Una moglie bellissima

Scritto da , il 2020-05-22, genere sentimentali

Incontrai Lena per la prima volta ad un'esposizione fotografica.
Ero di passaggio in città, avevo trovato l'evento all'ultimo, deciso a non trascorrere la serata in albergo.
Lei alta, fisico statuario, occhi tra il verde e l'azzurro, capelli stretti in uno chignon che metteva in rilasto il suo collo da cigno, fasciata da un abito rosso che urlava "non è roba per te, amico".
Passamo la serata a discutere di fotografia, di arti grafiche, di fumetti.
Nel mentre la mostra era terminata, la Senna gorgogliava placida nella notte di afoso mercoledì di Giugno.
Ci addormentammo insieme, ubricachi, su una panchina sotto il suo hotel sua dopo aver atteso l'alba insieme.
Al risveglio, ero gia cotto di lei.

Nei mesi successivi io tornai a Roma, nonostante ciò continuammo a frequentarci con cadenza regolare.
Eravamo entrambi abituati a frequenti spostamenti, ci davamo appuntamenti in quella o quell'altra capitale europea due o tre volte al mese.
Lei era intelligente, spiritosa e a dispetto del fisico da extraterrestre molto alla mano. Io, beh ero io, un coglione in giacca e cravatta che si dava arie da top manager, pur essendo un semplice funzionario del ministero degli esteri.
Appresi che parlava cinque lingue: polacco, francese, inglese, italiano e un po' di russo, e che le parlava tutte con un'accento capace di far saltare il tappo dello champagne più ghiacciato.
Appresi che aveva venticinque anni, sette meno di me, e nonostante tutto sembrava la donna più matura che avessi mai frequentato, che aveva tre sorelle, una più grande e due più piccole, che le rimaneva solo la mamma, perchè il papà era morto quando era piccola.
Appresi che le piaceva dormire fino a tardi, che adorava stare al sole, che aveva una gattina di nome Luna, perchè da bambina guardava sempre Sailor Moon.
Quello che mi stupì più di tutto di Lena, fù la sua normalità.

***

Sei mesi più tardi, compreso che mai nella vita avrei più incontrato una donna come lei, le proposi di trasferirsi da me, questo nonostante mi avesse già raccontato del suo lavoro...

Lena faceva la modella da quando aveva quattordici anni.
Fino ai diciassette era stata nel giro grosso, Gucci, Versace, Louis Vuitton, Hermes...
Poi lo sviluppo, la sua reticenza a usare anfetamine e cocaina per sostenere uno stile di vita da anoressia che avrebbe potuto contenere i danni fatti da madre natura e aprirle le porte del gotha dell'alta moda.
E cosi era dovuta scendere di categoria, con tutto il ridimesionamente economico che ne era conseguito.
Lena a quel punto era una ragazza incredibilmente bella, diciotto anni appena, uno e settantasette, una cascata di capelli color ciccolato, occhi color del mare d'inverno, pelle diafana.
Eppure per le passerelle la sua terza abbondate era un'ingombro, la sua taglia 42, un'handicap, il suo viso bellissimo, niente più che una piacevole distrazione.

Dopo due anni nel circuito della pubblicità e dei grandi magazzini, finita quasi in bancarotta a causa della sua abitudine ad uno stile di vita da top model, le venne proposto un ingaggio come modella di intimo per Intimissimi. La paga era migliore, l'ambiente piacevole, ma durò poco perchè Lena ebbe degli screzi con un famoso fotografo e venne allontanata.
Tornata alle foto per per i cataloghi dei grandi magazzini, Lena ebbe una piccola crisi di identità.
Penso perfinò di mollare le sfilate e i cataloghi per iscriversi alla facoltà d'arte.
La cosa durò sei mesi circa, tempo di fare i conti con le difficoltà di un idea buona solo sulla carta e con l'impegno quotidiano richiesto dallo studio.
Nel frattempo, per mantenersi accettò un servizio di nudo segnalatole da un'amica ex modella come lei, poi un secondo.
Era sempre stata a suo agio col suo corpo, essere una modella d'altro canto lo richiedeva, aveva solo dovuto abituarsi ad essere un po' meno coperta di prima.

