Cronache di Rossella quarta parte

Scritto da , il 2019-10-04, genere dominazione

Cronache di Rossella IV

Rossella era impietrita: in ginocchio, con il viso sfiorava il pavimento quasi cercando, come uno struzzo, di nascondere sotto terra la testa per sfuggire alla situazione contingente.

Ruotava piano la testa seguendo con gli occhioni da cerbiatta, umidi di lacrime, le figure che le giravano intorno.

Così facendo però spingeva il suo culo nudo ancora più all’insù, i fianchi erano protesi verso l’alto e le sue natiche erano alla mercé degli sguardi dei ragazzi, i quali non si limitarono a guardarle.

Uno di loro iniziò a scattare con una polaroid delle foto nelle quali ritraeva quello che sembra un animale impaurito in trappola: il colore del suo viso, con due gote rosse come il fuoco, si contrapponeva a quello delle sue bellissime chiappe pallide.

Disegnate dal segno del costume, le cerulee polpose rotondità erano in netto contrasto con le restanti parti del corpo recentemente e splendidamente abbronzate.

Persino la sua fighetta lucida di piacere e la rosellina scura del suo ano, ancora semiaperto e dal quale colava un rivolo di sperma, venivano immortalate alla perfezione.

Un altro ragazzo stava armeggiando con un registratore portatile: aveva riavvolto il nastro e aveva premuto il tasto play avviando la riproduzione audio di quello che poc'anzi era avvenuto nello spogliatoio.

Si sentiva chiaramente il rumore di una porta che si chiude e due persone che parlano sottovoce:

Lei quasi sussurra: “ma cosa fai? Perché mi hai portata qua?”

Lui le risponde: “aspetta fammi bloccare la porta con una sedia”.

Nonostante Il tono gentile, il linguaggio di lui si rivela da subito un po' gréve.

Sentire parlare Santo in maniera non troppo forbita non è sicuramente per Rossella una sorpresa, aveva già avuto modo di rendersi conto che il ragazzo non si distingueva per il linguaggio ricercato.

I dialoghi tradiscono le umili origini del ragazzo e ricorrono nella discussione termini volgari, utilizzati da lui per indicare le parti anatomiche della ragazza.

Anche l’uso degli aggettivi, risulta alquanto inappropriato per un corteggiamento,i termini sarebbero più adatti ad un dialogo tra contadini che parlano di animali o di puttane.

Lui le chiede: “posso mungerti le zinne?”

La ragazza risponde: “non so? Dillo tu”.

Lui continua: “fattele spremere; sembrano quelle di una vacca, nessuna a scuola c’ha zinne belle grosse come le tue”.

Poi si capisce che i due si spostano un poco, perché le loro voci ora sono riconoscibili, oltretutto nei dialoghi compaiono i loro nomi.

Durante lo spostamento probabilmente Santo le palpa il culo, perché lo si sente commentare: “che chiappe belle sode che c’hai Rò e come è bello alto il tuo culo, mi sembra quello di una cavalla, ma perché oggi non hai messo il pantalone della tuta?”.

Rossella gli risponde: “mia mamma non vuole che lo metta più, dice che è troppo aderente e quando lo indosso sembro nuda, ma ti prego Santo, toccami ancora il seno”.

“Si, vieni”, gli risponde lui: “levati la maglietta e il reggiseno.

Piegati un po' in avanti, io mi metto di lato, così ti mungo meglio con due mani, come faccio con la Vacca.

Appena finisco con questa minnazza, passo di la così mungo bene anche l'altra minna.

Ti piace o sto stringendo troppo forte? ”

Lei non risponde mugola di piacere ma si percepisce qualche flebile “si, siiii….”

Poi lui le chiede: “posso toccarti in mezzo alle cosce?”

Ancora una volta Lei lascia a lui la decisione: “non lo so? Dillo tu”.

E' lui a dirigere i giochi: “abbassati i jeans, fatti toccare lo sticchio”.

Passano alcuni secondi, non si capisce cosa succede ma poi lui continua:

“C’hai lo sticchio che è fradicio, sei tutta bagnata. Sei eccitata? Anch'io  lo sono. Senti come c'ho la minchia dura".

A quel punto probabilmente Rossella glielo prende in mano, non ne ha mai visto uno prima, nemmeno quello dei fratelli.

Forse è per questo che non scappa via.

Beata incoscienza, non si rende conto che l’arnese di Santo è una cosa fuori dal normale.

Sarà grosso almeno quanto una bottiglia di birra.

Segue un attimo di silenzio, poi si sente ancora lui: "piano con le mani, così me lo strappi.

Ma non l'hai mai menata una minchia?

Non l'hai mai presa in mano?

Non ci credo, nooo! Non ne avevi mai vista una?”

Lei probabilmente fa ripetutamente segno di no con la testa, perché non si sentono risposte a quelle domande.

In effetti Rossella si era attaccata con tutte e due le mani al cazzo di Santo e lo aveva tirato come se stesse giocando al tiro alla fune: disattenta, senza nessuna delicatezza, nessun trasporto, nessuna piacere nel compiere quel gesto.

