Erotici Racconti

Zia calda e imprevedibile

Scritto da , il 2018-09-14, genere incesti

Ho sempre avuto un bellissimo rapporto con mia zia. Sfortunatamente non la vedo spesso, lei abita dall'altra parte della città e non si è mai sposata. Una o due volte al mese la andiamo a trovare e lei si dimostra sempre molto contenta di vederci. Sono figlio unico e da poco ho compiuto diciotto anni.Ho sempre pensato che mia zia Giulia sia una bella donna, di quarantcinque anni, mora, ma ovviamente ho sempre trattenuto i miei pensieri. Tutto cambiò un week end di ottobre, i miei decisero di fare una mini vacanza di tre giorni per le nozze d'argento e coì mi chiesero se volevo passarli con Giulia, per non sentirmi solo. Inizialmente non volli in quanto pensai che sarebbe stato bello stare da solo ma poi, ripensando a lei, mi venne un forte istinto, che subito cercai di reprimere, ma accettai. Arrivò il venerdì, i miei partirono ed io stavo davanti alla porta d'entrata di mia zia. Lei mi aprì dopo aver suonato e non potete immaginare lo spettacolo che mi si parò davanti. Sapendo che ero un famigliare si era vestita in modo casual, come fosse sola in casa: una magliettina molto fina che lasciava intravedere tutte le curve di una donna di un metro e ottanta magra e ben formata, un sedere grosso e perfetto, due splendidi seni di cui trasparivano le punte dei capezzoli attraverso il reggiseno, per non parlare infine delle gambe stupende e lisce.
-Dai entra, con me sei come a casa tua, sono contento che sei venuto, ci divertiremo molto- a quelle parole i miei pensieri correvano veloci
-Ciao ehm... zia, ti vedo in gran forma- dissi con un sorriso.
Lei mi rispose in tutta dolcezza con un altro grande sorriso. Forse rendendosi conto dell'impatto che aveva avuto esclamò
-Scusami vado a cambiarmi, sono abituata ad essere sola-. Io risposi che non c'era problema. -Sai non sono più una ventenne ormai-. Io ribattei che il suo fisico era ancora molto giovane. Lei allora, forse per scherzo e sicuramente senza malizia, girò l'angolo con un movimento molto sexy. Io mi resi conto in quel momento del cazzo enorme che mi si era gonfiato tra le gambe e così corsi in bagno. Mi vergognavo molto dei miei pensieri ma promettendomi che sarebbe rimasto un episodio isolato, mi sfogai pensando al seno di una mia amica, sapendo però che in realtà desideravo mia zia. Inondai il buco del water. La cena passò tranquilla, mia zia era molto contenta che fossi con lei, parlammo del più e del meno ma senza allusioni erotiche. Quella sera mentre stavo andando a letto vidi il riflesso di Giulia allo specchio. Lei si era abbassata le mutande e si stava radendo la fica in bagno, con le gambe aperte. Aveva appoggiato la porta ma per qualche motivo si era socchiusa. Ancora una volta non seppi resistere e iniziai a toccarmi il pene in corridoio. Mia zia si girò di scatto a guardare lo specchio, probabilmente mi vide ma fece finta di nulla, finì di radere gli ultimi pezzi, e si rivestì. Io scappai in camera e cercai di dormire. Ad un certo punto della notte mi svegliai e non riuscii a non pensare a quella splendida figa, così iniziai prima a toccarmi e poi, senza alcun freno, tirai fuori il mio cazzo e lo sfregai contro il materasso, forse iniziai anche a gemere un po'. Ad un tratto la porta della camera si spalancò e si accese la luce. Mia zia mi guardava con un sorriso. Io molto imbarazzato cercai di nascondere il pene sotto le mutande e coperte, ma era troppo grosso, si vedeva.
-Mi dispiace di averti fatto questo effetto nipote mio-
-Eh ehm... zia...-
-Non ti preoccupare Marco è normale per un uomo della tua età, fammi vedere-.
Si vedeva come giulia non sapeva resistere ad un cazzo bello grosso.
- Cazzo Marco, hai proprio un bel pene, non vorrai però sporcare tutto il letto, soprattutto perchè quello sperma è anche mio- e mi fece l'occhiolino.
Lei si avvicinò, aveva solo un reggiseno ed un paio di mutandine, che lasciavano intravedere la grande fica che aveva, a vederla mi venne ancora più grosso e lo tirai fuori. Lei lo prese con una mano e avvicinò la faccia
-Ma Giulia non è sbagliato, sono tuo nipote-
-Lo so ma a quanto vedo tu hai troppa voglia di sfondarmi la figa e io di consumarti il cazzo, non ce la facciamo a resistere, sarà il nostro segreto-.
A quelle parole prese il pene e iniziò a leccarlo, su e giù e con la lingua roteava sulla cappella e frenulo, roteava e roeteava. Io gemevo e gemevo
-Ho si sei una splendida puttana, cazzo fammi godere, si troia, che belli i pompini-. Confessai che quello era il primo rapporto.
-Adesso sentirai un pompino stupendo fatto proprio da troia vacca- e continuo a spompinare la cappella.
Continuò ad andare su e giù mentre io gemevo dandole della troia.
- Adesso lo voglio dentro- e si alzò.
Io guardavo quel corpo che avevo sognato e lei si tolse il reggiseno. Una bellissima quinta di seno. Le sue tette rimbalzarono fuori scoprendo due turgidi capezzoli molto grandi e duri. Volevo ciucciarglieli e sprofondarci la faccia. Lei se ne accorse e mi spinse le tette sulla mia bocca.
