Sauna Club (Irina)

Scritto da , il 2019-09-22, genere etero

Mi trovavo in Austria, come al solito per affari.
Avevo stretto amicizia con Karsten, il direttore di sede di un nostro cliente, e capitava che, quando ero in zona, mi invitasse a cena a casa sua.
A volte c’erano anche altre persone del suo gruppo di amici, per lo più gente che stava molto bene e che non aveva remore a farlo vedere. Lo avvisai del mio arrivo e mi rispose che aveva un impegno importantissimo quella sera, ma che potevo unirmi alla compagnia per una bella “serata degli uomini”. Mi disse chi erano gli altri tre della combricola, tutta gente che già conoscevo.

Holger era un imprenditore ricco sfondato, fornitore di Karsten. Tobias e Christof due suoi stretti collaboratori. Mi passarono a prendere in hotel verso le 18, con due auto visto che sulla Porsche di Holger in cinque non ci saremmo mai stati.

Karsten si stupii quando gli confessai che non sapevo cosa fosse un FKK e mi spiegò che era un ottimo posto per un uomo per rilassarsi con gli amici. Ci girò intorno in una descrizione molto dettagliata di un'area relax dove giravano delle ragazze. In pratica, un bordello. Nei paesi nordici, legale e molto comune. Parcheggiammo ed entrammo nel locale. Holger pagò l’ingresso a tutti, e da come scherzò con la cassiera era chiaro che era un habitué. Karsten mi fece da guida, spiegandomi il funzionamento del posto.

Presi un accappatoio e delle ciabatte, scelsi un armadietto dove riporre i vestiti e mentre stavo per chiuderlo Holger ci infilò dentro una mazzetta di soldi.
- Divertiti stasera. Offro io la festa!
Stavo per rifiutare ma Karsten mi prese per un braccio e mi disse che si usava così e che lo avrei offeso. Poi tutti insieme ce ne andammo al bar a bere qualcosa. In quella sala si poteva fumare, cosa che a me dava davvero fastidio.

C’eravamo praticamente solo noi e 5 o 6 ragazze che indossavano solo l’intimo e che si voltarono tutte a guardarci e a sorriderci. Holger e i suoi due collaboratori le salutarono ad una ad una, baciandole e presentandoci, poi le invitò a raggiungerci su un divanetto dove ordinò due bottiglie di Krug.
Le ragazze ci circondarono.

Accanto a me c’era Irina, rumena come quasi tutte le ragazze in quel posto, davvero molto carina. Parlava molto bene italiano, mi disse che aveva fatto la baby sitter in Italia per qualche anno. teneva tre bambini per 600 euro al mese e una stanza che considerava una prigione. Allora aveva cercato altro e una sua amica l'aveva portata lì.
Mentre chiacchieravamo mi passava una mano tra i capelli e con l’altra mi accarezzava il petto. Tobias le disse che non ero mai stato lì e le suggerì di farmi fare un giro panoramico.
- In realtà io avrei fame... dissi
Risero tutti a squarciagola. Io avevo fame davvero.

Irina mi accompagnò in un’area dove potei prendere del cibo scegliendo tra due menu. I piatti venivano preparati al momento: C’era pure il cuoco. Siciliano.
Mangiò con me e mi raccontò qualcosa di lei, chissà se vera o falsa. Mi fece poi vedere il secondo piano: una piccola sauna, una vasca idromassaggio e molte camere da letto, ognuna con un arredamento diverso.
Non so se dovesse sembrare sexy o eccitante, a me facevano ridere tutte. Soprattutto quella medievale con le catene al muro. Irina mi disse che a qualcuno piaceva farsi legare e frustare lì.

C’era anche una saletta per vedere film porno, dove ci fermammo qualche minuto. La scena mostrava una bionda teutonica che godeva sotto i colpi di un nero palestratissimo.
- Non vorresti farlo davvero?
- Adesso ho davvero voglia di un idromassaggio. Vieni con me?
- Non ci è permesso, quello è solo per gli uomini
- Ah.... allora scendiamo dagli altri
- No, tu goditi l’acqua calda. Ci vediamo dopo. Io sono qui fino alle 2 di mattina

Fui felice di rimanere solo in mezzo a tutte quelle bollicine.
Mi sentivo strano in quel posto.
Quando scesi Karsten e Holger erano spariti mentre gli altri due stavano cenando.
Si erano aggiunte diverse altre ragazze ed un gruppo di altri uomini, piuttosto maturi.

