore si stempera in qualcosa di più consapevole. Mi aggrappo a lui, quasi lo stritolo. Pelle nuda contro pelle nuda.
Morbidezza contro durezza.
Sentirlo dentro di me, muoversi su di me, a imprimermi il marchio dei suoi denti alla base del collo. Sto tremando di eccitazione e di amore.
Ora sono sopra, se sbircio di sbieco in basso, lo vedo che entra ed esce. Sono sua, millimetro dopo millimetro. È vero che fare l'amore con qualcuno che ami ha tutto un altro sapore. Brucio di passione, brucio d'amore.
Quest'uomo farà sempre parte di me. Abbiamo una nuova identità.
Un'altra pelle, due parti di un intero.
Un'altra pelle, umida.
Un'altra pelle, che racconta una nuova storia.

[Questo racconto elabora ricordi personali e frammenti di una mia storia d'amore in poesia, di cui Carta Bruciata rappresenta lo stadio maturo e si spera completo. Ho iniziato tante storie, ma nessuna ha mai avuto forma compiuta. Con Carta Bruciata e il suo progetto precedente voglio abbattere questo mio limite. Voglio avere il coraggio di farne un libro vero, un giorno. Che spero sarà apprezzato come è stato apprezzato da voi lettori di "Erotici racconti"
Vi aspetto qui sotto nei commenti per sentire i vostri pareri,
Con affetto, F.]

Questo racconto di è stato letto 1 0 7 3 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.