G. [primavera 1989]

Scritto da , il 2020-05-16, genere etero

Io è G. ci siamo fidanzati nel pomeriggio, è stato l'unico modo per riuscire a scoparla, altrimenti non si sarebbe concessa.

Non è che avessi molta voglia di fidanzarmi, più che altro avevo solo voglia di scopare.

Con le storie serie non andava molto bene, quella con la mia Ex era finita male da poco più di un mese.

G. non era una santa, ma voleva apparire seria, "si scopa solo con il fidanzato, non con il primo che capita." Mi disse. Così ho assecondato il suo teatrino e ci siamo ufficialmente fidanzati davanti al resto della comitiva.

Per essere un gran pezzo di fica lo è eccome. Bionda mesciata, appena formosetta, alta 1.65 con una terza di seno e meravigliosi occhi verdi.

La mia voglia di sesso esplodeva a causa della lunga astinenza di un mese. Ci congediamo dalla comitiva verso le 21.30 e con la mia Renault 5 andiamo in pineta.

Parcheggio. È un posto tranquillo, siamo sotto tre pini, davanti a noi abbiamo un enorme campo con una vecchia fabbrica di treni abbandonata sul fondo.

G. inizia a sbottonarmi i pantaloni, ci baciamo. Me lo tira fuori, è ancora barzotto, ma credo per poco.

Lo tocca, schiacciandomi la cappella nella pelle del prepuzio, poi lo scopre completamente. Me lo sega per qualche minuto e poi scende con la testa e inizia a leccarlo, scivola sul mio uccello sempre più grosso, dritto, eccitato. Mi guarda mentre me lo bagna tutto con la saliva.

Mi abbasso i pantaloni alle caviglie, lei si rialza un attimo, e continua a segarlo. Il mio uccello adesso è in completa erezione, gli scivola nella mano con la sua forma incurvata, con la cappella in evidenza.

Si lecca provocatoriamente le labbra da vera troia mentre continua a masturbare il mio cazzo.

"Hai un cazzo grosso... non mi entra nella mano..." fa colare della saliva sulla cappella dalla bocca per bagnarlo e farla scivolare meglio. È davvero molto porca come si vociferava in comitiva.

La vista del cazzo bagnato, grosso,  curvo, gonfio e duro, deve fare effetto, perché ad un certo punto smette di segarlo e comincia a farmi un pompino furioso, da svenimento. Che grande Troia che è G.

Mi sta facendo sborrare, tanto che devo fermarla.

"Già pronto a godere?" Dice con aria di sfida. Ma non si aspetta una risposta mentre fa scomparire il cazzo nuovamente tutto nella bocca, scendendo giù con la testa.

Lecca la cappella con la lingua, ci gira intorno vorticosamente, è brava,  bravissima... È la prima volta che un pompino mi procura così tanto piacere.

Mentre lo succhia noto che si sta masturbando, si infila un dito dentro, e poi si strofina forte il clitoride.

Scende fino ai coglioni e me li lecca, poi se li mette in bocca, prima uno e poi l'altro.

~Leccami anche il culo~ gli intimo.

Afferra il cazzo e lo sega forte e si infila con la faccia sotto i miei coglioni a leccarmi il culo, sento la sua lingua spingere sull'orfizio come se volesse infilarla dentro.

È una vera troia! È la prima volta che stiamo insieme e già mi lecca il culo senza problemi. Alle altre prima di G. non ero mai riuscito a farglielo fare.

Le fermo la mano altrimenti godo e inizio a leccare i suoi capezzoli grossi, dritti, scuri e duri. Profuma questa donna, è LouLou di Cacharel, lo riconosco, è inconfondibile. Troia, bella e profumata. Ho fatto bene a fidanzarmi con lei nel pomeriggio. Adesso mi sta riparando meravigliosamente.

La bacio appassionatamente, la lecco dietro e dentro le orecchie, impazzisce letteralmente, ho trovato un suo bottone magico, ogni donna ne ha più di uno, che se trovato puoi fare di lei qualunque cosa.

Scendo con la bocca sui seni e poi giù fino all'ombelico, continuo a scendere e comincio a leccare la fica, prima le labbra esterne, poi quelle interne e infine mi soffermo a lungo sul clitoride. Gode come una cagna in calore. È tutta un lago di umori.

Ritrae il bacino all'indietro dal piacere e mi mette letteralmente il culo in faccia. E’ bello, sodo, caldo. Lo accarezzo, e le tiro una sculacciata, poi glielo lecco e ci infilo un dito dentro.

Gode come una vacca, geme, freme, si contorce dal piacere, gode senza ritegno mentre gli masturbo il culo con il dito e con la lingua.

Con l'altra mano libera le strapazzo per bene la fica. Gli strizzo il clitoride le massaggio con forza le labbra della vagina, poi le infilo un dito dentro, poi due infine un terzo, gliela sto slargando per bene.

Adesso si ritrova con un dito in culo e tre dita dentro la fica. Si sta facendo fare di tutto. È veramente una grande mignotta.

E’ fradicia, il sedile della Renault è tutto bagnato dai suoi umori. "Sì, mi piace, continua, non fermarti... sei un maiale, un porco... non fermarti..."

Estraggo le dita da tutti i suoi orifizi e l'afferro per un braccio.
~Vieni~. La faccio scendere dall’auto e la sdraio a pecora sul cofano.

Finisco di spogliarla sfilandole la gonna e la togliendole la camicetta.

Faccio la stessa cosa togliendomi i pantaloni e gli slip. Adesso siamo completamente nudi.

~Amore, adesso te lo affondo tutto dentro questa grotta pelosa~ ha davvero una fica meravigliosa, tutta nera di pelo, da sturbo, una bionda tinta con la fica tutta nera, il massimo della perversione per me.

