Cronaca Familiare - CAP 11 - Un'estate spericolata (parte terza)

Scritto da , il 2020-07-16, genere orge

Carissimi lettori, rieccomi a narrarvi le gesta erotiche di mia madre Viviana.
Eravamo rimasti alla scoperta che anche il mio amico Giorgione aveva assistito alla scopata di mamma con i due animatori.
“Cazzarola! Non riesco ad avere un amico che non sappia che mamma è una porca! Cazzzo! …. Che posso dire adesso a quel pirla di Giorgione …. Mah …. Potrei dirgli che non è la mia vera madre …. Ma che cambierebbe ? che cazzo di situazione imbarazzante! Bah, gli dirò che ha dei problemi comportamentali …. Che non riesce a trattenere la sua sessualità …. Insomma gli dirò la verità ossia che è una ninfomane! …. Spero che capisca e non mi metta in situazioni imbarazzanti pure lui….”.
Con questi pensieri in testa mi addormentai.
L’indomani, dopo aver fatto colazione, mi diressi al bar della piscina, dove mi trovavo solitamente con il mio nuovo amico ma niente, di Giorgione neanche la traccia.
Strano, davvero strano, solitamente quando io arrivavo lui era già lì da un pezzo per godersi lo spettacolo delle tipe che facevano acqua-gym!
“Mah vuoi vedere che anche l’innocente Giorgione ha deciso di approfittare di mamma?!? Ma no dai Giorgione no, Giorgione non avrebbe le palle per provarci …. Certo che …. Dopo quello che ha visto ieri sera …. Se io fossi nei suoi panni …. Porca eva …. pure Giorgione no cazzo!”.
Feci dietro front e mi diressi di corsa verso il bungalow dei miei per cogliere sul fatto il mio amico ciccione.
Sul viottolo mi imbattei in papà che mi disse:
“Ehi Paolo dove vai così di fretta ? Vieni a fare colazione con me? Mamma come al solito è in ritardo …. Deve farsi bella pure la mattina! Mah! Ste donne, a volte proprio non le capisco … comunque poi ci raggiunge anche lei ….e allora vieni?”
“No no papà ….guarda devo trovarmi con Giorgione ….”
“Ah scusa …. Ok ok …. Vai pure … a proposito l’ho incontrato proprio prima il tuo amico … mi sa che ti stava cercando !”
Corsi via senza nemmeno salutarlo: “Che razza di pirla” pensai tra me e me.
Arrivai in prossimità del bungalow dei miei e bang! I miei sospetti ebbero conferma! Vidi Giorgione che, seppur un po’ titubante e timoroso, stava bussando alla porta.
Mia madre aprì, vidi che si dicevano qualcosa, poi mamma lo fece entrare.
Come un marines in azione mi avvicinai di soppiatto al bungalow, sotto alla finestra del bagno che era semiaperta e quindi mi permetteva oltre che di sbirciare dentro anche di sentire quello che dicevano.
Sentii Mamma chiedere a Giorgione:
“E allora, posso offrirti qualcosa? Scusa ma andrei un po’ di fretta devo ancora cambiarmi e …” era infatti fresca di doccia, con i capelli ancora bagnati che le scendevano sulle spalle, e con l’asciugamano che le avvolgeva succintamente il corpo … già immaginavo il tegone del mio amico a quella visione “ …. E dovrei raggiungere mio marito per fare colazione … quello lì è un maniaco dell’orario e della puntualità …. E allora che mi dovevi dire di così importante ?”.
Il tono di mamma non pareva quello di una che volesse provarci, Giorgione di certo non la attizzava anzi mi sembra che le facesse proprio cagare.
Giorgione dal suo canto mi dava l’idea di uno che aveva fatto il passo più lungo della gamba ed ora non sapeva come togliersi dall’impaccio, infatti lo vidi tutto rosso in viso farfugliare qualcosa di incomprensibile:
“Beh .. cioè … beh vede …. Si cioè l’altra sera io e Paolo … e poi …si cioè abbiamo visto che ….”.
Mamma lo guardò torva, forse aveva intuito qualcosa, ma voleva liberarsi al più presto di quell’inaspettato scocciatore (lei pensava al cazzone di Juan scommetto) e così lo liquidò bruscamente e pure un po’ maleducatamente:
“Senti Gianluca ..Giorgio … o come cavolo ti chiami ?!? …. Ti ho detto che non ho tempo da perdere adesso … scusami ma devo proprio chiederti di andartene adesso!”.
Giorgione pareva sul punto di mollare la presa ed andarsene ma poi tirò fuori un coraggio ed una freddezza del tutto inaspettati, dicendo:
“L’ho vista ieri sera sa, l’ho vista scopare con Juan e Totò !”.
Mamma parve sul punto di esplodere dalla rabbia:
“Brutto cicciottello insolente ma come cazzo ti permetti di venire qui in casa mia ad accusarmi …. Adesso mi giro e vado in bagno a prepararmi e quando mi rigirerò non voglio più vedere la tua brutta faccia da sfigato brufoloso in giro, intesi? Altrimenti chiamo la polizia!”.
“E se io chiamassi suo marito invece ?” Giorgione se ne stava beato con il suo faccione pacioso e beato davanti a mia madre inviperita, tenendo in mano il suo telefonino con cui aveva ripreso il video della trombata … video che ovviamente stava scorrendo nel display!
“Ma …. Ma fottiti ciccione!” disse mia madre in tono sprezzante ma alquanto disperato. Si girò ed andò allo specchio del bagno a truccarsi e sistemarsi.
“No si fotta lei signora … anzi fottiamoci insieme!”: rispose Giorgione che afferrò mamma da dietro stringendole le tettone.
“No non voglio smettila …. Mi fai schifo …. Smettila ….”.
“Invece lei mi fa impazzire signora … non sa quante seghe mi son fatto pensando a lei …. Su su mi faccia scopare altrimenti dico tutto a suo marito ed anche a Paolo!”.
Sapessi che novità, pensai tra me e me.
“Che tette magnifiche che ha signora …. Uhmm …. Siii …. Ed anche il culo …. Oh siii ….lei è una vera dea del sesso!”: Girogione aveva preso a palpare con sempre maggior vigore le tette ed il culo di mamma.
Mia madre era in trappola! Il ciccione non demordeva ed in più aveva il coltello dalla parte del manico! Tentò l’ultima carta disperata:
“No dai non puoi, sei l’amico di mio figlio … dai non puoi … ieri sera ho fatto una stronzata ma quei due mi avevano drogata …. Io amo mio marito ….”.
