Lalla parte IV

Scritto da , il 2020-06-28, genere voyeur

LALLA parte IV continuazione di LALLA III
Dopo il sessantanove che ci aveva sfibrati ed una breve sosta ristoratrice a base di te e biscotti riprendemmo il ritmo. Lalla si era mezza rivestita ed io pure, ma i nostri sessi erano di nuovo in azione. Il mio pene di una certa rispettabile dimensione 18 cm al massimo dell’erezione e la fica di Lalla che colava liquidi vaginali come una fontanella erano pronti per il primo vero accoppiamento, il più classico, per il quale dovevamo usare le dovute cautele del caso per evitare un ingravidamento. Fu la sola condizione impostami da Lalla che era aperta a nuove esperienze. Cominciai a farle divaricare le gambe e le feci appoggiare i piedi sulle mie spalle, e con il cazzo insalivato dal pompino di Lalla la penetrai piano piano, provocando lunghi sospiri e gemiti alla donna. Da quando tre anni prima ci eravamo conosciuti avevamo affinato le nostre tecniche amatoriali, impostate inizialmente su effusioni e palpatine vicendevoli, prima di passaree al rapporto carnale vero e proprio. Quando l’ebbe dentro fino alle palle esclamò:”Che bello amore mio, peccato che in passato ci siamo persi tutto questo piacere. Voglio essere amata, prima di tutto, e poi scopata. Ricordati che do la precedenza al sentimento, il resto è tutta una conseguenza.” ci Io le risposi coprendola di baci nelle zone erogene del suo corpo a cominciare dal collo, dalla bocca , da mordicchiatine ai lobi delle orecchie, che la eccitavano moltissimo ed infine alle aureole ed ai capezzoli di quegli splendidi seni. Non trascuravo neanche la sua patatona che le avevo insegnato a depilare per renderla più eccitante. Non usava il rasoio ma particolari e costose creme depilatorie molto efficaci e salutari, che le aveva consigliato una sua amica farmacista. “Sei felice ?” le chiesi baciandola teneramente sulle labbra, mentre pompavo nella vagina, accarezzandole i lunghi capelli castano chiaro. “Si, sono tanto felice con te! Mi sento a mio agio e poi sei bravo, sei un maestro nell’arte amatoria, è anche come scrittore.” La pompavo con calma per prolungare il piacere, ma poi venni tranquillamente riempiendo il preservativo di sperma. Lo staccai delicatamente dal pene perché non andasse perduta una sola goccia di quel nettare e glielo porsi. Certo berlo da un contenitore classico aveva tutto un altro sapore, ma dopo le prime smorfie fece l’abitudine e se lo tracannava aspirandolo in bocca e poi ingerendolo. “Se non fosse per quel retrogusto di gomma, sarebbe ottimo. Ma mi rifarò subito con un bel pompino.” “Lalla sei cambiata in questi ultimi cinque-sei anni. Da donna morigerata e schiva ti sei trasformata in una donna normale, pur vivendo secondo le tue proprie convinzioni morali. Hai acquisito la consapevolezza di essere una donna vera, e come tale ora sei conscia dei tuoi bisogni affettivi rimuovendo i tabù ancestrali, che frenavano la tua sessualità, la tua femminilità che cercavi di ostentare ma con imbarazzo. Per questo ti amo.” Le dissi fra un gemito di piacere e l’altro. “Il mio cazzo gode sotto i colpi della tua lingua. Sei proprio brava, continua così caaraa, siiii, forzaaaa uhhhh come godo.“ Lei taceva continuando imperterrita il suo lavoro di lingua.intorno l prepuzio , aspirando i coglioni duri e pieni. “Devo togliere un po' di peli!” pensai vedendo la poveretta in difficoltà. Come se mi avesse letto nel pensiero disse:”Conosco bene un’estetista seria e riservata che potrebbe eliminare questa peluria superflua. Se vuoi ti fisso un appuntamento. Non ti preoccupare per i soldi, ci penso io.” “Oh grazie Lalla non so proprio come ringraziartiiiiiii. Sto venendoooo godoooooo!” Lalla spalancò la bocca infilandolo dentro e aspettò il primo schizzo di sborcco ra. Dopo aver inghiottito lo sperma. “Ecco mi paghi: in natura caro. Ti è piaciuto il pompino?” rispose e io di rimando: “Sei diventata molto brava!” “Merito tuo caro!” “Sai” dissi succhiandole i capezzoli “ mentre mi spompinavi mi è venuto un flash: un nuovo giochino che voglio fare appena ci saremo ripresi.” “Davvero ma sei un fenomeno del sesso, a te il kamasutra fa un baffo, mio