Erotici Racconti

Mia moglie diventa padrona 2

Scritto da , il 2018-07-10, genere dominazione

La mia Vanessa aveva imparato a fare la troia e per di piu' autoritaria, nel precedente racconto ho descritto come per gioco e la voglia di un po' di trasgressione e dopo anni di matrimonio abbiamo organizzato e soddisfatto la voglia di Vanessa di un cazzo molto grosso,. Io con la mia depravazione e voglia di vederla urlare come una puttana l'ho assecondata a trovarsi una bestia di 25 cm nella sua fica. Lei mettendoci del suo decise di obbligarmi a guardare intimandomi di non avvicinarmi mentre si faceva sfondare di fica e di culo con doppia ingoiata finale. Per di piu mi lasciava con le palle gonfie con l'obbligo di non segarmi altrimenti mi avrebbe lasciato in astinenza un altro giorno.La fine del racconto era che se Vanessa mi avesse inviato un messaggio "ho voglia" avrei dovuto organizzarle un altro incontro con lo stesso singolo per essere scopata fortemente. A me aveva relegato il ruolo di cornuto guardone e sottomesso alle sue perversioni.
Il messaggio lo ricevo 2 giorni dopo quella prima esperienza: " ho voglia" non lasciarmi in astinenza altrimenti per ogni giorno che mi farai aspettare ne faro' aspettare a te 5 senza farti sborrare, percio' fammelo trovare presto ...stasera massimo domani...
Subito ho chiamato quel singolo abbordato in un sito per incontri ,il suo nome e' Sandro.
Sandro ciao come stai sono Paolo il marito di Vanessa la mia signora ha voglia di nuovo, ed io con il mio piccolo cazzo non riesco piu' a soddisfarla. Non che sia cosi piccolo ma 18 Cm contro 25 non tengono, sopratutto se consideriamo la larghezza.Ascolta Sandro non voglio continuare il mio rapporto con mia moglie in questa maniera, ti pare che devo farla scopare da un altro ogni volta che ha voglie? devo trovare un modo per farle avere dei rimorsi di coscienza , dopo tutto abbiamo 3 figli.Il mio piano e' portarla cosi in basso da provocarle vergogna e pentimento, va bene un giochino per trasgressione ma uno stile di vita no.
Sandro mi chiede come posso aiutarti?
Rispondo: hai degli amici dotati come te disponibili ad un orgia con mia moglie?
Sandro: dotati come me non ma ben messi si
Io: quanti ne hai?
Sandro: se vuoi anche 7-8
Io: bene organizza per domani in quell'alberghetto fuori citta' della volta scorsa, ci vediamo li' alle 22.00, spiega ai tuoi amici che tu entrerai per primo quando sentiranno fuori dalla porta i primi mugolii, uno alla volta che entrino, che gli facciano bere tanta sborra da non poter vederne a vita , tanto lo schifo che deve avere.
Di ritorno la sera casa la mia Vanessa eccitata solo al pensiero mi saluta: ciao amore allora ai organizzato la cena tra amici? si rispondo.
Per quando? stasera spero..
MI dispiace sara' per domani..
Vanessa va bene lo stesso amore per questa volta non ti addebito 5 giorni di astinenza ...vieni qui che sono eccitata e fradicia solo al pensiero di domani..fammelo succhiare un pochino. Avevo un cazzo duro come il marmo in piena erezione , non tanto per il pompino che mi stava facendo , ma al pensiero di cosa le avrebbero fatto il giorno seguente. In fondo credo veramente di essere un cornuto depravato altrimenti non avrei organizzato neanche la prima volta.
Il giorno seguente alle 20.00 tutti e due a casa dopo il lavoro a prepararci per l'incontro, non avevo voglia di vestirmi particolarmente bene, in fondo dovevo solo fare il cornuto..Mentre Vanessa....
Lasciava senza fiato, sul suo corpo statuario di 1.77 cm di altezza aveva indossato un bermuda Jeans molto aderente e corto, non aveva il perizoma, talmente stretto e inguinale che lasciava intravedere lo spacco della fica, il culo era disegnato dal jeans , un tacco abbastanza alto metteva in risalto le sue gambe kilometriche. Sopra una camicia body di seta con i due lati sovrapposti con scollo a V che lasciava vedere il seno ad ogni suo movimento. Aveva indossato delle lento colorate color azzurro, il tutto arricchito dal taglio di capelli ben stirati e lisci.
