Ragazzo alla pari ep.8

Scritto da , il 2011-10-17, genere incesti

PARTE 8
Il mattino seguente mi svegliai, come al solito, al fastidioso trillo della sveglia e con mia piacevole sorpresa avevo il cazzo in tiro, non ci speravo proprio visto il superlavoro di quegli ultimi giorni, evidentemente la scorpacciata di fica fatta la sera prima aveva avuto un buon effetto tonificante. Ora bastava evitare Serena per qualche minuto, per non farle notare la cosa, e riuscire a conservare le energie per l'incontro con sua madre, programmato per quella stessa mattinata. Passai davanti a camera sua, la chiamai e le spalancai la porta stando bene attento a non farmi vedere, poi corsi in bagno a farmi una doccia fredda per ammosciare il mio ringalluzzito fratellino.
Come speravo la ragazzina impiegò svariati minuti ad uscire dal torpore del sonno, io feci in tempo a lavarmi, a cambiarmi ed a preparare la colazione per entrambi. Quando mi raggiunse aveva un'aria radiosa:
"Buon giorno, sai ho dormito come un sasso e questa mattina mi sento piena di energie. Il sesso mi fa proprio bene!"
"Son contento per te." Non era affatto vero, ero invidioso per questa particolare dote delle donne, a noi il sesso ci svuota, mentre a molte di loro le ricarica.
Bevemmo il caffè senza dire altro, poi Serena prese il suo zaino e prima di uscire di casa si avvicinò a me e mi diede un bacio, un vero bacio da innamorata, caldo appassionato e dolcissimo. Mentre le nostre lingue duettarono rapide nella mia bocca sentii il sangue correre tutto verso il basso a gonfiare il membro, lei posò una mano sulla patta dei pantaloni proprio per sentire l'intensità dell'erezione e quando si staccò da me disse serafica:
"Adoro farti questo effetto, il solo pensiero di eccitarti eccita pure me. Arriverò alla corriera con le mutandine fradice. C'è una sola cosa che mi piace di più del fartelo venire duro....è lasciarti lì col pisello in tiro e filarmela...tanto so già che per sgonfiarti ci penserà la mia mammina quando rientrerà a casa."
E così fece, si alzò, mi diede un ultimo bacetto sulla guancia e se ne andò, io non potei fare a meno di fissarla allontanarsi mentre sculettava sicura che non mi sarei perso nemmeno uno dei suoi passi finché non sparì dietro la porta di casa. In quel preciso istante realizzai di desiderarla, volevo possederla in ogni suo orifizio e mi sarei adoperato in ogni modo per riuscirci.
Rassettai casa e cercai di allontanare il più possibile da me il pensiero di Serena, del suo corpo da donna nonostante la sua età e del comportamento da puttanella che aveva rivelato negli ultimi due o tre giorni. Quando il sangue tornò ad affluire al cervello anziché al pene la situazione assunse tutta un'altra prospettiva: se Alice fosse mai arrivata a scoprire quel che facevo con sua zia o ancora peggio con sua cugina la nostra storia sarebbe finita giustamente nel cesso e quella era solo la più rosea delle prospettive, qualsiasi voce di tresca tra me ed Elisa fosse arrivata a suo marito per me avrebbe sicuramente voluto dire una lunga convalescenza in ospedale con mesi e mesi di alimentazione liquida come minimo. Non volevo nemmeno pensare cosa avrebbe voluto dire che qualcuno scoprisse i giochi che facevo con Serena, come minimo c'era l'incriminazione per circuizione di minore, stupro e sarei stato bollato come pedofilo e sicuramente rimaneva il periodo all'ospedale per colpa di zio Luca, rispettivamente marito di Elisa e padre di Serena. Il problema è che non sapevo come uscirne, sia Elisa che Serena mi tenevano sotto tiro e quando cominciavano a voler approfittare di me il mio cazzo andava in tiro e non capivo più nulla. Ero in un vicolo cieco! Stavo cercando una possibile soluzione al rebus, quando sentii aprirsi la porta di casa, guardando l'orologio pensai dovesse essere zia Elisa, avevo ragione:
"Ciao, come vanno le cose? Serena è andata a scuola come previsto?"
"Sì Elisa, siamo soli in casa." A quelle parole mi lanciò un'occhiata bruciante, si passò la punta della lingua sulle labbra come se stesse per gustare una pietanza appetitosa.
