Tradimento (prima parte)

Scritto da , il 2020-07-06, genere tradimenti

Paola non sapeva perché si trovava lì
A 54 anni suonati, non pensava di poter prendere una sbandata per un uomo manco fosse una ragazzina, si sentiva inguardabile per via di quei chili di troppo di cui ormai non poteva più sbarazzarsene e con cui ormai doveva convivere; sposata da ragazza con un uomo a cui voleva sicuramente bene, ma con cui sicuramente non aveva provato mentre facevano l’amore, quegli orgasmi sognati spesso.
Non voleva tradire Marco, eppure quell’uomo l’aveva confusa al punto tale che dopo mesi di corteggiamento aveva accettato di uscire a cena con lui. Alle 20,30 scese le scale che dall’ufficio portano alla portineria, ad ogni gradino sentiva il suo cuore accelerare il suo battito, più volte era stata tentata di chiamarlo e annullare l’appuntamento.
Uscì fuori il fresco della sera la scosse dai suoi pensieri, lui era lì con un mazzo di fiori, elegante e curato come piaceva a lei.
Le andò incontro, le diede un bacio sulla guancia e le porse i fiori, quel bacio la turbo, arrossì e farfuglio un grazie.
Sapeva benissimo cosa avrebbe significato quella serata con quel uomo, si rese conto di desiderarlo e la sua mente fece il raffronto fra lui e il marito, ricordò cosa la aveva colpita di lui, le sue maniere gentili, la sua eleganza ma soprattutto la sua sicurezza.
La settimana prima l’aveva messa al angolo e lui era riuscito a farla capitolare ad accettare di uscire a cena con lui per il martedì successivo, ora da un lato era elettrizzata dalla situazione è dall’altro si chiedeva perché avesse accettato. La scosse la mano di lui che adesso la cingeva e la accompagnava alla sua macchina, lei volse il viso verso quel uomo che la attraeva e gli sorrise, lui le accarezzò il viso e le disse che era bellissima, quel gesto e quelle parole oltre a prenderla di sorpresa la fecero capitolare, lui capi e le sue labbra si congiunsero con quelle di lei, suo malgrado lei si trovò a socchiuderle e a permettere alla lingua di lui di farsi strada nella sua bocca.
Lei senti il suo cuore impazzire e si trovò a partecipare attivamente a quel bacio sensuale, lui la abbracciava e la accarezzava.
Lo desidero pensava, e per lei c’era solo lui quell’uomo che la stava baciando accarezzando, stringendo a se, lui le disse non sai per quanto tempo ti ho desiderata, oggi sarai mia finalmente.
Lei ripensò al venerdì precedente, quando lui la andò a trovare a studio, lei quel giorno a differenza delle normali giornate di lavoro era allegra, la presenza odiosa della sua responsabile e delle sue colleghe quel giorno non c’era, era tranquilla e quando lui si presentò a studio non era per nulla infastidita anzi trovò il modo di appartarsi con lui a chiacchierare.
Buonasera Paola, le disse appena entrò, lei si illuminò e con un sorriso gli disse ciao.
Lui invitato da quel suo comportamento le disse mi fa piacere che ti ricordi di me.
Lei rispose “come potevo dimenticarti?”
Lui inizio col suo corteggiamento, arte in cui era molto abile, e senza accorgersene stettero lì a civettare per quaranta minuti, quando la collega chiamò Paola solo allora lei si accorse del tempo trascorso, gli disse devo tornare al lavoro mi spiace, lui tenendole le mani fra le sue le chiese “ vieni a cena con me martedì?”
Lei sorrise e nello stesso tempo avvampò ma gli rispose si martedì alle 20,30 qui sotto, lui con fare disinvolto le disse “ scambiamoci il numero per ogni evenienza” lei gli prese il cellulare compose il suo numero e si chiamò “ ora hai il mio ed io ho il tuo” gli disse Paola,
Lui le rispose “ posso mandarti la buonanotte stasera su whatsapp?”
Lei rispose “ non aspetterò altro” e corse via ai suoi impegni.
Lui uscì e salito in macchina le mandò un messaggio” parto ora a stasera”
Lei lo lesse e la sua risposta tolse a lui ogni dubbio eventuale “non correre e stasera voglio addormentarmi con la tua buonanotte”
La sera verso le 23 lui le scrisse” buonanotte mia cara non vedo l’ora che arrivi martedì”
La sua risposta fu eloquente “ anche io mio caro voglio stare con te” accompagnata da un💋
Passarono il weekend ed il lunedì a scriversi messaggi con molti doppi sensi e tutte le sere lui le mandava la buonanotte.
Ora era con lui, con quell’uomo che l’aveva stregata, stavano in auto diretti al ristorante, ad ogni semaforo rosso le loro bocche si cercavano, la mano di lui era sempre posata sulla sua coscia e lei allargava le gambe per permettergli di arrivare dove lui voleva. Ti
Lei gli disse all’orecchio “ ho detto a mio marito che dormivo da una collega e non sarei rientrata dopo cena, stanotte sarò tua”