“Sì sì raccontala ad un altro ste stronzate …. E poi non ci posso far niente se Paolo ha una madre puttana!”.
Come dargli torto.
Giorgione si stava rivelando molto più disinibito di quanto pensassi, ed infatti lo vidi afferrare mamma per le braccia facendole scivolare a terra l’asciugamano ed iniziare a baciarla e leccarla sul collo e sulle orecchie, ovviamente sempre palpandogli le tettone oramai completamente liberate e come al solito trionfalmente svettanti.
“Basta …. Basta …. …fermati …. Non possiamo …. Sei un porco schifoso …..” disse mia madre in tono piagnucoloso e supplichevole, un tono che però ad un orecchio attento come il mio già faceva trasparire un certo apprezzamento per il trattamento ricevuto.
Giorgione del resto, infoiato com’era, non aveva alcuna intenzione di fermarsi anzi fattala girare cercò di limonarla con forza.
Mamma pareva alquanto restia … continuava a girare la testa da una parte e dall’altra al fine di sviare gli attacchi di lingua di Giorgione il quale però ad un certo punto, presale la testa tra le sue manone paffutelle, la immobilizzò centrando il suo obbiettivo.
I due ora stavano limonando, con Giorgione che non accennava a staccarsi … non so quanto andò avanti a limonare mamma tutto d’un fiato.
Poi finalmente si staccò, le labbra di entrambi erano completamente arrossate, a quel punto Giorgione si inginocchiò e inziò a leccare la figa di mia madre.
Non poteva escogitare mossa migliore, le leccate di figa infatti facevano sempre il loro effetto sulla maiala che evidentemente su di giri cominciava ad ansimare e godere:
“Ohhh …. Ahhhh…. Ohhhhh ….ahhhhh …. Siiiiii”.
All’udire quel sì di approvazione Giorgione si fece ancor più coraggio ed alzatosi in piedi ordinò a mamma di prendergli l’uccello in bocca.
“Fammi una pompa adesso!”.
“no …. Oddio No …. Io non faccio certe cose …. Sei un ragazzino …..”.
“Ho 25 anni che cacchio dici …. Prendimelo in bocca …. Pompinara!”
Detto ciò afferrò mamma per le spalle, la fece inginocchiare ed in men che non si dica si fece sbocchinare dalla porcona che aveva di fronte.
“Oh siiiiiiiiiiiiii cazzo siiiiiiiiiiiiiiiii siiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiii, leccami il cazzo troiaaaaaaaaaaaaaaaaaaa!”
Mamma lo stavo spompinando alla grande ingoiando tutto il suo cazzo a ripetizione (del resto era abituata a ben altre dimensioni), probabilmente lo voleva far venire subito per liberarsene senza scopare puntando sulla sua presunta inesperienza!
Ma Giorgione era pieno di sorprese tant’è che sfoderò una resistenza da vero attore hard.
“Cazzo come ingoia signora …. Lei è proprio una bocchinara coi fiocchi ….. cazzo siiiiii …. Si vede che ne ha succhiati tanti di cazzi è meglio delle puttane di strada che mi sbatto… siii …Ma adesso basta …Si Alzi … adesso voglio scoparla !”.
Hai capito il Giorgione, si era fatto le ossa con le passeggiatrici di strada ed ora era pronto a dimostrare a mamma che ci sapeva fare: la fece appoggiare al lavabo del lavandino, le fece alzare leggermente una gamba appoggiandola al bordo della vasca lì vicino, al fine di facilitare l’ingresso del suo pene, e poi, messosi dietro di lei, cominciò a penetrarla in figa tenendola per i fianchi.
“Cazzo siii me lo sentivo che sta vacanza mi chiavavo una figa siiii siiiiiiiiiiiiiiiiii siiiii mi sto scopando sta dea siiiiiiiiiiiiiii cazzo non ci credo !!!!”: la gioia di Giorgione era incontenibile!
“Mi sto chiavando la madre puttana del mio amico siiiiiiiiiiiii che figata pazzescaaaaaaaaaa siiiiiiiiiiiiiiiiiiii!”.
Il ritmo della scopata andava via via aumentando, Giorgione aveva spostato le sue mani dai fianchi alle tette di mamma, iniziando a martoriarle i capezzoli.
“Si che tetteone divine siiiiiiiii che tette che ha signora!”
“Ahhhh … ohhhh …siiii …sborra …Muoviti …sborra pure dove vuoi …Ma sbrigati a venire!”.
“Col cazzo …Sta scopata me la voglio proprio gustare, e quando mi ricapiterà più tra le mani una figona porcona come lei Signora!” e detto ciò fece mettere mamma a 90 gradi, con le mani appoggiate ai bordi del lavello, e prese a fotterla con ancor maggior foga, prendendola pure per i capelli al fine di darsi più spinta!
“Tieni troia …. Prenditi tutto il mio cazzo puttana …. La tua figa è fantastica… è un colabrodo !!!”.
Proprio in quel mentre il telefonino di mamma appoggiato sul lavello prese a suonare, probabilmente era mio padre che voleva sapere cosa cavolo stesse combinando e di fatti dopo averlo preso in mano mamma lesse il numero di papà sul display dicendo:
“Cazzo è mio marito …. Cazzo gli dico adesso … e tu sbrigati a venire …Cazzo !”
“Le ripeto che voglio trombarla a dovere per cui signora di sta minchia si inventi una scusa con quel cornuto di suo marito!”.
Mamma rispose alla chiamata iniziando a parlare con papà, come al solito mentre nel frattempo veniva sbattuta dall’amante di giornata.
“Si caro scusami …Si ti stavo per chiamare …Scusa ma non penso di venire a colazione non mi sento affatto bene …Devo aver preso un colpo di freddo si …Nooo non importa che tu venga … mi metto a letto e nel pomeriggio son come nuova …E poi non vorrai perderti il torneo di bocce, lo so che ci tieni tanto …Sei il mio campione …Mi raccomando stracciali tutti!” mia madre era riuscita come al solito ad abbindolare mio padre con una facilità estrema tant’è che, appena messo giù il telefonino, non si trattenne dal dire “Che razza di coglione!”.
