Erotici Racconti

Gaia - Interludio

Scritto da , il 2018-04-10, genere sentimentali

Interludio

La notte passata insieme, un lusso a cui gli amanti sanno dare un valore, un lusso che le coppie di fatto danno per scontato, quando non lo vivono come un vero e proprio fastidio in alcuni momenti.
Un misto di quel piacere post'adolescenziale, di avere un posto/luogo/tempo per poter vivere il proprio piacere e passione e la consapevolezza adulta della calma con cui non consumare, ma degustare un pasto da assaporare con lussuriosa lentezza... quello era stato e Gaia ne era ben consapevole.
Aveva “trovato posto” accoccolata contro di lui dormendo con la testa sul suo petto, una cosa che non faceva più da anni, incastrandosi con il suo corpo lungo il fianco di lui coprendolo con il proprio.
Lui, si lui... era rimasto lì fermo inebetito, come stupito di provare ancora piacere per un qualcosa di così semplice ed apparentemente scontato, del godere della spossatezza dopo il sesso del sentirne il contato della pelle calda, piacevolmente rovente contro di sé, di quell'umidità tra le sue cosce che lo aveva bagnato sull'anca.
E' strano, passano gli anni e perdiamo la speranza di poter rivivere o riavere certi momenti che avevamo vissuto, idealizzato, financo ad autoconvincersi che non fossero così belli perchè in fondo sono gli occhi della memoria che li avevano resi tali...cerchiamo di autoconvicercene per sopravvivere, per smettere di cercare qualcosa che sappiamo non tornerà più.
Erano rimasti così, dopo che si erano sciolti dal loro incastro, fatto di membra, umori, carne, pelle e … desiderio.
Il risveglio era stato degno dei migliori picchi glicemici mai visti; semplicemente lui si era risvegliato con il capo di lei ancora ronfante sul petto, l'aveva guardata, l'aveva sentita su di sé e non aveva potuto non desiderarla ancora.
I bagliori del far del mattino erano ancora lungi dal mostrarsi tra le spesse coltri dei tendaggi alle finestre, la luce di una piccola abatjours accesa, aveva permesso ai loro occhi di sincerarsi, quando la mente cosciente li ridestava brevemente per l'inconsuetudine di quel contatto, che non era stato un sogno.
La risvegliò con carezze lievi dapprima e poi sempre più intime e difficilmente ignorabili da lei, la risvegliò sicuro di lei, della sua reazione, del bisogno comune di accogliersi l'un l'altra non solo nella carne.
Gaia dal canto suo, al pari di lui non era riuscita a capacitarsi di quella sensazione di calda sicurezza nel quale si era sentita accolta, ciò non di meno vi si era accoccolata all'interno di essa e contro di lui.
L'essere ridestata dal sonno, non le diede fastidio, stranamente per lei la sorpresa di sentirsi desiderata e cercata ancora, in qualche modo la colmò di nuova gioia.
Non c'era protervia né imperiosità nei gesti di lui, ne pretesa alcuna nel sospingerne il capo con una lieve pressione in basso, verso il suo cazzo, che dava anch'esso segni di riscossa.
Si scoprì anche lei a desiderare quel contatto della carne tra le sue labbra, in bocca, il desiderio di sentirselo crescere così, assaporandone il gusto.
Lui, allo stesso modo, vedendo Gaia nel suo spostarsi, ponendosi spalle a lui a cavalcioni, non percepì alcun pensiero di un pur legittimo “Du ut des”, al contrario fu felice che lei da sola avesse capito il piacere stesso che gli avrebbe regalato presentandogli la fica a portata di bocca.
Senza una parola, semplicemente guidati dal loro desiderio di cercarsi, con i visi affondati l'uno nel sesso dell'altra iniziarono una quieta colazione di sesso, ma quanto può rimanere quieto un desiderio così condiviso e vissuto?
La certezza del sentirsi accettati, voluti e desiderati nei propri bisogni, li aveva spogliati di ogni loro alibi.
Semplicemente avevano perso ogni remora o timore di imporre qualcosa di sgradito all'altro.
Lei venne più volte nella bocca di lui e Gaia bevve il suo uomo, ancora.
Staccarsi...non perchè esaurito un atto, ma semplicemente per completarlo guardandosi, sincerandosi del piacere dato, e ricominciare....


Si era rivestito alla meno peggio per sgattaiolare fuori dalla stanza, scappando a prendere le brioches calde per la colazione, lasciandola li sul letto, pigra e satolla di emozioni, di piacere, dell'odore delle lenzuola.
Era tornato dopo circa una mezz'ora, Gaia era sul letto che leggeva un libro, come l'aveva lasciata, vestita solo dei suoi occhiali da lettura.
Alla sua entrata in stanza non provò neppure a coprirsi, era evidente che era rimasta così per lui, era evidente che era così che voleva essere trovata.
Lui semplicemente si spogliò nuovamente per tornare ad essere nudo, prima di salire sul letto con la busta delle brioches ancora calde, a gattoni la raggiunse; Gaia ne circondò la nuca con una mano, riponendo con quella libera il libro che stava leggendo.
Lo guardò negli occhi lungamente prima di cercarne la bocca con la propria, ...insaziabili come due ragazzini, poi lo ribaltò schiena sul materasso.
“Fermo!” ebbe a dire con maliziosa risolutezza mentre una mano aperta sul petto ne impediva l'intenzione di rialzarsi di lui.
Senza togliersi gli occhiali, piano si riappropriò del cazzo di lui tra le sue labbra ponendosi ad angolo retto lungo il fianco, manifestando così la sua intenzione che quel riguardo non doveva essere ricambiato, che era solo per lui, il piacere che comunque le sarebbe arrivato doveva derivare solo unicamente di riflesso da quello donato.
Accettò solo la mano che ne accarezzava i seni a penzoloni i cui capezzoli sfioravano la pelle dell'uomo.
Fu lenta, maliziosa, dolce, magnifica e crudele al contempo, mentre sfiorando con un dito il buchetto di lui ne ingoiava l'asta, portandolo ad accarezzare con tocco lieve la pazzia che confina con l'estasi.
Non ne ebbe pietà, fino ad estorcerne il piacere, che, a guance incavate e labbra serrate, ebbe a ingoiare sino all'ultima goccia.
Solo allora, ripercorrendo l'addome e il torace di lui, appena umido, sfiorandone la superficie con la punta del naso, tornò al suo viso.
Ancora si baciarono, ancora le loro bocche ed i loro sguardi fecero l'amore...
Ancora lo guardò e si sentì bella.

Questo racconto di è stato letto 7 6 2 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.