Il collare - Cap.6

Scritto da , il 2018-05-14, genere masturbazione

Vi parlavo di una punizione.
Immaginavo si, che sarebbe arrivata, che prima o poi ci sarebbero state delle conseguenze per quello che stavo facendo.
Ne avevo come un presentimento, era una sensazione viscerale che di brutto qualcosa da lì poco mi sarebbe capitato.

Credetti che fosse di colpo divenuta reale per un istante, materializzata legge del contrappasso di fronte ai miei occhi, appena li aprii.

Il cazzo che avevo davanti ero grosso, duro, eppure piegato dal suo stesso peso, pareva lucido come di saliva.
L'improvviso cambio di scenario, di situazione mi lasciò talmente sorpreso ed imbambolato che non mi mossi qualdo lo vidi avvicinarsi.

Cos'ero? Dov'ero?
Reagii d'istinto, divincolandomi, quando sentii il glande cercare di farsi largo tra le mie labbra socchiuse, soprese.

"Che cazzo fai?" Ruggii.

Un ruggito, si, ma quelle erano parole...
Potevo parlare!
Ero dentro il corpo di una persona, quindi.
Mi resi conto di essere in ginocchio, mi alzai.

Facevo fatica a mantenere l'equilibrio.
Un uomo, un'inquietante maschera di lattice e borchie gli copriva la faccia, mi si parò davanti e mi prese per le spalle.

"Lasciami!" Squittii.

Non era la mia voce quella, ovviamente.
Era più sottile, sentirla nelle orecchie mi faceva strano.
Guardai in basso, la testa mi girava.

Il cazzo dell'uomo, sempre minacciosamente in tiro, puntava verso di me, verso la mia pancia, verso ... il mio seno?!
Mi divincolai con più forza ancora, riusciendo a liberarmi ma cadendo all'indietro.

Un letto, fresco di bucato, mi accolse.
Gattonai via, via da quell'uomo inquietante.
Che voleva?
Ero dentro il corpo di una donna, era ovvio cosa volesse, mi dissi già preda del panico.

Dove diavolo ero finito?
Una serie di scenari spaventosi si accavallavano nella mia mente mentre lentamente prendevo coscenza di quel corpo nuovo.
Migliaia di stimoli mi bombardavano il cervello, disorientandomi.
Forse ero in uno di quei posti allucinanti di cui si sente parlare solo nelle cronache, dove le donne vengono schiavizzate, usate come giocattoli, tenute in catene...

"Serena ... ma che diavolo ti prende?"

Rotolai giù dal letto, dovevo riabituarmi a muovermi su due gambe, e a quella zavorra sul petto mi sbilanciava.
Mi tirai sù, mi sembrava di essere legato.
Dall'altro lato, l'uomo era intento ad armeggiare con la sua maschera.

Corsi verso la porta, o meglio ci provai.
Lo specchio a piantana che era nell'angolo catturò la mia attenzione in maniera irresistibile però.

Mi trovai di fronte al mio nuovo me, alla mia nuova me.
Una donna, forse sulla trentina, avvolta in un corpetto di pelle che lasciava scoperti i seni, generosi, bianchi come due meringhe, due ciliegie rosse, due capezzoli turgidi a decorarli ipnoticamente.
Al collo aveva il mio dispositivo.

Mi persi per un istante ad osservarne i dettagli del viso, le piccole variazioni scaturire al mutare delle mie stesse emozioni.
Era una bella donna, ero una bella donna...
La linea della mascella leggermente spigolosa, dura, gli occhi azzurri, i capelli legati strettamente in una treccia che scendeva sul collo e poi tra i seni.

"Cazzo, Serena, esagerata come al solito! Ma perchè non usi mai la parola di sicurezza?"

Il viso, ansante, preoccupato di uomo, un ragazzo più che altro, spuntò da sopra la spalla sinistra, lo sguardo leggermente bovino, stordito.
Si chinò baciarmi il collo, provocandomi un brivido di disgusto.
Potevo percepire la sua erezione, il calore che ne radiava dietro di me, sfiorarmi le natiche nude.

Perchè si, ero pure nudo... nuda, per lo meno dove conta di più.
Sembrava che quella mise non prevedesse nulla sotto l'obelico, salvo per un paio di lunghi stivali di lattice, neri e coperti di fibbie come il corpetto.
Come diavolo ero finito in una situazione del genere?

