Un anno di Dominio Cap III

Scritto da , il 2019-03-14, genere dominazione

Dorian tornò in salone, versò nuovamente del vino in due bicchieri e chiamò Simona. Totalmente differente da Desiree, Simona non dava a vedere alcun timore verso l'uomo che aveva di fronte, si sedette sulla poltrona libera senza aspettare l'invito e prese il calice di vino, sorseggiandone subito un goccio. Indossava un vestito lungo ma non eccessivamente elegante, colorato, capelli sciolti scuri e occhi marroni, da sotto il vestito si intravedevano due seni abbondanti.
“Buonasera Simona, felice di vedere che ti stai ambientando in fretta, sono Mr Dorian” disse prendendo a sua volta il bicchiere ed accennando un brindisi. “Ottimo vino” ribatte lei, porgendogli la mano. Mr Dorian si chiese se la sua fosse una sicurezza di facciata o era così realmente, decise così di non perdere tempo, la storia di Simona la conosceva e non c'era nulla per cui valesse la pena perdersi in troppi convenevoli, “lieto che ti piaccia, te ne potrò fare assaggiare molti, intanto ti chiederei di appoggiare il bicchiere, alzarti di fronte a me e spogliarti completamente”; Simona finì in due sorsi il vino rimasto, si alzo e senza nessun tipo di pudore si slacciò il vestito,e lo fece cadere ai suoi piedi, non indossava reggiseno e in un batter d'occhio anche il perizoma nero che indossava finì a terra. Come aveva intuito Mr Dorian, Simona aveva forse un paio di chili di troppo, che però ne aumentavano l'appetitosità, un grosso seno, forse una quarta, con un aureola rosa e i capezzoli grossi e scuri, al contrario di Desiree questi non davano segni di eccitazione particolare. Notò che non era completamente depilata, sulla fica era presente un boschetto di peli chiari che, seppur curato, non piaceva a Mr Dorian; “Simona, ti chiedo di andare nella stanza qui a fianco, nell'armadietto a destra troverai una busta azzurra, prendila e torna qui”, lei eseguì e subito tornò da lui, gli porse la busta ma Mr Dorian le disse di aprirla da sola, all'interno lei trovò tutto l'occorrente per la depilazione, non avendo altre parti del corpo su cui fosse necessaria, capì subito cosa ci si aspettava da lei. Ciò che non aveva capito appieno era che avrebbe dovuto fare il lavoro li, di fronte a lui. “Avanti Simona, immagino tu abbia capito cosa voglio tu faccia, mettiti dove preferisci e provvedi” il tono non ammetteva repliche.
Si sedette sul mobile, fece per prendere la crema anti irritante ma la mano di Mr Dorian la fermò, le prese il tubetto e versò un po' di lozione sulla sua mano; il suo tocco fece rabbrividire Simona, ma lei non si mosse di un millimetro, nemmeno quando, finito di spalmare la crema sulle grandi labbra lui le infilò due dita nella fica, rovistò a lungo dentro di lei, solleticò e pizzico il clitoride senza trovare alcun contrasto, soddisfatto assaggiò il sapore di Simona, si mise a sedere e le disse di fare il lavoro. Io poche e sicure mosse la fica di Simona fu completamente glabra, un ulteriore crema post depilazione e questa luccicava, probabilmente non solo per la crema appena messa. Dorian si versò un bicchiere di vino, ne bevve un sorso e senza ingoiarlo si avvicino alla ragazza, cercò la sua bocca che trovò già aperta, il goccio di vino che aveva ancora in bocca si perse tra le labbra della ragazza, qualche goccia scese sul collo e sul corpo di Simona, un bacio lungo, eccitante, lussureggiante, le lingue si cercavano, stuzzicavano, lui le morse le labbra e andò a cercare il vino che era sceso dalla bocca, leccò e bacio il collo e cercò i capezzoli, ora si, erano duri come chiodi, li morse e scese seguendo la scia lasciata dal liquido preferito da Bacco.. fece sdraiare Simona, mise le sue gambe sulle sue spalle e andò a cercare il gioiello appena depilato, era profumato, lo baciò e la sua lingua continuò il gioco che aveva appena fatto con la bocca della ragazza, il clitoride era già gonfio, gli umori colavano dalle sue gambe e lui godeva di quella eccitazione, giocò diversi minuti con la fica, le dita aiutarono la lingua in quell'esplorazione e Simona si perse nei suoi orgasmi.
Dorian fu entusiasta della reazione della ragazza, era sicuro che poteva trarre grandi soddisfazioni da quel rapporto e decise di darle subito il suo regalo di benvenuto, da una borsa estrasse un paio di mutandine, non semplici mutande ovviamente, all'interno avevano un cazzo e, ovviamente, nell'indossarle questo penetrava la fica di chi le avesse portate, le fece chiudere gli occhi e le fece indossare il capo, Simona si accorse quasi immediatamente che non erano un semplice capo intimo, non ne aveva mai viste ne indossate ma comprese cosa voleva Mr Dorian e con un gesto volutamente voluttuoso si alzò, sorrise e senza difficoltà vista l'abbondante lubrificazione si infilò mutande e cazzo: “Questa notte dormirai con solo queste addosso, non dovrai toglierle e sappi che se lo farai me ne accorgerò. Ora torna nella tua stanza, a domani”

Aveva conosciuto le due ragazze, e l'antipasto non era stato per niente male.. ora toccava conoscere il ragazzo e scoprire il prezioso contenuto della cassa al piano superiore, lo avrebbe fatto contemporaneamente.

Questo racconto di è stato letto 1 2 8 7 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.