Inutile dire che sta scena aumentò ancor di più, se mai ce ne fosse stato bisogno, l’eccitamento di Giorgione che prese a fottere mamma in maniera sempre più animalesca, insultandola pesantemente:
“ Lei è prorio una troia cazzo, lei è una vacca maiala succhiacazzi perversa!”.
“E smettila di darmi del lei …. Chiamami Viviana oppure puttana …. È lo stesso!”.
“Troiaaaaaaaaaa ti spacco in due maialaaaaaaaaa!!!!”.
Adesso la scopata era davvero selvaggia, e mia madre aveva rotto ogni remora, seppur Giorgione le facesse schifo ci sapeva fare e poi oramai per lei un cazzo valeva l’altro.
“Siii scopami siiiii porcone siiiiiii… cazzo se sai chiavare … siiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiii spaccami tutta siiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiii fammi godere siiiiiiii … fammi sentire una puttanaaaaaaaaaaaaaaaa!!!!!”.
Dopo poco anche Giorgione se ne venne, non prima però di aver fatto inginocchiare quella troia di mamma ai suoi piedi per farle inghiottire tutto il suo sperma!
Pensavo fosse finita là ma mi sbagliavo, infatti sentii mia madre che diceva al mio amico:
“Datti una lavata stallone che io ti aspetto a letto a gambe aperte ….beh perché mi guardi così … non hai detto che te la volevi gustare per bene sta trombata … non penserai che sia tutto qua … e poi ormai ho già raccontato una balla a quel pirla di mio marito e adesso abbiamo tutta la mattina a disposizione!”.
Giorgione la guadava con gli occhi sgranati, deglutì e poi disse:
“Cazzo che razza di troia che sei!”.
“Puoi dirlo forte …. Dai muoviti, lavati e vieni di là in camera, ti manderò in pappe il cervello da quanto ti farò godere pisellone!”.
Dovevo cambiare appostamento, non volevo assolutamente perdermi il supplemento di scopata; anche se da un lato mi rodeva il fatto che il mio amico alla prima occasione si fosse trombato mamma, dall’altro vedere quella troia così scatenata mi faceva sempre impazzire.
Fortunatamente, tutti i bungalow del villaggio erano uguali, per cui sapevo che anche qui avrei avuto l’opportunità di osservare tutto dall’ampia vetrata (si trattava di una porta a vetro, di quelle a scomparsa) posta in ogni stanza da letto, proprio come la sera precedente.
Purtroppo però sto giro la tenda era tirata, fu così che mi avvicinai accorgendomi che la tenda era sì tirata ma la porta non era chiusa del tutto.
Mi appostai pertanto dietro la porta, cercando di aprirla ancora un po’ di più, giusto per infilarci la testa, sempre però rimanendo nascosto dalla tenda.
Giorgione dopo essersi “docciato” per bene si gettò a letto addosso a mamma che disse:
“Oddio vacci piano pisellone che lo sfondi il letto!”.
“No è te che sfondo porcona!”.
La mia testa faceva capolino ogni tanto dalla tenda, i due del resto presi com’erano a fare porcate non erano certo in grado di accorgersi della mia presenza.
Mamma riprese a spompinare Giorgione che le spingeva la testa di sul cazzo, trattenendola fin quasi a soffocarla, poi ripresero a scopare, sperimentando diverse posizioni.
Ormai mamma era un’esperta di kamasutra! Quella che più pareva piacere a Giorgione era quella a smorza-candela, con lui disteso sul letto e mamma che si impalava sul suo cazzo facendo ballonzolare le sue tettone, mamma poi ogni tanto si chinava permettendo al mio amico di leccare e mordicchiare per bene quelle due montagne di carne!
Proprio al fine di vedere meglio ste scene mi sporsi troppo, per sbaglio aprii troppo la porta e franai dentro la stanza, mezzo avvolto nella tenda!
Inutile dire che Giorgione ebbe un mezzo infarto, probabilmente stava già pensando alle possibili via di fuga immaginandomi con una rivoltella pronto a sparargli, ma ci pensò mamma a mettere subito le cose in chiaro, non prima però di essersi fatta una bella risata!
“Cazzo fai Paolino …”.
“Puttana ti ho detto che non puoi chiamarmi così …. Io sono il tuo padrone … puttana!” dissi io mentre mi liberavo a fatica dalla tenda.
“Sì certo sei il mio padrone ha ha ha …. Ma io caro mio ho bisogno di scopare in continuazione e se tu non sei in grado di soddisfarmi mi sa che me ne devo trovare un altro di padrone” diceva queste cose accarezzando l’uccello ancora mezzo in tiro del mio amico che guardava un po’ me ed un po’ mia madre con l’aria spaurita di chi non ci sta capendo niente!
“Devi sapere caro Giorgio che il tuo amico Paolo ed io scopiamo da mesi ormai …. Solo che lui pensa di essere il mio padrone …. Ha ha ha …. L’illuso!” disse mamma guardandomi con aria a metà tra il divertito ed il vendicativo.
“Io sono il tuo padrone vacca e tu lo sai bene che ho il materiale adatto per …”
“Per cosa? Per ricattarmi? Materiale come questo ?” e mentre diceva questo si alzò dal letto, con i filamenti della sborra di Giorgione che ancora le penzolavano dalle sue tettone, prese la telecamera l’attaccò al televisore e fece partire un video che ritraeva chiaramente me e mamma che scopavamo come ricci, con io che urlavo come un ossesso:
“Quel mona di papà …. Come cazzo fa a non chiavarti troia…… dai chiamalo al telefono che mi eccito da morire a sentirti parlare con lui mentre ti scopo … quanto mi piace sentirti fare la brava mogliettina con lui mentre io ti sto aprendo il culo!”.
La troia mi aveva fregato con le mie stesse armi …. Non sapevo più che dire, era ovvio ormai che non potevo più usare papà come arma di ricatto, lei avrebbe fatto altrettanto! Del resto in cuor mio non avrei mai fatto vedere niente a papà perché ero sicuro che altrimenti sarebbe morto di infarto …. Penso che anche mamma lo sapesse, tuttavia era pur sempre uno strumento nelle mie mani che mi permetteva una certa superiorità sul piano psicologico! Fan culo, la troia mi aveva fregato!
Giorgione nel frattempo non poteva credere ai suoi occhi, prima la scopata con mia madre, ora la rivelazione del rapporto proibito ….
“Cazzo Paolo …. Tu scopi con tua madre?!?…..beh ….. effettivamente è talmente figa e talmente troia che un po’ ti capisco ….”.
