3 - Cuck a Vita - Arianna e il gommista

Scritto da , il 2020-04-27, genere tradimenti

Prima fidanzata, primo tradimento e subito capii che le donne che tradiscono mi piacevano di più. Da lì in poi ho convinto tutte le mie fidanzate a farlo.
Con Arianna, per sopportare le lunghe e frequenti trasferte di lavoro, ci eravamo inventati un gioco: io potevo spedirle in qualsiasi momento un sms “che stai facendo ora, amore?” per chiederle implicitamente di scattarsi un selfie osè che lei doveva immediatamente inventarsi e spedirmi e, per contro, avrei dovuto indovinare dove fosse.
Conoscevo i tempi della sua giornata, quindi evitavo di cogliere i momenti in cui avrei potuto metterla in difficoltà con il lavoro d’ufficio, spesso però riuscivo a coglierla in momenti davvero complicati, cabina di prova di un negozio, a spasso con le amiche, in autobus, al pub, al cine, dal gommista, in palestra, a far spesa, al maneggio, in piscina, in spiaggia, parrucchiera… Devo dire che lei rispettava le regole inviando sempre entro cinque minuti, mettendomi spesso in difficoltà nell’individuare la location.
Era intrigante e divertente perché, se sbagliavo, lei doveva farne subito un altro diverso e al ritorno avrei dovuto offrire da bere, a volte erano necessarie anche 4 o 5 fotografie e dovevano essere sempre più pepate. Ma se indovinavo subito era lei a dover pagare e sapeva di dovermi accontentare in tutto al mio ritorno… e non era poi una gran penitenza visto che le piaceva, però era una sfida e ci tenevamo ad eccitarci reciprocamente pure se a distanza.
La volta che la beccai in attesa dal gommista fu splendida: lei, attenta a non farsi scorgere, cercava di fotografare particolari piccanti di sé con sfondi poco riconoscibili.
Era divertente scervellarmi mentre guidavo, ad ogni risposta sbagliata lei mandava la faccina di un diavoletto a significare l’errore e poi un’altra foto e io fantasticavo. Fantasie che poi le avrei raccontato al telefono ricamandoci su per renderle piccantissime, le mie fantasie le piacevano sempre di più, erano la parte del gioco che preferiva.
Quella volta capii dov’era alla quinta foto, quando, dopo avermi mostrato una tetta con sfondo di un calendario per camionisti, si fotografò con la lingua che spingeva sull’interno della guancia con sfondo un energumeno pelato e peloso impegnato a sostituirle una gomma dell’auto.
La sera al telefono le chiesi se avesse poi sbocchinato davvero il gommista pelato e peloso, percepii un brivido dall’altra parte “ma sei pazzo? si fa per ridere… no? ma ti pare che potrei mai andare con quel coso?” – “bè, c’è da dire che nella fotografia sei molto convincente, lo sguardo goloso… la bocca avida…” – “maddai… pensavo a te, mica a lui…” – “ehhhh però poi sei rimasta là con quello, chissà che hai fatto poi, con tutte le tue voglie svegliate e inappagate…” – “Sei geloso?” – “no, geloso no… è che l’idea che tu gli abbia fatto un pompino mi ha fatto venire il cazzo duro e ti ci ho immaginata, saressti perfetta a pompare cazzi fra i calendari dei camionisti… ci hai pensato a quanto staresti bene su uno di quei calendari?” – “Ma quelle sono dei figoni, delle modelle...” la interruppi “…quelle posano, tu il cazzo lo prendi sul serio e quando lo prendi sei molto meglio di tutte loro!” rise “mamma mia, sei proprio convinto eh! grazie… stai convincendo anche me – rise ancora imbarazzata – mi fai venire caldo, e per di più sei lontano e non c’è verso di scopare per altri tre giorni, ufffff…..” – “oh oh mia cara, puoi sempre passare il tempo dal gommista, a far impallidire le modelle dei calendari, perché non ci torni ? scommetto che sarebbe contento…” sghignazzammo insieme“mi mangiava con gli occhi, di certo non mi salverei” – “… ma la tua fighetta ringrazierebbe molto, magari ha anche un bel cazzone e dopo la fighetta sarebbe bella larga…” – “mmm… sei sadico, mi tormenti… “ – “chissà se la voglia di cazzo sarà più forte della tua fedeltà…?” – “vuoi mettermi alla prova?” minacciosa “macchè, però l’idea che tu non ti trattenga mi intriga, sognarti in ginocchio a fare un pompino ad uno sconosciuto mi piace proprio” ridacchiò “mi sogni fare pompini al gommista? Ma ti pare? Guarda che quello non credo si sarebbe accontentato di un pompino…” – “e tu? Ti saresti accontentata? Forse quello è il tuo sogno…” Stava prendendo una piega interessante ”davvero mi stai spingendo a scoparmi un altro? Mi prendi in giro?” – “no, tutt’altro, immaginarti col cazzo in bocca mi è piaciuto molto” – “ti hanno mai insegnato a lasciar stare il can che dorme?” ridemmo insieme.
Il giorno dopo ebbe il coraggio di alzarsi la gonna per fotografarsi, rimasi di stucco, non indossava mutandine e, ovviamente non indovinai. Lei replicò con una fotoin cui si sistemava il trucco alla toilette, aveva messo un rossetto rosso fuoco con l’eye liner, era molto appariscente ma impossibile indovinare quale. Glielo scrissi con l’aggiunta “mmm sembri una che si prepara a rimorchiare… mi fai venire il cazzo durissimo” rispose “faccina soddisfatta … ti dspiacerebbe? In fondo è pieno di maschi anche qua, mica solo dai gommisti faccina diavoletto” colsi la sfida “la tua bocca è fatta per ciucciare cazzi”. La terza fu la foto di un braccialetto adattato alla caviglia, il simbolo delle fidanzate disponibili a scopare, mi voleva chiaramente provocare, stetti al gioco “ma sei con le amiche” chiesi sempre via sms “no, sola soletta, per ora…”