~Fica pelosa fica golosa... hai una meraviglia, uno spettacolo in mezzo alle gambe...~ e spingo la cappella all'entrata della fica, mentre lei è a pecora su cofano che gode come una scrofa alla monta!

La monto con forza da dietro per almeno 15 minuti, ma ogni tanto devo rallentare per non venire, non è facile trattenersi quando hai sotto una porca come lei. In quelle pause, con il cazzo sempre tutto dentro di lei, le bacio la bocca, le orecchie, il collo, le guancie la schiena, è piena di mia saliva ovunque.

~Girati sulla schiena~

Quando si gira è raggiante, tutta sudata, cosparsa di bava e sapore di uomo mischiato al suo profumo LouLou...

G. si sdraia sul cofano ma stavolta di schiena, voglio prenderla nella posizione del missionario per guardarla negli occhi mentre la scopo.

Mi getto su di lei e la bacio appassionatamente sulla bocca, le succhio con forza i capezzoli ritti e duri come chiodi, ha il seno gonfio dell'eccitazione. Continuo a scendere leccandole la pancia e l'ombelico.

Poi gli apro bene le gambe e le infilo in fica la mia cappella durissima. È così bollente dentro che non so come faccio a resistere a non venire. Ha un forno in mezzo alle gambe.

Comincio a fotterla guardandola negli occhi. Li chiude spesso dal piacere e si mordicchia il labbro inferiore. È bollente, il suo corpo scotta come se avesse la febbre a 40. Aveva più bisogno di cazzo lei che di fica io probabilmente, è assatanata.

"Hai proprio un gran cazzo Adam..." e con le dita intanto mi solletica i capezzoli.

Geme, e si contorce dal piacere.
"Ahhhhh, fottimi Adam... sfondami, sfondami tutta..." La martello sempre più forte, le stizzo con forza i capezzoli e dal dolore inarca la schiena.

Ho la cappella che mi brucia, sarà per via di tutto quel calore che c'è nella fica di G.

G. sta impazzendo, mi fermo un attimo restando immobile dentro di lei, la sua fica arde letteralmente.

Le infilo due dita in bocca e comincia a succhiarle simulando un pompino. È talmente troia che non si farebbe problemi a scopare con più uomini contemporaneamente, ne sono sicuro.

Riprendo a sbatterla e comincia a respirare sempre più affannosamente, ansima come se le mancasse il respiro, poi emette un urlo soffocato e si libera in un orgasmo. Mi fermo per darle modo di scaricare tutta la sua tensione.

G. si abbandona come morta sul cofano con le braccia allargate.
Sfilo il cazzo dalla sua fica fradicia, salgo sul cofano e mi siedo sulle sue tette. Dio quanto è bella e provocante, è proprio un gran pezzo di figliola...

Glielo infilo dentro alla bocca calda e lo spingo in fondo fino ai coglioni facendoglielo sentire tutto fino in gola.
La scopo in bocca. G. non fa nessuna resistenza, apre bene la bocca e tira in fuori la lingua per non rimanere soffocata dalle mie continue spinte.

"Adam! Fottimi! Voglio sentirti tutto dentro di me col tuo bel cazzone"

Scendo e ricomincio a scoparla, la metto di lato e mentre la fotto gli allargo le chiappe del culo, dandogli forti schiaffi sul sedere.

Lei ondeggia, lo avvolge tutto dentro la fica, vuole che acceleri il ritmo.

Le do una sculacciata più forte delle altre e grida di piacere misto a dolore.

La mia parte animale ha preso il sopravvento. ~Ti piace il cazzo eh... sei una gran troia!~ Era tutta spalancata davanti a me.

"Stronzoooo. Fottimi"

L'insulto era un incitamento a sfondarla di brutto. Mi si offusca la vista, la fregna è ormai tutta aperta, e preso da un raptus la prendo per i capelli.

~Girati Troia!~

La metto di nuovo a pecora, ma stavolta il buco da infilare è un altro. Gli voglio aprire il lato B.

~Adesso t'inculo puttana!~

Spingo con forza sullo sfintere, è stretto, ma accogliente e caldo. Si capisce comunque che la strada è già stata fatta da qualcun altro, perché dopo le prime spinte non fa più resistenza e accoglie il mio cazzo senza problemi.

La sodomizzo con forza, fotto, spingo,
la prendo per i capelli mentre gli martello il culo.

~Allora, ti piace il cazzo in culo! Zoccola!~

"Spingi, spingi. Mettimelo tutto dentro fino in fondo!"

Lo faccio, lo spingo fino ai coglioni, si sente lo scrocchio delle palle sul suo culo ad ogni spinta.

La prendo con forza per i capelli e la metto in ginocchio davanti a me, glielo infilo in bocca e dopo tre spinte esplodo.

~Ti amo troiaaaaa!~

I primi tre fiotti di sperma glieli scarico in bocca, un po' le va di traverso e tossisce, ma ne ingoia la gran parte, gli altri schizzi gli inondano la bocca, le labbra, la faccia, il naso, gli occhi, le orecchie, la fronte, in collo, fino ai capelli, la schizzo ovunque.

Con la lingua è già all’opera a pulirmi la cappella da ogni grammo di sperma bollente.

~Mi ha svuotato!~

"È tutto su di me Adam... hai un ottimo sapore."

Uriniamo entrambi, poi ci puliamo e rivestiamo. La riaccompagno a casa.

È stata una serata esaltante, ed è stata solo prima.

Con G. mi toglieró ancora tante, tante soddisfazioni...

Questo racconto di è stato letto 1 7 0 4 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.