Erotici Racconti

Finalmente insieme

Scritto da , il 2018-04-12, genere incesti

Mi chiamo Serena ed ho 23 anni, questa che descriverò è successo realmente. Tutto ebbe inizio durante l'estate 2009, all'epoca avevo 15 anni. Ero in vacanza con la mia famiglia dai miei nonni al Sud dove viveva pure il fratello di mia mamma con la sua famiglia: mio zio ha due figli uno della mia età (Giuseppe) mentre l'altro più piccolo. Un giorno miei fratelli, miei cugini ed io stavamo giocando a nascondino e Giuseppe mi invitò ad andare a nasconderci nel salotto di nostra nonna e chiuse a chiave la porta, stavamo seduti sul divano quando lui si avvicinò e mi diede un bacio sulla guancia per poi spostarsi sempre verso le labbra. Da quel primo incontro iniziammo a vederci di nascosto per poterci baciare ma nulla di più. Dopo una settimana me ne tornai a casa e tutto cessò fino all'anno dopo dove si ripresentò l'occasione per poter stare insieme per baciarci e toccarci nelle parti intime, continuò così fino al 2015 quando ci separammo perché lui cercò le stesse cose in una cugina in comune ed io mi arrabbiai. Lui continuò a cercarmi ed io lo respinsi sempre fino ad un mese fa. Un giorno mi scrisse e mi disse che gli mancavo ed io gli risposi e gli dissi che il 10 aprile sarei scesa e lui fu felicissimo. Il 10 aprile sono scesa e fu lui ad accogliermi insieme al nonno, entrammo in casa del nonno e mentre stavamo sul divano iniziò a farmi i grattini sulla schiena, poi con una scusa mi attirò in sala e lì ci sembrava essere tornati a 9 anni fa e accesa la passione iniziò un lungo bacio passionale per qualche minuto. Ci diamo appuntamento per il giorno seguente al b&b dove alloggiavo e alle 6 della sera mi raggiunse mi sdraiò di colpo sul letto e iniziò a spogliarmi io lo aiutai a spogliarsi e quando fummo nudi iniziò a baciarmi dalle labbra, passò ai lobi delle orecchie, scese al collo arrivò al seno, con una mano torturava un capezzolo e con la lingua giocava con l'altro alternandoli facendomi inarcare con la schiena, poi scese all'ombelico per poi passare al pube e iniziare a succhiare il clitoride e poi scese ancora e iniziò a penetrarmi con la lingua. Quando sentì che iniziavo a fremere si tolse e si sdraiò, io mi misi a pecora tra le sue gambe e mi abbassai per prendere in bocca il suo pene per iniziare un bel pompino, lo ingoiai fino alle palle e continuai il lavoro fino a quando lo sentii fremere, mi bloccai finché si calmò, mi alzai e mi ci fiondai sopra a smorzacandela e iniziai a cavalcare mio cugino con ritmicità, poi lui mi girò a pecorina e lo infilò in un sol colpo tutto dentro la figa e iniziò a stantuffarmi tenendomi per i capelli, ad un certo punto uscì e scaldando leggermente il buchetto dietro lo infilò tutto dentro e iniziò una cavalcata fino a quando scoppiò con una sborrata dove mi inondò il culo, poi uscì e mi venne davanti dove lo ripulii per bene e iniziò a penetrarmi con le dita nella figa per farmi esplodere in un orgasmo lasciandomi senza fiato sul letto.

Questo racconto di è stato letto 1 1 8 9 5 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.