Presi dell’acqua al bar e mi sedetti su un divanetto isolato.
Le ragazze al bancone dividevano il loro sguardo tra me e l’altro gruppetto. Scoprii dopo che non potevano parlare con i clienti se non espressamente invitate a farlo. Sorrisi ad Irina che, avendo già parlato con me prima, poteva raggiungermi di sua iniziativa.

- Come è andata con l’idromassaggio?
- Benissimo, mi sento già meglio
- E non vorresti sentirti ancora meglio? So fare ottimi massaggi. Passiamo un’ora insieme e vedrai...
Mi lasciai tentare.

Salimmo in camera e ammetto che nel salire le scale non le staccai gli occhi dal culo.

Prima di entrare prese un pacco con due asciugamani ed un enorme lenzuolo che stese sul letto.
Poi si tolse i pochi indumenti che aveva indosso e si avvicinò, slacciandomi l’accappatoio e facendolo scivolare a terra.
Mi portò nella doccia e mi lavò con dolcezza, insaponandomi e sciacquandomi. Quando arrivò al mio sesso lo insaponò molto bene e delicatamente, anche scappellandolo, per poi lavarmi facendo in pratica una magnifica sega. Mi venne durissimo.

- Hai visto che mantengo le promesse? Disse sorridendo.
Strusciò il suo corpo sul mio e mi baciò.
Limonammo nella doccia, nudi, sotto l’acqua calda che ci scorreva addosso.
Uscì e prese un telo spugna con cui mi avvolse e mi asciugò attentamente.
Fece lo stesso per se’.
Poi mi disse di sdraiarmi sul ventre.
Mi spalmò dell’olio sulla schiena ed iniziò a massaggiarmi.
Schiena, natiche, gambe... le sue mani si muovevano dandomi piacere.
Le sentii penetrare in mezzo ai glutei, stuzzicarmi l’ano.
Io ero immobile e mi godevo quel paradiso.
Montò a cavalcioni, sentii che spruzzava altro olio, poi si sdraiò su di me e iniziò a muoversi sulla mia schiena massaggiandomi con il suo seno.

Mi fece girare e mi mise dell’olio sul petto, ricominciando il suo massaggio leggero e stuzzicante.
Scese fino alle gambe che mi fece allargare un po’ per poterci passare dentro, indugiò un po’ sul mio cazzo che era già bello dritto, poi, come aveva fatto prima, mi salì sopra.
La sua figa depilata appoggiata sul mio uccello e lei che si stendeva su di me strusciando il seno sul mio petto. La spinsi indietro e cominciai a giocare con le sue tette.

Lei lasciò fare un po’ poi iniziò a segarmi lentamente, si abbassò e lo prese in bocca.
Continuò così per qualche minuto, mentre con una mano mi massaggiava le palle e con l’altra l’ano.

Poi mi mise un preservativo e mi salì sopra.
Rimasi fermo mentre mi scopava.
Era bello vederla mentre si muoveva sopra di me, sollevandosi e poi impalandosi nuovamente, ritmicamente.
- Vuoi cambiare posizione?
- Si... ti voglio da prendere da dietro.
- Piace molto anche a me... e mi sorrise

Si sfilò e si mise a quattro zampe
- Se vuoi puoi anche incularmi. Sono 120 euro in più
feci finta di non averlo sentito. Glielo infilai in figa e cominciai a pomparla
Godeva, ma poi chissà se godeva davvero. Venni comunque di gusto.

Mi tolse il preservativo, mi pulì il cazzo con dei fazzolettini, poi si mise di fianco a me e mi baciò con la lingua, come se le piacessi davvero.
Chiacchierammo ancora un po’ mentre mi accarezzava l’uccello a riposo e io giocavo con il suo seno.

- L’ora è finita, torniamo giù?
Sistemò la camera e mi seguii nello spogliatoio dove le diedi dei soldi. Le tariffe erano appese a tutti i muri.

Era la prima volta che pagavo una donna, mi sentivo un po’...sporco. Mi baciò di nuovo.
- Mi è piaciuto molto stare in camera con te. Sei molto diverso da quelli che frequentano questo locale. Ricordati di me se passi di nuovo di qui.

Finii in quel posto solo un’altra volta, con altre persone.
Irina non c’era più ma è rimasta tra i miei ricordi.


m.amorini@email.it

Questo racconto di è stato letto 3 5 3 0 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.