5 - cuck a vita . Raffa pornostar

Scritto da , il 2020-07-16, genere tradimenti

Prima fidanzata e prime corna, fu così che mi accorsi che le donne che tradiscono mi piacciono di più, fino al punto da convincere e spingerle tutte a cornificarmi… ed è un elenco lungo.
“sei davvero splendida, poche donne sanno essere così eccitanti come a te viene naturale… sai che solo a pensarti me lo fai venire duro…?” Raffaella arrossì e si schernì “ma dai, sei solo tu che mi vedi così… però mi fa piacere quello che dici, mi lusinga molto”
Stavamo insieme da qualche mese e i fuochi d’artificio non finivano mai, il sesso andava a mille.
“ma davvero lo dico… e non solo per me, ho ascoltato di nascosto certi commenti dei miei amici che non sapevo se incazzarmi o sentirmi orgoglioso” colsi in lei imbarazzo ma anche maliziosa curiosità “… uh… davvero… tipo…?” nemmeno ce ne fosse stato bisogno la sua curiosità mi eccitava “tutti commenti ammirati eh, non equivocare e non pensare alla volgarità delle parole, li conosco ed è solo ammirazione e invidia, frusrtrazione…” si mordeva il labbro “dai dimmi” – “… tipo… cazzo che figa, mi fa impazzire, la notte mi sego… oppure: avessi solo una volta la possibilità di metterle la cappella fra le labbra, non chiedo di più… ma anche: ha un culo che parla e parlando chiede fottimi fottimi… ah, un’altra interessante è: che se ti mettessi a pecora potrebbe stare delle ore a chiavarti con il grande rimpianto di non vedere il tuo viso da porca godere…” invece che metterla a disagio, le frasi da me riportate la fecero sorridere “ che carini, però ora, ogni volta che vedrò un tuo amico non potrò che sentirmi in imbarazzo…” – “ … e perché? perché vorrebbero scoparti? E prima cosa credevi pensassero? a come eri vestita bene?” – “no, hai ragione, sono sciocchezze, non si possono censurare fantasia e desideri…” – “brava, però ho la sensazione che tu proprio non sappia in che mondo viviamo oggi, hai presente i siti di incontri? Dove ogni profilo è falso? Carampane che si calano gli anni e mettono foto di attrici e modelle e autentici cessi maschili che mettono foto dei loro cazzi… e spesso non sono nemmeno i loro…” – “è un abisso lo so, perché me ne parli?” – “perché in quel gioco ci sono anche le tue amiche e i miei amici, e il mondo che viviamo è fatto di questa realtà, ma tu sembri non volertene accorgere” – “è vero, hai ragione, ma… e allora?” – “… e allora hai bisogno di sbloccarti un pochino, entra anche tu, con un profilo vero, senza che ti si riconosca… e poi stai a guardare e divertiti”.
Discutemmo un altro po’, mi chiese di fare le cose insieme, l’avrei fotografata e avremmo scelto insieme tutto, per divertirsi e sbloccarsi.
Incominciai a fotografarla, le prime foto non si affrontavano, lei era rigidissima e inespressiva e più io insistevo e peggio era. Scegliemmo un sito fra i più spinti, compilammo un profilo del tutto vero, e caricammo le prime foto.
Fu una esplosione di proposte, commenti e offerte. All’inizio ne era imbarazzata e rigida, voleva smettere, ma io trovai modo di farla accorgere della assoluta comicità della maggior parte dei messaggi e profili, dopo alcuni giorni passava allegramente in rassegna le numerosissime foto di cazzi in erezione scegliendone alcuni per una sua compilation illustrata di profili che la incuriosivano o divertivano.
Pian piano, con le fotografie, riuscii a farle fare pose molto più esplicite. Le preferite erano quelle in cui lei, di pecora, si apriva la figa con due dita, un’altra mentre si sditalinava con a sigaretta fra le dita e sopra il pelo si intravedeva sfuocato il suo sorriso, la terza erano le sue labbra adornate perfettamente da un rossissimo rossetto mentre espone la lingua, sorride mimando un pompino, ma poi la convinsi anche a farne mentre davvero mi leccava e sbocchinava… senza mostrare altro del viso.
Inutile dire che i commenti e le offerte si moltiplicarono e crebbero molto anche per qualità, lei prese a chattare flirtando anche senza di me, nulla di clandestino, le piaceva da pazzi vedere fino a dove riusciva a spingere i suoi amici virtuali.
Fra noi andava a gonfie vele, ci divertivamo insieme, scopavamo benissimo e lei, quando uscivamo, era molto più disinvolta e indossava capetti che non le avevo mai visto. Mi confessava “in ufficio, mentre prima mi giudicavano inchiavabile, ora non riesco a stare un minuto da sola e per strada sento commenti pesantissimi” rideva “non avrei mai pensato che potesse piacermi…” – “amore, sei di fatto una pornostar, i contatti virtuali ti hanno regalato questa dimestichezza con l’universo maschile, dipende da te verificare fino a che punto arrivare…”.
