Erotici Racconti

Figlio di Puttana: Motherfucker (come si dice in italiano?)

Scritto da , il 2018-08-09, genere incesti

Arriviamo a casa e io sbatto la porta alle nostre spalle.
Sono incazzato nero e la spalla mi fa ancora un male boia, quindi non mi sento particolarmente ben disposto verso mia madre, che tiene gli occhioni bassi come se non avesse il coraggio di guardare suo figlio in faccia…
Ci credo, dopo che l’ho colta sul fatto mentre si faceva sbattere come l’ultima delle puttane da strada dal suo trainer di ginnastica nigeriano.
Riportarla a casa a forza mi è costato una scazzottata da paura con il palestrato nero, e la scena cui ho assistito mi rimarrà impressa nella memoria per sempre.
La guardo severamente: ho solo sedici anni, ma la superiorità morale con cui esercitava la sua autorità genitoriale su di me è svanita per sempre e adesso è lei quella che deve rispondere delle sue azioni.
- Cosa diavolo ti è passato per la testa? – ringhio inferocito – Darti così a un semi-delinquente di colore…
La mamma ha gli occhi gonfi per la vergogna e la preoccupazione. Con uno sforzo solleva lo sguardo su di me e azzarda una carezza: - Tesoro, ti prego: non parliamo di questo. Fammi dare un’occhiata alla tua spalla, piuttosto. Quel bruto ti ha colpito così forte…
Scanso la carezza quasi con ribrezzo: - Non toccarmi! Il tuo boyfriend ha problemi ben più gravi dei miei: credo di avergli mandato le palle in gola con quel calcio, e può darsi che non sia più in grado di sbatterti per un bel po’…
Lei arrossisce piena di vergogna: - Gianni! Non parlarmi così…
- E come dovrei palarti, con rispetto..? Ma ti rendi conto di cosa hai fatto?
- Calmati tesoro, per piacere… Calmati e parliamone.
- Parlare? Parlare di cosa, della tua tresca con quell’energumeno? Da quanto va avanti, dimmi… Da quanto tempo tradisci papà?
- Non… Non parlare di tuo padre, ti prego.
E’ distrutta: la sua autostima dev’essere ai minimi storici, sa di aver perduto per sempre il rispetto di suo figlio, e ora si rende anche conto che quando racconterò tutto a papà probabilmente lui la butterà a calci in mezzo alla strada.
- Tu… Non glie lo dirai, vero? – balbetta, in preda al panico.
La spalla dove ho preso il cazzottone del negrone mi pulsa dolorosamente e la testa mi fa un male cane. Non sono nelle migliori condizioni di spirito per dimostrare comprensione ad una madre adultera: - Come credi che possa tenergli nascosta una cosa simile? Non ti aspetterai mica che io possa essere tuo complice!
La mamma scoppia definitivamente in lacrime e cade in ginocchio sul parquet del soggiorno.
- Ti prego Gianni! Non distruggere il mio matrimonio… Tuo padre non sopporterebbe una cosa simile: lo sai com’è fatto.
- Certo che lo so: è una persona buona, tranquila e di saldi principi. Lui non tradirebbe mai sua moglie.
Ora lei piange a dirotto: - E’ vero! E’ per questo che lo amo…
- Lo ami tanto, però lo tradisci con un energumeno di colore che ha dieci anni meno di te e ti tratta come una sgualdrina – le rinfaccio – Cosa ti è saltato in testa, mamma?
Singhiozzi: - Io amo tuo padre… Davvero! Però lui… Lui non è capace di soddisfarmi. Non lo è mai stato, e con gli anni è sempre meno interessato. Lo sai che è più vecchio di me, e io sono una donna calda…
Non ci posso credere. Adesso per salvare sé stessa, la mamma getta fango su papà: non solo figlio di una puttana, ma anche di un cornuto impotente.
- Tu e papà avete dei problemi a letto e allora tu vai a farti sbattere da un negro per calmarti i bollori? E’ questa la tua idea di salvare la famiglia?
- Gianni, adesso non diventare razzista! – mi rinfaccia lei – Jason è una brava persona anche se ha dei modi un po’…
Mamma e papà sono sempre stati molto impegnati socialmente: è così che si sono conosciuti, e sono ancora iscritti ad associazioni per la protezione dei migranti e per l’integrazione. Pur condividendo in parte le loro idee, a volte ho pensato che fossero un po’ fanatici nel loro entusiasmo per gli emarginati… Ma non avrei mai immaginato che la mamma si potesse spengere così avanti nel fraternizzare con i neri.