- Si nipote succhia tutto il latte, stanotte si fa gli sporcaccioni-
-Si zia sei una vacca da mungere-
-Dai nipote lecca lecca tutto, non farti problemi-. Io continuavo a leccarle tutte le tette
- Si Giulia hai delle bellissime bocce oh si che bello sei proprio troia-. Lei in tutto questo si toccava il corpo e gemeva guardando il soffitto, continuava ad ansimare. Leccai i capezzoli per bene
-Dai nipote succhia-Io ciucciavo e ciucciavo
-Hai dei capezzoli giganteschi zia, sei un mucca vacca puttana.-
-Sono tutti per te, gli ho preservati sono tutti per il tuo volere e adesso ciuccia pervertito fammi sentire una scossa fino ai piedi-.
Io leccai anche il resto delle tette su e giù più volte.Ad un certo punto mi guardò
- Adesso vuoi la figa non è vero??-
-Certo zia ovvio, adesso la pretendo troia-.
Lei si alzò e con dolcezza prese le mutandine. Io non resistei e con una mano accompagnai la sua e le sfilai da quelle gambe perfette, notando anche i suoi piedi, stupendi. Le mutandine erano bagnate. Lei aprì le gambe. La sua figa era perfetta. Rosa, con due grandi labbra, depilata, un grande clitoride, ed era bagnata.
- Vieni nipote, fai ciò che vuoi io voglio solo venire più volte possibile, dai leccami il clito, non essere timido, ti insegno io come far godere una donna-. Io ero in preda agli ormoni ed estasiato dall'odore di liquido vaginale che quella splendida figa emanava, volevo solo immergerci la faccia. Le sue gambe erano perfette, le cosce da leccare tutte. Mi avvicinai, prima baciando la coscia e poi mi diressi verso il clito, un piccolo pene solo per me. Iniziai a spompinarlo e a leccarlo, scoprii la sua pelle e leccai a fondo, su e giù, su e giù.
-Oddio nipote sei proprio un figlio di puttana, cazzo se godo dio, non ti fermare, lecca e sfregaci la bocca, cazzo come ho fatto a non scoparti prima-. Io continuavo a leccarle la figa e ad immergerci la faccia, leccavo il clito e mordevo le labbra, non riuscivo a non sfregarci l'intera faccia, ero completamente in estasi. Il suo liquido era ovunque sopra di me, inizia a succhiarlo.
-Troia, inondami- Lei credo che venne una prima volta
- Si cazzo che bello, ho la figa in fiamme, sembra che mi esca un arcobaleno dalla figa, adesso però lo voglio sentire dentro tutto e voglio il tuo sperma in me, cazzo mettimi incinta-. Lei mi confidò di non preoccuparsi aveva preso la pillola. Presi il mio pene e, con l'aiuto della sua mano, mi indirizzò verso il buco. Mi feci strada tra le sue labbra, e deciso infilai il membro in lei. Lei gemette. Era sotto, a pancia in su e gambe aperte, nella posizione del missionario, la sua figa era dilatata, accoglieva il mio grande cazzo. Lo sentii avvolto in un ambiente caldo e liquido. Io iniziai su e giù, sempre più forte. Nel frattempo toccai il suo culo sodo, le sue tette turgide e la sua schiena, ormai tutti nostri corpi erano sporchi di sudore e liquidi intimi. Iniziai a baciarla, cosa non fatta fino ad ora, e ci infilammo tutta la lingua. Io le leccai anche la faccia, da tanto che i miei ormoni erano impazziti. Continuavo a scoparla forte, con il pene che raggiungeva la fine della vagina e tornava indietro
-Si nipote sfondami la figa sei una macchina da scopo, rendimi fiera di te-
-Si zia nessuno ti ha mai pompato così confessa troiona-
-Si cazzo è vero, ehm, ah... ah... ah... ah... ah...-
-Zia dillo che sei una troia e che vuoi solo il mio cazzo fino in fondo, confessa-
-Si nipote da quando ti ho visto la mia figa voleva te e il tuo cazzo, oggi pomeriggio ho pesato solo a come fare per scoparti, così ho lasciato la porta socchiusa, sono una troia che vuole solo il tuo cazzo ti prego-
- Eccolo zia adesso urla di piacere-.
Iniziò a gemere sempre più forte, probabilmente svegliammo mezzo palazzo ma non ci importava. Iniziai a sentire che stavo per venire, continuavo ad andare su e giù, muovendo il letto e sbattendo contro le sue gambe aperte. Eravamo abbracciati e sporchi mentre ansimavamo.
-Zia dove vuoi che vengo??-
-Lo voglio dentro, me lo merito tutto dentro, voglio assorbire il tuo nettare dentro di me, me lo merito dopo questa scopata-
Lei venne e urlò di piacere. Io venni, e inondai la figa di sperma, pulsava lungo il buco della vagina, con fiotti potenti. Orgasmavamo inseme come due scolaretti animali. Estrassi il pene e guardai lo sperma che fuoriusciva dalla figa e sporcava le lenzuola, seguito dalle numerose contrazioni vaginali e dell'intero corpo della zia. In effetti notai che l'intero letto era bagnato di sperma e squirt. Lei prese ancora una volta il mio cazzo in bocca e lo ripulì. Poi sporchi ma felici ci abbracciammo e ci addormentammo, nudi e bagnati. Passammo la notte così. Alla mattina mi svegliai con la faccia sulle sue tette e il pene appoggiato sulla sua figa. Lei mi guardò e sussurrò -Adesso andiamo a farci una doccia, la prossima volta ti meriti anche il mio culo-.

Questo racconto di è stato letto 9 7 6 6 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.