Mi girai, deciso a fronteggire lo sconosciuto, i tacchi mi rendevano pericolosamente instabile.
L'effetto che mi fece trovarmelo di fronte mi colse alla sprovvista.
Era più alto, più grosso, pur stando sui tacchi, sentivo il suo fiato caldo contro la mia faccia, il cazzo duro contro una coscia.
Le sue mani tentarono di cingermi la vita.

"N-No!"

Balbettai indietreggiando di scatto, tutta un'altra storia rispetto al ringhio di Ged.
Urtai lo specchio che cadde, andando in frantumi.

"Ecco, sette anni di sfortuna ... meglio pulire va. Ma che ti piglia?" Soprirò lui gettando la maschera che ancora teneva in mano sul letto ed imboccando la porta.

Io scattai (si fa per dire su quei trampoli...) nel bagno, chiudendomi immediatamente a chiave dentro.

Passato il panico, normalizzato il respiro, cominciai a guardarmi intorno.
Lussuoso, non c'era che dire, spazioso.
Una ampia doccia in pietra naturale stava all'angolo della stanza, accanto, uno specchio.

Il corpetto si rivelò letteralmente impossibile da togliere senza l'aiuto di un'altro paio di mani, tanto che fui costretto ad usare le forbici.
Non avevo nessuno intenzione di chiedere a quell'energumeno di spogliarmi...

Feci altrettanto con gli stivali già che c'ero, con infantile soddisfazione.
Del completo sadomaso della donna rimaneva solo il collare e quello proprio non potevo toglierlo.

Intento ad ammirare con una sopresa tutta nuova quel corpo nudo, mi concentrai per un attimo sul dispositivo.
All'apparenza certo non si capiva che che fosse un apparato tecnologico, non aveva lucine o chissacchè.
In effetti dovevano aver recepito la lezione di Steve Jobs alla grande, quelli del MIT, perchè a primo acchitto, quel collare sembrava quasi un oggetto di design.

Era tuttavia quantomeno paradossale che fosse finito al collo di un essere umano in quel modo, usato come un accessorio sadomaso, eppure era successo.
Poteva essere la mia salvezza, inaspettata quanto benedetta.

Laboriosamente, sciolsi i lunghi capelli della donna.
Rossi, come il fuoco.
Aveva la pelle lattea, quasi trasparente in certi punti, tanto da mostrare le vene sottostanti.
Una spruzzata leggera di efelidi sugli zigomi e il petto.
Il seno generoso, pesante come non avrei mai immaginato, lasciato libero dal corsetto, si apriva di un delicato strabismo di venere.

Lo toccai.
Morbido, tiepido, mio.
Avevo le mani ghiacciate per l'eccitazione, le sentivo sulla pelle calda.
Ci soffiai sopra tentando di scaldarle un poco, poi ripresi l'esame.

Un bel seno naturale, lo raccolsi con entrambe le mani, i capezzoli duri sotto i pollici, così incredibilmente sensibili.
Sentii un lieve sospiro echeggiare nel bagno vuoto.

Era mio, ero io, eppure era terribilmente eccitante.
Gemetti ancora, di proposito, stringendo ancora i capezzoli tra pollice ed indice, ma solo per dare realismo alla cosa...
Esaltante, potevo far dire qualunque cosa a quella voce sexy, anche la cosa più sconcia che mi potesse venire in mente.

"Voglio il tuo grosso cazzo, Salvatore ... lo voglio adesso..." Sussurrai, un brivido mi corse lungo la schiena.

Chiusi gli occhi, sembra assurdo dirlo con quel ben di dio davanti, ma mi faceva ancora uno strano effetto vedermi parlare.
Giocai con la voce calda di Serena, avevo inteso che il nome fosse quello, facendo varie prove fino a quando l'eccitazione non divenne palpabile.

Una delle mie mani, attratta involontariamente, inesorabilmente in basso, lungo la pancia piccola e morbida, giù tra le cosce, tra i peli soffici dell'inguine, nel calore umido è differentemente familiare di quel sesso di femmina.

"Voglio prendertelo in bocca e farti venire sulla mia lingua fino a svuotarti le palle..."

Aprii gli occhi di scatto, spaventato, l'immagine di quella donna, nuda, bellissima, che si masturbava allo specchio mi investì.
Venni, non lo capii immediatamente.

Sentivo le gambe molli, il respiro bloccato, un calore irradiarsi fino alle punte delle dita, piccole involontarie contrazioni...