Che amico! Pensai tra me e me.
“Si Giorgione e con una mamma così figa e disponibile sempre pronta a soddisfarlo lui ha preferito andarsene in giro per il villaggio a fare baldoria con te …. Per cui adesso per punizione, siccome è stato un bambino tanto tanto cattivo, dovrà restare a guardarci scopare … tanto a lui piace guardare la sua mammina troia che si fa sbattere dai suoi amici non è vero Paolino?”.
“Che puttana che sei” le dissi io.
Mamma guardandomi dritto negli occhi si mise di nuovo a cavalcioni di Giorgione impalandosi sul suo cazzo tornato in tiro.
“Uhmmm che cazzone che ha il tuo amico oddio ….. che cazzone …… come mi fa godere ….. siiii come godo …… adoro scopare gli amici di mio figlio siiiiiiiiiiiiiiiiiiiii sono la troia degli amici di mio figlio …. Siiii… dai Giorgio scopami e dimmi che sono la tua troia dimmelo dai!!!”.
Il mio amico non sapeva che fare, mi guardò per una attimo, con l’aria di uno a cui un po’ dispiace ma che non ci può più far niente, e poi prese a trombare mamma dicendo:
“Siii puttana sei una troia ….. cazzo Paolo tua madre è una gran puttana ….. siiii … cazzo non ho mai visto una troia del genere …. Cazzooooo ….. una troia incestuosa del cazzo …. Adesso me la scopo sta vacca …. Garda Paolo guarda come mi scopo la gran troia maiala di tua madre!”.
Ero imbarazzatissimo ma anche eccitatissimo, l’erezione che avevo tra le gambe infatti era ormai ingestibile e così dovetti tirar fuori il mio pisello ed iniziare a segarmi mentre guardavo Giorgione che sbatteva mia madre! Che cazzo di situazione del cazzo!
“Sei proprio un guardone del cazzo Paolo! Mio figlio è un guardone del cazzo che gode a vedere i suoi amici che mi scopano! Sei peggio di quel frocio impotente di tuo padre!” mia madre sorrideva e ridacchiava mentre diceva queste cose, con quella sua orami consueta aria da oca svampita malata di cazzo!
In cuor mio sapevo che diceva queste cose per aumentare l’eccitazione del momento, scopare con me le piaceva eccome, altro che! Del resto quando faceva la maiala perversa mi faceva andare fuori di testa!
Presi a segarmi di brutto, mi pareva di non aver mai avuto un’erezione del genere!
“Siii Giorgione siiiii pisellone mio scopami…. Così siiiii … scopa la tua puttana …. Scopami sino a farmi male!!!!”.
“Vacca … sei una vacca…. Sei una super vaccaaaaaaaaaaaaaaaa!!!!”.
“Sii sono la tua vacca da monta siiii ….. fagli vedere a quel mona di mio figlio come si monta per bene una troiona come me …. Fammi il culo …. Spaccami il culo! Eh che ne dici Paolino? Il tuo amichetto può metterlo in culo a mammina?”.
“He he he .. sii Paolo per favore lo posso mettere in culo alla maiala di tua mamma?”.
“Aprile il culo a quella troia …. Falle male!” risposi io, incazzato ed eccitato come non mai.
“Grazie Paolo, tu si che sei il mio migliore amico!”.
La troia aveva preso un dildo dal cassetto del comodino e aveva iniziato ad infilarselo in culo, giusto per stimolare il suo sfintere all’imminente penetrazione! Poi se lo fece leccare per bene da Giorgione prendendogli contemporaneamente il cazzo in bocca in un 69 da urlo, e dunque si mise carponi sul letto, allargando le chiappe ed incitando il mio amico a incularla:
“Dai pisellone daiiii voglio il tuo bel cazzone in culo ….lo voglio sentire dentro …. Inculami … inculamiiiiiiiiiiiii!!!!”.
Giorgine guidò il suo pene all’imboccatura del culo di mamma, lo puntò per bene, sentì che cominciava a entrare, e poi in un sol colpo le fu dentro del tutto … quindi iniziò ad incularla con un ritmo via via più spinto.
“Si cazzo …. Ti sto inculando puttanaaaaaaaa! ….cazzo che bello …. Lo senti il mio cazzone in culo ? eh troia lo senti il mio cazzone?”.
“Siiiii siiiiii …. Oddio …. Siiiiiiiiii ….. mi fai morire ….siiiiiii ….. questo si che è un cazzone magnifico …… oh siiiiiii ….. altro che il tuo cazzetto moscio Paolino ….. questo si che è un cazzone da vero uomo ! siiii non fermarti ….. spingi …. Spingimelo dentro …. Siiiiii …. Continua …. Siiiiiiii …. Siiiiiiiiii ….”.
Mamma diceva queste cose solo per farmi incazzare e/o eccitare ancor di più. Avevo visto il cazzo di Giorgione e non era certo più lungo e più grosso del mio …. Comunque anche il mio amico non era messo male, non è vero che i ciccioni lo hanno sempre piccolo!
“Cazzo Paolo tua madre è proprio una rotta in culo …. Ha il buco del culo più largo della figa … quanti cazzi ha preso là dietro?”.
Devo dire che il timido ed impacciato Giorgione si era abituato ben presto a trovarsi del tutto a suo agio in questa a dir poco scabrosa situazione.
L’inculata si faceva sempre più spinta, Giorgione con una mano prese mamma per i capelli e con l’altra iniziò a sculacciarla con veemenza, proprio come gli avevo spiegato di fare io su richiesta di mamma:
“Dai Paolino spiega al tuo amico come mi piace prenderlo in culo dai spiegaglielo!”
“Prendila per i capelli e sculacciala la troia, e dagliele forte che a lei piace!”.
Giorgione come detto eseguì alla perfezione, la violenza dell’inchiappettata sorprese un po’ anche me e penso pure mamma che, con gli occhi fuori dalle orbite e un’indescrivibile espressione da maiala selvaggia stampata in faccia, godeva come una matta :
“oddio …. Oddio ….. come godo ….. come godooooooooooooooooooo!”: ci mancava poco che si mettesse a battersi il petto come una scimmia! Del resto mamma si era aggrappata con le mani alla spalliera del letto e quasi la tirava giù tanta e tale era la potenza dei colpi inflittile dal mio amico il quale poi la afferrò proprio per le braccia tirandogliele all’indietro lungo la schiena giusto per darsi ancora più spinta.