All'entrata del Mini Hotel l'impiegato alla ricezione degli ospiti dove aver dato un occhiata a Vanessa capisce subito il motivo della prenotazione.
Ci domanda: desiderate un a stanza un po' appartata e distante dal corridoio principale?
Vanessa di rimando: non ce ne e' bisogno, che sentano pure alla fine siamo marito e moglie.
Vanessa non sapeva cose le avevo organizzato.
Vanessa seduta sul letto di fianco già si contorceva strofinandosi la fica, nell'aria l'odore di fica già era forte , credo fosse già fradicia.Era non le 21.55 e Vanessa chiede : a che ora dovrebbe arrivare il nostro ospite? alle 22.00 rispondo.
Non finisco di rispondere che subito il nostro Sandro bussa alla porta.
Vanessa scatta in piedi si avvicina a Sandro lo saluta amichevolmente con un bacino sulla guancia dicendogli: mi raccomando voglio essere sfondata per bene, non deludermi.
E tu Paolo sai che devi rimanere li su quella sedia no? e' il nostro giochino questo, io mi diverto e tu ti fai scoppiare le palle. Poi a casa se fai il bravo accontento anche te.
Tra me e me pensavo: Brutta troia che non sei altro a casa avrai il culo che ci entrerà un braccio,e lo stomaco pieno di sperma... vediamo quanto sei troia stasera...
Vanessa: Sandro tiralo fuori che sono abbastanza in preda alla lussuria..la bestia di Sandro suscita un sussulto di gioia che vanessa non può trattenere, inizia a spompinarlo ,gli lecca la cappella , poi scende lungo lo scroto arriva alle palle, poi di nuovo su' verso la cappella che prova a mettere in bocca con fatica.. si alza slaccia il bermudino Jeans lo tira via sdraiandosi sul letto, slaccia il body Fradicio ,stende le gambe verso l'alto e divaricate , la fica e' depilata infila due dita ,chiama Sandro e lo invita ad essere penetrata, un urlo di godimento esce fuori dalla sua bocca, un Urlo che provoca l'entrata in scena del primo amico di Sandro, lei mi guarda e dice: bravo marito mio mi hai voluto accontentare piu' di quello che ho chiesto ti amo... ne voglio uno in bocca forza numero due mettimelo in bocca..mmm sii sii quanto mi sento troia...come godooo.. dai Sandro sfondami... forza pompami per bene..ai godimenti di Vanessa corrispondono delle new entry nella stanza... Vanessa urlava...siii tre me ne hai chiamatiiii.. bravo cornuto...un Quarto entra e poi un quinto e d un sesto....
Vanessa:ma che cornuto che sei!!! bravo Sandro passa dietro inculami per bene fammi godere qualcuno si sdrai. devo scoparlo mentre Sandro mi fa il culo..Che cazzo anche il tuo amico che ha ne voglio uno in bocca !!! un po di sperma per favore datemi da bere!!!sono una troia!!!si prendi troia sto per venire.. si fammi bere non so neanche come ti chiami.. un fiotto di sperma riempie la bocca di Vanessa che si gira verso di me per mostrarmi la sua ingoiata...forza a turno fatemi il culo la fica e la bocca ... cazzo datemi quanto piu' cazzo e' possibile prendere!!!Paolooo Grazie!!! sono una troia ci hai messo 15 anni per far uscire la mia depravazione!!!siiii....siiii..mmmmmm Sandro riempimi la bocca che tu con quel cazzo mi disseti per una settimana..!!!!Sandro le veniva copiosamente in bocca mentre altri due le facevano contemporaneamente culo e fica, poi due in fica e uno in culo . la bocca sempre piena...la fica dilatata all'inverosimile e fradicia, appena i due che la stavano scopando in fica si tolgono per aver perso il ritmo Vanessa inizia a squirtare, i sui urli cedo siano stati sentiti fino alla reception , un altro rimasto a pompare non smetteva di incularla violentemente...altre due bevute erano pronte. L'odore nella stanza era di sudore e umori e depravazione.Questa volta Vanessa aveva toccato i limiti del sesso ....tornando a casa era esausta , capo chinato verso il finestrino occhi socchiusi.
Vanessa : Paolo mi sento sporca ma soddisfatta, ti prego prendiamo una pausa e queste nostre depravazioni.
Pensavo: Nostre??? che faccia tosta ..ma mi piace, la amo proprio perche' non si crea tabu' una vera puttana nell'anima///

Questo racconto di è stato letto 1 8 1 4 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.