La mia ragazza (2)

Scritto da , il 2018-10-16, genere incesti

LA MIA RAGAZZA (2)

Il giorno dopo le chiesi che mi portasse la colazione in camera. Si presentò dopo dieci minuti vestita con la divisa che la mamma aveva scelta per lei e che, se possibile, la rendeva ancora più desiderabile. Le feci poggiare il vassoio sul tavolinetto e la invitai a sedersi sul bordo del letto; obbedì, ma rimase seduta in punta con le gambe strette e le mani appoggiate sulle cosce e naturalmente i soliti occhi bassi.”Katia, mi dispiace quello che è successo ieri sera, ma devi sapere che sono giochi che spesso si fanno fra famigliari; non devi avere paura del sesso, perchè è una cosa gioiosa ,e soprattutto piacevole.” Scoppiò di nuovo a piangere portando le mani al viso e fra i singhiozzi mi rispose:” Signorino, ho troppo sofferto, avevo conosciuto l'amore al mio paese, non quello fisico, ma i miei genitori non approvarono e mi volevano dare in sposa ad un vecchio notabile del paese ed allora sono fuggita ed ho cercato un imbarco per l'Italia; una volta imbarcata e lasciate le coste dell'Africa sono stata oggetto delle attenzioni degli scafisti, che al mio rifiuto di cedere, mi hanno violentata più volte, incuranti della mia verginità e poi mi hanno dato in pasto ai disgraziati che condividevano il viaggio con me, ed anche lì sono state violenze inaudite. Ora ho paura degli uomini e provo ribrezzo per l'atto sessuale e tutto quello collegato.” Le presi la mano e la baciai dolcemente, ma lei la ritrasse immediatamente: il compito si profilava arduo. “Per favore non chiamarmi “signorino”, ma Marco!” “D'accordo Marco ma ora lasciami che devo preparare il bagno per tua madre.”
“ Vai, ma ne riparleremo” ; rimasto solo, durante la colazione, rimuginai su come poter scalfire quella corazza che si era costruita attorno, e pensai che la vecchia storia del cavallo di Troia ( senza allusioni ) poteva venirmi in aiuto. Cercai di farmi alleata mia sorella Antonella, le spiegai tutta la faccenda e della passione (o forse amore) che provavo per Katia, suscitando in un primo momento la sua ilarità, ma, poi, vedendomi, serio e deciso nei miei intendimenti, si mise a disposizione e mi chiese quello che avrebbe dovuto fare. “Penso che con te si possa aprire e ,del resto è giovane, possibile che non senta le pulsioni che noi tutti sentiamo? Vediamo se con una donna le è più facile, poi da cosa nasce cosa...” “Hai capito il fratellino? Mi vuole indirizzare all'amore saffico, ma per te sono pronta a tutto e poi non sarà certamente la prima volta....” La guardai stupefatto, ogni giorno quella ragazza mi riservava una sorpresa.
Organizzammo tutto per il sabato successivo. Mentre Antonella avrebbe cercato di coinvolgere Katia in un gioco erotico, mi sarei nascosto nell'armadio del bagno ed avrei seguito tutta la scena e tutto quello che sarebbe accaduto. Le chiese di preparare un bagno caldo e le chiese di trattenersi per lavarle la schiena, Katia obbedì e guardò Antonella che languidamente fece cadere in terra la vestaglia, rimanendo nuda: mia sorella era proprio una gran bella figa, né grassa, né magra, con curve piacevoli, seni sodi ed un cespuglio riccioluto fra le gambe ben tornite; rivolse lo sguardo malizioso verso l'armadio, ben sapendo che mi stavo gustando lo spettacolo e si lasciò scivolare nella vasca, si insaponò le cosce ed i seni poi diede a Katia la spugna e le chiese di insaponarle la schiena: per farlo Katia si avvicinò alla vasca, si chinò e cominciò a carezzarle la schiena, prima le spalle e poi scese, per favorirla Antonella si mise gattoni dentro la vasca mostrando il sedere molto ben fatto, prese la mano di Katia e se la passò sui glutei e poi li spinse nel solco che li separava; vidi che Katia aveva chiuso gli occhi, mentre quella porca di mia sorella, con la mano bagnata, si insinuò sotto la corta gonna della ragazza, che, in un primo momento si ritirò, facendomi temere un altro buco nell'acqua, poi qualcosa cambiò: Katia si avvicinò alla vasca e lasciò che la mano si Antonella le accarezzasse l'interno cosce per poi sparire alla mia vista, ma dal viso trasfigurato della ragazza capii che aveva raggiunto il bersaglio grosso: intanto la mano di Katia aveva abbandonato la spugna, che galleggiava nella vasca, continuando allo stesso tempo a carezzare mia sorella fra le chiappe. Quella vista, naturalmente, ebbe degli effetti anche su di me: liberai il cazzo e presi a smanettarmi. All'improvviso Katia, come