Erotici Racconti

Sapore di piscio

Scritto da , il 2018-02-13, genere masturbazione



Sono fermo alla piazzola di sosta. È stretta e le macchina passano a lato a gran velocità. Non c’è nessuno eccetto me. Spero che qualcuno si fermi, che possa fare un po’ di sesso. Arriva un’auto. È piena di giovani. Va avanti, si ferma. Non spegne le luci. Ho la mano infilata nei pantaloni e l’uccello già duro in mano. L’auto torna indietro, lentamente, mi passa accanto poi si ferma una dozzina di metri prima. Ho visto che c’erano delle ragazze. Il cazzo è duro, lo sfilo dalla patta sbottonata.

Si apre la portiera posteriore, scende una ragazza che si mette dietro l’auto. Non ha lanciato alcuna occhiata nella mia direzione. Mi chiedo cosa faccia, non vedo aprire il cofano posteriore. Aspetto, passa quasi un minuto. La ragazza rientra in macchina, si stava sistemando la cinta. L’auto riparte, mi passa di nuovo accanto, guadagna l’autostrada. Torna a essere una macchia di colore che sfreccia insieme a tante altre.

Faccio l’auto indietro, lentamente. Scendo dall’auto, la vedo: una pozzanghera di piscio sull’asfalto. Mi accovaccio, intingo un dito, lo porto al naso. Sento solo l’odore dell’immondizia che stagna vicino il muretto. Appoggio il dito sulla punta della lingua. Quel piscio è uscito dalla fica di una ragazza, è ancora calda e mi eccita. Bagno di nuovo le dita, le lecco un’altra volta, poi torno in macchina. Esco il cazzo e finisco la sega che avevo inziato.

poi parto, esco dalla piazzola, dal mio piccolo regno proibito. Torno a essere uno di tanti, hn’altra macchina che passa e va via.

Questo racconto di è stato letto 2 6 9 8 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.