Giorgione poi si alzò leggermente sul letto e prese ad inculare la porca di mia madre che stava culo all’aria, dall’alto verso il basso facendo fuoriuscire tutto il cazzo per poi rituffarlo dentro l’ano ormai slabbrato!
“Cazzo .. cazzo … ti sto disintegrando il tuo bel culo puttanaaaaaaa …. Sei proprio una troia rotta in culo adesso! E io sono il tuo nuovo padrone adesso, dillo troia dillo a quel cazzone di tuo figlio!”.
“Siiii siiii siiiii sei il mio padroneeeeeeeeeeeeeee …sei il mio padroneeee …. E io sono la tua schiava rotta in culo siiiiiiiiiiiiiiiiiii!!!!”.
Ad un certo punto anche l’incredibile resistenza di Giorgione giunse al termine e sempre stando in piedi sul letto si fece prendere il cazzo in bocca da mamma sparandole tutto direttamente in gola!
“Siiii troiaaaaaaaaaaa …. Bevila tutta troiaaaaaaaaaaaaaa, non sprecarne neanche una goccia, da brava bevila tutta la mia sborra puttanaaaaaaaaaaaaaa!” e poi rivoltosi a me; “Dai dai Paolo, sborrale addosso anche tu, te lo devo …. Non sai quanto ti son grato ad avermi fatto conoscere la troia di tua madre …. Cazzo che troia! Che troia! Che troia!”.
Così salii anch’io sul letto e sparai un fiotto denso di sperma direttamente in faccia a mamma colpendola pure su uno dei suoi begli occhi verdi …. E poi sui capelli e sulle tettone!
Mamma non riusciva neanche più a parlare, continuava a tossire, in preda a spasmi di vomito tanto ero lo sperma che il mio amico le aveva fatto inghiottire!
“Cazzarola Paolo, grazie, grazie e ancora grazie, dai non ti incazzare …. Ma davvero non avrei mai immaginato che tua madre fosse una troia del genere! Cazzarola che scopata …. Ti invidio un po’ sai … tu te la puoi godere ogni giorno …. Vabbuò vorrà dire che io me la spupazzerò per questa vacanza che sarà senz’altro la più bella della mia vita …. Ah Paolo scusa per averti dato del cazzone ma tu lo saprai meglio di me …. Quando sta porca ti stringe l’uccello tra le chiappe non capisci più niente! Nessun rancore vero?”.
Questo mi disse il mio amicone poggiandomi una mano sulla spalla e stendendomi l’altra in segno di amicizia.
“Sinceramente Giorgione …. Ma vaffan culo! E vaffan culo pure a te troia, non voglio più avere niente a che fare con voi!” ciò detto mi rivestii e me ne andai via incazzato. Una volta passato l’eccitamento, infatti, mi era rimasta solo una gran incazzatura. Non so perché poi, visto che sapevo bene cos’era diventata mia madre, però da Giorgione non so perché ma non me lo sarei aspettato sto comportamento e poi mamma era davvero diventata una troiazza insopportabile ormai.
“Si vai pure a giocare con qualche tuo nuovo amichetto che così poi me lo presenti” disse mia madre che si stava ciucciando le dita con cui aveva raccolto lo sperma che le avevo sparato in faccia e sui meloni.
“Fottiti stronza!” le dissi io facendole il dito ed uscendo.
“Beh questo senz’altro!” mi sentii rispondere dalla puttanazza.
Stetti tutto il giorno nel mio Bungalow a dormire per stemperare la rabbia, rabbia che però non era venuta meno neppure alla sera, decisi pertanto di andare in disco a rimorchiare la tipetta che piaceva tanto a Giorgione … La beccai in disco ed in men che non si dica mi ritrovai a fotterla in spiaggia al chiaro di luna. Lei era davvero carina, si chiamava Samantha e veniva da Roma, si era appena iscritta all’università ed era in vacanza con le amiche come premio per l’esame di maturità.
Boh! Forse lei si aspettava una cosa più dolce ma io non ero certo in vena di romanticherie e così dopo aver limonato per un po’ ed essermi fatto fare una pompa, la convinsi pure a scopare … e fu così che mi ritrovai a pomparla da dietro distesi su un lettino … devo dire che era davvero una bella fica, soprattutto il culetto era un vero e proprio invito a nozze, così non ci pensai su due volte, e sfruttando l’eccitamento del momento presi ad infilarle due dita in culo ….
“Che fai Paolo …. In culo no sono vergine…..”.
“Ancora per poco…” le dissi io.
Infatti dopo poco lo schiaffai in culo a Samantha, prima piano e dolcemente, ma poi visto che entrava bene iniziando a stantuffarla per bene.
La tipa poi cominciava pure a godere ed ansimare, sostituendo le lacrime di dolore a quelle di piacere.
Fu così che la presi per i capelli, aumentando decisamente il ritmo dell’inculata:
“ohh … ohh… piano paolo …piano….”.
“Cazzo vuoi troietta …. Ti piace eh il trattamento …. Va la che sei proprio una gran bella troia anche te …. Siii … siii ….pigliati sto cazzo siii ti sborro in culo siii siiii mamma sei una troia … ti sborro in culoooooo!”.
Oddio che cazzo avevo detto! Mamma?!? Ma come cazzo mi era uscito sto mamma?
Samantha con il culo ancora sporco del mio sperma si tolse dalla mia presa, si rimise i jeans e se ne andò guardandomi male e dicendomi:
“Mamma ?!?!?cazzo dici! ma stai male o cosa?!?!? …. Ciao … è meglio che tu vada da mamma mi sa!” trattenne a stento una risatina.
Che figura di merda! Quella vacca di mamma mi stava condizionando l’esistenza!
Del resto già sapevo che questa era una vendetta un po’ del piffero dal momento che ero certo che Giorgione se la sarebbe spassata con mia madre. Venni infatti poi a sapere che quella sera stessa, mamma, dopo aver rifilato la solita dose di sonniferi a papà, se l’era spassata ancora con Totò, Juan e proprio il mio caro amico ciccione che era entrato a far parte a pieno titolo del club “Amici di Viviana la sucaminchia!” così almeno l’aveva ribattezzato quel mattacchione di Totò, il capovillaggio.
