La mamma e la sua amica d’infanzia mie amanti 3

Scritto da , il 2018-12-03, genere incesti

La mamma e la sua amica d’infanzia mie amanti 3

La domenica non lasciammo mai il letto, mamma si dimostrò una calda amante, la notte la trascorremmo abbracciati, alle prime luci del giorno mamma si svegliò, avvicinandosi al mio orecchio bisbigliò:
“Sai amore sono due giorni che mi lavi la figa con la lingua, ora m’è venuta voglia di lavarti il cazzo con la mia lingua”
“Mamma è sporco e puzza pure, lascia stare!”
“No amore voglio prima pulirti il cazzo con la lingua, poi una volta lucidato il bastone, lo voglio inghiottire, facendoti una pompa per fartelo diventare duro, così poi mi puoi scopare”
“Mamma, ma che parole usi?”
“Me l’hai chiesto tu di essere volgare, perciò t’accontento come una brava schiava”
“Elisa tu non sarai mai una schiava, sarai sempre una regina, la mia regina!”
Il lunedì m’incontrai col cornuto, firmammo un documento col quale lui s’impegnava a concedermi la moglie, in cambio veniva assunto nella ditta del mio amico.
Firmato il documento l’accompagnai dal mio amico, dopo le presentazioni, dissi al mio amico:
“Come t’ho detto, apro un attività per conto mio, quindi t’ho portato una persona di massima fiducia per sostituirmi”
Fatte le presentazioni me ne andai, il giorno successivo il cornuto avrebbe iniziato il lavoro.
Tornai a casa, mamma era in agitazione non vedeva l’ora di marchiare la sua amica, per l’occasione si vesti elegante, mise un tailleur color crema con gonna sopra al ginocchio, calze velate nere, scarpe con tacco a spillo altissimo, che le slanciavano ancora di più le bellissime gambe, a questo punto mi chiamò:
“Fabio vuoi che metta le mutandine e il reggiseno o mi preferisci senza?”
“Mamma scegli tu, fai come preferisci!”
“Si ma a te piaccio di più con o senza intimo?”
“Elisa, a me piaci di più nuda a letto!”
“Porco, anche a me tu piaci molto di più nudo a letto!”
Decise per un compromesso, mise il reggiseno e non le mutandine.
Andammo a casa di Paola, il marito mi ringraziò ancora dicendo che per lui era stato uno scambio più che congruo.
Paola uscì di casa e mamma mi disse:
“La nostra puttana sta arrivando!”
“L’ho vista, è proprio un troione, se decidiamo di tenerla con noi dopo averla usata, la mettiamo a dieta, poi le insegniamo, che quando viene a spasso con noi, non può vestirsi come una prostituta”
“Ha, ha, ha non l’avevo mai vista sotto quest’aspetto, comunque ora non dire niente, che dobbiamo marchiare la nostra proprietà”
Mamma fece sedere Paola sul sedile anteriore di fianco a me, lei s’accomodò su quello posteriore dietro al troione, poi una volta partiti, senza che io le avessi detto niente, dopo averle messo le mani sul seno le disse:
“Sai Paola, che ti piacesse il cazzo ero a conoscenza dai tuoi discorsi, ma che tu fossi interessata alla mia bella figa no”
Paola presa alla sprovvista, arrossendo rispose:
“E chi t’ha detto queste stronzate?”
“Ma chi vuoi che me l’abbia detto, se non quel bravo ragazzo di mio figlio, che d’ora in avanti, si prenderà cura del tuo corpo, proprio per questo m’ha chiesto di venire anch’io ad assistere alla tua marchiatura”
Paola si zittì, al che dissi:
“Non sei contenta che Elisa abbia accettato di partecipare alla tua prima e seconda marchiatura e poi ai nostri trastulli?”
“Si mi fa piacere, ma non pensavo, che lei accettasse”
“Beh troia, Elisa sarà la mia donna d’ora in poi, tu sarai il nostro trastullo, se non ti piace devi dirlo e torniamo indietro, tu non vedrai più il mio cazzo e il cornuto tornerà disoccupato”
“No, cosa dici, io accetto tutto, l’importante è che mi scopi”
“Mamma cosa dici, dopo averla marchiata la portiamo a casa per premiarla?”
“Se al marchio farà la brava, perché no? Ho una certa idea per farla urlare dal godimento”
Arrivammo dal tatuatore, gli dissi che volevo al posto della peluria sulla figa, una freccia, sopra la freccia la scritta:
>
Mentre dietro lo stesso disegno del cuore, con gli stessi nomi, ma la scritta dev’essere:
>
Il tatuatore mi disse:
“Il costo del lavoro, senza colori è 800€”
“Ok, l’importante è farli, il costo non ha importanza”
La troia non sembrava molto contenta, ma avvicinandomi al suo orecchio, mentre il tatuatore era andato nel reto bottega, a prendere un rasoio per depilarle la figa le dissi:
“Pensa che passerai la notte da noi, ti faremo godere come la porca che sei”
Mamma dall’altro padiglione auricolare le mormorò:
“Cara se farai la brava, stanotte ti farò leccare la mia figa!”
Il tatuatore tornò col rasoio, le depilò la patata, poi incominciò il tatuaggio, quando aveva quasi finito il primo, le chiesi se poteva fare il cuore rosso, lui mi disse, che per fare i due cuori rossi voleva 1500 € invece degli 800 € pattuiti.
Accettai.
Finiti i tatuaggi uscimmo e andammo a mangiare una pizza, poi tornammo a casa, dissi a mamma:
“Vorrei sfondare la figa di Paola, ma devi aiutarmi!”
“Cosa vuoi che faccia?”
“Voglio fare un doppio fisting”
“Cos’è un fisting?”
“Mamma è l’introduzione del pugno nella vagina o nel culo”
“Così la sfondiamo, già è tanto una mano a pugno, figuriamoci due!”
“Prima la masturbiamo, poi la limoniamo, quando è sul punto di venire uniamo le nostre mani incrociando le dita, a questo punto infiliamo le mani fino al gomito nel suo utero, una volta raggiunto il fondo, allarghiamo la braccia io da una parte, tu dall’altra sai come godrà”
“Bello! Mi piace, mi sa che tu sei proprio l’uomo giusto per me, hai sempre idee, al contrario di tuo padre, che fa l’amore solo alla missionaria”
“Mamma e diciamo anche che è provvisto solo di un pisellino, non so com’ha fatto a metterti incinta”
“Sarà stato un caso, perché da quando ho provato il tuo cazzo, ho capito che ho bisogno di un uomo”
“Beh mamma, vorrei essere il quell’uomo!”
“Ma certo. che sei tu il mio uomo, oltretutto quando sono con te. mi piace anche essere volgare nelle parole”
“Dai bella figa, ora pensiamo alla troia. che non vede l’ora di essere presa”
Portammo Paola nella stanza da letto di mamma, la facemmo svestire, poi coricare supina, incominciammo a titillarle il clitoride, dopo alcuni minuti presi a limonarla, lasciando che Elisa le stimolasse sia le piccole che le grandi labbra della figa, ad un certo punto La troia incominciò a urlare, sbattere i pugni e girare velocemente la testa da destra a sinistra e viceversa, a questo punto dissi a mamma:
“Dai Elisa è ora di sfondarla, vedi come gode, dopo il nostro trattamento godrà molto di più!”
“Sarà anche sfondata come una porta abbattuta da un ariete, ha, ha, ha”
“Ha, ha, ha, mamma l’avresti mai detto che questa puttana si sarebbe fatta sfondare da noi?”
“No amore non pensavo che fosse troia e porca fino a questo punto! Su dai ora facciamola godere come non mai!”
Presi la mano di mamma, incrociammo le dita poi introducemmo il doppio pugno nella figa di Paola, la quale lanciò un urlo disumano, cercando di ritrarsi, anche mamma fece per fermarsi, ma con forza io continuai infilando oltre al pugno anche il braccio fino al gomito, estraendolo e riemergendolo, questo movimento lo facemmo per 5/6 volte, poi dissi a Elisa:
“Ora allarghiamogli la figa più che possiamo, poi fra qualche tempo quando si sarà abituata, le allargheremo anche quella porta aerei che si trova per culo, ha, ha, ha”
“Ha, ha, ha così le squarteremo tutti i buchi!”
Allargammo le braccia uno in senso opposto all’altra, la troia gridò di dolore, le allargammo la figa, tanto che lo spazio che si creò tra le braccia poteva inserirsi un cazzo di 10 cm di diametro.
Mamma per farla smettere attaccò le sue labbra a quelle di Paola e la limonò.
Il trattamento durò circa mezzora, poi La troia svenne, io abbracciai mamma e dissi:
“Ora amore dopo aver esaudito le esigenze della tua amica, pensiamo a noi. Ho voglia di entrarti nelle mutande e metterti incinta!”
“No amore sai che lo vorrei tanto anch’io, ma come facciamo con tuo padre?”
“Mamma fin che non t’ho ingravidato non c’è problema, poi basta che ti fai scopare una volta e gli dici che ci sei rimasta”
“Che bastardo, vuoi appioppare un figlio tuo a tuo padre!”
“Mamma io vorrei un figlio nostro e vorrei dirlo a tutti ma come ben sai per la legge non si può, perciò questo è l’unico modo”
“Dai amore cavalcami e impregnami, lo voglio anch’io un figlio nostro, ma qui sul letto siamo un po’ stretti”
“Basta fare scendere la troia!” così dicendo diedi una spinta a Paola che cadde dal letto, sempre svenuto, mi girai a baciare il mio amore, poi le dissi;
“Mamma posso entrarti dentro!”
“Non puoi, devi! Se no come lo facciamo nascere un figlio nostro!”




Questo racconto di è stato letto 1 4 8 0 8 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.