Mamma confusa ma felice 2

Scritto da , il 2019-03-14, genere incesti

Pssarono alcuni giorni,la malattia di mio suocero peggiorò, e nel giro di una settimana ci lasciò,eravamo tutti molto legati all'anziano patriarca, ma purtroppo la vita è anche questo.
Alberto il giorno del funerale mi chiese se avessi difficoltà a restare senza di lui, essendo figlio unico non si sentiva di lasciare l'anziana madre da sola, e che si sarebbe fermato
solo il tempo necessario, in modo che potesse riprendersi, la mattina successiva recandosi al lavoro,prese il trolley con i ricambi per alcuni giorni, lui lavora in un'azienda situata
a metà strada tra noi e sua madre.
Ciao , mi raccomando,se hai bisogno chiamami subito, la solite raccomandazioni, ci baciammo ed entrò nell'ascensore che l'avrebbe portato in garage.
Per tutta la giornata e la sera, io e Roberto ci rivolgemmo poche parole, era veramente attaccato a suo nonno,al suo 18esimo compleanno,gli aveva regalato una moto da cross.
Tutto normale per i primi 2 giorni,sino a quel pomeriggio, che suonò il citofono, era Franco, ( buon giorno signora) ciao franco, ti apro sali , attesi alla porta, non accorgendomi che
la veste molto leggera, lasciava intravedere le forme, e le ampie spalline lasciavano lo spazioper vedere parte del seno, vai pure, Roberto è in camera al pc, io terminai di imbustare
le traduzioni.che avevo ultimato, mi chiesi se ai ragazzi avesse fatto piacere una piccola merenda, e mi diressi verso la cameretta, non si sentiva nullaa, lentamente aprii la porta,
loro erano al pc, ecco, il solito filmino porno, mi soffermai a guardare, il genere era sempre lo stesso, una donna matura atturno al 50 anni, con 2 giovani ragazzi che la prendevano
in tutti i modi, l'incubo si ripresentava, ma non voleve e dovevo prendere l'iniziativa, quel pocodi pudore che avevo ancora,mi frenava, prima di richiudere la porta, osservai che si
stavano segando velocemente,in maniera frenetica ed ancora inesperta, un calore mi pervase il corpo, corsi in camera a masturbarmi, mi spogliai, rimasi con il solo perizoma, lo scostai,
e cominciai a sgrillettarmi, gemevo abbastanza forte, volevochemi sentisero, che venissero a godere con me, mi misi alla pecorina, faccia sul materasso, culo verso la porta,questa volta
spalancata, le mani intente, una a massaggiarmi la fica, l'altra con le dita insalivate che mi infilavo nel culo,sino a che venni.
Ripensando a quelle scene, mi accorsi che ero più interessata a Roberto che a Franco, quelloche immaginavo era con mio figlio, poi mi addormentai.
al mio risveglio,Franco non era più in casa, e Roberto aveva preparato la tavola, che tenero, avevo apprezzato la premura e gli preparai una cenetta coi fiocchi.
Dopo cena guardammo un pò di televisione, poi lui si rinchiuse nuovamente in camera sua, ed io sul mio letto,l'eccitazione,del pomeriggio, non si era placata, e cominciai a toccarmi,
piano piano mi spogliai e cominciai a masturbarmi nuovamente, pensando al cazzo di Roberto,dritto e duro.
Passò ancora un altro giorno, Alberto mi chiamò al mattino, ti dispiace se rimango ancora qualche giorno? disse con tono dispiaciuto,, ma no figurati rimani quanto credi necessario,
poi ci salutammo, a sera come al solito, ci ritrovammo io e mio figlio, non mangi nulla? no non ho fame, disse , vado in camera e mi collego con Franco, ok risposi, anche io non avevo
fame,mangiai una mela e mi coricai sul letto a leggere il libro, dopo circa mez'ora Roberto si affacciò alla porta, mamma, capii che doveva chiedermi qualcosa, ma nonimmaginavo di che
si trattasse, sai con Franco, quella notte che dormì qui, ti abbiamo visto con papà, ero senza parole, riuscii a balbettare (che cosa hai avete visto?), facevate l'amore, ma anche Franco
ha visto?, si anche lui, rispose, mi scusai dicendo che forse mi ero dimenticata di chiudere la porta, ma ora vai a letto dai, notai il gonfiore nei boxer, si girò, buona notte.
