A scuola dalla zia prima parte

Scritto da , il 2020-01-04, genere prime esperienze

Zia Angela era la sorella minore di mia madre, aveva ben 11 anni meno di lei e il suo arrivo è stato un imprevisto per i nonni che non si aspettavano altri figli. È stata sposata, ma è rimasta vedova solo 3 anni dopo il matrimonio, il marito è morto in un incidente stradale. Era un'insegnante e viveva da sola. Questa storia è accaduta quando aveva all'incirca 30 anni, io da parte mia ne avevo quasi 18 (mi mancavano un paio di mesi per compierli).
La storia ha avuto inizio il giorno di Natale, la zia era venuta a festeggiare con noi, abitava in una città ad una cinquantina di chilometri di distanza, dopo aver festeggiato in famiglia uscì con una proposta: chiese se potevo andare a stare da lei sino al nuovo anno, una settimana in ci, altrimenti, sarebbe stata da sola.
La mamma disse subito di sì (ho dei sospetti che dirò alla fine, che l'idea fosse stata studiata dalle due...).
Detto fatto preparai le valigie e partimmo.
Dopo un'oretta di viaggio arrivammo a casa sua. Abitava in un piccolo appartamento con due camere, cucina e bagno.
Arrivati che fummo la zia mi disse:
- Ho bisogno di fare un bagno-
Andò nella stanza da bagno, poco dopo mi sentii chiamare:
- Vieni un momento qui, ho bisogno che mi aiuti -
Andai e la trovai con indosso solo un reggiseno ed un paio di mutandine neri.
- Non riesco a slacciare il reggiseno - mi disse - aiutami tu -
Inutile dire che mi sentii subito eccitato, le slacciai il reggiseno, lei se lo tolse e poi si tolse pure le mutandine. Io ero diventato rosso.
- Non mi dirai mica che non hai mai visto una donna nuda - Mi disse.
Avevo avuto occasione di vedere qualche donna nuda, di sfuggita, qualche volta avevo visto la mamma e, spiando mi era riuscito di vedere anche qualche altra donna.
La zia aveva un bel fisico: era alta, snella, capelli castani lunghi, con un seno non grande ma sodo, tra le gambe aveva una fica, che non si curava di nascondere, accuratamente depilata.
Entrò nella vasca da bagno e mi disse:
-Rimani qui, mi aiuterai a lavarmi la schiena, tua mamma mi ha detto che più di una volta si è fatta lavare da te -
Era vero, ogni tanto la mamma mi chiamava mentre era nella vasca da bagno e si faceva lavare la schiena, però nascondeva il seno con un braccio e metteva una mano tra le gambe per coprire la fica.
Naturalmente di fronte a questo spettacolo tra le mie gambe aveva cominciato a muoversi qualcosa...La zia sorrise maliziosamente e mise una mano sul mio inguine
- A quanto apre ti piaccio - Disse
Io risposi con qualche parola inarticolata.
- Sai cosa facciamo? Ti spogli anche tu e facciamo il bagno insieme -
Non sapevo cosa rispondere, ma dato che prima di partire i miei genitori mi avevano raccomandato di obbedire alla zia...mi spogliai con il suo aiuto mettendo in vista il mio cazzo ritto.
- Niente male - Disse lei
Entrammo nella vasca che, per fortuna era abbastanza grande, la zia si dedicò a lavarmi indovinate dove. Ad un certo punto si mise in modo di poter prendere in bocca il cazzo e cominciò ad accarezzarlo con la lingua e poi a prenderlo tutto in bocca. Mi fece un lento e sapiente pompino che mi è rimasto nella memoria come il migliore fra tutti quelli che mi hanno fatto nella mia vita, forse perché era il primo.
- Sto per sborrare - Avvertii la zia
- Vienimi in bocca mi rispose lei -
Un istante dopo schizzai il mio seme nella sua bocca, lei lo prese avidamente e poi mise la sua bocca sula mia, ci baciammo scambiandoci saliva e sperma.
Finito di lavarci ci asciugammo, avrei voluto rivestirmi ma lei mi fermò
- No caro, ti ho fatto godere, ora è il tuo turno di far godere me -
Mi guidò in camera da letto, si stese sul letto ed aprì le cosce
- Coraggio, vieni a leccarmi la fica -
Dato che poco prima lei mi aveva succhiato il cazzo non trovai nulla di strano nel leccarla. Non lo avevo mai fatto ma mi guidò dicendomi dove dovevo leccare. Mi diedi da fare con impegno eccitato anche dall'odore che sentivo. Dopo un po' si mise a gemere e alla fine emise un lungo sospiro, intanto la sua fica si era bagnata e mi sentii in bocca il sapore del suo succo. Stavolta fui io a baciarla sulla bocca scambiando ancora le nostre salive e il suo succo femminile.
- Sei stato bravo, meriti un premio -
Il mio uccello si era nuovamente rizzato, lei si mise a cavalcioni su di me e lo guidò dove avevo leccato poco prima, praticamente si impalò sul mio cazzo. Cominciò a muoversi su e giù, mi aveva preso le mani e le aveva portate sulle tette con i capezzoli che si erano induriti.
Continuò a muoversi sul cazzo sino a che non venimmo, prima lei lanciando un urletto, poi io schizzandole dentro il mio seme.
- Ti è piaciuto? - Mi chiese alla fine
Ho notato in seguito che quasi tutte le donne fanno questa domanda.
- Io non posso rimanere incinta, ma se lo fai con un'altra donna non dimenticarti di usare un preservativo, altrimenti potresti trovarti papà senza averlo previsto -
Ci addormentammo abbracciati.
Nei giorni successivi avrei ricevuto dalla zia altre lezioni, il miglior insegnamento che ho ricevuto in vita mia.
Delle altre lezioni parleremo nelle prossime puntate.

Questo racconto di è stato letto 1 4 1 5 6 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.