Club che conosceva ogni sera nuovi adepti, dal momento che in una decina di giorni mamma si era praticamente scopata l’intero corpo-animatori e pure qualche cliente oltre ovviamente al mio amico Giorgione, meritandosi il titolo onorifico (altra invenzione di Totò) di “Mrs. Cliente maiala a sei stelle”.
Negli ultimi giorni di soggiorno presso il villaggio vacanze poi, a mamma aveva preso la fissa per il biondissimo maestro di tennis Kurt, altoatesino di bolzano, ex classificato ATP, poi caduto in rovina, agonisticamente parlando, a causa di un brutto infortunio al ginocchio. Kurt faceva l’insegnante di Tennis d’estate, mentre d’inverno quello di sci, su dalle sue parti in Altoadige.
Dopo Juan, Kurt era da tutti considerato come lo schiantatope n. 2, e non a caso il suo corso tennis era sempre super affollato.
Mamma lo aveva conosciuto il giorno che aveva assistito al torneino di tennis organizzato per i clienti e a cui papà aveva ovviamente partecipato.
La porcona, che in vita sua non aveva mai preso in mano una racchetta e a cui il tennis aveva sempre fatto schifo, aveva subito prenotato una serie di costose lezioni private e per l’occasione, da opportunista qual’era, si era fatta pure acquistare da papà tutto il necessario (completino, scarpe e racchetta) presso il negozio sportivo del villaggio!
“Ho proprio voglia di imparare a giocare amore, così poi possiamo andare assieme …” sentii dire dalla troia a papà, e lui:
“Ma cara, ma potevo insegnarti io a giocare …”.
“Ma tu sei scarso amore ….he he he … al torneo sei uscito subito … hi hi hi …” quel poveretto di papà veniva pure preso per il culo dalla puttanazza, è proprio il caso di dire: Cornuto e mazziato!
Fu così che mamma prese a frequentare le lezioni di tennis, devo dire che non è che me ne fregasse poi più di tanto, conoscevo già il suo reale intento, tuttavia non potei fare a meno di ammirarla tutta agghindata nel suo completino da tennis nuovo fiammante.
Come sempre, era una super topa! Il body bianco a righette rose conteneva a fatica le sue tettone e pareva sempre sul punto di esplodere, il gonnellino corto svolazzante da tennista anni ’80 era poi un vero spettacolo in quanto permetteva ad ogni suo movimento di ammirarne il culo perfetto da ventenne, il tutto era poi corredato dalla fascetta in spugna sulla fronte e dai polsini.
Per fare colpo su Kurt si era pure fatta delle treccine in stile pseudo-tirolese (secondo lei!) alla pippicalzelunghe!
Fu solo per questo che andai ad osservarla mentre prendeva ste benedette lezioni di tennis.
Ovviamente non mi sbagliavo sui suoi veri intenti e lo stesso Kurt, del resto, pareva essersene reso conto ben presto infatti, con la scusa di insegnarle i corretti movimenti del servizio, del dritto e del rovescio, non perdeva occasione per strusciarsi addosso a mamma e per palparla furtivamente ed apparentemente in maniera del tutto innocente ed inconsapevole. Insomma la classica scena del maestro di tennis che fa il provolone con l’allieva di turno.
Decisi pertanto di andarmene a fare un giro per i cazzi miei, cominciavo a non poterne più di sto cazzo di villaggio, volevo tornare a casa dai miei amici … sì begli amici!
Verso l’imbrunire stavo andando a mangiare quando venni fermato da Papà che mi disse:
“Paolo, fammi un favore, passa a prendere mamma al campo da tennis perché io devo scappare proprio adesso … ho le prove per lo spettacolo dell’ultimo giorno, sai stiamo provando l’otello!”.
“Ma dai l’Otello, fico, ….” Gli risposi e poi tra me e me “chissà che ti sia d’ispirazione!”.
“Ma scusa papà perché devo andarla a prendere ? non ha mica 5 anni dai la conosce la strada di casa!”
“Uè Paolo cos’è hai le palle girate ? Lo sai che non mi piace quando usi sto tono da galletto! Si è dimenticata le chiavi del bungalow …. Vuoi che rimanga chiusa fuori per tutta la sera?”.
Sempre pensando tra me e me “Stai tranquillo che un paio di posti dove andare li troverebbe di sicuro!”. E poi ad alta voce: “Va bene, stai tranquillo porto io le chiavi a mamma!”.
“Grazie Paolo e augurami in culo alla balena!”.
“In culo alla balena papà …” e poi a bassa voce “che al culo di mamma ci starà pensando Kurt!”.
Papà si diresse verso il teatro, io invece verso i campi da tennis, cazzo sempre a me toccava beccare quella troia di mia madre in flagrante!
In campo non c’era più nessuno, le luci erano spente.
“Dove cazzo saranno finiti a scopare quei due ?” mi chiedevo io.
Poi scorsi il capanno dell’attrezzatura da tennis, che fungeva anche un po’ da ufficio di Kurt e mi diressi lì già perfettamente conscio della scena che mi sarei trovato di fronte.
I due non si erano neppure premurati di chiudere l’ampia finestra del capanno o di tirare le tende, del resto faceva parecchio caldo quella sera ed il capanno era alquanto isolato dal resto dei bungalow.
Kurt era seduto sulla sua poltrona che si godeva il pompino di mamma apostrofandola come meritava, con il suo tipico accento tirolese:
“Zi troia tu zei una grandizzima troia, lo avevo kapito zubito che volevi zolo skopare, ziii ziiii … del resto come tennista zei negata, ma kome zucchiakazzi zei proprio eccezionale …. Ziiiii … ziiiiiii … kontinua a zukkhiare puttana!!!”.
Mamma aveva aumentato il ritmo del pompino e Kurt a quel punto si alzò in piedi e afferando mia madre per i capelli da dietro la nuca la spinse sul suo cazzo di notevoli dimensioni fino a farlo scomparire del tutto e poi iniziando la classica scopata in bocca!
“Zucchia … zucchia …. zucchiamelo tutto … ziiiiiii …. Ziiiiiiiiiiiiii…. Koziiiiiiiiiiiiiii”.
Poi liberata la bocca di mamma, dalla quale già fuoriuscivano rigagnoli di bava e liquido seminale, dall’ingombrante presenza del suo pene, la fece posizionare a 90 gradi, facendola appoggiare con le mani al bordo della scrivania del suo pseudo-ufficio.
