Goliardate con amici

Scritto da , il 2020-07-29, genere esibizionismo



I fatti raccontati in questa storia, date comprese, sono accaduti esattamente come riportato. Non sapendo se qualcuno dei conoscenti delle persone citate bazzica questi siti, ho deciso di modificare i nomi dei personaggi, in modo che nessuna persona reale possa essere identificata.
La prima volta che ho giocato a strip poker con i miei amici è stato il 21 luglio di quest’anno. Sono un ventiduenne della provincia di Roma, gli amici “grandi” li ho in città, nel mio paese mi frequento con persone in media un po’ più piccole di me. I protagonisti di questa vicenda hanno tutti sui diciassette-diciotto anni, tranne Claudio che ha la mia età. Sono originario di Napoli e gran parte dei miei parenti sta lì. Due di questi parenti, due zii, festeggiavano, per coincidenza, il compleanno insieme, e uno dei due compiva 50 anni. Essendo quest’ultimo una persona che ci tiene particolarmente a queste occasioni, come capita spesso al sud, ha organizzato una grande festa invitando parecchia gente, tra cui, ovviamente i miei genitori. Consci del mio desiderio di autonomia e che vedermi con un sacco di parentela non mi avrebbe reso troppo felice, i miei hanno deciso di lasciarmi a casa da solo per il periodo della festa: mi hanno lasciato martedì mattina e sono tornati il giorno dopo. Avrei avuto casa libera martedì sera e poi avrei passato tutta la notte da solo. Decido di uscire con un amico, Claudio, e andiamo a mangiare al cinese, nel frattempo avvertiamo gli altri ragazzi della nostra cerchia che io ho casa libera e se vogliono possono venire a trovarmi per una pokerata. Saliamo con Claudio a casa mia e ci facciamo un paio di partite a scacchi (che ho vinto facilmente) poi Claudio va a prendere i ragazzi con la macchina. Si presentano tre maschi, Francesco, Luca e Piero, e due ragazze, Ludovica e Alice. All’inizio, la serata procede normale: noi maschi giochiamo a poker mentre le ragazze, amiche strettissime tra di loro, stanno sul divano a chiacchierare e spettegolare. Il bello inizia quando le ragazze se ne vanno. Stavamo già facendo un po’ di discorsi piccantini e io per scherzare me ne esco con un: “Beh, a sto punto facciamo uno strip poker!” Ora dovete sapere che 1) non avevamo mai fatto nulla del genere e io non ero serio 2) io sapevo che Francesco, Luca e Piero si erano visti il cazzo a vicenda in varie occasioni, mentre io ero escluso, nonostante sapessero che sono bisessuale (non l’unico, anche a Piero piacciono sia maschi che femmine). Non potevo credere a quello che è successo dopo: il gruppo (sulla spinta di Francesco) prende sul serio la mia proposta e ci mettiamo a parlare delle regole da seguire. Dopo un po’ di divertito dibattito arriviamo alla seguente conclusione: chi folda avendo una mano migliore si toglie un vestito, se tutti tranne chi ha la mano migliore foldano non succede nulla e chi resta senza fiches si spoglia nudo. Per quanto riguarda il numero di vestiti non ci sono problemi, è estate e tutti indossiamo lo stesso numero di capi: scarpe, che vengono contante insieme come un indumento; calzini, anche questi considerati in coppia; una maglia o una camicia, un pantalocino/jeans e mutande. Subito Claudio, che parla sempre di sesso ma sotto sotto è il più puritano del gruppo, si ritira dalla competizione e si mette a stare col mio computer in camera mia. Noi iniziamo a giocare nella cucina-salotta di casa mia, dove eravamo stati fino a quel momento. Ora, non mi ricordo lo svolgimento della partita in dettaglio sia perché ero troppo preso dal fatto che a breve avrei visto qualcuno completamente nudo, sia perché a poker in realtà sono una mezza sega e non mi ricordo neanche l’ordine d’importanza delle combinazioni. La