Erotici Racconti

Vicina di ombrellone

Scritto da , il 2018-03-13, genere tradimenti

Mese di luglio, avevo finito gli esami e volevo rilassarmi decisi di andare al mare, i miei hanno una casetta in Puglia. Soddisfatto dell’andamento degli studi feci i bagagli e partii.
Giunto a destinazione mi proposi di fare una rapida doccia e raggiungere la libreria per acquistare un bel libro giallo da leggere al sole, con il sottofondo delle onde e rilassarmi, senza pensieri, senza scocciature.
Il mattino seguente andai in spiaggia, come sempre i miei avevano un ombrellone prenotato al lido storico, erano anni che andavano lì.
I vicini erano sempre gli stessi però questa volta era una coppia mai vista, età circa 50 anni.
Cordialità ed educazione imposero un cenno del capo e un buongiorno.
Senza pensarci troppo mi stesi sul mio bel lettino e con il libro tra le mani iniziai a far volare la mente tra le righe avvincenti.
Mi sentivo osservato ma non ci badavo ero immerso in un caso di omicidio.
Il secondo giorno la mia vicina di ombrellone, si presentò. Veniva da Frosinone e lavorava per un’azienda pubblica, il marito per rilassarsi preferiva andare in palestra lei preferiva il mare.
Di tanto in tanto chiacchieravamo, come si fa di solito.
Mi raccontava di come stava bene al mare, e amava stare al sole per ore.
Mi venne un mal di denti improvviso e mi concedai per andare in farmacia ma mi fermò: se vuoi casa mia e qui a 30 m, ho un analgesico. Non preoccuparti non mordo mica.
Accettai e rivestiti andammo da lei.
Entrati in casa mi fece accomodare in cucina, mentre andava in bagno a prendere il medicinale.
Tornò con il farmaco ma qualcosa era cambiato, il copricostume lasciava intravedere che il bikini era cambiato, non aveva il pezzo di sopra e il sotto era piccolissimo, quasi sparito.
Con una scusa mi disse di reggere la sedia mentre ci montava per prendere un bicchiere di plastica in alto nel mobile dalla confezione nuova. Fu in quel momento che mi mostrò le sue bellezze.
Il copricostume si sollevò, le gambe abbronzantissime e lisce da 50 enne ma curate e ben tenuta, il culo tondo, contratto per la posizione sulle punte dei piedi e quel filo tra le natiche mi fecero arrapare subito.
Lei intuì qualcosa perché si spostò su un lato sollevando un piede e sporgendosi verso il pensile accanto, inevitabilmente aprì le gambe. La fica era depilata e riuscivo a sentirne il profumo, misto all’odore della crema idratante e protettiva.
Raggiunto il bicchiere finalmente scese, mi versò l’acqua e mi diede la compressa.
Mi disse aspettiamo che faccia effetto altrimenti ti accompagno in farmacia.
Il mio costume a pantaloncino non riusciva a contenere l’erezione, era vistosissima.
Uno sguardo fugace e ci spostammo sulla terrazza accedendo dalla cucina. Una vista meravigliosa, tutto il golfo, il porticciolo. Nessuno poteva vederci dalla strada ne dagli altri appartamenti circostanti.
Io seduto su una sedia all’ombra lei sul lettino, voleva continuare a prendere sole. Si stende, dopo poco tira verso di se le gambe e le apre giusto quel po’ sufficiente a mostrare costume nella fessura.
Io cercavo di non guardare e fissare il mare mentre il dolore era quasi sparito.
La sua mano sinistra lentamente si infila sotto la gamba sinistra alzata, si accarezza sotto la coscia, occhi chiusi, viso al sole non mi guarda ma sa che sono li.
La punta delle dita si avvicinano al filo di costume tra le natiche e lo sfiorano, iniziano movimenti dal basso verso l’alto, simula di grattarsi delicatamente ma in realtà si massaggia.
Il cazzo duro mi chiede sostegno e lo massaggio in sua presenza le sempre con gli occhi chiusi sposta la mano verso l’alto ora è all’altezza della fica, si tocca da dietro.
Il suo viso fa una smorfia di goduria, si sta lasciando andare, difronte a me, al sole si sta masturbando.
Con un gesto che sarà stato ripetuto migliaia di volte si sposta il costume e apre le labbra, si infila le dita e trapana la topa.
Inconsciamente ho tirato fuori il cazzo ed ho iniziato a menarlo.
Le dita bagnate dai suoi umori si infilano nell’ano. Entrambi stiamo godendo io sto per venire mi avvicino, lei alza la testa apre gli occhi mi vede, sorride e tira fuori la lingua, la 50enne è arrapata.
Le sborro in bocca mentre lei viene tra le sue mani.
Si gira a pecorina sul lettino, io mi metto alle spalle e inizio a pomparla nella fica fradicia.
Poi passo al culo mentre lei si sgrilletta la clitoride. Scopiamo, scopiamo e ancora scopiamo. Si sposta sopra di me, cavalca bene il cazzo e mi fa venire dentro. Sposta la fica sulla mia faccia vuole essere leccata, vuole venirmi in faccia, bagnarmi il viso.
Gode lei e godo io, sembrava di essere stato catapultato in un film hard…. Proprio a me stava capitando un’avventura del genere, il sogno di molti uomini.
Dopo due ore sfiniti e rannicchiati sul lettino sentiamo una voce: amore sono a casa!!!!.
Mi rialzo e lei si compone.
Io: Piacere di conoscerla, sono il suo vicino di ombrellone avevo bisogno di un analgesico e sua moglie lo aveva in casa. Grazie di tutto signora.
Lei: Di nulla e saluti alla mamma!!! Sai tesoro la madre mi ha chiesto se potevo aiutare il figlio, con il mal di denti.

Questo racconto di è stato letto 8 4 3 0 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.