La Bestia - parte 1

Scritto da , il 2020-04-14, genere incesti

Milano, fine Ottocento, un calesse di campagna si ferma di fronte a una modesta casa di periferia dove abitano famiglie di operai venuti dalle campagne per trovare lavoro in città. L’uomo alla guida è un maturo proprietario di campagna, Giuseppe Berti, detto la Bestia per il suo aspetto non proprio gentile. Giuseppe era alto ma leggermente ingobbito, aveva la testa completamente calva, a parte i basettoni, un naso curvo e storto, e denti cavallini. Era robusto e muscoloso, con una discreta pancia. Ed era molto peloso. Aveva peli sulle mani e sulle spalle, per questo era chiamato Bestia. Era nubile ovviamente, e viveva con l’anziana madre in una grossa tenuta in campagna. Non troppo lontano da Porta Romana. La ragione per cui si era fermato sotto la casa di una famiglia di poveri operai è presta detta: aveva preso in sposa la figlia maggiore di un certo Bufaldi, operaio meccanico, Alice, una bellissima ragazza bruna dalle forme eccitanti e l’appettito sessuale molto sviluppato. La ragazza non aveva certo fatto salti di gioia alla vista del suo futuro sposo ma la ricchezza e le proprietà su cui avrebbe messo le mani l’avevano convinta.
Così quel giorno scese di buon grado, con indosso un vestito che il marito aveva fatto venire dalla migliore sartoria milanese, aveva salutato tutta la famiglia in lacrime ed era salita sul calesse.

Erano ormai fuori da Milano quando il calesse lasciò la strada principale per imboccare una stradina secondaria in mezzo ai campi. Presto arrivarono in vista di una grande villa circondata da un grande parco. Oltre gli alberi sbucavano le torri. Il cancello venne aperto da un vecchio guardiano. Il tutto fare Bastiano, un ometto piccolo e rinsecchito che si occupava di tutto, compreso cucinare.

Smontata dal calesse Alice fu guidata da Bastiano nelle sue stanze al piano di sopra. La casa era davvero smisurata. Ma la maggior parte delle stanze era chiusa. Alice, suo marito e la madre di lui vivevano nell’ala est. L’ala ovest era chiusa.
La villa era appartenuta a un principe. C’erano saloni ormai vuoti e polverosi che un tempo avevano ospitato orge incredibili.

Giuseppe presentò sua madre ad Alice. Le sembrò una donna altera e sgradevole. Aveva capelli nerissimi, senza un solo capello bianco, un grosso neo sopra le labbra, un nasone e occhi penetranti, oltre che un fisico giunonico, i seni erano davvero enormi e sembravano sodi a dispetto dell’età, le gambe della donna erano grasse come il suo deretano, molto pronunciato. Era brutta come suo figlio. Sembravano legatissimi. La signora lo chiamava amore e tesoro, proprio come se fossero due innamorati. Alice si sentì subito a disagio in loro presenza, si sentiva come un terzo incomodo.

Quella sera si preparò per la prima notte di nozze. Si lavò nella vasca con acqua calda, un sogno e si imbellettò. Si guardò nuda nello specchio verticale nel bagno. Era un gran pezzo di fica. Aveva delle tette belle grosse e sode, pelle bianchissima, fianchi pronunciati e un culo perfetto che sormontava due cosce che facevano girare la testa.

Si mise a letto nuda. Era un po’ nervosa ma cercò di rilassarsi sperando che la cosa finisse presto.
La Bestia si presentò a mezzanotte. Indossava una lunga vestaglia e un buffo cappello che lo rendeva ancora più grottesco. Abbassò qualche luce e poi mettendosi di fianco al letto aprì la vestaglia. Alice rimase a bocca aperta. Tra le gambe del marito penzolava un’enorme proboscide. Qualcosa di inaudito. L’uomo si avvicinò e le chiese di farglielo rizzare.
Alice cominciò ad accarezzare quel membro equino che cominciò lentamente a crescere. Faceva già paura ma ora che cominciava a rizzarsi era davvero spaventoso.
Le mani non bastavano più perché il tronco di quel bestione era pesante e troppo spesso per le sue manine delicate. Giuseppe la invitò a leccare. Così si mise a pecorina e cominciò a leccare quell’asta tremenda. Le palle erano proporzionate e sembravano piene di litri di latte.
Alice si eccitò bestialmente, la sua fica stava sgocciolando copiosamente inzuppando il letto. Sentì che quel nerbo che aveva raggiunto i 35 cm stava raggiungendo l’apice, lo vide gonfiarsi alla base. I coglioni da toro gonfi che sembravano pronti a scoppiare.