svegliandosi da un sogno, aprì gli occhi ritrasse la mano e scansò quella di Antonella,uscendo di corsa dalla stanza da bagno lasciandosi interdetti. Uscii dal mio nascondiglio ancora con il cazzo duro ed in mano e chiesi che cosa fosse successo: “Non lo so, rispose Antonella, ma so quello che sta per succedere”: così dicendo si alzò ed uscì dalla vasca, venne verso di me, si inginocchiò e me lo prese in bocca; cercai di scansarla e lei:” Non fare lo stupido, pensa che sono una donna, goditi il momento e sappi che lo voglio io, altrimenti saresti rimasto a farti una pippa!.” E riprese a leccarmi il cazzo, partendo dalle palle fino alla punta, per poi ingoiarlo tutto fino alla base. Non durai molto e stavo per venire, cercai di uscirle dalla bocca, ma lei mi trattenne ed io venni come un fiume in piena nella sua bocca:alzò gli occhi e guadandomi ingoiò tutto. “Allora, fratellino, sono brava? Te ne hanno fatto uno migliore?” “Accidenti che puttana sei, invidio Luigi!. Ma ora pensiamo a Katia, come dici di proseguire nel nostro piano?” “ Ho sentito che qualcosa inizia a sciogliersi in lei; probabilmente la tua idea è giusta. Vedrò di spingermi un poco oltre con lei poi ti racconterò.”
Certo non mi sarei accontentato dei racconti e durante la sua assenza le posizionai in camera un sistema di trasmissione di immagini in wifi, da più punti di vista, poi sistemai in camera mia tre monitor da dove avrei seguito tutto quello che accadeva sia in diretta che registrata. La prima registrazione mi riservò una sorpresa del tutto inaspettata, che mi lasciò letteralmente basito: sul letto di mia sorella si vedevano due figure nude avvinghiate in un amplesso, il maschio era Luigi, il fidanzato di mia sorella, ma la donna era....mia madre. O cazzo, questa famiglia mi riservava sempre più sorprese!! Fui tentato di spegnere tutto, ma poi la curiosità ed il mio lato voyeristico prese il sopravvento: mia madre, pur ultra-cinquantenne, si manteneva molto bene, le ore di palestra erano servite a qualcosa; il seno appena appena cadente, la pancia solo accennata e il pube, ricoperto da una peluria nera curata, ti invogliava a tuffarci il viso, cosa che il buon Luigi stava proprio facendo: e bravo: si faceva madre e figlia . Dopo averla leccata lungamente fra le gambe, la fece girare, con le mani le allargò le chiappe mettendo in risalto un buchetto grinzoso; si inumidì il medio e lo introdusse nel culo di mia madre, che inarcò appena la testa; adesso le mani che allargavano le chiappe erano quelle di mia madre, che partecipava attivamente alla sua sodomizzazione ; tenendole sempre il dito nel culo, le si mise di fianco e con il cazzo le cercò la bocca; oramai ero talmente eccitato che mi calai i pantaloni e cominciai a segarmi, alzai il volume per non perdermi nemmeno una parola dei due maiali:”Dai leccalo che poi te lo metto in culo, troia, dai succhia.” Mia madre non se lo fece ripetere e si getto sul fallo rigoglioso di Luigi stantuffando avanti ed indietro con la bocca, da cui usciva un rivolo di saliva; intanto le dita nel culo erano diventate due e poi tre e si muovevano in maniera sempre più frenetica: all'improvviso Luigi tirò fuori il cazzo dalla bocca di mia madre, le si pose dietro e la penetrò in un colpo solo: era chiaro che mia madre non era la prima volta che subiva questo trattamento, e comunque mandò un sospiro di soddisfazione: “Dai, bravo, spaccamelo!!” Luigi rise, :”Non credo che si possa fare tanto, visto che è già bello spaccato!!!” e intanto aveva iniziato un vigoroso su e giù , mentre le schiaffeggiava il culo . Non riuscivo a distogliere lo sguardo, ma le sorprese non erano finite: ad un tratto si aprì la porta ed entrò mia sorella: temetti il peggio ed invece:”Brutti porci, perchè non mi avete aspettato?” “ Vai che sei ancora in tempo per dissetarti; vieni qui!” Levò il cazzo dal culo e lo spinse fra le labbra di Antonella e le venne in bocca. Mia madre si voltò, con aria finto imbronciata:”Mi hai tolto il sorcio dalla bocca, Anto non ingoiare! Vieni qui, passami la sborra di Luigi, ho sete anch'io!” Si baciarono intensamente e vidi un liquido bianco colare dalla bocca di mia madre che prontamente provvide a raccoglierlo con la mano e riportarlo alla sua destinazione: la bocca.
Che famiglia, pensai ed io che non mi sono mai accorto di nulla, ed intanto schizzai tutto intorni il mio liquido!!!

Questo racconto di è stato letto 7 7 3 5 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.