Mamma era quasi completamente denudata, portava addosso solo la fascetta in testa, i polsini, e la gonnellina bianca che però era stata alzata fin sopra il bacino … le mutandine sotto, ovviamente, erano a già a terra strappate!
Kurt le si posizionò dietro e poi prese a penetrarla in figa con colpi ritmici e violenti, prendendo mamma per le sue treccine del cazzo stile pseudo-tirolese.
“Zi zi zi …. Zii ziii ….zei contenta troia? …. Zei contenta del servizio? … zono o non zono un grande maestro ?!?”.
“Siiii … siiii … scopami Kurt …. Siiiii …. oh siiiii … ohh siiiii …. Come godo …. Siiiii …. Sei un grandissimo maestro …. Siiii … sei il migliore di tutti …. Oddio siiiiiiiiiiiii…. Non ti fermare ….!”.
“E chi zi ferma puttana … adezzo ti faccio morire brutta porkona”.
Le tettone di mamma ballonzolavano sotto i colpi di Kurt, vederla lì con le zinne al vento e la sola fascetta in testa … dovevo ammettere che era sempre un bel vedere, sessualmente parlando!
La penetrazione in figa lasciò ben presto il posto a quella anale, non prima però di un’altra bella spompinata con tanto di spagnola da urlo.
Kurt pareva un tipo piuttosto freddo e maniacale, infatti nonostante mamma continuasse a cercare di baciarlo, lui rifiutava sdegnoso, lasciandola come una cretina con la lingua di fuori:
“Non bacio le puttane kome te … non voglio prendere malattie del kazzo!”.
Anche sul pene infatti, non perdeva occasione di passarsi una pomata spermicida antibatterica.
“Non zai quante malattie trasmettete voi zokkole!”.
Ma le manie di Kurt non si limitavamo all’igiene, lui era anche un vero sadico, tant’è che applicò ai capezzoli di mamma due tenagliette unite da una catenina metallica,
“Noo mi fa male non voglio … noo” cercò di protestare mamma, ma invano.
“Zitta brutta vakka vedari ke dopo ti piacerà, zitta!”.
L’accento teutonico di Kurt dava una vaga aura “nazistoide” alla scena.
Poi Kurt le legò le mani dietro la schiena ed infine afferrò un dildo e lo ficcò in bocca a mamma legandoglielo con un giro del nastro adesivo usato per le impugnature delle racchette.
“Kozì stai zitta troia, ke non zopporto più la tua voce da gallina! E non mi guardare kozì … respira col nazo kazzo!”.
Il tipo non mi pareva tutto a posto, era un vero sadico-pervertito, alla faccia del suo volto angelico, tuttavia decisi di non intervenire (la troia se lo era proprio meritato un simile trattamento) neppure quando Kurt fattala mettere per terra a gattomiao aveva preso a fustigarle le chiappe con un frustino da cavallo tirato fuori dai suoi attrezzi posti alla rinfusa nel capanno.
“Zii ziii ziiiiiiiii… e adezzo zoffri puttanaaaaaaaaaaaaaa! Ziiiiiiiiiiiiiiii …. Vedrai ke tra un po’ ti piacerà!”.
Kurt alternava le scudisciate alle inchiappettate, mamma subiva tutto, non so se stesse godendo o meno, il dildo ficcatole in bocca infatti le impediva di parlare, era in grado di emettere solo dei grugniti incomprensibili.
Dopo un po’, Kurt decise di liberare mamma da quella posizione infernale, togliendole anche il dildo dalla bocca e chiedendole candidamente:
“Allora brutta vakka hai goduto kome non mai vero?”.
Mamma, con il culo violaceo a forza di frustate, le guance rigate dalle lacrime e con la catenina ancora legata ai capezzoli delle sue fantastiche tettone ebbe il coraggio di dire:
“siii Kurt siiii ho goduto come una vera vacca … siiiii”.
“Ma tu zei una vakka …. Zei la più vakka che io abbia mai trovato tra le mie allieve he he he e guarda ke ti vakke ne ho conosciute proprio tante he he he!”.
Incredibile, mia madre Viviana era davvero una vacca insuperabile!
“Sii Kurt, mi fai impazzire, con sto tuo accento tedesco ….”.
“Zono altoatezino non tedesco brutta zokkola ignorante!”.
“Sii sono la tua maiala ignorante vogliosa di cazzo … ma adesso dai visto che ho fatto la brava schiavetta dammi la lingua… ho voglia di limonare con te” e di nuovo gli si fece incontro cercando di baciarlo con la lingua di fuori come una cagnetta in attesa dell’osso!
Kurt non si trattenne dal darle un sonoro ceffone in faccia!
“Odio ripetermi! Tu zei tanto stupida quanto zei troia! Quindi zei davvero tanto stupida! He he he … ma adezzo vieni qui che finiamo in bellezza!”.
Kurt fece inginocchiare mamma e dopo essersi fatto fare un’altra fantastica spagnola sborrò in un bicchiere che conteneva a sua volta già molto altro sperma e ordinò a mamma di bere tutto.
“Era un zakko di tempo che konzervavo tutto questo zperma … in atteza di trovare una zokkola kome te ! Adesso bevi tutto d’un fiato zokkola!”.
Mamma prese il bicchierone e tracannò tutto il suo contenuto …. Ovviamente dal bicchiere e dalla bocca di mamma fuoriuscivano rigagnoli di denso liquido biancastro che colavano giù sul suo collo finendo sulle sue tettone!
Ragazzi che scena!
“Brava Brava zokkola bravizzima tu zei davvero la zokkola n. 1 … mi divertirò tanto kon te zokkola … spero ke mi verrai a trovare ancke questo inverno … kozì ti inzegno a sciare!”.
“Con piacere ….” Disse mamma con il suo solito tono e con la sua solita espressione indescrivibile da porcona assatanata!
I due si rivestirono e poi uscirono dal capanno, a quel punto Mamma si accorse di non avere le chiavi e chiese a Kurt se poteva andare da lui a farsi la doccia.
“Kol kazzo zokkola!” si sentì rispondere.
Mamma si diresse verso casa, con il culo tutto dolorante, e fu li che mi trovò, fintamente per caso, le detti le chiavi e le chiesi:
“E allora mamma com’è andata la lezione di tennis? Faticosa? Ti ha fatto il culo Kurt ?? he he he” questa volta ero io a ridermela sotto i baffi.
Mamma mi guardò di traverso e mi sbattè la porta in faccia, per quella sera era fuorigioco, aveva già dato!