"Chiamami zia d'ora in avanti, mi fa sentire sporca, depravata a far sesso con uno di famiglia e la cosa mi eccita ancor di più." Era chiaro da chi avesse preso Serena per quel lato 'troiesco' della sua personalità.
"Come vuoi zi..." Non feci a tempo a finire la frase, mi si incollò alla bocca con la sua e con il resto del corpo si avvinghiò al mio, il suo seno schiacciato forte contro il mio petto, le sue braccia attorno al busto con le mani subito ad artigliarmi i glutei per spingermi il bacino e l'uccello contro il suo pube, nel giro di pochi secondi il mio arnese duro premeva contro i pantaloni della tuta e lei ci si strusciava sopra con la patta dei suoi pantaloni eleganti da lavoro, indossava un tajer elegante ma estremamente femminile nonostante i pantaloni. I morbidi tessuti dei nostri vestiti rendevano facile il contatto tra i nostri sessi anche se ancora divisi da più strati di stoffa.
"Che goduria, proprio quello che ho desiderato tutta la notte. Il tuo uccello duro che mi aspetta! Là in ospedale c'erano solo vecchi malati ed infermiere antipatiche, ma ora sono qui e tu sei in debito con me, ricordi?"
"Sì zia, sono a tua completa disposizione."
Con pochi semplici gesti si slacciò i pantaloni, li lasciò cadere a terra e subito li fece seguire dalle sue mutandine, rimaneva una gran bella donna, anche se bassina rispetto a sua nipote aveva un paio di gambe ben tornite che risaltavano parecchio così inguainate da delle calza autoreggenti con una provocante sottile linea scura lungo tutta la parte posteriore, sì girò dandomi le spalle e mostrandomi appunto quel lato di sé così provocante. Appoggiò le mani al tavolo e spinse all'infuori il bacino divaricando appena le gambe, il suo sesso gonfio come una prugna matura diviso appena da un sottile solco che risaliva su fino all'orifizio anale, un piccolo bocciolo rosa contornato appenda da qualche timido peletto:
"Ora ti inginocchi e mi dai un bacio dove ieri mi hai fatto la bua! Quando sarò stanca di sentire la tua lingua dentro di me e se sarai stato soddisfacente, forse ti farò infilare il tuo coso, ma questa volta dovrai passare per il buco giusto, sennò ti posso assicurare che sarà l'ultima cosa che infili."
Faceva l'offesa per una volta che glielo avevo messo nel culo di sorpresa quando non più tardi di tre giorni prima mi aveva confessato che riusciva a godere con la penetrazione anale quasi quanto con quella vagginale. Ma il gioco, per come si era messo mi stava eccitando a dismisura. Mi inginocchiai le allargai quei glutei tondi, abbondanti ma non grassi, con appena un accenno di cellulite, del tutto fisiologica per una donna come lei, anzi, in fondo non aveva ancora 35 anni e mia sorella, della stessa età, si considera ancora ragazza. Mi tuffai con foga sulla sua apertura posteriore, prima la lappai per sentirla rilassare, poi presi a stuzzicarla con la punta della lingua, facendo finta di voler entrare. Mi inebriavo del suo aroma, sapeva di femmina ma non in modo pesante, doveva aver fatto da poco un bidet. Non rimasi con le mani ferme naturalmente, mentre le baciavo il culo dovevo farla godere e molto anche; avevo in mente di non stressare troppo il mio fratellino minore, nel pomeriggio sarei rimasto a casa da solo con Serena e quindi dovevo essere un pò in forze. Dovevo fare impazzire di orgasmi Elisa ma senza sprecare troppo seme, quindi presi a massaggiarle il grilletto ed a penetrarla con due dita allo stesso tempo.
"Bravoooo, graaaandeeeee, coooosìììì. Aaaaahaaa. gooodooo subitoooo, daiiii daaaaai, oooh mamma!! Eccooooolooooooo!" Venne una prima volta in modo piuttosto rapido, sapevo che difficilmente si sarebbe accontentata di così poco, quindi feci finta di non aver sentito le sue urla ed ignorai del tutto gli spasmi dei suoi orifizi e i copiosi fluidi che mi infradiciarono le mani, rallentai appena il ritmo per darle il tempo materiale di rifiatare. Cambiai posizione, mi alzai in piedi, infilai l'indice destro nel suo ano mentre indice e medio della mano sinistra rimanevano piantati nella fica, il pollice della stessa mano andava a torturarle la clitoride. Aveva il fiato corto per l'eccitazione che stava montando una seconda volta nello spazio di pochi minuti, mi avvicinai alla sua bocca con la mia e la baciai, quasi a ritirare il premio per quel primo orgasmo.