Quando uscivamo ero io a suggerire, vedendo qualche bel ragazzo “… e se quello fosse Sfondapassere69? Hai visto quello… assomiglia a Minchia1989, non ti vien voglia di controllare?” lei rideva, poi una volta confessò “in effetti sono curiosa, ma non voglio correre rischi di disavventure” – “giusto, mai rischiare, però potremmo provare a fingere un piccolo litigio, io me ne vado, tu resti e ti fai abbordare da quello là che assomiglia a Turbominchia84, ti fai accompagnare e, arrivata sottocasa lo ringrazi come meglio credi. Io intanto vi seguo e controllo” lei era a bocca aperta, ridendo “dici sul serio? mi intriga un casino, ma tu… non sei geloso?” – “e come faccio ad essere geloso di una pornostar con più di 4000 follower?” sghignazzammo di gusto “anzi, sarebbe ora che passassi dal virtuale al reale” rideva come una bimba con un gioco nuovo “ora fingo di incazzarmi e ti dico qualcosa sottovoce, poi me ne vado. Starò fuori ad aspettare di vedervi uscire e vi seguirò ovunque, così puoi stare tranquilla di non avere brutte sorprese” lei mi guardò gongolando, pregustava il gioco. Diedi una manata sul tavolo come fossi incazzatissimo, tutti si girarono a guardare, mi alzai, mi chinai su di lei e sibilai sottovoce al suo orecchio “ti auguro che abbia un bel cazzone” lei soffoco una risatina trasformandola in un singhiozzo con espressione invece disperata.
Uscii e mi appostai nell’ombra dall’altra parte della strada, attraverso la vetrina potevo vedere benissimo entrambe. Lei rimase un paio di minuti, giusto il tempo che la gente si distraesse, si alzò e andò al bancone, giusto di fianco a lui, come se volesse pagare e andarsene. Quello non si lasciò sfuggire la ghiotta occasione, attaccò discorso e le offrì un drink. Raffaella accettò, con atteggiamento riluttante. Non potevo ascoltare i discorsi, ma non era difficile intuirli, dopo dieci minuti sembrava si conoscessero da tempo e lei accennava piccoli sorrisi ad incoraggiarlo. Capii benissimo quando lei fece in modo che lui si offrisse di accompagnarla, in effetti non aspettava altro, uscirono, presero la sua auto e io mi affrettai a seguirli. Ma non si diressero verso casa, ero un po’ allarmato, poi mi accorsi che eravamo arrivati in un noto posto da coppiette, parcheggiai nel buio e mi avvicinai rimanendo a distanza, potendo vedere non visto.
C’era poco da stare all’erta, dopo poco i loro discorsi e le loro risa erano tali da poter ascoltare tutto senza fatica, l’unico lampione li illuminava quel tanto da regalarmi una buona visuale e per la prima volta compresi il voyerismo. Le loro voci tacquero, li vidi allacciarsi in baci e smanacciamenti, era molto eccitante. La vidi chinarsi e tirargli fuori l’uccello dai pantaloni e lui spingerle la testa al posto giusto.
Ero al buio e faceva un po’ freddo, ma avevo il cazzo duro e mi segavo di gusto vedendo la testolina della mia donna andare su e giù.
Poi lei si rialzò, pensai che lui avesse sborrato, invece ci fu un turbine di vestiti poi lei gli montò sopra incominciando a scoparselo a smorzacandela con un crescendo di urletti, mugolii e gridolini, lui invece la incitava con voce più roca. Non durarono molto più che una sveltina, ma fu chiaro che le aveva sborrato dentro facendola godere, ero orgoglioso di lei.
Mi affrettai all’auto con l’uccello che chiedeva soddisfazione, ripresi a seguirli e stavolta arrivarono sottocasa, parcheggiai dietro l’angolo, saltai la siepe del nostro piccolo giardino, girai l’angolo e, non visto da dietro la siepe, potevo vederli e ascoltare benissimo da non più di un paio di metri.
Era la classica scena della sigaretta del commiato, parlavano con rilassatezza, lei rideva “… del resto se lui ti molla così si merita che tu gli metta le corna” – “mmm… sei stato molto bravo tu a farmi cambiare umore e a convincermi…” – “…convincerti di che? Che una bella scopata si porta via tutti i guai?” risero “hai ragione, perché farsi il sangue cattivo con tanti bei cazzi giro… posso contare su di te?” quello si illuminò “ma certo, quando vuoi per te ci sono sempre” – “mmm pregusti già le prossime scopate, eh?... e va bene, incominciamo subito” lanciò la sigaretta fuori dal finestrino, si chinò su di lui e con lo stesso gesto di prima gli tirò fuori il cazzo dai pantaloni, ridevano, io di nuovo mi segavo “brava, si merita le corna quanto tu ti meriti il cazzo…” – “allora non sto rubando niente” rise lei con la bocca piena di cazzo. In breve potei ammirarla all’opera con migliore vista corredata da un audio di incitamenti soffocati di lui… come se lei ne avesse bisogno.
Non ne aveva bisogno, infatti, lo spettacolo porno durò poco più di una decina di minuti in cui si mise d’impegno a farlo drizzare e poi godere nella sua accogliente bocca. Come mi illudevo di averle insegnato io non sprecò una goccia e non mollò il cazzo finchè non fu nuovamente moscio. Si salutarono e io la seguii in casa facendo attenzione a non farmi scorgere, mi aspettava raggiante in soggiorno. Era stupenda con il rossetto sbavato e un paio di goccioline all’angolo delle labbra. Presi a fotografarla subito, volli che mi facesse il segno delle corna, cosa che la divertì molto, poi le feci mostrare gli slip pieni di sborra e la figa colante. Io la fotografavo e lei rideva e raccontava, le dissi che così troia mi piaceva da impazzire, che la ammiravo, la desideravo e non vedevo l’ora che continuasse a farsi consolare da altri cazzi. Ognuno una volta sola però, non volevo complicazioni, le chiesi anche di darsi da fare con i suoi ammiratori virtuali: era d’accordo su tutto. “Sergio però dev’essere un’eccezione, è troppo simpatico e non corri alcun rischio, ce l’ha piccolo, ma le prime corna valgono di più”

Questo racconto di è stato letto 2 2 7 8 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.