Il castello nero- Parte 1

Scritto da , il 2019-07-23, genere pulp

Sono su un ponte, è il ponte di una ferrovia, una vecchia ferrovia, appena fuori dalla mia camera. Io sono sul bordo, pronto a saltare. Dietro di me una montagna, dalle rocce ripide e nere, tra le quali si intravedono torrioni e bastioni, quasi come se ospitasse al suo interno un gigantesco castello, e poi qualcosa suona, come un fischio, un allarme, insistente, fastidioso, da un altro luogo, forse da un'altra dimensione.....il telefono, quel dannato telefono....lo lascio suonare, sperando che il mio cervello mi permetta di rituffarmi nel mondo che per me aveva creato, volevo entrare in quella specie di montagna-castello, volevo vedere cosa c'era dentro....perché nessuno risponde, mia moglie dovrebbe già essere sveglia...ah già, è domenica...chi chiama la domenica mattina presto?...e continua a suonare, e se fosse successo qualcosa? Oh cazzo! Magari è successo qualcosa ai miei genitori, o ai miei suoceri...nel frattempo anche mia moglie si è svegliata, è più veloce di me, capisce subito che qualcosa non va, si alza e si fionda in salotto, dove abbiamo il cordless; quando risponde io ho appena appoggiato i piedi sul freddo pavimento e mi scappa l'occhio sulla sveglia...le 5.27...cazzo! E' successo qualcosa sì!...e perché non sento parlare mia moglie, cazzo!
E se fosse uno scherzo di qualche coglione?
Raggiungo Matilde in salotto, ormai il sonno se né andato, una tremenda curiosità mi attanaglia le viscere, voglio sapere, certo, ma so quasi per certo che sarebbe meglio rimanere nell'ignoranza, so che sarà un momento che mi ricorderò per sempre, non è uno scherzo idiota, ne ho la sensazione, ogni particolare mi si fissa nel cervello, la trama del pizzo sul tavolino, i fiori che le compagne di pallavolo di mia figlia Regina le avevano regalato per il suo diciottesimo, il reggiseno bianco di mia moglie...mia figlia! Perché non si è svegliata anche lei? Perché? Doveva uscire con Debby, la sua migliore amica...mia moglie, sta piangendo, non l'ho mai vista piangere...oh no! No! No! No!...un incidente?
“Erano i carabinieri, chiamavano dall'ospedale.” singhiozzò mia moglie.
No! Era morta! La mia unica figlia era morta!...Volevo vomitare...forse sto ancora sognando...no, era tutto terribilmente logico e reale.
“Non dirmelo... No! Non dirmelo!”
“E'...l'hanno trovata...trovata in un bosco…e, e, l'hanno portata in ospedale...non ricordava più niente...”
Non ricordava?!?Allora era viva!
“Ma allora non è...insomma, sta bene” sollievo, non era morta, oh sì, mia figlia non era morta!
“Sì, non, ma...”
“Perché cazzo era in un bosco e non si ricordava niente?”, chiesi quasi urlando.
La risposta mi attraversò la mente in un attimo, il sollievo di prima si dimostrò illusorio e temporaneo, una nuova concezione della realtà apparve cruda e tremenda davanti ai miei occhi.
“No! No, non può essere...” balbettai.
Un singhiozzo più forte investì il corpo già tremante di mia moglie, le lacrime le solcavano le guance percorrendo gli incavi delle rughe che cominciavano ad incresparle il suo bel volto.
“E' stata stuprata.” sentenziò.
Un enorme masso era precipitato nel mio salotto. Pesante, come il silenzio, nero come la montagna nel mio sogno, e qualcosa in me era crollato, qualcosa che proteggeva un bambino che piangeva fiumi di lacrime e imprigionava una bestia feroce, dalle fauci grondanti sangue, che mi faceva paura.