Mi infilò una mano nei pantaloni della tuta, abbassò l'elastico e poi liberò il mio uccello duro come il marmo dalla stretta dei boxer:
"Sei bello duro, lo eri anche prima che rientrassi a casa? confessa!" Ormai mi conosceva a dovere, sapeva che un tale stato di congestionamento del mio cazzo non poteva essere opera del solo strusciarsi come avevamo appena fatto; raggiungevo quei livelli solo dopo anche qualche carezza fatta come si deve oppure uno spettacolino particolare, provai quindi a mentire:
"Stavo pensando proprio a quello che ti avrei fatto non appena fossi rincasata." In realtà stavo pensando a quello che avrei voluto fare a tu figlia, ma questo non glielo dissi.
"Risposta esatta, ti sei appena guadagnato un bel giro in giostra. Dammelo, infilamelo tutto dentro, lo voglio sentire fin nello stomaco, la mia fica ha fame della tua salsiccia."
Mi portai dietro di lei, le strofinai la cappella prima sull'ano, poi scesi piano, lentamente, giocai a strusciare contro lo spacco delle grandi labbra fino al grilletto gonfio quasi sul punto di scoppiare, dopo un paio di su e giù lei decise di non aspettare oltre, divaricò un poco di più le gambe e cambiando l'inclinazione del bacino riuscì ad infilarsi sopra di me con estrema facilità. Sentire il mio uccello completamente risucchiato in quella bollente umidità mi procurò fin da subito dei brividi di piacere che dovevo controllare al più presto per non venirle dentro dopo due colpi; tornai fuori quasi completamente e con estrema lentezza la penetrai di nuovo, le volevo far sentire il pene nella vagina piano piano che assaporassimo assieme l'unione dei nostri corpi (in realtà lo facevo con l'intento di allontanare dalla mia prostata gli spasmi dell'eiaculazione, ma questo non glielo dissi):
"Hmmmm che bello, come lo sento bene andare avanti e indietro...daaiiii, accelera dammelo tutto dentro...ufff....oooo....hmmm....aaaaah!!! brutto porco proprio non riesci a stare distante dall'altro buchino eh?" Per farle aumentare il godimento le avevo infilato il pollice sinistro nell'ano ed avevo preso a muoverlo, poi non contento lo tolsi ed al suo posto infilai indice e medio accoppiati, puntandoli verso il basso, verso la figa, potevo percepire il mio cazzo che entrava ed usciva da lei. Era la prima volta che tastavo in modo così profondo ed intimo le pareti una donna, mi ritrovavo a giocare in pratica con alcune delle sue pareti interne e da come si dimenava Elisa, doveva piacerle parecchio. Fremente ed ansimante faticava ad articolare parole di pensiero compiuto, si limitava a sbuffare ed a mugolare, io invece avevo ripreso il controllo del mio arnese visto che mi ero concentrato sul suo di piacere. Decisi che ero pronto per darle il colpo di grazia, con la mano libera comincia a giocare con il suo grilletto, bastò cominciare a muoverla in cerchio sul cappuccio che lo ricopriva accelerare un pochino il ritmo della penetrazione e nel giro di altri trenta secondi cacciò un urlo liberatorio così forte che temetti l'arrivo dei vicini preoccupati:
"Aaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaah!!!!! Muoio, sììììììììì uhaaaaaa, aaaaancoraaaaaa di piùùùùùù!"
Inarcò la schiena e si irrigidì tutta, strinse così forte i muscoli dell'ano che sentii le dita ancora infilate in lei imprigionate ed impossibili da togliere, poi successe una cosa che non avevo mai visto dal vivo, spruzzò dalla fica, un getto copioso di liquido trasparente, uno spruzzo violento che in prima battuta pensai fosse urina ma poi vidi che aveva sborrato, le avevo provocato un'eiaculazione femminile. Subito restò perplessa pure lei, poi si rese conto di quel che era successo e ci mettemmo a ridere entrambi, ci scambiammo baci e carezze come due veri innamorati come se quell'avvenimento fuori dall'ordinario ci avesse unito in qualche modo:
"Uahu! Che roba, ti ho riempito i pantaloni di sbroda ed ho pure bagnato tutto a terra. Non mi era mai successo è la prima volta, evidentemente devi essere riuscito a stuzzicarmi qualche punto che nessuno aveva mai trovato....meriti un premio...facciamo così, io vado a farmi una doccia, se vuoi puoi raggiungermi
e visto che ce l'hai ancora in tiro potrai infilarlo dove più ti aggrada e so già dove questo maialone andrà a parare!" Se ne andò ridendo e sculettando ben sapendo che l'avrei raggiunta in men che non si dica. Le lasciai qualche minuto di vantaggio, poi feci volare via quel che restava dei miei vestiti ed andai in bagno.
