Masochista senza limiti Capitolo 2 - Segreti rivelati -

Scritto da , il 2019-08-25, genere pulp

Rimasta sola con il sig.M e il notaio,ancora sotto shock,sig.M mi disse: ”Ora scrofa comincia la tua nuova vita...spogliati che ti voglio ispezionare...”
Caddi in ginocchio ed in tutta risposta il sig.M si avvicinò a me con un coltello che aveva tenuto nella scrivania e mi tagliò i vestiti...
Rimasi nuda,mi fece alzare e mi fece mettere le mani sopra la testa e allargare le gambe,sentii le sue dita toccare il mio corpo,insinuarsi nei miei buchi poi disse estraendo le dita dalla mia figa...

“Guarda G nel solo sentire le regole della sua nuova vita si è bagnata...cosa ne pensi?sarà una masochista?”

“Bhe M..se la è, andrete molto d'accordo...immagino tu abbia già in mente cosa farle...”disse il notaio ridacchiando.

“Certo,ricordi l'ultima com'era ridotta? Voglio farla partire da lì...” disse M visibilmente eccitato.

“Wow M, vedo che questa scrofa ti eccita se vuoi farla partire subito cosi duramente...anche se l'ultima scrofa non è riuscita a resistere a tanto dolore e a tante lesioni...ma se veramente questa scrofa è masochista come pensi,credo che ti darà soddisfazione...io fossi in te M,per testarla comincerei da lì e da lì..-”disse il notaio indicando la figa e le mammelle...

“Vieni G,accompagnamola dal Doc,cosi ti diverti anche tu...”

Uscimmo dalla stanza,il cuore mi batteva a mille...chiunque poteva vedermi nuda ed esposta...indifesa...ma nonostante il terrore per ciò che mi poteva essere fatto,non potevo fare a meno di provare una certa eccitazione...

Uscimmo dalla villa del mio nuovo padrone ed entrammo nella depandance.

Appena entrati,vidi con orrore un tavolo di metallo al centro della stanza e diversi carrelli con appoggiate diverse attrezzature,tra cui viti,chiodi,aghi,un trapano,dei seghetti,diversi tipi di piercing e diversi altri oggetti ginecologici e medici.

Dopo pochi istanti da una porticina apparve un uomo...era il dottor F il medico della mia famiglia e sapeva cose di me che non avevo mai confessato a nessun altro...incluse ovviamente le infezioni che mi ero presa con giochi scat anche abbastanza spinte quando avevo qualche anno in meno...

Il cuore mi rimbalzava in gola,speravo non dicesse nulla ma...Appena mi vide disse rivolgendosi al mio nuovo padrone: “ Così questa è la scrofa di cui mi hai parlato? Hai fatto un ottimo affare con questa qui...La conosco molto bene,molte volte è venuta al mio studio per chiedermi antibiotici dopo aver fatto certi giochini...”

Il padrone e il notaio presi dalla curiosità chiesero quasi in coro: “davvero? E sai che giochi faceva?”

“Certamente” rispose il dottore prontamente, “mi ha raccontato che le piaceva subire giochi particolari di torture molto hard e umiliazioni con le feci in particolar modo e le serviva aiuto per nascondere tutto alla sua famiglia...vero puttana? Racconta al tuo nuovo padrone cosa facevi...non vergognarti,non sei più con i tuoi genitori e ti garantisco che Lui apprezzerà molto quelle cose...” disse rivolgendosi a me.

Il padrone mi squadrò un momento e con tono seccato mi disse:” Allora? Parla inutile bestia da macello...”

Titubante presi la parola ed incoraggiata da uno sguardo del medico iniziai a parlare.

“Si padrone è vero...mi piace molto essere torturata e umiliata duramente,l'ho sempre nascosto a tutti fingendomi una ragazza per bene ma molte volte ho incontrato uomini da internet...anche in gruppo...”

“Quindi?ti facevi solo scopare o anche torture e umiliazioni serie?” chiese il padrone eccitato...

“Bhe...si signore..anche pratiche serie...dal fisting sia con le mani che con i piedi fino alle pratiche scat,sia ingoio che forzata nella vagina dopo piccole bruciature e taglietti...”dissi prendendo coraggio...

“Sappi lurida scrofa che queste cose saranno fatte spesso su di te...anzi saranno rese più estreme ogni giorno...e dire che facevi tanto l'agnellino spaventato poco fa...comunque,in che modo ti facevano le bruciature? Ma soprattutto...quanta e per quanto tempo sei arrivata a tenere la merda nella figa?” chiese il padrone con tono severo...

“Spesso, per bruciarmi usavano sigarette,sigari,candele e a volte anche ferri da maglia arroventati...” un violento ceffone mi colpì in pieno viso facendomi cadere a terra e il padrone mi disse:” vedi di rimanere in ginocchio e cominciare a strusciare quella lurida figa sulle nostre scarpe sporche intanto che parli,poi vedrai che bel regalo ti faremo...” disse strizzando l'occhio al notaio ed al dottore.

“si padrone” dissi iniziando a strusciare con foga la mia figa sulle loro scarpe, poi proseguii “la quantità non l'ho mai misurata ma erano le feci di sei uomini diversi e me l'hanno bloccata dentro per 16 ore con un plug padrone...”

Il padrone si rivolse al dottore “Così poca e per solo 16 ore? Cosa ne pensi doc? Direi che si può fare decisamente di meglio vero? Soprattutto con quel nuovo intruglio che avevi preparato, quello che migliorava il sistema immunitario...quello che hai sperimentato sull'ultima bestia..”

“Certamente,con quello si può iniettare merda ovunque e in qualunque quantità senza limiti di tempo e soprattutto senza rischiare la sepsi...anche se effettivamente ad ogni iniezione aumenta la ricezione del dolore del 10% circa...ma lo sai che è pericoloso superare le 5 somministrazioni...” disse il medico.

“Lo so... potremmo iniziare con le 5 iniezioni e quando suo padre capirà di non poter ripagare quello che rimane del debito gli farò firmare anche l'ultima clausola in modo da poter superare il dosaggio sicuro...intanto cominciamo con le prime modifiche a questa bestia...” disse il padrone con una scintilla di cattiveria negli occhi...

Questo racconto di è stato letto 2 6 4 6 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.