Dialettica tra “schiavo “ e “padrone”

Scritto da , il 2020-04-16, genere dominazione

Quel suo atteggiamento mi fa impazzire. Quando sono con lei mi sembra di averla completamente in mio potere; eppure più lei si abbandona, più io mi sento posseduto, come se ogni cosa che facessi, me l’avesse ordinata lei. Non riesco più a capire se i pensieri che ho, le idee che formulo, vengano effettivamente da me o me le avesse, come magicamente, infuse lei. Eppure non chiede mai nulla, non una parola. Si lascia fare di tutto, senza limiti, ho il permesso di farle qualsiasi cosa. Dall’esterno può dunque sembrare che io fossi il “padrone” e lei il mio oggetto del desiderio, ma la realtà è che io sono l’oggetto. Più mi permette e più mi sento usato, più mi sento dipendente, dalla sua carne, dal suo odore, dal sapore dei suoi umori. Come se potessi provare piacere solo se legato al suo di godimento. Quindi più davo vita alle mie fantasie, più realizzavo le mie perversioni ( tra l’altro cose che non pensavo nemmeno di poter immaginare) e più mi spingevo oltre i miei limiti, fino quasi a non averne più.
Vi lascio dunque con una domanda: È il vero “padrone” chi può fare di tutto, o chi tacitamente ti da il permesso di fare di se quello che vuoi ? Perché io, sinceramente , di lei sono dipendente, e, nonostante tutto, mi sento sento tutt’altro che il padrone.

Questo racconto di è stato letto 2 0 0 8 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.