Scriverlo dopo aver scritto quello che avevo avuto il coraggio di fare a Martina e a mia figlia è ridicolo, ma me ne vergonai.

Le sensazioni conosciute e familiari, il tiepido umore sulle dita, la carne tenera aprisi sotto i polpastrelli, mischiata a nuove e sconosciute.
Quel bisogno di avere qualcosa dentro, di farsi dischiudere e riempire...

Non avevo goduto di una donna, avevo goduto 'come' una donna...
Era sbagliato, terribilmente sbagliato.
Sentivo che la cosa metteva in discussione, violava quasi, il mio essere uomo in qualche modo.

Aprii l'acqua della doccia, deciso a lavar via tutto degli ultimi minuti.
Come avevo goduto, il piacere di sentire quelle dita scavare, il cazzo di quel ragazzo ... sfiorarmi il sedere... la sua cappella liscia, bollente, spingere contro le mie labbra nel tentativo di violare la mia bocca...

Scossi la testa, nessuno avrebbe mai saputo nulla, la mia famiglia no di certo.
Di tutte le cose assudre che avevo fatto...
Di Martina, di Michela, di Sveta...

Mi insaponai.
Sentire quella pelle liscia e per lo più senza peli sotto le dita, ancora mi sconcertava, mi eccitava.
Prima di accorgerme ero di nuovo perso nel mio piacere, guidato dai ricordi delle mie recenti esperienze, estasiato dalla scoperta di quel corpo, da quella seconda verginità.

Fù una delle docce più lunghe della mia vita.
Se da principio ero esitante, quel nuovo piacere operò come una droga sul mio cervello, spingedomi ad oscene sperimentazioni.

Usai il getto della doccia, perfino il flacone di shampoo per soddisfarmi, in un delirante crescedo fin quasi allo stremo delle forze.
Era come essere tornati adolescenti, peggio, era come aver fatto di nuovo, come fosse la prima volta, la scoperta della masturbazione.

Mi piacerebbe dire che fù solo un momento, ma devo ammettere con imbarazzo che anche nei giorni successivi non potei trattenermi più di tanto.
A mia parziale giustificazione, posso solo ricordare che da mesi, da quando non ero più in possesso del mio corpo, non ero stato più in grado di masturbarmi.

La donna, Serena Ranieri, era un avvocato scoprii.
Trentadue anni, convivente con Gianmarco, di ventotto, personal trainer.
Un mezzo boy-toy, non tanto per l'età, più che altro per le dinamiche di coppia tra i due.

Viveva a casa di Serena da tre mesi, uscivano insieme da otto.
Si erano conosciuti in palestra, poi lui aveva cominciato a darle lezioni private e da li... banale, no?
Lei gli pagava tutto, e lui ... beh, lui non le faceva mancare nulla.
Gentile, premuroso, cucinava perfino.

Non si risentì più di tanto, non protestò, quando cominciai a rifiutare sistematicamente tutti i suoi approcci.
Baci, carezze, mi mettevano a disagio.
In realtà qualunque sua attenzione mi dava fastidio, mi dava fastidio l'intimità forzata.
Sapevo di dover fingere, così come avevo finto di essere un cane, ma proprio non ci riuscivo.

Intuii che solitamente Serena lo comandava a bacchetta.
Faceva un po' pena vedere un ragazzone così, un fisico che io mi sarei sognato anche se avesso iniziato ad andare in palestra tutti i giorni e per i prossimi dieci anni, ciabattare languidamente per casa e sospirare, così mi sforzai di accettare alcune delle sue gentilezze, quelle che non prevedevano contatto fisico almeno.

Da dove arrivava quella sua mancanza di autostima?
Non avrei saputo dire, dato che per quello che avevo potuto osservare sembrava che non gli mancasse nulla dal punto di vista fisico, anzi, sicuramente il ragazzo era da giudicarsi sopra la media in diversi aspetti...

Dunque Gianmarco mi preparava ogni giorno la colazione ed il pranzo la mattina, prima di recarmi al lavoro...

Ciò perlomeno mi liberava dall'incombenza di dover badare al mio sostentamento, come d'altronde non ero abituato a fare.
Saverio, Nerone, Ged... avevano tutti in comune il fatto che qualcuno gli preparasse i pasti.

Tra l'altro, assimilare la routine di Serena era già sufficientemente faticoso, il trucco, il vestire, e quel bel corpo, richiedevano un'attenzione costante, una manutenzione, che andava ben oltre il solito 'doccia e barba' a cui ero abituato da uomo.

