La scoperta della trasgressione: la telefonata

Scritto da , il 2019-03-14, genere trio

Con Franco e Tony è stato un crescendo di sesso spinto fin quando è possibile per un trio vario come il nostro. Purtroppo è arrivata la fine delle ferie del mio Tony che deve rientrare a P….. dove lavora.
Adesso anche lui è più tranquillo perché sa di lasciarmi nelle mani (e nel cazzo) di Franco,il nostro comune amante e bull che io non smetto di incontrare sia in ufficio dove mi faccio trombare nella sua stanza sia a casa mia dove spesso lui trascorre qualche piacevole ora pomeridiana.
Fu in uno di questi pomeriggi che lo aspettavo e mi aveva appena telefonato il mio Tony e dopo i soliti convenevoli mi aveva chiesto di Franco, di quando lo avessi visto:
io: “tesoro, verrà qui più tardi!”
tony: “sei già pronta a riceverlo?
Io: “si amore, ho appena fatto la doccia, depilata e lavata anche dentro, sai che con lui anche dietro devi sempre essere pronta!”
Tony: “ lo so, ho già il cazzo duro pensando a voi due che fra in po’ scoperete come ricci, sicuramente mi farò una sega pensandovi!”
E in quel momento mi viene un’idea “amore, se vuoi appena arriva ti chiamo e metto il cordless in viva voce così potrai sentire tutto e partecipare”
Tony: “si è una bella idea e se non posso vedervi potrò sentirvi, l’importante e che parliate e raccontate tutto quello che state facendo!”
Io: “allora a dopo amore, appena Franco arriva ti chiamiamo, smack”
Chiusi la conversazione eccitata per questa ennesima fantasia che stavamo per realizzare. Mi sentivo bagnata e calda, gli slip già zuppi, decisi di restare così aspettando Franco, indossai un corto vestito senza reggiseno, mi piace sentire il cotone che strofina sui capezzoli, me li tiene duri.
Suonano, è lui, gli vado incontro un bacio avvinghiati come due amanti quali siamo, la mia mano a toccare la sua erezione già forte e imperiosa, geme di piacere al mio tocco, è sicuramente molto carico, gli racconto della telefonata con Tony di quello che vorremmo fare, lui acconsente mi dice di andare a prendere il telefono e chiamare subito Tony, appena lui mi risponde lo metto a viva voce:
io: “ciao, amore” mugolo “Franco è qui, ha già il cazzo duro, penso di dovergli fare un pompino per farlo godere!”
Franco: “si, ciao Tony, sono qui, Gabry è più eccitata di me , le sto toccando la figa ed è molto bagnata, adesso mi sta spogliando, ho il cazzo duro che non vede l’ora di sborrare!”
Io: “si amore, ha il cazzo durissimo, adesso lo prendo in bocca, lo sto succhiando, lo gusto, è caldo e profumato di maschio, ha una goccia sulla punta che lecco avidamente, mmm, leggermente salata e gustosa!”
Franco: “la tua Gabry ci sa fare, mi sta facendo un pompino sublime, non so quando resisterò adesso mi lecca l’asta fino ai coglioni, li succhia, siiiii, mi piace così come li succhia, adesso lecca la cappella”
Tony: dove siete? Com’è lei?
Franco: siamo nel salone io in piedi, sono ancora semivestito perché tua moglie non mi ha dato tempo di spogliarmi tutto, mi ha sbottonato i pantaloni e ho il cazzo di fuori, lei è nuda a parte gli slip che ho toccato e che sono fracidi di eccitazione e mi sta facendo un pompino, anzi, mmmm, sto per venire, vengo ,vengo, oh,!”
Franco mi sborrò in bocca il suo primo orgasmo, ero già pronta con la bocca aperta a ricevere quel nettare, qualche schizzo mi prese sul viso, cazzo, mio marito aveva potuto sentire in diretta il godimento del nostro bull.
Continuavo a parlare con mio marito in vivavoce:
io: “amore? Hai sentito come ha goduto Franco, era così carico che non sono riuscita a bere tutto il suo nettare, mi ha schizzato sul viso e sulle tette, lo sto massaggiando per farlo diventare di nuovo duro, dove vuoi che goda adesso? Nella fighetta o nel culetto?”
Tony: (con voce roca e vogliosa) “fatti scopare nel culo, fallo venire di nuovo dentro il tuo culetto!”
Franco: “eh, dammi un attimo che mi riprendo e la faccio godere come vuoi tu, intanto la faccio mettere a pecorina così che posso leccarla bene”
Io: si amore, sono a pecorina, Franco mi sta leccando sia il culo che la figa, sento la sua lingua rasposa che mi lecca tutta, mi piace, mi eccita, mmmm. Adesso mi sta allargando le natiche e mentre continua a leccare mi sta mettendo dentro due dita”
Tony: “ti sei lavata, sei pulita anche dentro?”
Io: “si amore mio, si, lo sai che mi preparo sempre per questi incontri anche se Franco non è schizzinoso, si, sono tutta pulita, ah, adesso mi sta appoggiando la cappella al culetto, siiii, Franco spingi … spingi … fammelo sentire tutto dentro”
Franco: “siii, ti piace prenderlo dietro, ti piace proprio, mmmm. Sento il tuo culetto che si apre, il mio cazzo sta entrando tutto, si tutto dentro…”
Io: “ oh, dai, sento i coglioni che mi sbattono sul sedere, sento i peli dei tuoi coglioni che mi solleticano la pelle, spingi, spingi,….”
Tony: (con voce eccitata) “dai Franco falle il culo, riempila di sperma!”
Io: “amore, ti stai toccando, vero?, siii, toccati pensa alla tua Gabry che sta per essere farcita anche dietro, lo so che ti eccita, che ti piace”
Tony: “è la seconda sega che mi faccio, a sentirvi che state scopando sono così eccitato, sono nudo sul letto …”
Franco: “sto per venire di nuovo, è troppo eccitante, mi piace scopare e raccontare cosa sto facendo, lei si muove con il culo che sembra mi stia facendo un pompino con le natiche, il cazzo va dentro fino in fondo..”
Gabry: “mi sto toccando la figa, sono bagnata, ah, sto godendo, Franco, Franco, toccami i capezzoli… si così stringili, ah,ah, vengo…”
Franco: “ mmm sto venendo anch’io, si, si sborrooooo”
Un getto di sperma caldo mi inonda lo sfintere, godo , e sento a telefono che il Tony mugola di eccitazione, ha goduto anche lui.

Spero vi sia piaciuto questo nuovo stile di racconto …. fatemi sapere












Questo racconto di è stato letto 1 7 6 1 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.