Poi Santo, che ha preso coraggio, e prova a convincerla a fargli un pompino, continua: “adesso me la suchi e mi fai sborrare?”.

Rossella stavolta risponde: “non mi va di prendertelo in bocca”.

“Allora fatti fottere, mi stanno scoppiando le palle”, risponde lui.

La ragazza sussurra: “ti prego sono vergine. Santo scusami. Come posso farmi perdonare?"

E’ una domanda retorica perché Rossella, nello stesso momento in cui aveva visto quel cazzo enorme e aveva preso in mano quel tronco caldo e pulsante, aveva iniziato a desiderare di provarlo in culo.

Ma come l’ingenua Rossella completamente a digiuno in fatto di sesso desiderava essere sodomizzata.

In realtà le cose non stavano esattamente così.

Qui dobbiamo aprire una parentesi e fare un passo indietro.

Infatti Rossella, da quando  ha letto “Le età di Lulù”, sogna di essere: sodomizzata, trattata da puttana e sottomessa da un uomo.

Il desiderio si era radicato in lei grazie alle successive letture di “Le sventure della virtù” di De Sade e di alcuni giornaletti porno, nascosti dai fratelli nei cassetti della biancheria.

Uno in particolare di questi giornaletti intitolato “la cloaca” aveva insinuato in Lei i semi di una perversa visione del sesso: fatto non di amore e di coccole, ma di sottomissione e pratiche umilianti per la donna.

Il fumetto raccontava la storia di una moglie che,tradito il marito, per farsi perdonare accetta di farsi ricoverare in una clinica nella quale dovrà essere sottoposta ad un trattamento intensivo basato su ininterrotti rapporti sessuali protratti fino al punto di provocare nella zoccola fedifraga una overdose di cazzo e in particolare di sperma alla quale sarebbe seguita una totale repulsione per il sesso.

La donna veniva ridotta una cloaca, uno sborratoio.

Le facevano bere litri di sborra e al contempo le facevano clisteri di piscio fino a farle gonfiare lo stomaco come una donna gravida.

Prima di quelle letture nemmeno immaginava che si potessero avere rapporti sessuali di quel genere.

Quella era stata una vera e propria rivelazione, soprattutto per Lei che voleva mantenere la verginità sino al matrimonio.

Ma nel culo poteva benissimo provare a mettersi qualcosa, almeno per vedere se le piaceva.

Le era piaciuto, e anche tanto.

Aveva iniziato a sodomizzarsi con il manico dello scopino del wc e poi aveva seguitato introducendo nel suo ano sempre nuovi oggetti e più grosse erano le cose che si ficcava nel culo più intensi erano gli orgasmi che riusciva ad avere.

Da allora aveva iniziato regolarmente, anche più volte al giorno, a mettersi nel culo ogni oggetto di forma fallica che le passava a tiro.

Prendeva dal frigo un po’ di burro e dalla dispensa: prima carote, poi cetrioli, poi zucchine, poi zucchine più grosse e se li ficcava su per il culo.

La madre, ignara, l’aveva anche rimproverata perché dall’ortofrutta aveva comprato dei cetrioli troppo grossi pieni di semi e non buoni da mangiare.

Ma i cetrioli erano ormai i suoi ortaggi preferiti perché le scivolavano meglio nel culo rispetto alle zucchine.

Per rendere più piacevole la penetrazione, immergeva preventivamente l’ortaggio nel lavandino colmo di acqua calda in maniera da renderlo tiepido, così il cilindro all’atto della penetrazione restituiva una sensazione più piacevole avendo lo stesso una temperatura più simile a quella della carme umana.

Quando andava a fare la spesa dal fruttivendolo, sceglieva per se il cetriolo che più eccitava la sua fantasia e mentre faceva le scale o appena giunta a casa lo faceva sparire nascondendo il suo dildo vegetale in qualche cassetto.

Praticando quelle continue penetrazioni si era sfondata per bene il culo e ormai le bastava quale lubrificante la semplice saliva.

Le piaceva la sensazione di sentirsi aperta dietro e la facilità con la quale le scivolavano dentro e fuori dal culo i cetrioloni.

Le sarebbe piaciuto che il buchino le fosse rimasto costantemente aperto, per una dimensione almeno pari a quella del suo piccolo ombelico a pozzetto.

A tale scopo allenava continuamente lo sfintere.

Ogni volta che andava in bagno aveva l’abitudine di bagnare il buchino con la saliva, si penetrava con due dita e le ruotava mentre spingeva energicamente verso l’esterno dell’ano al fine di sfiancare il buco del culo e mantenerlo slabbrato.

Poi si avvicinava allo specchio, si piegava in avanti mettendosi alla pecorina, allargava con le mani i glutei e ammirava compiaciuta il forellino divaricato al cui centro si apriva un grazioso forellino, color della notte, nel cui vuoto poteva inserire liberamente un dito senza nemmeno percepirne l’introduzione.

Ora in quel buco di culo famelico aveva la possibilità di provare per la prima volta un cazzo vero.

Ora in quel buco di culo famelico aveva la possibilità di provare un cazzo asinino.

Questo racconto di è stato letto 2 0 8 0 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.