Fu così, gradatamente, che Lena entrò nel mondo del nudo artistico, un sottobosco variegato e non privo di insidie.
All'inizio i lavori erano un po' di tutti i tipi, professionali e meno. Poteva capitare che qualcuno con idee strambe la contattasse per foto che poi teneva per se o che le venissero fatte proposte più spinte.
Equivoci di un modo al limite.
Tuttavia gli equivoci terminarono quando venne ingaggiata dalla Met-Art.
L'ambiente professionale e in buona percentuale costituito da donne, le fece abbandonare le ultime riserve su quel modo che, capì, era spesso solo erroneamente accostato alla pornografia.
Una cosa avrebbe potuto farla tornare sui suoi passi, farle interrompere la nuova carriera a quel punto, la prospettiva di essere riconosciuta per strada, additata. Ma ben presto Lena si rese conto che anche quel preconcetto era totalmente sbagliato. La gente che incontrava non aveva idea di chi fosse. Grazie al suo nome d'arte, Lily, l'anonimato era pressochè totale.
La pelle nuda era come la tuta rossa e blu di Superman, i suoi vestiti, gli occhiali di Clark Kent.

Sentii una stretta alla bocca dello stomaco quando per la prima volta mi rivelò della cosa, al nostro terzo appuntamento.
Fu forse un calcolo dirmelo solo dopo aver fatto sesso per la prima volta (un'esperienza quasi mistica..), non so. Lo fece con estrema naturalezza e senza giri di parole.
Probabilmente non avrebbe fatto alcuna differenza se me lo avesse detto prima, ero già innamorato da un pezzo a quel punto.

Tornato a casa la cercai su internet.
Dovetti ammettere con me stesso che le foto erano veramente bellissime, davvero artistiche, eppure altrettanto difficili da mandare giù per un fidanzato o in procinto di.
Lena non negava nulla di se alla camera, si offirva completamente.
Si le sue gambe lunge, ma anche i suoi seni perfetti.
Si la bocca rossa, perennemente un po' imbronciata, ma anche il suo sedere tornito.
Si i suoi occhi languidi e la pelle perfetta, ma anche sua anima dolce e generosa.
Tutto di lei rimaneva impresso nel'immagine digitale.

La maggior parte del materiale che recuperai erano set di foto a tema, durante quali Lena faceva uno strip arrivando quasi sempre al nudo integrale, ma c'erano anche alcuni video, talvolta in compagnia di altre modelle, quasi altrettanto belle, e parimenti nude.
Una festa per gli occhi. Difficile negare il valore artistico di quelle immagini, più che altro perchè era difficile negare l'intrinseco valore aristico del corpo di Lena.
Ma c'erano scatti che solo sua la bellezza quasi trascendente redimeva dall'oscenità più completa, in cui Lena figurava senza vergona in pose, plastiche, acrobatiche, surreali, offrendo le sue parti intime in modo esplicito all'obbiettivo cannibale...


***


Un po' tutti i nostri conoscenti (che poi erano per la maggior parte i miei, dato che le vecchie conoscenze di Lena e tutte le sue amicizie appartenvano al mondo della moda, della fotografia, oppure vivevano in Polonia, suo paese natale, o in Belgio, dove era vissuta per un periodo) sapevano del suo lavoro.
Avevamo deciso di fare così, di dirlo apertamente, di comune accordo, quando si era trasferita in modo stabile.
Mantenere il segreto sarebbe stato puerile e potenzialmente dannoso, anche se io ne fui tentanto, specie quando Lena mi ribadì ridendo che da quando posava nuda, nessuno l'aveva ancora mai riconosciuta con i vestiti addosso, neache una volta.