- Un po’ cosa? Un po’ da delinquente? Mamma, quell’energumeno ti trattava come una baldracca! E ha cercato di staccarmi la testa…
Nuove lacrime di coccodrillo: - Sì, sì, lo so… Ha esagerato. E tu ti sei battuto per me… Sei stato magnifico, tesoro. Nessuno mi aveva mai difesa così! E mi dispiace tanto che ti abbia fatto male.
E’ ancora inginocchiata davanti a me, in lacrime. Mi abbraccia le gambe.
- Mi dispiace così tanto! Io… Io sono così orgogliosa di te!
Questo mi coglie di sorpresa: non mi aspettavo un complimento simile in quella situazione.
Rimango senza parole, e lei ne approfitta per risollevare lo sguardo su di me.
- Gianni, ti prego… Ho fatto uno sbaglio! Un terribile sbaglio… Sono una donna che si sente trascurata, e ho ceduto a un uomo che mi faceva sentire desiderata e sapeva soddisfarmi. Non distruggere la nostra famiglia: lasciami rimediare a quello che ho fatto…
I suoi grandi occhi neri sono ancora pieni di lacrime, ma adesso brillano di una luce diversa: più determinata, più convinta.
Esito: - Rimediare? E come?
- Io… - sempre in ginocchio, smette di serrarmi le gambe in segno di supplica, e con una mano mi accarezza la coscia in quello che sembra più un gesto di tenerezza.
Sta facendo la carina con me?
- …non ti avevo mai visto così. Oggi sembravi così deciso, sicuro di te… Così uomo.
- Mamma…
- No, lasciami parlare. Gianni, mentre ti battevi con Jason ero sconvolta. Mi rendevo conto di aver rovinato tutto, ma nello stesso tempo vedevo come tu stavi affrontando la situazione da uomo: forte, coraggioso, leale… Mi hai fatto sentire fiera di te.
- Adesso non esagerare.
- No, non esagero. Gianni, per una donna è importante sentire che c’è un uomo capace di battersi per lei e di salvarla dai suoi stessi sbagli. Mi hai fatto provare qualcosa che non avevo mai sentito prima, e di cui sentivo terribilmente la mancanza…
Non posso fare a meno di sentirmi lusingato.
Improvvisamente la spalla mi fa meno male, e anche il mal di testa sembra attenuarsi. La guardo dall’alto ed effettivamente ora anch’io la vedo in maniera diversa: pur disfatta dal dolore e dalla vergogna per quello che ha fatto, mia madre mi appare sexy in una maniera che non avevo mai notato precedentemente.
E’ seduta su un fianco, appoggiata su una mano mentre tiene l’altra sul mio ginocchio: dall’alto non posso non ammirare il seno pieno e sodo che spunta dal vestito senza la schermatura di un reggipetto. Anche le sue belle gambe, nervose e abbronzate, spiccano sullo sfondo del parquet da sotto l’orlo dell’abitino troppo corto che ha indossato per la sua scappatella con Jason…
Non ci posso credere: mia madre sta cercando di sedurmi?
No, non è possibile; mi sto sicuramente sbagliando.
- Tesoro, ti prometto che non vedrò più Jason, mai più! Ti prego: non dire niente a tuo padre…
No, non mi stavo sbagliando: sta veramente facendo la smorfiosa cercando di raddolcirmi per tenere nascosta a papà la sua relazione. Fa la smorfiosa con suo figlio!
Che troia…
La collera che mi era parzialmente sbollita torna a montarmi dentro, accompagnata però questa volta da una nuova sensazione di eccitazione: lo spettacolino di seduzione della mamma ha fatto effetto, anche se in un modo completamente diverso da quello che lei si era immaginata.
La guardo dall’alto, e quello che provo è un misto di disprezzo e di lussuria. L’indignazione ha lasciato però il posto all’eccitazione, e mi rendo conto di avere un’erezione da paura. Sono arrapato, e vedo nello sguardo sbalordito di mia madre che se ne è accorta anche lei.
- Gianni, non…
- Stai zitta. Non dire più una sola parola!
- Ma…
L’afferro per il braccio con cui mi accarezzava la gamba e la strattono con forza, costringendola ad alzarsi in piedi.