A quel punto Alice pensò che era venuto il momento. Lasciò l’arnese e si sdraiò con le gambe spalacante pronta ad accogliere quel mostro. Con sua sorpresa però suo marito si riabottonò la vestaglia e con l’enorme uccello duro come il marmo se ne fuggì nel bagno attiguo.
Alice pensò che volesse rinfrescarsi prima di montarla ma il tempo passò. Un’ora per la precisione. La ragazza piena di voglia si masturbò.
Il marito finalmente uscì dal bagno, sembrava visibilmente soddisfatto, e con la proboscide a riposo. Si chinò e la baciò augurandole buona notte.
Alice rimase di stucco, meravigliata dal comportamento e irritata per essere rimasta insoddisfatta.

Questa scena si ripeté ogni notte per quasi una settimana. Alice si chiese il motivo, non osando dire nulla al marito per timore di mancargli di rispetto e sembrare villana.
Col tempo cresceva la voglia di sentire dentro quel membro eccezionale che poteva solo toccare e succhiare. Durante il giorno suo marito non si faceva vedere, rimaneva sola col domestico e la madre che non la degnava di attenzione.
Alice decise di andare a fondo quella notte. Voleva sapere.
Così rubò a bastiano un pass partout, perché suo marito si chiudeva nel bagno a chiave.

La scena si ripeté come le altre sere. Suo marito si mostrò col cazzo moscio e quando lei lo ebbe ben indurito sparì nel bagno come sempre. Aspettò qualche secondo e poi si precipitò alla porta. Fece l’occhiolino dalla serratura e vide Giuseppe premere una mattonella. La parete si aprì con un leggero cigolio rivelando un passaggio segreto. Suo marito lo attraversò e sparì nel buio. Era il momento. Armeggiò con il pass partou ed entrò nel bagno. Si avvicinò all’entrata del passaggio. Era molto buio e stretto. Prese fiato e facendosi coraggio seguì Giuseppe. Il cunicolo procedeva diritto, poi girava a sinistra e terminava dopo qualche metro. Alice vide una fessura. Suo marito era sbucato in una stanza. Si appiccicò con gli occhi a quella fessura cercando di non spingere per non rivelare la sua presenza. Con sua meraviglia quel cunicolo sbucava nella camera da letto della madre di suo marito.
La donna attendeva il figlio completamente nuda, a pecorina sul letto. Nudo il suo corpo era davvero incredibile. La pelle sembrava soda ed elastica, per nulla molliccia. Gli enormi seni sembravano cuscini schiacciati sotto il suo peso. Il suo culo sporgente era adornato di peli neri nel solco. La fica era rossa e umida, pronta a ricevere il membro equino del figlio. Giuseppe visibilmente eccitato si spogliò mettendo in mostra il suo cazzo incredibilmente duro e voglioso. Saltò sul letto incitato dalla madre.
-Vieni figlio mia, vieni e scopami per bene con quel tuo enorme attrezzo.
L’uomo non si fece pregare, diresse il suo uccello nella fessa della madre e sprofondò in essa fino alle palle. La donna esplose in un urlo di piacere bestiale.
-Ah figlio mio, mi uccidi con quel cazzo enorme.
-Sì madre, prendilo tutto, ti voglio fottere fino a scoppiare.
Alice assisté basita a quell’impetuoso, grottesco incestuoso amplesso. Suo marito stantuffava dentro la madre senza pietà gemendo di piacere, mentre la donna a occhi chiusi lo incitava mugolando come una cagna. Al culmine l’uomo sborrò dentro di lei. Ansimando estrasse il cazzo ancora duro dalla fica, era coperto di sborra e umori della fica della madre. Alice si chiese se avessero finito, dispondendosi a fuggire. Ma suo marito si mise supino con il gigantesco uccello svettante, ancora duro. La madre rivelando un’agilità insospettabile si mise a cavalcioni impalandosi tutta. Incredula Alice vide il mostruoso cazzo del marito scomparire nella fica grondante di sua suocera. Scoparono così ancora per mezz’ora. Giuseppe si attaccava alle grosse mammelle di sua madre mentre la impalava.
Raggiunsero l’orgasmo all’unisono gemendo di libidine. Poi si baciarono come due amanti unendo le bocche e le lingue.
Non era ancora finita.
La madre si mise supina, sollevando le gambe sopra le spalle di Giuseppe che aveva il cazzo ancora duro, nonostante le due sborrate.
-Ora montami tesoro, montami come sai fare tu.
Così Giuseppe puntò il suo enorme cazzo rosso e ancora sgocciolante di sborra nella fica aperta della madre. Entrò dentro di lei fino alle palle e poi cominciò a montarla come un toro. Ad ogni affondo la donna mugolava di piacere. La stantuffò a lungo finché Alice non vide le enormi palle contrarsi per l’ultima volta.
Sborrò dentro sua madre per la terza volta. Fece scivolare l’uccello finalmente moscio e si alzò. La madre restò sdraiata ancora ansimante. Aveva la fica allagata dallo sperma del figlio.
Alice si chiese da quanto tempo andasse avanti quella storia.


Nei giorni seguenti cercò di dissimulare la sua scoperta ma era sconvolta e si vergognava ad ammettere che si era anche eccitata nel vedere quelle scene incestuose.

(continua)

Questo racconto di è stato letto 4 9 5 6 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.