partita è comunque esilarante. Francesco, che è solito infervorarsi già per le partite normali, vive questa partita in modo estremamente ansioso e a ogni colpo di sfortuna ha un attacco d’ira. Io e Piero, e in misura minore tutti gli altri, continuiamo a fare proposte hot strane per divertirci, mischiando divertimento, imbarazzo e tensione. Alla fine, Francesco resta senza scarpe e calzini, Luca si toglie la maglietta e le scarpe, Piero le scarpe mentre io non ricordo bene, ma credo fossi il più vestito, anche se resto con pochissime fiches. Luca si ritrova anche lui a corto di fiches e, credendo di avere un colpo di fortuna, si getta in un all-in contro Piero, perdendo platealmente. E si spoglia davvero! Rimanendo però incollato al tavolo e alla tovaglia e coprendosi sotto con le mani. Luca ha davvero un bel corpo, asciutto e atletico e io sono abbastanza estasiato. Alla fine, provo a guardare sotto il tavolo, con il consenso di Luca, che mi sfida dicendo che le mani bastano a coprirlo e in effetti non vedo granché. Lo costringiamo a sfilarsi completamente le mutande e a farle vedere e in quel momento, mentre è impegnato con le mani, per fare una goliardata mi sporgo sotto il tavolo. Peccato che sia riuscito a chiudere le gambe in tempo! Il suo gridino spaventato e allo stesso tempo ironico da ragazzina non ha prezzo. Attirato dal casino che stiamo facendo, anche Claudio si affaccia alla cucina. Al prossimo giro, anche io faccio all-in perché sono a corto di fiches e perché, sinceramente, mi va di spogliarmi. Perdo e restando anch'io attaccato al tavolo mi spoglio. Per evitare che potesse riprendersele, le mutande di Luca erano state buttate sul divano a distanza dal tavolo, ma gli restano i pantaloncini con cui cerca di coprirsi senza infilarseli, in modo che nessuno possa vedere nulla sotto al tavolo. Anche io getto coraggiosamente le mie mutande sul divano, restando a tiro di pantaloncini. A questo punto, si è fatto tardi e il gruppo deve andarsene, la questione diventa una regola che io avevo proposto e che gli altri avevano accettato a inizio partita: chi si spoglia nudo deve rimanere alzato per un secondo. Luca non vuole farlo in alcun modo e per convincerlo ce ne vogliono delle belle. Alla fine, accetta a condizione che Piero e Francesco restino all'angolo della stanza guardando in direzione opposta (Claudio se ne era andato di nuovo). Tre... due... uno e dobbiamo alzarci tutti e due promettendo che ci saremmo guardati nelle palle degli occhi e non in quelle del cazzo. Ma Luca è più basso di me e il cazzo non gli arriva oltre il tavolo. Per fortuna, anche io riesco a fermarmi un attimo prima che il mio pene divenga visibile ma riesco a vedergli, abbassando lo sguardo, il pelo del pube. Fine della giornata goliardica, io mi rimetto i pantaloncini cercando di non farmi vedere troppo il culo, lo stesso fa Luca solo che lui deve rimettersi anche le mutande per uscire quindi con Piero che gli fa la guardia deve spogliarsi di nuovo per rimettersele. Guardia di Piero che serve solo a evitare che qualcuno cerchi di vedergli il cazzo, perché dalla mia posizione nella cucina il culo di Luca è visibilissimo e mi godo lo spettacolo del suo fondoschiena mentre si riveste.
La giornata goliardica fu piuttosto carina e dicemmo cose abbastanza spinte. Gli altri sapevano che io aspettavo un ragazzo da Milano, Davide, a cui avevo mandato dick pics e video in cui mi masturbavo. Luca, da etero curioso o qualcosa del genere, mi ha chiesto di poter vedere queste immagini anche se poi la cosa non si è fatta. Luca stesso ha detto che non ha avuto il coraggio di farsi vedere nonostante fosse nudo perché non c’erano ragazze e ci siamo ripromessi di fare una versione del gioco più completa in presenza di Ludovica o Alice.
