Dal ginecologo

Scritto da , il 2020-01-26, genere fisting

Dal ginecologo.

" Dottore cosa fa, sono una donna sposata"
Queste furono le parole che dissi al dottore durante una visita ginecologica mentre mi trovavo sdraiata con le gambe aperte e il divaricatore nella mia figa e lui mi leccava il buco del culo.
" Tranquilla signora sono le normali cure che faccio alle mie pazienti più carine" mi disse continuando a infilare la sua lingua sempre di più dentro al mio ano e lubrificandolo con la saliva.
Una donna normale sarebbe saltata in piedi e scappata via chiedendo aiuto ma non io perché nonostante ami da morire mio marito, sono sempre pronta a prendere altri cazzi, sono una troia.
Era molto bravo a leccarmi il sedere e tutto era amplificato da il divaricatore che era dentro la mia vagina bella larga era come avere un cazzo inserito.
Estrasse il suo strumento di lavoro dalla mia figa che si era bagnata per bene e lo sostitui con tre delle sue dita mentre mi infilava con l'altra mano due dita nel culo.
Mi masturbava molto bene andando a toccare il mio punto G e mi dilatava lo sfintere in un modo che mi faceva godere dal sedere come se fosse una seconda figa.
Ansimavo e godevo come una troia mentre mi toccavo le tette e lui entrava dentro di me allargando i miei orifizi sempre di più e io ero un lago di liquidi che uscivano da tutti i miei buchi.
" Guardi qui signora, vede come sono bravo? Guardi come sta bene la sua vagina" mi disse.
Io abbassi lo sguardo verso le mie parti intime e vidi che mi aveva infilato entrambe le sue mani nei miei buchi.
Mi aveva fatto così godere che non avevo sentito nessun dolore mentre la mia vagina e il mio culo venivano letteralmente spaccati.
" Ooh siii dottore lo vedo e lo sento quanto è bravo con le mani" gridai " adesso voglio vedere quanto è bravo con il suo cazzo.
Lui tolse le sue mani da dentro di me si tirò fuori il suo membro già in erezione (posso dire che aveva veramente un cazzo grosso).
Me lo spinse tutto dentro il mio culo ormai aperto e spaccato.
Cominciò a incularmi mentre mi infilava nuovamente una mano nella figa.
Godevo come una matta gridando di sfondarmi di farmi male, squirtai e abbi orgasmi multipli che mi mandarono in estasi, non avevo mai provato nulla di simile.
" Adesso però è giusto che lei venga anche dal culo" disse.
Mi mise a pecorina e mi infilò il suo cazzo in figa e la mano in culo.
Mi penetrò così per alcuni minuti e io venni altre volte ero sfinita e lui mi riempì la figa con una bella sborrata.
Si alzò e andò a prendere qualcosa.
Tornò da me mentre io ero ancora a pecora e cercavo di riprendermi da quella esperienza.
"Guardi signora" mi disse.
Mi voltai e vidi che aveva uno specchio in mano attraverso il quale potei vedere la mia figa aperta quanto una pallina da tennis e grondante di sperma e il mio ano prolassato.
Dio quanto mi eccitò vedere come ero ridotta!!!
Io lo guardai e gli dissi:" grazie dottore questa è stata la più completa e bella vista che io abbia mai fatto, possiamo già fissare il prossimo appuntamento?"....


.


Questo racconto di è stato letto 1 7 0 1 3 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.