Con il gioco della provocazione mi stava portando dove voleva.
La quarta foto era una mano maschile che le faceva accendere una sigaretta, accompagnata da una caption “ecco, adesso non sono più sola soletta” – “sei al ristorante, un appuntamento?” – “sbagliato, niente ristorante… mi ha rimorchiata lui faccina occhiolino e faccina diavoletto” – “comecomecome rimorchiata?” – “ci sta provando… è anche un bel maschio” – “e tu?” per tutta risposta mi arriva la quarta foto, il bordo di un boccale di birra con l’impronta rossa lasciata dalle sue labbra e il sms “io bevo, per ora birra” con un faccina tutta soddisfatta.
Finalmente capii che era al pub e mandai la risposta al nostro gioco e lei rispose con un’occhiolino, poi più nulla. Tre ore più tardi chiamò lei, io stavo ancora fantasticando segandomi per la sua deliziosa malizia.
“Allora? sei uscita a rimorchiare…” – “veramente io ero uscita solo per bere una birra, poi il gioco mi ha presa e…” era tutta divertita“…e tu la birra la bevi sempre senza mutande?” sghignazzò “volevo essere pronta per il gioco, sei geloso? Ma non volevi che mi facessi uno sconosciuto?” – “geloso? Ma se te l’ho chiesto io…” – “ah, non ti eri sbagliato, allora… ne sei ancora convinto…” rise lei ”vuoi dire che non ci hai fatto niente?” – “oh, lui era bravo a intortare, molto piacevole, l’ho lasciato continuare, ma il gioco l’ho sempre condotto io. Ho passato un paio d’ore divertenti, di buona conversazione, ci siamo salutati ed eccomi qua” – “quindi niente pompino… ma non avevi voglia di cazzo?” – “ah, già… quello…” rimasi interdetto, ma subito sentii arrivare una raffica di messaggi, misi in viva voce per guardarle. Nella prima lei guarda ridendo mentre tira fuori un cazzo dai pantaloni, sono attonito, dovrei dire qualcosa ma non ho battute pronte, passo alla seconda. Ancora guarda in macchina mentre bacia la cappella moscia con le labbra rossissime e nella terza posa sorridendo orgogliosa della impronta lasciata col rossetto. Quarta e quinta che si divertte a leccare la cappella e nella sesta, finalmente, se lo ciuccia sempre guardando. E’ chiaro che sta guardando me anche attraverso il telefono, lo sguardo della mia donna con il cazzo di un altro maschio fra e labbra è entusiasmante. Recupero la voce “sei bellissima… che splendida figa… che brava ciuccia cazzi che sei!!!” ridacchia soddisfatta “sì, questo me lo ha detto anche lui” intanto vedo altre foto, tutte evidentemente scattate da quello mentre si gode il pompino della mia ragazza. Gli aveva succhiato il cazzo con passione e dedizione completa, in una aveva la mazza che fin dove poteva e ce n’erano a iosa mentre faceva su e giù, si vedevano le palle belle gonfie pronte a svuotarlesi in gola “sembra di sentire il rumore del tuo succhiare… l’hai fatto godere per bene?” la voce mi si era arrochita, la sua invece era allegra e soddisfatta, avevo il cazzo duro come mai e sapevo che lei lo sapeva “oh sì, grugniva come un porco e mi incitava, gli ho chiesto io di farmi foto… ti ho pensato, ho fatto bene?” sghignazzava e a me piaceva molto e glielo dissi “hai fatto benissimo, mi piace sentirti così troia” intanto arrivo alle ultime foto dove si è evidentemente ciucciata una bella sborrata che le imbianca la lingua mostrata sorridendo da birichina soddisfatta e poi si lecca gli schizzi rimasti sulle labbra mentre un rivolo scende da un angolo “era stato così carino per tutta la serata che, in auto, sotto casa, ho voluto ringraziarlo…” – “sei una persona ben educata, non devi mai lasciare che si possa pensare il contrario” ironizzai io, lei sghignazzò “mmm che buono il cazzo, fai male a stare via a lungo facendomelo mancare… e adesso sei cornuto!” – “cornuto? Per un bocchino? Anzi, sono orgoglioso di te e mi piacerebbe si sapesse che sei la miglior bocchinara della città” ride allegra per il complimento “… amore, se continuo così prima o poi si saprà…” – “… mi stai chiamando “amore” con le stesse labbra che hanno baciato il cazzo di un altro e la stessa lingua che gli ha leccato la cappella? con ancora in bocca la sua sborra?” rise di gusto, contenta che avessi colto “bè, certo che sì“ – “allora devi continuare con impegno e dedizione e rendermi orgoglioso di te… ma, scusa, come puoi essere appagata dopo solo un pompino…?” rideva senza freni, sentii la sua voce che si allontanava e il suono di altri scatti, mi arrivarono due foto mentre lei si capiva che non sapeva smettere di ridere. Nella prima dalla sua figa larga e arrossata colavano rivoli di sborra, la seconda era la sua mano messa a corna davanti alla faccia sorridente e soddisfatta “ecco come, me lo sono scopato e me lo sono goduto per bene, gliene ho fatto fare altre due… finchè ne ho preso abbastanza” non smetteva di ridere, aspettai si calmasse “brava, amore, sei fantastica… la mia donna ideale”

Questo racconto di è stato letto 2 4 9 6 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.