istrione.” Intanto ci scambiavamo delle effusioni e delle carezze. La guardavo. era bellissima e non mi stancavo di baciarla, accarezzarla. Era completamente rilassata e mi disse: “Allora campione sto giochino lo vogliam fare si o no?” disse con voce languida Lalla. ”Se sei pronta perché no?” le risposi senza esitazione ed il mio uccello si fece di nuovo duro. “Alzati in piedi e allarga bene le gambe” le dissi. Lalla si mise in posa e guardandomi con quegli occhi da cerbiatta in calore sembrò esortarmi a prenderla. Afferrai la crema nivea sul comodino alzandomi e le fui alle spalle. Sentì il mio fiato sul collo, sciogliendosi come il burro al sole, mentre con l’avambraccio sinistro, infilato fra le cosce le tittillavo la passera, con la mano destra le spalmavo lo sfintere con la crema, infilandole un dito unto nel sedere, facendola sobbalzare e poi con due dita spalmati di crema, allargati a forbice , le saggiavio il pertugio. Mugolava come una cagna in calore, allora le appoggiai la capella impregnata a sua volta di crema nivea e spinsi piano piano il cazzo nel sedere. Lei si dimenava godendo mentre le massaggiavo quelle belle tette dritte e sode cercando le sue aureole ed i capezzoli tesi. E andai avanti per un tempo indefinito, sussurandole dolci parole d’amore, baciandola sul collo, leccandole i lobi delle orecchie. “Mmmm….ohhoohoh…..stupendoooo magnificooooo si daiiii pompami a fondo spaccami tutta, sono tuaaaa, soltanto tua.” “E io ti voglio riempire di sborra caldaaaaa. Sei magni….fica, si sei una gran ficaaaa ohohoho vengoooooooo!!!!” urlai e sentii il mio uccello svuotarle dentro tutta la sborra di cui era capace e alla fine la trascinai sul letto dove mi accasciai soddisfatto. Il silenzio avvolse la stanza, interrotto solo dai flebili gemiti di Lalla. Rimanemmo distesi a lungo sul letto, finché risvegliatasi di soprassalto disse :”Oddio andiamo in bagno a darci una rinfrescata veloce, che tra un po' arriva mamma!” Balzai giù dal letto seguendola in bagno dove facemmo una doccia tonificante e veloce. Ci asciugammo a vicenda e poi ci rivestimmo. Lalla diede una riassettata alla camera e ci chiudemmo nello studio appena in tempo per sentire lo scatto metallico della serratura. Lalla prese il manoscritto per correggerlo. La madre chiamò: “Lalla, Lalla dove sei?” e la figlia rispose con un tono di voce tranquillo: “Nel mio studio con Roberto!” “Ah benone” disse e aprì la porta dello studio, bussando. Si affacciò e aprendo del tutto la porta mostrò la sua silhouette. Era talmente ben vestita con delle calze nero fumo a rete fina, una gonna due dita sotto il ginocchio, bleu oltremare, con due spacchetti laterali una camicetta bianca con un bel ricamo e la giacca bleu a righine, con una spilla sul bavero. Una vera signora di classe, moderatamente truccata per nascondere le rughe. Era talmente carina che non potei fare a meno di alzarmi ed abbracciarla. “E’ stupenda Signora!” le dissi. “Galante il giovanotto, avete trascorso un buon pomeriggio?” chiese facendomi un occhiolino d’intesa. Lasciai rispondere Lalla: “Si mamma, un bellissimo pomeriggio e tu?” “Anch’io con Anna ci siamo divertite a canasta con altre due amiche. Sissì è stato un pomeriggio fantastico ora scusatemi vado a cambiarmi.” E dopo aver baciato Lalla si ritirò in camera sua. “Forse è meglio che vada!!” dissi. “Oh aspetta che mia madre sia pronta e poi ti lascio andare!” disse Lalla baciandomi in bocca e facendomi cenno di star zitto. Io annuii e quando sua madre riapparve mi trovò pronto per uscire. “Ma come già te ne vai giovanotto?” chiese. “Eh si signora, abbiamo finito di correggere il pezzo che ho scritto in questi giorni e si è fatto tardi!” “Capisco! Allora alla prossima. Lalla lo accompagni?” “Certo mamma….” “Buonasera Signora” mi affrettai a salutare, poi come se nulla fosse accaduto Lalla mi accompagnò alla porta. Mi baciò e abbracciò dicendomi: “Quando vuoi sai dove trovarmi, grazie della compagnia!” e sottovoce aggiunse “Facciamo trascorrere un po' di giorni e poi ci risentiamo ok?” e mi fece l’occhiolino. Fine della parte IV.

Questo racconto di è stato letto 7 4 7 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.