Culo elettrico

Scritto da , il 2020-06-29, genere comici

L’incidente l’aveva cambiata.
Dopo mesi in ospedale, la ripresa era stata lenta, le ustioni erano ormai assorbite, il problema rimaneva la testa. La scossa elettrica presa in casa le aveva aveva dato problemi al cervello, con una lentissima ripresa e tanta apprensione da parte dei medici.
Ora finalmente era tornata alla sua vita ordinaria. Ordinaria si fa per dire, le avevano prescritto la riabilitazione, ma il suo problema non era quello: nei momenti di stress, o quando era nervosa, prendeva la scossa: ne aveva parlato con i suoi, ma avevano ridotto la questione ad una semplice suggestione.
Lei sapeva che la cosa non poteva essere plausibile, quella scossa era così forte da lasciare un segno di bruciato sulle cose che toccava, a maggior ragione se si trattava di qualcosa di organico.
Ora che aveva la sua libertà, nel senso che la riabilitazione era finita e i genitori non le stavano più addosso, credendola perfettamente guarita, quando aveva bisogno di svagare, scendeva in spiaggia per lunghe passeggiate nel silenzio di quelle spiagge deserte che aveva imparato a scoprire da sola.
Fu proprio in una di quelle passeggiate che, presa dalla calura estiva, e dalla solitudine in una zona riparata decise di rimanere in slip per farsi un bel bagno rinfrescante.
Entrò in acqua, bagnandosi fino alle ginocchia, l’acqua sembrava brodo, tanto era calda, tolse anche gli slip e dopo averli gettati a riva, si tuffo in un profondo bagno rilassante.
Si fece una bella nuotata, accarezzata da quell’acqua calda e morbida sulla pelle.
Se ne stette immobile a galleggiare, su un mare limpido, fermo a godersi la sua libertà, e il calore dei raggi del sole che sia pur pomeridiano presentava il suo calore sulla pelle.
Quando uscì dall’acqua, si sedette, ancora nuda sulla battigia: la sensazione del calore sulla pelle nuda, la sabbia sul suo sedere e sulle labbra, le provocavano una sensazione di piacere e di solletico molto gradito in quel momento.
Si voltò ad un certo punto ridestandosi dal torpore di quel relax, per accorgersi di un uomo che era arrivato in quel punto, seduto un pò più indietro, nudo che guardandola, si toccava il pisello.
Un pisello normale, più che decente e bello duro. La situazione la eccitava, a maggior ragione che il tipo aveva un bel corpo. Decise di sorridergli per attaccare bottone e il tipo non se lo fece dire due volte: si alzò e si diresse da lei.
Iniziarono a chiacchierare, nonostante fossero nudi si sentiva a suo agio con uno sconosciuto.
Decisero di proseguire la chiacchierata in acqua e fu li che il tipo prese ad avvicinarsi, fino a strusciarsi a lei.
Lei aveva una forte attrazione nei confronti di quel fisico, palesata ovviamente dai seni turgidi che testimoniavano la sua palese eccitazione.
Il tipo si fece più audace e in un momento di impreparazione la baciò.
Ci fu un bacio appassionato, lei si intrecciò sul corpo di lui, sentendo la sua eccitazione che ammorbidiva la sua fichetta e il pisello di lui che strusciava sulla gamba, quasi fosse a cavallo della verga.
Aveva voglia di scopare, ma qualcosa, la tratteneva.
Uscirono dall’acqua, si sdraiarono sulla battigia e li prese a spompinare la verga abbronzata. Lui la lasciava fare e lei, in quel movimento desideroso e desiderato, abbandonava tutto lo stress degli ultimi mesi. Si staccò dal pisello e si rivolse alle labbra carnose del tipo, il quale per tutta risposta, la spinse a terra per andare oltre.
Lei non gradì quel movimento, ma in realtà non gradiva andare oltre: chiuse le gambe, gli dimostrò la sua indisponenza, ma lui non aveva intenzione di accettare.
Mise tutta la forza che aveva per cercare di tenere chiusa le gambe e divincolarsi dalla morsa che aveva posto su di lei l’uomo.
Fece l’errore di contorcersi e voltarsi: fu in quel momento che lui prese la supremazia e la bloccò.
Non perse tempo e infilò prima un dito e poi due nel suo ano stretto e asciutto, lei cercava di divincolarsi, ma non riusciva a liberarsi.
Lui per tutta risposta le allargò le natiche e vi sputò in mezzo e poi con un colpo ben assestato infilò il suo paletto.
Lei gridò, sbattè la testa a terra, mentre l’uomo spingeva ripetutamente il suo cazzo dentro quel culo che cercava di abituarsi al corpo estraneo.
La sua mano sulla testa della donna, la teneva schiacciata a terra, incastrata.
Venne copiosamente dentro quel culo stretto che non aveva mai ricevuto altri corpi, ma fu in quel momento che qualcosa accadde.
Nel momento in cui il suo seme uscì dal pisello, per prendere contatto con il culo della donna, una scossa, lo attraversò, salendo dal pisello, fino alla spalla e alla testa.
Il pisello immediatamente si afflosciò e lui cadde a terra morto.
Lo ritrovarono qualche giorno dopo due pescatori. Nel gazzettino locale dissero che il tipo, era stato violentato e poi gli avevano dato la scossa con l’alta tensione ponendogli i cavi sui genitali.
La donna tornò a casa consapevole che era stata lei a darle la scossa mortale.

Questo racconto di è stato letto 3 9 8 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.