Non volevo nemmeno pensarci, aveva avuto il coraggio di parlarmene, dopo alcuni minuti decisi di andare in camera sua, per cercare di spiegarmi, la porta era aperta,la luce del del monitor
illuminava leggermente la stanza, ma sufficiente per vedere Roberto sdraiato sul letto, i boxer abbassati alle ginocchia, che si stava masturbando, rimasi a lungo a guardare quella mano
che scorreva sul cazzo, per coprirlo tuto ne occorrevano due di mani, lo guardavo trattenendo il desiderio, sino a quando con gli occhi chiusi lo sentii chiamare,mamma si, voglio scoparti
in culo, a quel punto non resistetti e feci un passo avanti, lui aprì gli occhi, e mi vide in piedi a guardarlo, cercò di coprirsi con le mani, rimase in silenzio, imbarazzato, mi avvicinai,
mi sedetti sul letto, dai non ti preoccupare,è normalissimo farsi le seghe,ma bisogna anche fare l'amore qualche volta, lui continuò a tacere, gli tolsi le mani da sopra il cazzo, che come
una molla puntò verso l'alto, gli accarezzai il pelo del pube,scendendo lentamente sui testicoli, arrivata alla base del cazzo, cominciai a risalire verso la punta, piano piano senza
stringere, lo sentivo pulsare, non resistetti, mi abbassai e presi la cappella tra le labbra, mentre davo leggeri colpetti con la lingua, lo presi in bocca tutto, arrivando a leccare
anche le palle, non durò molto che uno schizzo caldo, mi riempì la bocca, ingerii tutto piano piano, un'ultima ripulita con la lingua, poi mi rialzai, rimase impietrito, uscendo dalla
camera, udii un tenero, grazie mamma, non risposi, andai in camera mia e piansi, mi vergognavo per quello che avevo fatto, ma sentivo di amarlo più di un amore materno, amavo ed amo mio
marito, mai mi sarei aspettata di arrivare a questo, il sesso per me era essenziale, più lo facevo, più volevo farlo.
Il giorno dopo a tavola Roberto non disse nulla, allora decisi di chiarire le nostre posizioni, gli confessai quello che provavo per lui, emozioni e desideri fortissimi, mi interruppe
dicendo, allora faresti anche l'amore con me?, risposi, se non fosse che mi trattengo, sarebbe già successo, sai quante volte ti ho spiatomentre facevi la doccia?, a volte volevo entrare
in doccia con te, ma queste cose non devono accadere, sono tua madre, si capisco, replicò Roberto, ma io ti desidero tantissimo, l'ho detto anche a Franco, una sera mentre facevi l'amore
con papà, lo sò, risposi, vi ho visti ed ho lasciato che mi guardaste, vi è piaciuto? si, e speriamo che papà rimanga ancora con nonna, e si allontanò.
La sera durante la cena, chiamò Alberto, dicendo che per Domenica sarebbe rientrato, meno male risposi, in effetti era più diuna settimana che non facevo sesso, ma avrei dovuto attendere
ancora quattro giorni, al suo rientro.
Lo riferii a Roberto, che fece una smorfia di disapprovazione, dai non pensarci e buona notte, notte rispose.
Ero a letto leggendo il solito libro, quando alzai lo sguardo e lo vidi sulla porta,che c'è ,dissi, non riesco a dormire, rispose, posso rimanere sino a che non mi viene sonno?