Gli ultimi 3 giorni passarono via veloci, mamma come al solito troieggiò fino all’ultimo, tant’è che per l’ultima serata regalò a tutti gli animatori maschi una bella gang-bang di gruppo nell’appartamento di Totò … papà ovviamente era a festeggiare con i suoi compagni di teatro!
E venne così il giorno della partenza, Papà, ovviamente, da maniaco dell’orario e della precisione qual’era aveva già fatto le valigie sue e di mamma la sera prima, io invece dovevo ancora iniziare a farle.
Proprio mentre era indaffarato a gettare i miei indumenti alla rinfusa nella valigia,sentii bussare alla porta, era mamma, probabilmente mandata da papà per aiutarmi a finire in tempo, il pulmino per l’aeroporto infatti era già arrivato.
La feci entrare, lei mi spiegò il motivo della visita ma io non le rivolsi nemmeno la parola, non la guardai neppure.
Poi lei si mise a ripiegarmi i vestiti da brava donnina di casa e io le dissi:
“Cazzo fai, lascia stare …. Va dai tuoi amici va va che è meglio!”.
E allora lei, con il suo solito tono da civetta:
“Dai Paolo …. Non riesco a essere incazzata ancora con te …. Facciamo la pace? Dai è vero ho fatto la birichina in sta vacanza …. Ma mi avevi fatto arrabbiare e poi ero gelosa che tu andassi in giro con delle altre troiette!”. Mentre diceva queste cose mi si era fatta incontro ed aveva cominciato a grattarmi il petto con le dita come una vera gattina in calore che fa le fusa.
Indossava una minigonna in jeans ed una magliettina super aderente rosa con la scritta “Barbie”, ai piedi un paio di sandali bianchi a stringhette incrociate,aveva i capelli raccolti a coda di cavallo, insomma come al solito era una gran figa!
“Siii come no, certo certo eri gelosa …. Mamma tu sei una troia, questo è il punto!”.
“Già questo è il punto!” rispose lei, inginocchiandosi ai miei piedi, abbassandomi i boxer e cominciando a leccarmi il cazzo.
“Arghh …. Cazzzzo …… siiiiiiii …. Siiiiiiii ….. e succhia cazzo …. Sei capace solo di far questo ormai …. Siiiii” avevo ceduto alla sua avance “…siiii …. Siiii …. Cazzo adesso mi hai fatto venir voglia di trombarti …. È un po’ che non ti monto ….. dai alzati che facciamo una sveltina!”.
“Ma Paolo … ma siamo in ritardo … non ti basta un pompino?”.
Non stetti neppure a sentirla, la alzai di forza, la spinsi in bagno, la feci appoggiare al lavandino, le alzai la minigonna fin sopra il bacino, le scostai le mutandine (oddio … mutandine … era il solito tanga microscopico da puttanazza!) e dopo averle inumidito un po’ la fregna presi a penetrarla da dietro.
“Solite mutande da troia eh? … e poi cavati anche sta maglietta da ragazzetta del cazzo gallina!” … le alzai infatti anche la maglietta fino alle spalle in modo da poter afferrare i suoi meloni “Si sei propri una barbie tettona del cazzo …. Siii …. Siiii …. Tu stai bene solo così … con un bel cazzone che ti trapana!”.
“Ahh … ohhhh …. Si .. si … siiiii …. Siiiiiii …. Scopami siiiiiii …. Ma fai presto ….”.
Ad un certo punto sentimmo bussare alla porta, era papà che ci chiedeva:
“E allora che state combinando là dentro ? ma quanto ci vuole per fare una valigia? guardate che il pulmino sta aspettando solo noi … muovetevi … non vorrete rimanere qua!”.
“Scommetto che non ti dispiacerebbe vero maiala?” dissi io sull’orecchio a mamma.
“Arriviamo caro arriviamo abbiamo quasi finito, aspettaci là al pulmino! Lo sai com’è Paolo sempre in ritardo!” e poi rivolta a me “Dai sbrigati cazzo …. Muoviti a venire ….. daiii …. Daiiiiii! Vuoi che ti faccia una sega?”.
Fu così che mamma si mise in ginocchio davanti a me iniziando a segarmi il cazzone in tiro.
“Ma quando vieni non sborrarmi in faccia capito? Non ho tempo di rifarmi il trucco!”
“Certo mammina!”.
Invece, non appena sentii la sborrata in arrivo, presi mamma alla sprovvista e le sborrai tutto in faccia macchiandole pure la sua bella magliettina di Barbie regalatale dagli amici animatori!
“Stronzo … cazzo ti avevo detto ….”.
“Ah scusa adesso la preferisci bere direttamente dal bicchiere .. dimenticavo!”.
“Ma brutto guardone del cazzo .. vuoi dire che mi hai beccato anche con Kurt ….”.
“Certo … beh mamma del resto te li sei scopati tutti gli animatori … he he he!”.
“Va .. va …. Muoviti va da tuo padre che è meglio … muoviti dai che è lì che ci aspetta, io mi rifaccio il trucco in un attimo!".
Finii di fare la valigia, a modo mio (tant’è che dovetti sedermici sopra per chiuderla) e andai a raggiungere papà.
Poco dopo ci raggiunse anche mamma, sculettando sui suoi sandali bianchi.
Giorgione e tutti gli animatori accorsi a salutare i clienti in partenza, la guardavano con un certo velo di tristezza, tuttavia, come sentii dire da Totò a Juan mentre confabulanvano tra loro:
“Minchia mi dispiace un po’ che se ne vada la sucaminchia, ma ti dirò che cominciavo a non reggerla più …. Quella lì te la prosciuga la minchia he he he … già la prosciugaminchia!”. I due si misero a ridere proprio mentre papà si fece incontro a loro salutandoli e ringraziandoli per la bellissima permanenza.
“Si figuri sig. Alvise e mi raccomando, torni a trovarci anche il prossimo anno, lei e la sua bellissima signora sarete sempre i benvenuti!” sto paraculo!
Mamma sorrise sorniona facendogli l’occhiolino di intesa! La troiona!
Seguì la solita fase dei saluti di gruppo, del commiato con tanto di balletto degli animatori e tutta la solita stronzata di moine e finte smancerie da villaggio turistico.
Finalmente salimmo sul pulmino diretti all’aereo che ci avrebbe riportato a casa!

Questo racconto di è stato letto 1 9 6 1 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.