Eravamo all'entrata del pronto soccorso, non mi ricordavo come ci ero arrivato, non volevo entrare, non volevo chiedere ad uno sconosciuto indicazioni riguardo alla stanza dove tenevano mia figlia, “sa, quella che hanno stupr...”, non riuscivo neanche a pensarlo, porca troia!
Mia moglie era quella forte, aveva smesso di piangere, certamente senza l'aiuto del mio abbraccio, aveva preparato una piccola valigia ed un beauty case, aveva guidato ed ora entrava a passo deciso nell'edificio, la seguì come un cagnolino.
Entrammo, la luce al neon mi abbagliò per un momento, poi vidi venirci incontro un uomo in divisa, di media statura, stempiato, con una folta barba grigia.
“I signori Castelli?” esordì, con voce cortese.
“Sì, siamo noi” mi anticipò Matilde.
“Io sono il Capitano Ponti, venite, vi accompagno da vostra figlia.” Ci dirigemmo verso le scale
“Come sta Regina?” chiese mia moglie.
“La stanno sottoponendo agli esami del caso.” Guardò appena mia moglie. “No, non sta bene, ha bisogno di qualcuno di cui si fidi.”
“Sapete chi è stato?” Volevo davvero conoscere i nomi di quegli infami?
“Aspettiamo l'esito degli esami ospedalieri, poi avvieremo le indagini, interrogheremo chi era in zona al momento del ritrovamento, i baristi della discoteca, i buttafuori, i ragazzi che l'hanno trovata sono già stati sentiti, ma, a parte quando hanno scorto vostra figlia che vagava nel bosco...”
“Chi erano? Come hanno fatto a trovarla?”.
“Non posso rivelarvi la loro identità, sono soltanto un ragazzo ed una ragazza che cercavano un luogo appartato e hanno incrociato vostra figlia e la sua amica che vagavano in stato confusionale nel bosco tra la discoteca e la strada provinciale e…”
“Anche lei è stata viol...” mi bloccai non riuscivo a dirlo
“Sì, i suoi genitori non si sono ancora presentati.”
“Oh no, anche Debby, povero Giulio!” mia moglie sembrava quasi che stesse per rimettersi a piangere, il bambino pianse più forte, la belva ruggì.
“Conosco il padre, è divorziato e abita in periferia, lui arriverà, la madre si è risposata a Cuba, dovreste informarla…”
“Ci abbiamo già pensato noi, ora aspettiamo il padre. Devo informarvi che le testimonianze chiavi saranno quelle di vostra figlia e della sua amica, anche se...”.
“Anche se...”
“Supponiamo che il vuoto di memoria delle vittime non sia stato causato dallo shock, ma probabilmente dall'aver assunto qualche tipo di droga che...”
“Mia figlia non si droga!” sbottai.
“Non ho detto questo, signor Castelli. Presumiamo, invece, che siano state costrette a farlo, o che qualcuno abbia versato la droga nei loro bicchieri, mi dispiace, di più non posso dirvi.”

Si fermò davanti ad una porta gialla, la targhetta recitava “Annamaria Dott.ssa Ferri, Ginecologa”
“Vostra figlia e la sua amica sono qui dentro, io torno all'entrata per ricevere il signor Torricelli, lunedì vi convocherò in caserma per aggiornarvi sul caso”.
“Grazie capitano”.
“Aspetti a ringraziarmi, signora, vostra figlia dovrà denunciare i suoi stupratori e, probabilmente, testimoniare al processo che ne deriverà, più di una volta, per voi non sarà piacevole”.
Non rispondemmo, il capitano scomparve dietro l'angolo del corridoio; non mi era piaciuto, era freddo, militare, non sembrava provare alcuna emozione, come se mia figlia fosse solo una noiosa pratica che l'aveva costretto a passare la nottata in ospedale.
Lo confessai a Matilde, rispose “Ti prego, dobbiamo fare il possibile per proteggere Regina e Debby, e lui è uno dei pochi che può aiutarci, prenderà quei criminali e farà giustizia.”
“Sì certo, non appena mia figlia finirà su tutti i giornali e tutti si immagineranno come è stata stupr...”
“C'è il diritto all'anonimato, nessuno saprà che quelle due ragazze sono Debby e Regina.”
“E al processo? Quando dovrà raccontare davanti ad avvocati, giornalisti e a quei figli di troia che l'hanno viol..., che cosa è successo stanotte?”
“Ti prego, Renato, ti prego, una cosa alla volta, troveremo la soluzione, ora l'importante è stare vicino a Regina.”

Questo racconto di è stato letto 1 7 7 8 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.