Passa una settimana e io sono di ritorno da un viaggio a Napoli con una mia cara amica (purtroppo solo amica!). Mentre sono in treno Claudio mi scrive su whatsapp chiedendomi se voglio partecipare a un gruppo BDSM. Non sapendo quanto la cosa sia seria e volendo divertirmi accetto e lui mi fa entrare in un gruppo telegram con lui, una ragazza di nome Natasha e un altro ragazzo. Lui e Natasha sono master e mistress, io e quest’altro ragazzo siamo gli slave. All’inizio la cosa non si percepisce e noi ci mandiamo i soliti nude pics convenevoli, anche se io sono un po’ a disagio perché c’è una persona che conosco nel gruppo. A un certo punto l’altro slave pubblica una foto del cazzo suo e di suo fratello affiancati e Natasha ordina a me e a Claudio di fare lo stesso. L’accordo è che Claudio venga a casa mia, noi ci spogliamo e facciamo una foto con i nostri cazzi flosci uno a fianco all’altro. Ci mettiamo d’accordo per le dieci, nel frattempo io e questa ragazza siamo arrivati a Roma, dove abbiamo trovato mio padre con la macchina ad attenderci che ha prima portato lei a casa per poi far tornare noi. Mangio, mi faccio una doccia mi metto in mutande e pantaloncini e grossomodo in quel momento arriva Claudio. È il 28 luglio. La giustificazione per mia madre è che dobbiamo organizzare per una festicciola che voglio tenere a casa sabato. Claudio arriva a casa mia, va in bagno, si mette a parlare con mia madre del più e del meno, poi lei esce e clang! Chiudo la porta a chiave e siamo soli. All’inizio c’è un attimo di imbarazzo. Lui mi dà un’altra informazione: non solo dobbiamo fare la foto con i nostri cazzi affiancati, ma un’altra in cui glielo tengo in mano. La mia reazione iniziale è di repulsione, provo a essere evasivo, finché lui non mi fa vedere uno scambio chat che ha avuto con Natasha su Telegram: è lei a volerlo, per suggellare la mia condizione di slave. Accetto, a patto che Claudio sia il primo a spogliarsi in modo da togliermi l’imbarazzo. Con una punta di imbarazzo e un fare pragmatico, lui prima si toglie la maglietta, poi si slaccia la cintura e si cala pantaloni e mutande. Un cazzo glabro e circonciso, leggermente più lungo del mio, mi si para davanti. Faccio un attimo fatica a inquadrare insieme il volto consueto del mio amico e quella bestia che ho di fronte agli occhi per la prima volta (l’ho vista poco prima via chat, ma dal vivo fa un altro effetto). “Adesso è il tuo turno” Quasi senza pensarci tiro giù il pantaloncino e le mutande che indossavo e resto nudo. Mi avvicino a lui e prendo il cellulare dal letto. Siamo abbastanza vicini faccio una foto in cui entrambi i cazzi sono visibili. Non basta, devo prenderglielo in mano, mi ricorda lui. Lui non mi ispira alcuna eccitazione erotica, ma senza starci troppo a pensare agisco. Avanzo con il braccio sinistro e tengo quel batacchio viscido tra indice medio e pollice, un po’ come si fa quando si va a pisciare. Dico “tengo” perché non si può dire né che lo stringo né che lo afferro, non è una vera è propria presa, ma la mia mano, o meglio le mie dita, gli stringono il cazzo, mentre con l’altra mano scatto rapidamente la foto. Lui si rimette su mutande e pantaloni e osserviamo le foto fatte: la prima, quella dei cazzi affiancati, va benissimo, ma la seconda è molto sfocata. Non mi lascia altra scelta, dobbiamo rifarla. Anche io nel frattempo mi sono “rivestito” quindi è solo lui che rapidamente si toglie quello che aveva addosso facendoselo scivolare lungo le gambe. Metto di nuovo avanti la mano e risento quella cosa viscida tra le dita, scatto la foto. Stavolta va bene, grazie al cielo. Lui si riveste e io mando le due foto sul gruppo telegram. L’ho retto al mio padrone, ora sono senza dubbio uno slave. Un mio amico mi chiama mentre Claudio si riveste e poi va via.

Questo racconto di è stato letto 1 8 4 4 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.