La cena fu a base di pesce ma comunque leggera annaffiata da un vino bianco che Paola gradi molto, lui pagò ed uscirono lui le cingeva i fianchi e lei teneva il capo sulla spalla di lui, l’hotel era vicino, all’ingresso si baciarono con voluttà
Salirono in camera, in ascensore le loro lingue si erano avvinghiate a lungo.
Entrarono lei chiese a lui di poter andare in bagno a rinfrescarsi, uscì poco dopo, lui l’attendeva in piedi, la tiro a se e mentre la baciava con trasporto le accarezzò la figa trovandola fradicia di umori, la spogliò lei rimase con l’intimo che aveva acquistato per l’occasione, un completino di pizzo nero che non lasciava nulla all’immaginazione di lui, il perizoma di pizzo esaltava il suo culo, lui le disse sei bellissima.
Lei lo spogliò baciando ogni centimetro del suo petto e quando lui rimase nudo lei lanciò uno sguardo stupito e di ammirazione alla sua verga la prese con la mano, la soppesò e non poté fare a meno di fare il paragone con quello del marito, era decisamente più lungo ma soprattutto più largo, una sorta di eccitazione mista a paura la assali’, ma iniziò comunque a segarlo; lui la fece sedere sul letto e le offri il suo cazzo alla sua bocca, che iniziò a leccarlo e a baciarlo fino a farlo entrare nella sua bocca seppure con difficoltà vista la larghezza.
Iniziò un pompino lento in cui metteva tutta la sua passione, ogni tanto alzava lo sguardo e fissava negli occhi il suo uomo, lui con la mano destra le guidava la testa nel movimento che più desiderava, lei ora era sua avrebbe fatto tutto ciò che lui avesse voluto, lo sapevano entrambi.
Lui la fermò la fece metter in piedi e la spogliò nuda, le accarezzò la figa rendendosi conto che fosse un lago, la fece distendere sul letto ed immerse la sua testa fra le cosce di lei.
Iniziò a leccarle le labbra iniziò a giocare col suo clitoride lei ebbe un orgasmo lunghissimo, lui si mise sopra di lei e inserì la sua verga dentro di lei, un urletto di lei gli fece capire che non era abitua ad un calibro come il suo, iniziò a scoparla con colpi profondi e lenti, lei stava impazzendo, mai aveva ricevuto qualcosa di così lungo e largo, cercava la sua bocca per baciarlo.
Iniziò ad aumentare il ritmo colpi profondi violenti e rapidi, lei ebbe due orgasmi violenti prima che lui le riversasse dentro il suo seme, Dio mio quanto ne ha, pensò lei, non poté fare a meno però di ammettere che aveva goduto come non mai, nessun uomo l’aveva portata a quella fase.
Si abbracciarono mentre lui era ancora dentro di lei, lei lo bacio e si sorprese a dirgli “ti amo”
Lui la baciò e le disse da ora in poi sarai solo mia.
Andarono in bagno lei si sedette sul bidet a lavarsi, lui in piedi le porse il cazzo e senza dire nulla lei lo ripulì con la sua bocca, lui le disse voglio il tuo culo, lei rispose che aveva paura “ è troppo grosso mi farai male” disse, “ci penso io amore mio” prese dalla sua borsa una peretta e iniziò il lavoro di preparazione con diversi clisteri.
La portò in camera la fece mettere sul letto a quattro zampe, iniziò a dedicarsi al suo orifizio come sapeva fare con le dita e la lingua, facendola mugolare più volte di desiderio, quando ritenne fosse pronta mise della crema nel buco e sul suo cazzo e le disse”sei pronta amore mio?”
“Si amore, fai piano per favore”
“La prima volta sarò dolce ma le prossime ti inculero come piace a me, e vedrai che piacerà pure a te”
Entrò piano come promesso fermandosi per far sì che il suo culo si adattasse alla sua verga, quando fu dentro tutto si fermò poi piano piano lo estrasse e lo inserì diverse volte, quando ritenne il momento iniziò ad incularla con velocità crescente la sua monta duro un ora, lei non ci crebbe ma stava avendo diversi orgasmi e lo invitava a scoparla senza freni.quando terminarono esausti si abbracciarono come due innamorati lui le propose una doccia insieme e sotto il getto dell’acqua calda si scambiarono effusioni, lei era felice si sentiva finalmente una femmina appagata e lo ringrazio con un lungo pompino sotto la doccia che lui gradi moltissimo.
Si ripulirono e in accappatoio si sdraiarono sul letto fianco a fianco lei accovacciata con la sua schiena contro il suo petto erano ormai le 3 e si addormentarono abbracciati così.
La mattina dopo si svegliarono insieme, erano ancora abbracciati, lui aveva una vistosa erezione, lei gli disse “ci penso io amore” si abbassò e gli fece un fantastico pompino che terminò in un immensa sborrata dentro la sua bocca che lei bevve tutta “avevo voglia di un po’ di crema calda” disse sorridendo al suo uomo.

Questo racconto di è stato letto 3 9 3 2 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.