Vestirsi, era già di per se più impegnativo di quanto avrei mai potuto immaginare.
Il guradaroba di Serena era costoso e chic, oltre che immenso : l'intimo capricciosamente elaborato, tailleur da migliaia di euro, valanghe di scarpe.
Non c'era nulla di semplice da mettersi senza stare troppo a pensare, ed anche se la sua figura a clessidra l'avrebbe fatta apparire sexy pure con un sacco di yuta addosso, perdevo ore per decidere cosa mettere.
Era un po' come giocare con le bambole, e devo dire che quasi cominciai a prenderci gusto.

In più dovevo sempre considerare il collare, se portarlo sempre al collo mentre ero un cane non stupiva nessuno, lo stesso non poteva dirsi stando nel corpo di un essere umano, di una donna.
Era resistente all'acqua, questo mi permetteva di fare la doccia tranquillo.
Vedevo Gianmarco osservarlo con curioisità talvolta, senza azzardarsi a chiedermi nulla a riguardo però.

Essendo inverno, le sciarpe divennero mie amiche, ma comunque mi preparavo sempre una spiegazione prima di uscire (serve per smettere di fumare... è l'ultimo modello di activity tracker ...), ben presto però mi resi conto che non stupiva nessuno più di tanto vedermelo addosso.
Capitò annzi che un paio di ragazze mi chiedessero addirittura dove l'avessi comprato...

Il trucco fù tutta un altra storia...
I primi giorni andai in giro conciato come una drag queen.
Provai senza, ma notai che la gente mi guardava come fossi un alieno.
Eppure il viso di Serena era liscio e fresco, naturalmete bello, ancorchè di una bellezza androgina.
Riprovai col trucco, mi accontentai di sembrare la mistress di un bordello, d'altronde non sapevo come si truccasse di solito la donna.
Anzi, non sapevo proprio niente di lei...

Di grande aiuto mi fù rinvenirne l'agenda dentro la sua borsa il terzo giorno.
Trovai curioso che qualcuno ancora tenesse un agenda cartacea.
Era un bell'oggetto, d'altri tempi, rilegato in cuoio.
C'erano scritti, oltre ai suoi numerossissimi impegni, tutta una serie di commenti, congetture, pensieri sulle persone che frequentava, che mi aiutarono ad entrare nella testa di quella donna, oltre che nel corpo.

Mi divenne presto chiaro come Serena fosse una persona dura, diffidente, calcolatrice, che usava gli altri quando le conveniva, che li schiacciava quando doveva e che li ignorava nel resto dei casi.
Non c'era traccia di rimorso, nelle sue note, sembrava grandemente a suo agio con tutte le nefandezze che compiva ogni giorno per lavoro, felice di quella vita.

La cosa mi lasciò interdetto, guardingo verso le persone che incontravo, in palestra, a lavoro, nei suoi svariati impegni che cercai di onorare durante i primi giorni.
Ero certo che tutti avessero un fondato motivo per meditare vendetta nei suoi confronti...

A proposito del lavoro, mi resi presto conto che non potevo continuare ad andarci.
Serena era un pezzo grosso nel suo ufficio, ma io non ci capivo un acca di quella roba ed i suoi collaboratori cominciarono presto a guardarmi male.
Non era una questione di ostilità, quella c'era già di base, ma più che altro di rispetto : era come se il branco, quelle bestie dei suoi assistenti, riconoscesse che l'alpha fosse malato, fuori fase, che fosse giunta l'ora di sostituirlo, di sfidarlo per il predominio sul gruppo.

Presi delle ferie, tante, tutte quelle che aveva, nel dubbio.


Prima però, decisi di fare qualche piccola ricerca e prepararmi una scusa per avvicinarmi alla mia famiglia.
Era passato più di un mese dalla storia di Ged, i centri commerciali si andavano già riempiedo di addobbi natalizi.
Chissà che succedeva a casa mia...

Scrissi un falso testamento che firmai, prima come Salvatore, poi come Serena, e che poi timbrai.
Diceva tutta una serie di cose, ma più che altro, serviva a darmi un motivo per incontrare mia moglie, per vedere i miei figli.

Sentivo di essere ad un passo dal riprendermi la mia vita...
Sbagliavo.

Questo racconto di è stato letto 3 8 6 6 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.