- Ahi! Mi fai male…
- Ti ho detto di stare zitta, troia!

La scaravento contro il divano. Lei fa per rivoltarsi, ma le torco il braccio dietro la schiena e la blocco con la faccia nello schienale e le ginocchia sul parquet.
Mamma gira la testa, e finalmente leggo lo spavento nei suoi occhi: ha capito di aver definitivamente perso il controllo della situazione.
- Così sei in calore e visto che papà non ti soddisfa hai bisogno di qualcuno che ti calmi i bollori, giusto? – le ringhio nell’orecchio – Bene, da oggi non avrai più bisogno di farti sbattere dagli extracomunitari, perché ti darò io tutto il cazzo di cui hai bisogno: così almeno la cosa rimarrà in famiglia.
Mamma annaspa sotto di me: - Gianni, sei impazzito? Cosa…
Nei suoi occhi leggo oltraggio, furia impotente, paura… E eccitazione.
Esattamente come avevo immaginato.
Le frasi oscene urlate da Jason mentre si scopava mia madre neanche un’ora prima mi risuonano ancora nelle orecchie… E ricordo bene quanto a lei piacesse essere trattata come una puttana da strada.
Con la sinistra le tengo le mani bloccate dietro la schiena e nel contempo la schiaccio con il torso sul divano; con la destra le sollevo il vestito sulla schiena, scoprendole di nuovo il suo bel culo armonioso.
Mia madre mi fissa sconvolta: - Omioddio! Gianni, non farlo: non violentarmi…
- Ma quale violenza, stupida troia – le faccio, sbottonandomi i jeans e sfoderando il cazzo spaventosamente duro – E’ così che ti piace, ed è così che adesso te lo prendi.
Le passo la mano fra le cosce, e la ritraggo imbrattata di umori: la porca è fradicia di voglia, e non sono certo più i residui del suo rapporto interrotto con Jason.
- Gianni, sono tua madre!
- In questo momento sei solo una troia che ha un bisogno disperato di essere montata.
- Nooo…
Mai sentito un “no” meno convincente: sembra quasi un “sì” entusiastico…
Mi spalmo i suoi umori sul cazzo, saggiandone la consistenza: mai stato così duro. Non sarò paragonabile per dimensioni all’organo mostruoso di Jason, ma sicuramente con i miei sedici centimetri non ho motivo di lamentarmi; e comunque ce l’ho molto più duro di lui.
Abbasso la punta sotto il solco delle natiche e bagno la cappella fra le labbra grondanti di umore perlaceo… Poi spingo lentamente fra le valve di mia madre, ancora aperte dopo il suo precedente accoppiamento, e la penetro di forza.
- Aahhh! – grida lei, sentendosi trafiggere.
Affondo il cazzo nelle carni tenere e bollenti della mamma, e avverto le contrazioni della vagina che mi accoglie dentro di sé.
- Oddio Gianni… - annaspa lei con la testa girata di lato sul cuscino mentre comincio a spingere ritmicamente dentro il suo corpo – Cazzo! Mi stai davvero scopando… Come puoi fare questo a tua madre?
- Facile – rispondo sprezzante – Ti ho vista darti via a un nero di due metri mentre papà era al lavoro. E siccome ti ho portata via a lui, adesso con te faccio quello che mi pare. E piantala di lamentarti: tanto lo so che ti piace…
- Non… Non è vero! Oh, Gianni… Come fai a scopare tua madre e a guardarla negli occhi?
Inrocio il suo sguardo e leggo un’altra volta la curiosa miscela di oltraggio, timore e eccitazione che avevo osservato prima… Solo che questa volta il timore sembra quasi scomparso, mentre vedo distintamente montare il piacere.
Lei se ne rende perfettamene conto, ed è per questo che mi ha invitata a fissarla negli occhi. La troia ci sta prendendo gusto.
- Allora mamma, cosa te ne sembra di questo cazzo? Ti piace? O preferivi quello nero?
L’acchiappo per i capelli con la destra e strattono con farza, facendole girare la testa verso di me.
Lei sobbalza sotto i miei colpi: - Ouch! Ooh! Oohhh… Gianni, mi fai male!
- Rispondi! Dimmi che ti piace…
- Oohhh! Stronzo… Bastardo… Certo che mi piace! Mi piace da impazzire…
Le schiaccio ancora più forte le braccia sulla schiena e spingo dentro di lei fino alla bocca dell’utero, strappandole un grido ancora più forte.