Specialmente con i mei amici maschi, la cosa fu piuttosto imbarazzante al principio.
Ero certo che tutti avrebbero fatto come me, anche solo per semplice curiosità, che l'avrebbero cercata su internet.
Quando li rivedevo la volta succesiva, di solito mi ritrovavo a cercare di indovinare chi di loro si era masturbato sulle foto della mia ragazza e chi no dallo sguardo con cui mi affrontavano.
C'era chi aveva il sorrisetto e l'occhio ammiccante del 'che colpo che hai fatto, beato te', che aspettava solo il momento buono per prendermi da parte e chiederemi 'ma com'è a letto?'; chi mi osservava con spirito scientifico domandosi 'ma come cazzo ha fatto?', che poi alle mie spalle scuoteva la testa come per dire 'tanto lo molla, poveraccio', chi non proprio non riusciva a guardarmi in faccia per più di due secondi e doveva cambiare lo sfondo del cellulare tutte le volte che veniva a casa mia...
Tutti però guardavano lei, Lena.
La osservavano, la studiavano, spesso di sottecchi, come per sincerarsi che fosse proprio la stessa persona vista in foto, altre volte in modo lubrico, quasi nel tentativo di imprimere nelle proprie cornee il l'immagine dal vivo dei suoi fianchi sodi e rotondi, di quelle gambe chilometriche.

Anche il rapportarto di Lena con i miei amici fu influenzato dalla grande rivelazione, già in partenza.
Le donne, quasi tutte tranne mia sorella Chiara, la riempivano di sorrisi e carinerie: 'Come sei bella!','Ad averlo un fisico come il tuo...','Come deve essere bello essere sempre in viaggio a far foto...'; per poi vomitare bile alle sue spalle, specie con i loro mariti o compagni.
Gli uomini invece si divisero da subito essenzialmente in due categorie, quelli intimiditi, che a malapena le rivolgevano la parola...
...e gli altri, i mosconi per cui Lena era un'irresistibile miele.
Di questi c'erano quelli per lo più innocui del 'vorrei ma non posso', tipo Edoardo il marito di mia sorella.
E quelli un po' inquietanti, con un repertorio che andava dagli apprezzamenti volgari sussurrati all'orecchio nel bel mezzo di una festa, fino a proposte alcoliche di scambismo che puntualmente mancavano di tenere conto della volontà della propria, spesso completamente ignara, dolce metà.
Tutti e due i sottotipi comunque, partivano dall'assunto che Lena, spogliandosi per lavoro, fosse poi nel privato una donna libertina, disinibita, tendezialmente facile...
...una zoccola ben vestita, insomma.
Manco a dirlo, di questa seconda categoria, feci più o meno piazza pulita troncando a volte conoscenze che duravano sin dal liceo.
Avevo deciso che Lena avrebbe fatto parte della mia vita ancora a lungo.

***

Ieri sera l'ho portata a cena nel nostro ristorante preferito, ricorreva un anno preciso da quando ci siamo incontrati.
Una volta fuori, dopo una lunga passeggiata sul lungotevere, le ho preso la mano, le ho mostrato l'anello in oro bianco con diamante rosa da un carato acquistato da più un mese, e le ho chiesto di sposarmi.

Da quel momento, Lena si è chiusa in un'incomprensibile silenzio.
Non ha accettato, è vero, ma non ha neanche rifiutato. Questo mi tiene in vita.
E uscita presto stamattina, prima che mi svegliassi.
Ho preferito non cercarla, darle modo di chiarirsi le idee, se è quello di cui ha bisogno.
All'ora di pranzo mi ha mandato un messaggio che diceva che dovevamo parlare.
Sono le sette di sera, sono di fronte alla porta di casa e l'aspetto....

Questo racconto di è stato letto 2 5 0 1 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.