"Ziaaaaaa, - era già chiusa nel box doccia - abbiamo un piccolo problema, il mio amichetto ha perso un pochina di verve mentre attraversavo la sala con questa temperatura poi fargli qualche cosa?" Aprì lo sportello del box, era tutta insaponata, la silouette lucida e bagnata faceva risaltare ancor di più le suo curve generose ma non troppo abbondanti, un corpo davvero nato per la lussuria.
"Ma mio caro, ti ho detto che potevi infilarlo dove più ti aggrada, quindi basta chiedere." Sì abbassò in ginocchio davanti a me che stavo ancora fuori dalla doccia con una mano prese a palpeggiarmi lo scroto mentre con l'altra massaggiava piano il pene che stava quasi eretto, poi due rapidi colpi si avvicinò con il viso e se lo mise in bocca. Prima giocò con la cappella e poi lo ingoiò quasi del tutto andando avanti e indietro con la testa prese a risucchiarlo con vigore:
"Ecco fatto, come nuovo!" Persi qualche secondo a riflettere se non volessi godere nella sua bocca ed in quel frangente lei si appoggiò con le mani alla parete della doccia, divaricò un poco le gambe e mi disse:
"Così vado bene o preferisci un'altra posa?" Lo spruzzo della doccia le cadeva al centro della schiena e formava alcuni rigagnoli di acqua che si incanalavano verso il basso, lungo il solco delle natiche e poi di sotto lungo il suo nido segreto in quel momento bene in vista divaricata e protesa come stava. Quella visione mi fece riscuotere dalla mia indecisione, entrai nella doccia, chiusi la porta dietro di me, le afferrai un ginocchio da dietro e la sorressi dalla gamba per fare in modo che fosse divaricata quanto più poteva. Gli puntai la cappella sulla roselina anale e presi a fare un poca di pressione; la resistenza fu minima, teneva i muscoli completamente rilassati e doveva pure essersi lubrificata con un poco di bagnoschiuma, entrai fino in fondo senza il minimo sforzo. Cominciai il mio andirivieni a ritmo sostenuto mentre lei collaborava in modo magnifico: serrava il buco quando uscivo e lo rilassava quando rientravo, l'effetto pompa così ottenuto fu il massimo della libidine, accelerai, accelerai ancora e poi ancora di più, non resistetti più e le venni all'interno delle viscere, in modo copioso ed animalesco, continuai finché il mio uccello mantenne una seppur minima consistenza. Finito il mio amplesso lei si girò mi diede un tenero bacio sulla fronte, mi fece qualche carezza e mi tenne stretto al suo seno per lunghi minuti:
"Il mio piccolo grande uomo. Che caro ragazzo. Mia nipote è una ragazza fortunata ad avere un montatore bravo come te, vedrai, ti faccio fare un altro pò di pratica e poi Alice non potrà più fare a meno del tuo cazzo."
"Grazie zia."
"Lo faccio con piacere sai. Sennò a cosa servono le zie." E ti credo, il piacere lo aveva avuto per ben due volte.
Finito il tempo a nostra disposizione, zia Elisa mi lasciò solo a casa, doveva tornare in ospedale dalla sua datrice di lavoro, l'indomani non sapeva quando sarebbe tornata, era sabato e probabilmente dimettevano la signora che si era ripresa piuttosto bene ormai.
A me non restava che attendere il rientro a casa di Serena, avrei dovuto sperare che la ragazzina avesse messo da parte le sue velleità da troietta, alla sue età si fa presto ad appassionarsi ad altro, ma in realtà pregustavo la possibilità di restare da solo con lei, in questo modo avrei potuto stuzzicarla, farle credere di condurre il gioco tra noi due e poi renderla sottomessa e schiava dei miei voleri.

FINE PARTE 8

Questo racconto di è stato letto 9 2 3 5 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.