- Aahhh!!!
- Lo vedi come ti piace? Certo che ti piace… O forse preferivi il cazzone nero?
- Aah! Oohhh… N… No. No, quello era più grosso… Ma tu ce l’hai più duro. Cazzo com’è duro! Mai preso niente di così duro… Mi stai spaccando in due!
Adesso che ho preso il ritmo e il cazzo scorre velocemente nella vagina, posso allungare la destra infilandola sotto di lei per agguantarle un seno e strizzarlo per bene. Lei sobbalza e strilla, più per la sorpresa che per il dolore.
- Ahi! Bastardo… Sì, mi piace…
- Brava mamma – le faccio io – Sei una brava vacca da monta.
Lei sussulta al nuovo insulto: - Non… Non chiamarmi mamma mentre lo facciamo. Chiamami per nome, ti prego…
- E va bene, Anna. Ti piace essere la mia fammina, vero?
- Oohhh! Cazzo, sì! Mi piace essere la donna di un uomo capace di conquistare la sua femmina, e poi di metterla sotto come merita… Mi piace essere fiera del mio uomo! Mi piace da impazzire…
La sento rinculare contro di me con forza crescente, per prenderlo più a fondo possibile. Le lascio andare le braccia per afferrarle anche l’altra tetta e spremerle tutte e due assieme.
- Aahhh! Sì, stringi… Mi piace essere strapazzata mentre vengo scopata!
Aumento bruscamente il ritmo e la sollevo dal sedile tenendola per le tette: ora la sto davvero trivellando, e lei urla e si contorce tutta. L’angolo di penetrazione è cambiato di colpo, e io devo aver centrato il suo punto G.
- AAHHH! – grida Anna – Godo… Godo…
La sento contorcersi tutta in preda all’orgasmo. Le braccia che aveva tenuto dietro la schiena in segno di sottomissione anche dopo che le avevo lasciate libere, adesso si dimenano scompostamente mentre il suo corpo viene attaversato come da scariche elettriche e lei si sbrodola addosso anche l’anima.
Sto sudando come un maiale: mi strappo di dosso la maglietta, restando a torso nudo, e continuo a scopare mia madre a pecorina mentre lei si accascia stremata dall’ondata del suo orgasmo vaginale.
Sono anch’io al limite. Nonostante tutto, non mi sembra il caso di sborrarle dentro, così lo tiro fuori all’ultimo istante e sfrego la cappella nel solco sudaticcio delle natiche: vengo con un rantolo, schizzandole la mia crema fra le chiappe, sul fondo schiena e sul vestito che ancora le copre la metà superiore del corpo.
Lei sospira sotto la doccia calda del mio seme, e appoggia la faccia nuovamente sul divano.

Io mi spremo fuori dal cazzo l’ultima goccia di sperma, tanto per essere sicuro di non combinare guai, poi caccio di nuovo l’uccello ancora durissimo dentro la mamma.
Anna sobbalza, colta completamente di sorpresa: - Ma… Non hai ancora finito?
- Finito? – ridacchio io mollandole uno sculaccione su una chiappa già arrossata mentre riprendo a fotterla con forza nella stessa posizione di prima – Ho appena cominciato!
- Oh madonna… - sospira lei, sentendosi di nuovo spingere la cappella contro la bocca dell’utero – Mi stai sventrando!
- Vuoi cambiare posizione, troia? – le faccio senza un’ombra di rispetto – Allora voltati, forza! Mi piace guardare quel che fotto!
Mi stacco da lei per un momento e la costringo a girarsi. Mi sfilo anche i jeans e lei ne approfitta per liberarsi del tutto del vestito prima di stendersi di schiena sul pavimento e di spalancare le gambe per accogliermi di nuovo dentro di lei.
Ora che è nuda, a parte le scarpe, la ammiro un istante: è tosta, senza un filo di grasso… Ha perfino un accenno di tartaruga sugli addominali, e le tette sode sporgono gradevolmente dal petto a dispetto della posizione; ma soprattutto, è la prima volta che posso ammirare la figa di mia madre: nerissima come i capelli, ma ben curata in un triangolo perfetto che custodisce una spacca rosea e bella spalancata, piena di succhi gustosi…
Non posso trattenere un complimento: - Anna, sei splendida!
