Maestra in lingue

Scritto da , il 2019-04-04, genere etero


Allora.. mi chiamo Antonio e ho 24 anni. Circa 5 anni fa, in quinta liceo, avevo una professoressa di inglese molto sexy e seducente: per comodità la chiamo Aurora. Aurora aveva dei capelli neri ondulati, con un taglio a caschetto lungo; gli occhi erano verdi e profondi, quando interrogava era molto gentile e accomondante, come nella vita privata: non essendo molto bravo in inglese mi accoglieva a casa sua per le ripetizioni. Aveva un corpo da paure: fianchi larghi alla base che si restringevano all'ombellico, un seno prosperoso ma naturale e un fondoschiena stellare. Durante la cena di fine anno eravamo in un locale con tutti i nostri compagni di scuola (più quinte dello stesso istituto) e i rispettivi professore, come era usanza. Finimmo tardi, alle 2 di mattina circa e Aurora non sapendo come tornare a casa, perchè era venuta con la corriera, mi chiese un passaggio in macchina. Una volta saliti in macchina sentì stringere il fiato.. non mi era mai capitato di stare vicino ad una donna così venerea. La accompagnai a casa ma disse: "Perché non sali da me -mio cognome-". Anche se l'idea mi lusingava declinai optando per un altro paio di giri nel quartiere, sempre in macchina. Lei chiuse lo sportello e si risistemò in macchina. Iniziammo a parlare ma ad un tratto gli caddero le chiavi di casa sul mio sedile e scivolarono sul tappetino. Lei si piegò su di me per riprenderle ma mi toccò il pene che era in evidente stato di erezione. Si eccitò per un momento, dopo però si scusò ma io rifiutavo in continuazioni le scuse. A una certa le risposi :"Se una cosa attrae non deve essere necessariamente cattiva no?" A queste parole ci guardammo e sfociammo in un limone incredibile. Ci sistemammo nei sedili posteriori in un parcheggio coperto. Iniziò a segarmi con maestria unica, poi mi fece un pompino, leccandomi il frenulo. Iniziai ad eiaculare liquido preseminale. Apriva e chiudeva la cappella dolcemente e mi unimidiva tutto il membro. Poi iniziò a spingerlo infondo e qui quasi soffocava per il troppo sperma. Gli tolsi la camicetta, il reggiseno e iniziai a baciarle e succhiarle il seno. Si sedette sulle mie ginocchie e infilò il mio pene nella sua vagina, per il peso però esso ricadde forte e un pò gemette per il dolore. Il rapporto però continuava per il meglio. Prima provammo il missionario, poi la pecorina, poi la supina e finimmo con un bella altalena. -Sto per venire!- Gridò Aurora. Feci appena in tempo ad aprire lo sportello della macchina che venne, era tutta bagnatissima. -Brutta scrofa, non ti permettere!- Riaprii lo sportello e le sborrai in faccia, schizzando tutto sui capelli e sugli occhi. Con le dita raccolse tutto lo sperma che aveva e lo ingoiò. Ci fermammo a coccolarci per un altro pò, accendemmo una sigaretta e infine disse: -Anche se farai una prova d'inglese di merda, penserò io a farti promuovere, d'altronde sei stato un ottimo praticante di lingua stasera- Abbiamo avuto rapporti regolari fino a qualche mese fa, poi lei ha avuto un'incarico diplomatico a New York, sogno di andare a fare pratica di lingue in USA.

Questo racconto di è stato letto 4 3 3 5 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.