Il personal trainer di mia figlia – Capitolo 5

Scritto da , il 2020-06-12, genere dominazione

Quelle poche ore in palestra trascorse con Bruno, tra sesso, abusi e fitness mi avevano sfinito: lui era molto esigente e anche un gran maiale!
Verso le 15.00 mi fece levare il panno, era pesantissimo, conseguenza dell’acqua bevuta. Mi resi conto di essere arrossita per la vergogna, così come tutte le volte che dovetti avvisare Bruno di avere fatto pipì. Lui si avvicinò e mi diede un focosissimo bacio a tutta lingua:
“Mi piace quando arrossisci per l’imbarazzo! Ora, prima di andare via mettiti a novanta gradi con le mani attaccate a quella parete”.
Mi avvicinai a mezzo metro dalla parete.
“Va bene così, Signore?”
“Si ma con il culo più in alto…ecco così, inarca bene la schiena. Stasera quando ceneremo tutti insieme voglio vederti sofferente quando poserai le chiappe sulla sedia. Voglio fartelo diventare di un rosso intenso. E ora ringraziami, troia, per i colpi che riceverai!”
“Grazie Signore!”
Iniziò blandamente ma solo per dosare le energie, dopo dieci minuti ininterrotti cominciò a battere più forte e non resistetti a trattenere una lacrima di dolore: mi stava massacrando il sedere. Quando dopo qualche altro minuto terminò, faticai a raddrizzarmi talmente era forte il bruciore. Mi diede un bacio molto dolce sulle labbra:
“Brava Barbara! Ti sei comportata molto bene. Voglio che tu comprenda che tutto questo è indispensabile affinché tu possa diventare la mia troia personale, perfetta per soddisfarmi pienamente. E godrai anche tu, ma a tempo debito e solo se seguirai i miei addestramenti e supererai le prove a cui ti sottoporrò”.
Mi rivestii con lo strettissimo tubino, salii in auto e mi avviai verso casa. Il sedile sembrava prendere fuoco. Pensavo ancora a quelle ultime parole di Bruno, che in parte avevano compensato le umiliazioni e le sofferenze provate fino a quel momento. Bruno mi piaceva da matti, avevo voglia di lui, volevo veramente essere la sua schiava: il desiderio di avere il suo cazzo stava salendo alle stelle, ma dovevo pazientare e ciò mi rendeva nervosa. Rientrata a casa, cercai di contrastare l’infiammazione pungente che avevo nei miei poveri glutei, mediante l’applicazione di una crema: avevo l’effettiva percezione di quanto il mio culo fosse più gonfio, e Bruno aveva ragione, faceva male sia quando mi sedevo che quando mi sollevavo. Rimasi sdraiata prona per più di un’ora in attesa che il bruciore si placasse e così fu’: la crema aveva prodotto il suo effetto.
Verso le 19.00 arrivò Bruno. Scendevo le scale di casa, che separavano la zona giorno al piano terra dalla zona notte al primo piano, quando fece il suo ingresso nell’atrio. Monica gli si fece incontro per abbracciarlo e baciarlo in modo appassionato. Lui mi guardava mentre stringeva tra le mani il suo sedere affondando poi una mano tra le cosce fino quasi a sollevarla da terra. Non sapevo che fare dall’imbarazzo, ero bloccata nelle scale e non osavo scendere. Tutto lasciava intendere che tra loro due sarebbe stata una notte di passione. Dopo quasi un interminabile minuto si staccarono e Bruno mi salutò.
“Buonasera Barbara!”
Che maiale!
“Bentornato Bruno! Come è andata la fiera?”
“Bene, direi soddisfacente! C’erano delle macchine interessanti, alcune proprio innovative, come quelle per il rassodamento dei glutei! I costi sono ancora proibitivi, ma tra qualche mese dovrebbero scendere e allora potrò farci un pensierino…e magari potresti essere la prima a provarle!”
“Certo!”
Cazzo, quanto lo desideravo! Tuttavia era uno stronzo, mi aveva gonfiato il culo a botte, mi aveva lasciato in bianco e poi ironizzava su macchine per le chiappe…
Poco prima di cena, mentre Monica era andata in camera per cambiarsi, Bruno mi chiamò dal bagno con una scusa banale. Entrai ed era completamente nudo intento a farsi la doccia. Chiusi immediatamente la porta del bagno:
“Ma sei matto? Monica è in casa e potrebbe scoprirci!”
“Non preoccuparti è in camera sua e ci rimarrà per un po’…sai come è meticolosa nel vestirsi e truccarsi! Ora chiudi quella cazzo di bocca e sfregami la schiena con la spugna.”
Presi la spugna già abbondantemente coperta di bagnoschiuma e la passai sulla schiena di Bruno.
“Brava, così…anche il culo, lavami bene anche il buco…che forse dopo te lo faccio leccare!”
Che perverso! Toccare il suo corpo mi mandava in estasi, tuttavia la situazione era frustrante sia perché sapevo di non poter avere di più e sia per la paura che Monica potesse sorprenderci. Finalmente si fece sciacquare e uscì fuori dalla doccia.
“Solleva la gonna! Fammi vedere il culo!”
Non osai nemmeno protestare, sarebbe stato inutile, avrei solo perso tempo e forse mi avrebbe punito per la reazione. Mi girai dandogli le spalle e alzai la gonna fino a scoprire il sedere.
“Chinati troia! Uh… che bel rosso fuoco! Fammelo tastare un po’…
Cazzo!! Sta sprigionando un calore bestiale! Mi sa che c’è un incendio da spegnere…”