Vieni qua, ti faccio qualcosa dicaldo?, no no, continuai a leggere, ma vedevo che con la mano si stava toccando sotto il lenzuolo, senza girarmi disii, cosa stai facendo?, Roby rispose
nulla, stavo pensando a ieri, sai mi è piaciuto tantissimo, ti voglio bene, ma mi vuoi bene perchè ti ho fatto un pompino?, no, perchè sei bellissima, mi intenerii e avvicinai il voltoal
suo, ah il mio bambino che mi vuole bene, dissi notando che il lenzuolo si stava alzando, vedo che mi stai pensando, alzai il lenzuolo e vidi il suo cazzo fuori dagli slip, ma quanto bene
che mi vuoi. !!
Allungai la mano per prendere il suo cazzo, lui chiuse gli occhi, il respiro diventava sempre più veloce, ti pice?, si, scoprendolo, cominciai la sega, lo baciai sulla guancia,gli presi
il lobo dell'orecchio in bocca succhiandolo, Roberto era in estasi, allungò il braccio destro e mi accarezzò il seno, i capezzoli sembrava esplodessero, cominciò a succhiarli prima uno
poi l'altro, lo tirai sopra di me, sentivo il suo cazzo puntare sul perizoma, in mezzo alle gambe, mentre continuava a succhiarmi il seno, gli abbassai gli slip, sotto le natiche, lui
prese a spingere come a scoparmi, rimanemmo cos'ì non so per quanto, poi con l'eccitazione al massimo, gli dissi che se non toglievo il perizoma, non sarebbe mai entrato, lui si inginocchiò,
prese l'indumento dai fianchi, e lo tirò a se sino a toglierlo, alzai le gambe mattendogli la fica davanti, vuoi leccarla?, si abbassò e cominciò a muovere la lingua, qualche slinguata poi
gli dissi lascia perdere devi ancora imparare, lotirai a me, il suo cazzo si appoggiò sul mio ventre, e riprese a muoversi avanti e indietro, infilai la mano tra di noi, presi il cazzo
dirigendolo sulla fica, un colpo deciso ed era dentro, cominciò a muoversi, con colpi forsennati, piano, gli dissi, altrimenti vieni subito!, ah scusa disse tremando, tenendolo per i
fianchi gli indicavo il ritmo che doveva avere, fortunatamente per me, resisteva senza venire, volevo vhe provasse anche altre posizioni, lo feci alzare, lo sdraiai e mi misi sopra,
mi infilai il cazzo e cominciai a montarlo, era bellissimo e in quei momenti non pensavo fosse mio figlio, era un amante perfetto per la mia voglia.
L'orgasmo sopreggiunse poco dopo per me, voglio da dietro midisse, mi girai, lui da dietro cercava di introdurlo, lo presi nuovamente in mano, e lo indirizzai all'entrata, cominciò a dare
colpi di reni più veloci, ma io volevo vel culo, disse, ah intenditore, loripresi in mano, puntandolo sul buco del culo, spingi piano glimdissi, luiobbedì spingendolo lentamente sino in
fondo, ora lascia fare a me , gli dissi, cominciando ad andare avanti e indietro, continuammo per qualche minuto, io mi masturbavo mentre Roberto mi inculava, arrivai nuovamente all'orgasmo
lui mi seguì a ruota, mi tolsi velocemente, mi girai e menandogli il cazzo lo feci venire in bocca, vedevo i suoi muscoli del ventre contrarsi, un caldo getto mi colpì la gola, continuai
a leccarlo sino a ripulirlo, riprese le forze, mi chiese se poeva fotografarmi per farle vedere a Franco, assolutamente no, risposi, s vuoi che Franco mi veda, quando potrò mi farò vedere,
ok?, va bene disse rattristato, si girò dall'alra parte addormentandosi.
Il giorno dopo Roberto non mi rivolse la parola, gli chisi cosa avesse, sei cos'ì per quello che è successo ieri sera?, no, allora cos'hai?, Franco non crederà mai a quello che abbiamo
fatto, ma non deve saperlo, dissi, potrebbe almeno guardare? mi disse, mi arrabbiai e gli dissi che non volevo più parlarne.

Questo racconto di è stato letto 7 0 4 8 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.