Lei s’illumina tutta; si raccoglie i seni nelle mani e apre ancora di più le gambe, invitante.
- Grazie tesoro… Ma adesso prendimi ancora, ti prego! Guarda come ce l’hai duro: lo voglio ancora dentro.
Mi tuffo su di lei, e affondo di nuovo il cazzo nel ventre infuocato della mia femmina, strappandole un altro grido selvaggio. Lei mi allaccia gambe e braccia nude intorno ai fianchi, avvinghiandomisi addosso come una piovra, e io ricomincio a scoparla come un treno in corsa.
Bastano pochi colpi, e Anna viene per la seconda volta… E poi per la terza.
Io ho le palle vuote, posso andare avanti per un bel po’.
La trivello contro il pavimento per almeno un’altra mezz’ora, finché non le strappo un ultimo orgasmo e la faccio gridare abbastanza forte da rischiare l’intervento dei vigili del fuoco.
- AAHHH… AAHHH… AAAAHHHHHH!!!
Lei si contorce tutta, impazzita dal piacere, e io mi sento esplodere a mia volta.
Mi sollevo da lei con uno sforzo disperato e le sborro addosso, schizzandole lo sperma sullo stomaco piatto e sulle tette sudate.
Poi mi accascio stremato su di lei, e per la prima volta trovo le sue labbra da baciare.
Sento la sua lingua sulla mia e ci baciamo a bocca aperta, come due belve affamate.
I nostri corpi nudi e sudati si strofinano uno contro l’altro mentre ci scambiamo la saliva in un bacio umido e intenso, infinitamente più torrido di quanto avessi mai provato con una ragazza della mia età.

Quando finalmente ci stacchiamo, lei mi guarda con i suoi occhioni sgranati, incredula: - Oh dio, Gianni… Cosa abbiamo fatto? Cosa ti ho fatto..?
Le strizzo una tetta facendola trasalire, poi la bacio di nuovo sulla bocca, con forza.
- Semmai, cosa ho fatto io – rispondo – Sono stato io a scopare te, non il contrario.
Anna scuote la testa, poco convinta: - Sia come sia… Potrai mai perdonarmi?
Non commetto l’errore di risponderle. Le donne come lei vanno tenute in tensione perenne, altrimenti si rilassano e poi fanno cazzate: non commetterò lo stesso errore di mio padre e terrò il guinzaglio ben stretto.
- Dimmi solo se ti è piaciuto.
Lei abbassa il capo, sottomessa: - Sì. Credo… Credo di non aver mai goduto tanto in vita mia. Perdonami per aver opposto resistenza, all’inizio.
La bacio di nuovo per premiarla, e lei risponde con foga.
Poi però rialza lo sguardo: - Ma non credo che dovremmo rifarlo, anche se mi piacerebbe tanto: non è giusto per te.
- Lo deciderò io, se è giusto per me oppure no – replico reciso – E deciderò io se lo rifaremo o no. Ma tu non vedrai più Jason: mai più. Sono stato chiaro?
Lei abbassa di nuovo il capo, sottomessa: - Va bene. Come dici tu.
- Brava.
Poi lei risolleva di nuovo lo sguardo, e vedo che le brillano gli occhi: - Lo so che credi che abbia cercato di sedurti per farti promettere di non dire nulla a tuo padre, e in parte hai ragione: è il mio istinto, sedurre gli uomini da cui voglio qualcosa… Però ero sincera quando ti ho detto che sono fiera di te: non mi ero mai sentita veramente posseduta da un uomo, fino a oggi… Quando mi hai rimessa al mio posto dopo avermi riportata a casa, mi sono sentita veramente tua; e volevo solo essere presa.
- Hmmm… - le accarezzo il bel viso, valutando le sue parole.
Lei sorride ancora, gli occhi brillanti di orgoglio: - Ora che mi hai avuta, sono tua. Fai di me ciò che vuoi.
Annuisco soddisfatto. Le sfioro un’altra volta le labbra con un bacio.
Poi le mollo uno sculaccione: - Per ora vai a farti una doccia prima che torni tuo marito: fai veramente schifo, troia!
Lei scatta in piedi come morsa da una vespa e mi fissa paonazza.
Poi, lentamente, sorride: - Troia… E’ il mio nuovo soprannome segreto? Mi piace!
E si allontana velocemente verso il bagno, scodinzolando contenta.

Questo racconto di è stato letto 6 3 1 7 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.