Dopo qualche secondo che si era abbassato prese a leccarmi la pelle arrossata del sedere fino a scendere tra le cosce e a concentrare dei succhiotti sulle grandi labbra. Ero incredibilmente bagnata! La voglia di farmi scopare come una cagna mi stava facendo impazzire! Poi all’improvviso si fermò.
“Sei una gran vacca Barbara! Vorresti il mio cazzo…vero?”
“Oh si! Ti prego scopami, non ce la faccio più…”
“Vorresti essere la mia sgualdrina?”
“Si voglio essere la tua sgualdrina!”
“Eh lo sarai, ti sbatterò a dovere, ma non oggi. Adesso ricomponiti troia e vai a preparare la tavola per la cena!”
Detto ciò mi rifilò una pacca, ancora una volta nel sedere! mi fece piegare le ginocchia e traballare; chiusi gli occhi e trattenni il sospiro per qualche secondo, come scemò il dolore uscii dal bagno.
Cenammo in tutta tranquillità senza che Bruno lanciasse alcuna provocazione. Dopo avere mangiato un gelato nella veranda mi congedai da Bruno e Monica e andai in camera. Applicai la consueta crema per attenuare l’infiammazione delle natiche, quindi mi sdraiai prona a guardai un po’ di televisione. Ero molto stanca dopo l’intensa giornata che avevo trascorso, per cui non mi ci volle molto affinché le palpebre calassero. Fui risvegliata di colpo da Bruno che nudo di fronte a me mi chiamò per ordinarmi di servirlo:
“Sveglia troiona! Ho bisogno del tuo aiuto…devo sbattermi Monica, sai manco da qualche giorno e lei è particolarmente esigente, quindi hai due compiti e non devi fallire, altrimenti passeremo la giornata di domani a cinghiate sul tuo culo già abbondantemente arrossato!”
Mi venivano le lacrime agli occhi, godeva nel minacciarmi e io desideravo ardentemente ciò che lui mi negava.
“Va bene quali compiti signore? Farò di tutto per soddisfarti”.
“Mi devi succhiare l’uccello fino a farmi sborrare parzialmente, mi spiego: mi porti al limite fino a che non fai uscire poche gocce di sborra. In tal modo potrò continuare ad avere il cazzo bello in tiro e potrò fottere la tua figlia cagna, anche fino a domattina, prima di svuotarmi completamente. Quindi dovrai fare molta attenzione e non farti prendere da troppa passione.”
“…e la seconda?”
“La seconda è che devo uscire di qui con il cazzo ben lubrificato dalla tua saliva in modo da poter entrare immediatamente e senza difficoltà dentro la fichetta di Monica”.
Neanche finì di parlare che mi ficcò il suo uccello in bocca provocandomi subito un conato di vomito; era troppo grosso per poter entrare completamente! Io rimasi nella stessa posizione distesa prona lungo il letto con le braccia dietro la schiena e la testa bordo letto; lui era frapposto tra me e la televisione sulla quale scorrevano le immagini di un vecchio film in bianco e nero. Dopo i primi affondi lenti, iniziò a stantuffare con maggiore velocità e veemenza, mi sentivo soffocare mentre le lacrime scendevano con continuità. Poi si bloccò, si sedette sul letto e mi ordinò di inginocchiarmi per terra tra le sue gambe.
“Ora che è bello duro continui tu, fammi vedere quanto ti piace il cazzo e quanto sei troia, ma fai attenzione a quanto ti ho detto…”
Presi a spompinarlo, facendo grande fatica a controllarmi, chiudevo gli occhi e aspiravo con tutti i polmoni con la sua cappella in bocca, ruotavo la lingua sopra la cappella e tutto intorno alla corona solleticando il prepuzio. Volevo dargli un’ampia dimostrazione delle mie capacità amatorie e di quanto potessi essere troia! Certo la paura di deluderlo e il rischio delle cinghiate mi frenavano, e tutto sommato era un bene. Così quando lo sentii ansimare…
“Oh sii… dai che ci siamo…”
Mi staccai dalla cappella, strinsi il suo uccello alla base dell’asta e attesi di vedere la prima goccia uscire. Rimasi stringendo per un’altra trentina di secondi, quindi lo lasciai. Lui rifiatò per qualche minuto e poi si alzò in piedi.
“Brava Barbara! Sei proprio una gran zoccola! Ora ripulisci, raccogli le gocce di sborra e ingoia! Tiramelo a lucido nuovamente e riempilo di saliva così vado a fottere Monica!”
Non ho avuto neanche un briciolo di vergogna, avevo ancora in testa quel “Brava Barbara”, il secondo della giornata, che leccai via tutto, un mix di sperma e saliva, facendo come aveva chiesto e senza pensare che stava per scopare con mia figlia!
Sparì subito dopo e ancora una volta rimasi sola con una voglia pazzesca e con la passera letteralmente fradicia. Rimasi come elettrizzata, trascorse almeno un’ora e non riuscivo a prendere più sonno. Quando pensavo che la giornata fosse finita, sentii nuovamente la maniglia muoversi e Bruno entrare dentro la camera: di nuovo??? Cosa voleva ancora a quell’ora della notte…
Mi intimò di fare silenzio e mi mise un collare al collo. Quindi attaccò un guinzaglio e a bassa voce mi disse:
“Mettiti a quattro zampe e seguimi!”
Uscimmo nel corridoio e ci dirigemmo verso la camera di Monica.

Continua….
(Per eventuali commenti o suggerimenti contattatemi su dukeduke1069@yahoo.com)

Questo racconto di è stato letto 8 5 0 4 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.